Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
Come si vuole che sia sentita l'Europa? 
Ci rivolgiamo con la presente alle Massime Autorità Europee, per denunciare una s...
a cui consentire l’accesso all’università pubblica”. 
L'Europa, questa grande, storica realtà, che si vanta della sua plur...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Appello all'europa

488 views

Published on

Come si vuole che sia sentita l'Europa?

Ci rivolgiamo con la presente alle Massime Autorità Europee, per denunciare una situazione che nel nostro Paese è diventata insostenibile, e mina alla base il senso di appartenenza all'Europa.

I nostri Governi che si sono succeduti negli ultimi tempi, hanno sempre più provocato il degrado del mondo della cultura, della ricerca, e dell'istruzione in Italia.

Published in: News & Politics
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Appello all'europa

  1. 1. Come si vuole che sia sentita l'Europa? Ci rivolgiamo con la presente alle Massime Autorità Europee, per denunciare una situazione che nel nostro Paese è diventata insostenibile, e mina alla base il senso di appartenenza all'Europa. I nostri Governi che si sono succeduti negli ultimi tempi, hanno sempre più provocato il degrado del mondo della cultura, della ricerca, e dell'istruzione in Italia. In questo periodo, ormai lungo, di crisi economica, l'Europa è stata sistematicamente evocata dai nostri politici a giustificazione di scelte draconiane, di nuove tasse, di restrizioni di ogni tipo al welfare. Noi saremmo buoni, ma non abbiamo scelta: “ce lo chiede l'Europa”. A fronte di ciò, è socialmente fisiologico che si formino, e prosperino, movimenti xenofobi, entieuropeisti ed etnocentrici; specie, come emerge chiaramente da una attenta analisi dell'ultimo voto europeo, prendendo in considerazione il livello di istruzione dei votanti, nelle frange meno acculturate della popolazione. Ma l'Europa ci dice anche che siamo il Paese con la percentuale minima di laureati; il Paese che spende meno, in proporzione al PIL, per l'istruzione; il Paese che più trascura uno dei più ingenti patrimoni culturali del mondo. Il blocco del turn over, ormai storico, impedisce il ricambio generazionale nel mondo della docenza, e, quel che è peggio, interrompe la catena della trasmissione del sapere. Il sistema della docenza si basa ormai sul precariato e sullo sfruttamento dei giovani; per i quali battiamo ogni record di disoccupazione e di sotto-occupazione. Molti nostri politici fanno proclami che pongono l'istruzione al centro della ripresa e dei loro obiettivi; ma mentono spudoratamente, e smantellano, distruggono, attaccano nei fatti, con assiduità e costanza, il mondo della cultura. L'università è un sistema allo sfascio, sempre più sottofinanziato e sottodimensionato rispetto ai bisogni reali del Paese, alla sua storia, alla sua vocazione intrinseca, alle sue intime radici. Troppo lungo sarebbe mettere qui in risalto i guasti, dall'aumento esponenziale di pratiche burocratiche assillanti, all'adozione di un sistema di misurazione del merito tragicomico, al protervo dirigismo dei provvedimenti, entro i quali una ristretta casta di persone, che storicamente, per qualche ragione, quasi mai per meriti scientifici, si trova ora in una situazione di privilegio, spadroneggia in un sistema impermeabile alla ragione e alle esigenze della ricerca e della cultura. L'Europa ci dice che abbiamo un debito pubblico elevato? Bene, ascoltiamo l'Europa! L'Europa ci dice anche, però, che abbiamo il minor numero di laureati del continente. Bene, ma questo possiamo tranquillamente ignorarlo. Ecco il paradosso, ed ecco perché ci rivolgiamo a Voi, Massime Autorità Europee: volete che anche la comunità scientifica, che il mondo della scuola, il mondo dei giovani scienziati cominci a propendere verso le ragioni centrifughe, localistiche, anti-europee? Perché se l'Europa in questo caso tace, allora anche dalla comunità scientifica è sentita come chi sia tuo socio ed amico quando c'è profitto, e ti ignori quando c'è perdita. Malgrado l'Europa ci dica che siamo il Paese con il minor numero di laureati, uno dei massimi esponenti del nostro Ministero dell'Istruzione, nel confermare l'adozione del numero chiuso, che ostacola ovviamente in modo pesante l'accesso dei giovali all'istruzione superiore, ha recentemente sostenuto che: “di fatto non è possibile rispondere alle esigenze di oltre 80 mila aspiranti studenti universitari, non si può immaginare una crescita di spesa pubblica per soddisfare il fabbisogno della popolazione giovanile
  2. 2. a cui consentire l’accesso all’università pubblica”. L'Europa, questa grande, storica realtà, che si vanta della sua plurimillenaria “cultural heritage”, quella stessa Europa che ha tanto da chiedere al poveraccio che si vede ogni giorno decurtare lo stipendio in nome della sacertà dei conti, non ha nulla da chiedere a questo signore, che non molto tempo fa, in qualità di rettore, tuonava contro il numero chiuso? O l'ubi consistam dell'Europa si risolve nel compito dell'esattoria ragionieristica? Sia ben chiaro: la nostra intenzione non è quella di chiedere finanziamenti, malgrado i livelli italiani sfiorino ormai il ridicolo: lo 0,7% del PIL per la ricerca, un terzo della media europea. Al di là di questo nodo, che l'Italia sarebbe bene in grado di risolvere da sé, sol che volesse, ci sono molte soluzion, pronte da tempo fin nei dettagli, che la comunità scientifica condivide, e che non inciderebbero sugli aspetti economici, o avrebbero effetti marginali. Si prenda ad esempio l'adozione del Ruolo Unico della docenza universitaria, che spazzzerebbe di colpo il malaffare delle baronie accademiche: praticamente tutte le organizzazioni dei docenti lo vanno chiedendo da tempo; in poco tempo, riproponendo la vexata questio, abbiamo contato più di 1.700 adesioni, che Vi alleghiamo. Ma questo non è il nodo, vuole essere solo un esempio. Il messeggio di sostanza è: se vogliamo fare anche gli Europei, e non solo l'Europa, dall'istruzione, dalla scuola, dall'incremento e dalla condivisione della ricerca bisogna cominciare. Perché l'Europa, così attenta valutatrice delle cose italiane in campo economico, in questo non ha niente da dire? Angelo D'AMBRISI Università di Firenze Andrea ABATE Università di Salerno Emma BUONDONNO Università Federico II Adriana BRANCACCIO II Università di Napoli Sergio BRASINI Università di Bologna Petronia CARILLO II Università di Napoli Armando CARRAVETTA Università Federico II Calogero Massimo CAMMALLERI Università di Palermo Marco COSENTINO Università dell'Insubria Brunello MANTELLI Università della Calabria Maurizio MATTEUZZI Università di Bologna Valeria MILITELLO Università di Palermo Enrico NAPOLI Università di Palermo Ugo OLIVIERI Università Federico II Giorgio PASTORE Università di Trieste Delia PICONE Università Federico II Giorgio TASSINARI Università di Bologna

×