scuola 4

2,215 views

Published on

wiki wikipedia portale podcast podcasting generator tecnologia internet rete 2.0 1.0 web didattica scuola insegnanti studenti vocabolario biblioteca on line itunes juce doppler audiocast audacity camtasia

Published in: Education
  • Be the first to comment

scuola 4

  1. 1. Autore: Angelo Panini 4 a PARTE WIKI E PODCAST LA SCUOLA E LA RETE
  2. 2. WIKI PER LA SCUOLA Quando si parla di apprendimento, un wiki diventa uno strumento prezioso, ad esempio per assegnare agli studenti un progetto di gruppo per realizzare una dispensa o una "enciclopedia" delle idee chiave di un argomento. All’interno di wikipedia è nato wikibooks , un progetto per lo sviluppo e la distribuzione di libri di testo, manuali e altri documenti, tutti gratis e a contenuto aperto, sviluppato anche in italiano . Una naturale evoluzione della filosofia wiki è la volontà di mettere in comune un patrimonio di conoscenze per produrre appunti, articoli, saggi, manuali, e libro di testo. È stata anche creata wikisource una biblioteca libera e gratuita a cui tutti possono collaborare, che raccoglie opere e documenti senza diritto d’autore.
  3. 3. Wikipedia ha anche un wiki (al momento solo in inglese) per i libri di testo , e ha in progetto di creare WikiTeacher un sito per condividere idee pedagogiche e risorse didattiche. Sempre su Wikipedia c’è anche una sezione universitaria pensata come un luogo di apprendimento libero al quale tutti possono contribuire. Questo senza contare l’enorme massa di materiali contenuti in wikipedia generale, che possono essere visionati più agevolmente tramite i vari portali dedicati alle scienze, arti, lettere, storia, ecc. ecc. tra i quali ne esiste uno apposito dedicato alla scuola .
  4. 4. Non è nato come wiki ma di fatto ci assomiglia molto, il progetto Manuzio, la più grande biblioteca italiana di testi on line che all’indirizzo http://www.liberliber.it raccoglie capolavori della letteratura, manuali, riviste e altri documenti in formato elettronico disponibili sempre, in tutto il mondo, per metterli a disposizione gratuitamente e con accorgimenti tecnici tali da garantirne la fruibilità anche a non vedenti (c’è una sezione di audiolibri) e altri portatori di handicap. In Italia il sito Porte aperte sul web per l'accessibilità dei siti scolastici ha impostato un apposito wiki per realizzare un Manuale Aperto per la Qualità dei Siti Scolastici .
  5. 5. … wiki di insegnanti … e di studenti Anche qui troviamo wiki per la scuola
  6. 6. Troviamo vocabolari on line, generici o specialistici, realizzati con wiki in modo collaborativo, nei quali si può anche ascoltare la pronuncia corretta della lingua straniera. I temi e i contenuti di un wiki sono molto vari:
  7. 7. Per chi vuole creare un proprio wiki, ci sono molte offerte di programmi e di ospitalità spesso gratuite
  8. 8. Installare un wiki scolastico può servire per: <ul><li>Sviluppare negli studenti le attitudini alla progettazione e alla costruzione collaborativa, collettiva e connettiva. </li></ul><ul><li>Creare una guida collaborativa all'utilizzo di strumenti e metodiche tecnici. </li></ul><ul><li>riflettere su un argomento di studio, indagando con tutta la comunità sulle interconnessioni e gli approfondimenti. </li></ul><ul><li>Sviluppare esperienze di scrittura collaborativa partendo da una base comune. </li></ul><ul><li>Creare un metamotore tematico di ricerca e catalogazione di risorse presenti in rete. </li></ul>Un wiki può anche essere utile come &quot; registro di classe &quot; in cui i docenti annotano i progressi e i problemi degli alunni, in modo da agevolare eventuali nuovi insegnanti e supplenti nella condivisione delle conoscenze.
  9. 9. Un podcast è un file disponibile su Internet in formato audio o video digitale. PODCAST E SCUOLA Il podcasting è un sistema che permette di scaricare in modo automatico risorse audio o video, chiamate podcast, utilizzando un programma (un &quot;client&quot;) gratuito chiamato aggregatore o feeder. Quindi a differenza dello streaming che può essere effettuato solo on line, il podcasting offre il vantaggio di permettere l’ascolto di audio o la visione di video senza essere connessi a internet e in diversi modi: computer, lettore mp3 e iPod. I podcast possono essere ascoltati in ogni momento poiché la copia del file, una volta scaricata automaticamente, rimane sul computer dell'abbonato. In tal modo non si rende necessaria alcuna ulteriore operazione da parte dell'utente.
  10. 10. Per ascoltare/vedere un podcast si può anche andare sul sito dove è ospitato il podcast che interessa e scaricarlo direttamente dal link. Ma la novità del podcast consiste nella possibilità di ricevere i nuovi podcast sul proprio computer grazie ad appositi software. Questo è comodo perché in genere si tratta di “trasmissioni” periodiche. In tal caso infatti ogni volta che vengono pubblicate nuovi podcast questi vengono scaricarli direttamente, tramite l’uso di programmi specifici, detti aggregatori, che leggono pagine in formato XML e si basano sui feed RSS scambiati tra il sito del produttore e il computer dell'utente. Il funzionamento di questi programmi è autonomo rispetto al browser in uso sul computer e il loro aspetto è indipendente.
  11. 11. Chi sottoscrive un podcast quindi non scarica soltanto il testo della &quot;notizia&quot;, ma anche il file sonoro o video ad essa collegato, ricevendo così un'informazione di due tipi: testo da leggere e audio da ascoltare. Per iscriversi ai sistemi di aggiornamento automatico, bisogna che il sito abbia un collegamento alla pagina XML interessata (generalmente ci sono icone con le scritte RSS o feed RSS). In questa maniera, l'aggregatore controlla se nel sito ci sono nuovi contenuti e avverte quali sono disponibili. <ul><li>In conclusione per ricevere i podcast sono necessari: </li></ul><ul><li>un qualsiasi supporto connesso ad internet </li></ul><ul><li>un programma client apposito </li></ul><ul><li>un abbonamento presso un fornitore di podcast </li></ul>
  12. 12. I principali programmi per usufruire di podcast sono: L’elenco dei principali podcast in italiano si trova sul sito audiocast.it Esistono anche podcast fatti soprattutto per la scuola: Il podcasting appare in sintonia con la nuova tendenza verso il mobile dei nuovi strumenti multimediali come l’iPhone.
  13. 13. Il podcast a scuola può servire per: <ul><li>Reperire materiali audio e video su specifiche tematiche disciplinari </li></ul><ul><li>Favorire l’apprendimento e lo studio tramite la registrazione di lezioni o dissertazioni degli insegnanti </li></ul><ul><li>Costituire un aiuto per alunni impossibilitati a frequentare regolarmente le lezioni (es. per malattia) </li></ul><ul><li>Con altre forme di comunicazione (forum, blog, twitter) rappresentare una forma di sostegno per il recupero </li></ul><ul><li>Sviluppare negli studenti l'attitudine alla creatività nella progettazione e realizzazione multimediale audio e video </li></ul><ul><li>Preparare gli studenti a progettare e lavorare in modo collaborativo, collettivo e connettivo </li></ul><ul><li>Creare un progetto editoriale </li></ul>
  14. 14. Per aggiungere della musica di sottofondo a una registrazione si possono usare programmi per mixer selezionando i vari ingressi (microfono, player mp3, ingresso in linea ecc.) oppure usare un mixer audio fisico. Per registrare un podcast audio bastano un microfono e un software per registrare. Il programma più usato è audacity che è gratuito e multi piattaforma. Realizzare un podcast Per i podcast video gli strumenti da usare dipendono da cosa si vuole realizzare. Ad esempio se si vuole registrare quello che avviene al monitor e la nostra voce che lo descrive si può usare il programma camtasia e un microfono collegato al computer. Per imparare ad usare audacity si può vedere questa serie di quattro presentazioni in italiano, il link è alla prima.
  15. 15. Una volta fatta la registrazione per metterla in rete si può ricorrere ad un servizio di hosting. Il più usato è iTunes che ospita moltissimi podcast, anche didattici e in italiano, con una finestra di collegamento autonoma rispetto al browser. Pubblicare un podcast Esistono anche soluzioni più semplici in cui i podcast vengono ospitati in siti internet visualizzati in modo tradizionale Il sito comefarea.it presenta delle istruzioni dettagliate sulla pubblicazione su iTunes . Naturalmente gli utenti esperti possono creare una propria piattaforma di podcasting autonoma disponendo di uno spazio web con spazio sufficiente. Alberto Betella ha sviluppato Podcast generator , un programma per creare siti per podcast in modo semplice.

×