Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011                                                ...
LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011  Lettera di presentazione    A distanza di oltr...
LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011   Nota metodologicaIl Liceo Scientifico “Vito V...
LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011Il documento è articolato in quattro capitoli: ...
LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011   1. L’identità   1.1 La storia, il contesto, i...
LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011Nel 2005 è stato aggregato al Liceo il C.T.P. pe...
LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011i    1.2 La Mission ed i valoriNel Liceo Scienti...
LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011Nel percorso liceale, sia del Liceo Scientifico ...
LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011  1.3 La governance allargata                   ...
LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011                                    Organigramma...
LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011Gli studenti sono i nostri interlocutori privile...
LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011    2. Strategia e Risorse    2.1 Mappa strategi...
LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011     2.2 Risorse dell‟IstitutoLe risorse dell’Is...
LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011 I giorni di assenza del personale docente sono ...
LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 20112.2b Risorse strumentaliIl Liceo è ospitato, nel...
LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 20112.2c Risorse finanziarie Le risorse finanziarie ...
LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011Progetto/attività    Certificazioni Cambrige    ...
LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011Progetto          ECDL                  Certific...
LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011Progetto          “Quel che il cinema deve a Pir...
LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011    3. Relazione sociale            3.1 Apprendi...
LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011Buoni sono anche gli esiti conseguiti dalle Clas...
LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011 Una conferma al buon operare dell’Istituto vien...
LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011L’Istituto, sulla base delle indicazioni della R...
LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011   Numero minimo di prove di verifica effettuate...
LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011                                                ...
LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011             Favorire lo sviluppo della persona ...
Bilancio sociale
Bilancio sociale
Bilancio sociale
Bilancio sociale
Bilancio sociale
Bilancio sociale
Bilancio sociale
Bilancio sociale
Bilancio sociale
Bilancio sociale
Bilancio sociale
Bilancio sociale
Bilancio sociale
Bilancio sociale
Bilancio sociale
Bilancio sociale
Bilancio sociale
Bilancio sociale
Bilancio sociale
Bilancio sociale
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Bilancio sociale

558 views

Published on

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Bilancio sociale

  1. 1. LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011 LICEO SCIENTIFICO STATALE „‟Vito Volterra‟‟ Via G.B. Miliani, 37 – 60044 FABRIANO (AN) Tel. e Fax 0732/5775 - Codice Fiscale 81003050424 Distretto Scolastico di Fabriano n. 7 - Cod. Min.: ANPS05000Q e mail: volterra@liceoscientificofabriano.it www.liceoscientificofabriano.it Piazza Dante,1 - 60041 SASSOFERRATO (AN) tel: 0732959205 fax: 0732958160 INDICELettera di presentazione Pag. 3Nota metodologica Pag. 4 1. L‟Identità1.1 La storia, il contesto, il profilo Pag. 61.2 La mission ed i valori Pag. 81.3 La governance allargata Pag. 101.4 Gli Stakeholder 2. Strategia e Risorse Pag. 112.1 Mappa strategica del Liceo Scientifico “Vito Volterra” Pag. 132.2 Risorse dell‟Istituto Pag. 14 3. Relazione sociale3.1 Apprendimento Pag. 213.2 Integrazione con la comunità territoriale Pag. 373.3 Organizzazione e gestione della scuola Pag. 383.4 Valutazione complessiva della scuola Pag. 413.5 Scelte post diploma Pag. 42 4. Prospettive di miglioramento4.1 Quadro dei punti di forza e delle criticità Pag. 444.2 Azioni di miglioramento Pag. 45 5. Questionario di valutazione Pag. 46 2
  2. 2. LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011 Lettera di presentazione A distanza di oltre 10 anni dall’autonomia scolastica che avrebbe dovuto avviare lescuole ad una dimensione non più autoreferenziale del loro lavoro, ma piuttostoespressione della comunità territoriale, la redazione di un bilancio sociale del nostroliceo si colloca tra le prime esperienze in questa direzione. La lunga partecipazione alla sperimentazione Au.Mi. della Regione Marche, ilsupporto qualificato della Politecnica delle Marche, nonché un gruppo di lavoro delLiceo attento e competente, hanno permesso la realizzazione del documento, che vuoleessere un primo qualificato tentativo. Il Bilancio Sociale si configura come un percorso attraverso il quale una comunitàprofessionale illustra la propria opera mirata al raggiungimento degli obiettivi fissati. Nella costruzione del Bilancio Sociale il Dirigente Scolastico diviene il punto diriferimento di tutte le altre componenti coinvolte, ponendosi nell’ottica di valutazionedella qualità dei processi formativi progettati, realizzati e monitorati nell’IstituzioneScolastica. Il Bilancio Sociale è il primo strumento attraverso il quale la scuola può assolverel’obbligazione sociale della creazione di valore pubblico e dare trasparenza sul modo incui sono prese le decisioni. La rendicontazione sociale delle scuole, pertanto, deve fornireagli studenti e alle famiglie l’esercizio effettivo del diritto di libertà di scelta e devemostrare che si è operato rispettando il principio di ritorno sociale dell’investimento ineducazione. Il senso di responsabilità ha guidato questo primo tentativo che auspico possacostituire momenti di riflessione per tutti. Il Dirigente Scolastico Prof.ssa Adriana Verdini 3
  3. 3. LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011 Nota metodologicaIl Liceo Scientifico “Vito Volterra” presenta il suo primo Bilancio Sociale, relativo all’anno 2010-11, in inizialeforma sperimentale, con l’impegno di dare continuità a questa pratica di rendicontazione utile ad accompagnare lacrescita della comunità scolastica nella cultura della trasparenza e nel dialogo con il territorio, i cittadini e leistituzioni.Il Bilancio Sociale è una iniziativa su base volontaria, connaturata all’autonomia delle Istituzioni scolastiche, cheavendo capacità decisionali sulle scelte organizzative, didattiche, di ricerca e sperimentazione, non possono nonassumersi la responsabilità del render conto ai diretti interessati (studenti, famiglie, operatori interni), ma anche allacomunità sociale e civile, delle scelte attuate, delle attività svolte, delle risorse utilizzate e dei risultati raggiunti inrapporto alla mission ed ai valori posti a fondamento della propria attività di formazione – istruzione delle giovanigenerazioni.L’iniziativa nasce all’interno della Rete Au.Mi., Rete Regionale di Autovalutazione e Miglioramento, di cui il Liceofa parte dall’a.s. 2007/08, impegnata sulle problematiche della Qualità nelle istituzioni scolastiche e si avvale delsupporto formativo dell’Università Politecnica delle Marche, Facoltà di Economia, Dipartimento di Management eOrganizzazione Industriale, diretto dal Prof. S. Marasca. L’Istituto ha colto questa opportunità formativa e di lavoro,non senza qualche titubanza iniziale, accettando di “raccontarsi” con le sue peculiarità, i suoi pregi e difetti e disottoporsi al giudizio dei suoi stakeholder per una conferma o correzione del cammino fin qui compiuto.Nella redazione del documento ci si è ispirati a standard scaturiti dai seguenti materiali: la Direttiva del Ministro della Funzione Pubblica sulla rendicontazione sociale nelle amministrazioni pubbliche,del 17.02.2006, e le allegate Linee guida per le amministrazioni pubbliche il Bilancio Sociale nelle aziende non profit: principi generali e linee guida per la sua adozione elaborate dalConsiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti – Commissione per le aziende non profit le Linee guida del Gruppo di Studio sul Bilancio Sociale per le università del 2008 le Linee guida per Il Bilancio Sociale nelle Istituzioni Scolastiche della Rete AU.MI. elaborato dal Gruppo distudio del Dipartimento di Management dell’Università Politecnica delle Marche in collaborazione con la ReteAU.MI.All’interno dell’Istituto si è formato un gruppo di lavoro per la raccolta dei materiali, l’elaborazione e la stesura diquesto Bilancio Sociale. Il gruppo del Liceo ha operato unitamente ad altri similari gruppi di lavoro di 20 scuoledella Rete AU.MI., condividendo materiali prodotti e riflessioni sulle azioni operative da intraprendere, sotto ilcoordinamento di formatori della Politecnica delle Marche – Dipartimento di Management. Componente del Ruolo assunto nella scuola Ruolo svolto nel gruppo di lavoro per gruppo d‟Istituto l‟elaborazione del Bilancio Sociale Verdini Adriana Dirigente Scolastico Presidente - Coordinatore Cipolletta Cinzia Docente con Funzione Strumentale per Referente presso l’AU.MI. con compiti di “Valutazione, Monitoraggio e coordinamento nella raccolta, organizzazione, Documentazione elaborazione materiali e stesura del documento Becchetti Simonetta Docente con Figura Strumentale per Responsabile del raccordo Piano Offerta “Piano dell’Offerta Formativa” Formativa – Bilancio Sociale Cocilova Elisabetta Docente referente dei Progetti Responsabile elaborazione e organizzazione “Alternanza scuola/lavoro” e “Impara a grafica di dati e materiali intraprendere” Droghini Anna Docente con Funzione Strumentale per Responsabile del coordinamento, raccolta dati per “Coordinamento didattico” della sede la sede staccata staccata Chiari Antonella Direttore dei servizi generali Responsabile della raccolta e elaborazione amministrativi materiali relativi alla gestione amministrativo - contabile Ottaviani Sara Ata – Referente accreditamento Referente per la raccolta dati e la dell’Istituto presso la Regione Marche documentazione 4
  4. 4. LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011Il documento è articolato in quattro capitoli: L’Identità in cui abbiamo sinteticamente ricostruito la storia dell’Istituto, riproposto i valori del nostro operarecome istituzione educativa liceale, presentato la struttura organizzativa interna e indicato i nostri stakeholder Strategie e risorse in cui abbiamo delineato la nostra mappa strategica, ovvero il quadro degli obiettivi dimaggiore rilevanza per la nostra istituzione scolastica, e abbiamo ricostruito l’insieme delle risorse umane,strumentali e finanziarie grazie a cui siamo in grado di erogare il servizio che ci compete. Relazione sociale in cui siamo andati a presentare gli esiti conseguiti in ordine a tre aree di rendicontazione:apprendimento, integrazione con la comunità territoriale, organizzazione e gestione della scuola, per concludere conalcuni dati relativi alle scelte post diploma dei nostri studenti. Tra le aree di rendicontazione abbiamo dato ilmassimo spazio alla prima perché è quella che più si lega alla nostra mission e perché in parte ingloba, con i progettidi ampliamento dell’offerta formativa, la seconda. La rendicontazione tiene conto di indicatori (di Contesto, Risorse,Processi, Esiti) in gran parte condivisi con la Rete Au.Mi.: ecco perché troverete a volte delle sigle del tipo P 2.1oppure E 3.1; sono le sigle degli indicatori utilizzati all’interno della Rete e fanno parte di una Mappa della Qualità,rivista e migliorata ogni anno, con cui svolgiamo annualmente un monitoraggio per controllare la nostra azione econfrontarci con le altre scuole del segmento di Istruzione secondaria superiore del territorio regionale interne, comenoi, alla Rete Au.Mi. Gli indicatori sono stati integrati con i dati relativi al grado di soddisfazione degli stekeholder anoi più vicini, ottenuti con la consultazione, attraverso questionari, di docenti, studenti, genitori appartenenti allacomunità scolastica dell’anno rendicontato. Prospettive di miglioramento in cui abbiamo cercato di “tirare le somme” di questo Bilancio Sociale cogliendo lecriticità e i punti di forza emersi e prospettando dunque azioni di miglioramento per il futuro.Chiude il Bilancio Sociale un questionario, per i nostri stekeholder, sui livelli di gradimento di questo stessodocumento, con la possibilità di proporre suggerimenti per la compilazioni delle future rendicontazioni. 5
  5. 5. LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011 1. L’identità 1.1 La storia, il contesto, il profiloIl Liceo Scientifico “Vito Volterra” di Fabriano è nato nel 1973, quando ha conseguito autonomia dal LiceoClassico “Francesco Stelluti”, all’interno del quale era stata attivata una sezione di Liceo Scientifico già nel 1960.Nella scelta della titolazione, la scuola rivolse la sua attenzione ad un intellettuale della cultura scientifica nazionaledel Novecento di origini marchigiana, modello di impegno scientifico e di partecipazione attiva alle vicende delproprio tempo. Il Liceo fu così intitolato all’insigne matematico italiano Vito Volterra (Ancona 1860 – Roma 1941),considerato il capofila indiscusso della scuola di matematica e fisica italiana. Figura di scienziatoAlla sua nascita il Liceo Scientifico “Vito Volterra” si brillante Vitocomponeva di 12 classi ed era articolato, come oggi, in una sede Volterra seppecentrale a Fabriano e una sezione staccata a Sassoferrato. Il coniugare la ricercaterritorio fabrianese, caratterizzato fin dal secondo dopoguerra scientifica con laper una tradizione manifatturiero – artigianale, era allora, negli partecipazioneanni Settanta, uno dei distretti industriali tra i più vivaci attiva alla vitadell’intera regione e la proposta formativa del Liceo raccolse politica del Paese.l’esigenza di una preparazione scientifico culturale che Per i suoi lavori diproiettasse le nuove generazioni verso la crescita economico studioso si distinse asociale con ruoli nuovi e non più solo di lavoro dipendente livello nazionale etecnico od operaio. Prendeva in quel periodo forma il sistema internazionale tantoproduttivo marchigiano che si incentra sulla capacità di fare da essere nominatoimpresa, sui legami tra azienda e territorio, sul capitalismo nel 1923 Presidente dell’Accademia deifamiliare, sull’organizzazione di filiere produttive. Ben radicato Lincei. Senatore del Regno d’Italia nel 1905,nel territorio e da sempre attento all’evolversi dei saperi e delle fu ostile al fascismo così da scegliere di nonproblematiche educativo - formative, il Liceo ha saputo, nel giurare fedeltà al Regime (fu tra i 12tempo, coniugare tradizione con innovazione ed è riuscito ad docenti universitari che fecero questo rifiuto)arricchire l’offerta culturale della città con iniziative promosse e perciò fu espulso nel 1934 dall’ Accademiaspesso in collaborazione con associazioni o istituzioni pubbliche dei Lincei e successivamente, anche per lee rivolte a tutta la cittadinanza. sue origini ebraiche, emarginato dalla vita culturale e scientifica del Paese. L’originalitàNegli anni Ottanta l’Istituto ha seguito in modo convinto la via del suo pensiero risiede nell’aver compresodella sperimentazione e della ricerca al fine di elaborare percorsi che Occorre un modello matematicodidattici idonei a garantire una formazione coerente con lo tale da consentire la sua utilizzazione neisviluppo culturale e socio economico del territorio marchigiano, più svariati campi del sapere e dell’operare:italiano ed europeo. Per questo ha prima attivato le diverse dalla Fisica alla Matematica applicata, dallasperimentazioni del Ministero, Corso Pilota per l’insegnamento biologia all’economia e alle scienze sociali.della Fisica e Insegnamento dell’Informatica, poi confluite nelCorso Liceo Scientifico PNI (Piano Nazionale Informatica). Da allora la propensione alla sperimentazione hacontrassegnato le scelte dell’Istituto e guidato sia la formazione che l’aggiornamento dei docenti, consentendo diinnestare via, via le modifiche curriculari e metodologiche richieste dalle profonde trasformazioni in atto nel tempo.Negli anni Novanta l’offerta formativa del Liceo si è arricchita di un Corso con insegnamento di una seconda linguastraniera e poi di un Corso Brocca ad indirizzo Scientifico – tecnologico.Nel 1998 il Liceo è stato inserito, dall’allora Ministero della Pubblica Istruzione, nel gruppo delle 22 scuole (ordineclassico, scientifico, magistrale) che hanno operato in Rete per sperimentare quell’autonomia, poi estesa a tutte lescuole nazionali.Dall’intensa attività di formazione dei docenti, voluta e sostenuta con grande convinzione dall’allora DirigenteScolastico Piera Picchi, è derivata l’attivazione di nuovi curricoli, il quinquennio autonomia con gli indirizzi diLiceo Scientifico, Liceo Scientifico Tecnologico, Liceo delle Scienze Sociali nella sezione di Sassoferrato e ilquinquennio autonomia con indirizzo di Liceo Logico – Matematico e Liceo Scientifico – Tecnologico nella sedecentrale. L’attenzione costante, di docenti e dirigente, per offrire un percorso di qualità ha consentito il consolidarsidi un’esperienza pedagogico – didattica di valore culturale riconosciuto dagli studenti, dalle famiglie, dal territorio eha contribuendo alla crescita dell’Istituto attestatosi sulle 5 sezioni.. 6
  6. 6. LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011Nel 2005 è stato aggregato al Liceo il C.T.P. per E.D.A. (Centro Territoriale per l’Istruzione e la Formazionepermanente degli Adulti) che ha orientato la riflessione didattica verso problematiche nuove, riferite ad adultirientrati nel sistema formativo, studenti lavoratori ed immigrati. Mentre l’attenzione per il territorio e per leproblematiche del rapporto istruzione – mondo del lavoro ha convinto il Liceo ad avviare, in sinergia con le aziendelocali e con gli organismi scolastici provinciali e regionali, l’esperienza della Alternanza Scuola – Lavoro, conforme di Stage, attuate nel periodo estivo di sospensione delle lezioni, in aziende locali o poste in territorio europeo(Progetto Leonardo).La realtà dell’autonomia scolastica ha fatto maturare l’esigenza di aprirsi alla cultura della qualità edell’accountabity; sono dunque state avviate le esperienze:- di accreditamento dell’Istituto, come agenzia per la formazione e l’istruzione, presso la Regione Marche, ServizioFormazione Professionale, per le seguenti macrotipologie formative: Obbligo Formativo, Formazione Superiore eFormazione Continua.- di partecipazione alla Rete Regionale Au.Mi. per l’Autovalutazione e il Miglioramento. E in questi anni si sonoconsolidati il confronto costante con le scuole della Rete, a partire dai monitoraggi annuali sulla medesima Mappadella Qualità, la gestione di programmi di miglioramento, condivisi con la Rete, e il dialogo costante con glistakeholder dell’Istituto.Infine non è mai venuta meno l’attenzione per la le prospettive della cultura contemporanea, con particolare riguardoper la ricerca scientifica e matematica. Sono così maturate quelle sinergie con enti e studiosi che hanno consentito:- di avviare in Istituto il progetto Matematica & Realtà in collaborazione con l’Università degli Studi di Perugia- di organizzare il Convegno “L’eredità di Vito Volterra” nel 2008 e di attuare il Convegno, nel 2010, “Scienza,tecnologia, Ricerca e innovazione per la qualità della vita delle comunità, della società e dei territori”- di realizzare il Progetto “Sensate esperienze, necessarie dimostrazioni: dalla scienza di Galileo alla scienzacontemporanea” negli anni scolastici 2009/10 – 2010/11 come attività di ricerca – azione con l’elaborazione dimoduli in verticale dalla scuola primaria al triennio del Liceo ScientificoQueste esperienze innovative, maturate nel tempo, hanno reso l’Istituzione scolastica pronta ad affrontare, sia sulpiano dell’innovazione didattica, sia sul piano culturale, sia sul piano dell’acconuntability, la nuova prospettiva dellaRiforma, che dall’anno scolastico 2010 – 2011ha visto confluire tutti i percorsi formativi nei due indirizzi del LiceoScientifico e del Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate.Oggi il Liceo scientifico “Vito Volterra”, sotto la guida del Dirigente Scolastico Adriana Verdini, ha unapopolazione scolastica di 530 alunni distribuiti nelle 18 classi della sede centrale e 5 della sezione di Sassoferrato.La sede di Fabriano è ospitata nello storico edificio del “Sant’Antonio”, situato nel centro cittadino, in via Miliani,37. La centralità della posizione rende la scuola facilmente fruibile dall’utenza e risponde alla sua vocazione diapertura e di dialogo con la città. Il bacino di utenza dell’Istituto è piuttosto ampio, comprende non solo il territoriodel Comune di Fabriano, già di per sé molto vasto, ma anche quello dei Comuni limitrofi della Provincia di Ancona(Sassoferrato, Genga, Cerreto d’Esi, Serra San Quirico, Arcevia) e di Macerata (Matelica, Esanatoglia, Fiuminata,Castelraimondo).Il territorio è oggi investito da una forte crisi produttiva con origini nazionali, internazionali e territoriali e leopportunità di crescita socio economica appaiono sempre più legate alla qualità delle idee e alla loro capacità diattivare processi di innovazione e di diversificazione del tessuto produttivo.In questo scenario, in cui dunque diventa prioritario dare credito alle idee, il Liceo Scientifico “Vito Volterra”intende ancor più interpretare il suo ruolo istituzionale per la formazione dei giovani e degli adulti, proponendosicome un Istituto di seria tradizione culturale, attento sia al contesto socio – economico, sia alle problematichedell’innovazione e del cambiamento, sempre più attivo nella collaborazione con Enti locali, Istituzioni pubbliche,Università e Centri di ricerca. In questa prospettiva il Liceo ha rafforzato la sua vocazione di apertura al territorio,una vocazione che nel tempo si è fatta sempre più ampia, sistematica e consapevole, capace di guardare, a partiredalle specificità locali, all’ambito regionale, nazionale, europeo e capace di aprirsi alle problematichedell’intercultura e del lifelong learning.Il Liceo Scientifico “Vito Volterra” è così diventato sede degli esami di certificazione Cambridge per la linguaInglese (PET-FCE) e degli esami ECDL –patente europea del computer; mentre continua ad ospitare il Centroterritoriale permanente (corsi serali per gli adulti CTP - EDA) in collaborazione con le scuole del distretto, ilComune, il Centro per l’impiego e svolge sia azione di orientamento e formazione, coordinamento epubblicizzazione dell’offerta formativa rivolta agli adulti, sia azione di aggiornamento dei docenti delle scuole delDistretto scolastico. Il Liceo è infine centro per gli esami CILS di certificazione della lingua italiana, L2 per stranieri,in collaborazione con l’Università per gli stranieri di Siena ed effettua test di conoscenza della lingua italiana aglistranieri in collaborazione con il MIUR e il ministero degli Interni, attraverso la Prefettura di Ancona. 7
  7. 7. LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011i 1.2 La Mission ed i valoriNel Liceo Scientifico “Vito Volterra” di Fabriano tutte le attività curricolari ed extracurricolari convergono allapromozione culturale, civile, sociale e morale degli allievi, come persone individuali inserite in contesti comunitaridiversi, di carattere locale, nazionale, europeo, aperti alle problematiche mondiali, al confronto delle idee e tra leculture La scuola garantisce un ambiente educativo che rispetta attentamente a) i principi fondamentali della Costituzione della Repubblica Italiana, le Leggi che regolano l‟educazione e l‟istruzione dei giovani, le attese della società sulla formazione delle nuove generazioni concentrandosi su:  la valorizzazione del patrimonio culturale della tradizione italiana;  lo sviluppo dei valori propri di una convivenza civile rispettosa di tutti, delle singole individualità e diversità, nella condivisione dei fondamenti su cui poggiano i diritti di cittadinanza di ciascuno;  la capacità di diffondere modelli democratici di sviluppo culturale, scientifico, economico e sociale;  l‟innovazione per il miglioramento delle qualità della vita. b) le caratteristiche personali di ciascuno studente  nell‟esercizio dei diritti civili, sociali e di fede religiosa;  nel graduale sviluppo delle abilità;  nel raggiungimento delle competenze richieste con tempi e modi legati alle individuali potenzialitàTutta l’organizzazione e la gestione della Istituzione scolastica, il coordinamento didattico, la valutazionecomplessiva del funzionamento e la rappresentanza dell’Istituto, che fanno capo al dirigente scolastico, trovano negliorgani collegiali, nell‟operato dei docenti e del personale A.T.A., nonché nella partecipazione consapevole eresponsabile degli allievi e dei genitori, la linfa di cui si nutre la missione stessa della scuola per il raggiungimentodelle finalità poste dalla Costituzione. Il giovane che si iscrive al Liceo Scientifico “V. Volterra” trova:  una sicura qualità culturale maturata nel tempo e testimoniata da studenti che si sono distinti nel mondo delle professioni e della cultura  una formazione che si fonda sull‟ equilibrio tra la cultura umanistico - letteraria e la cultura filosofico – scientifica  una pratica educativa ispirata al rispetto dei valori democratici, all‟ascolto, alla piena espressione delle potenzialità personali, alla valorizzazione del merito  lo studio delle discipline in prospettiva sistematica, storica e critica;  la pratica rigorosa dei metodi di indagine disciplinari;  unabitudine alla corretta argomentazione e al confronto;  l‟uso dei laboratori e degli strumenti multimediali nellattività didattica  una scuola attenta allevolversi dei saperi e delle tematiche culturali, non una scuola del nozionismo, ma una scuola delle competenze che intende fornire a ciascuno studente gli strumenti per scorgere e realizzare il proprio progetto di vita. 8
  8. 8. LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011Nel percorso liceale, sia del Liceo Scientifico che dellopzione Scienze Applicate, lo studente:  sviluppa strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà  matura un atteggiamento razionale, creativo, progettuale e critico di fronte alle situazioni, ai fenomeni e ai problemi  consegue una cultura scientifica ampia e varia che dà accesso a tutti i corsi universitari e facilita in particolar modo i percorsi di studi nellarea scientifica, scientifico – tecnologica, ingegneristica, medico – sanitaria, giuridico – sociale.  ottiene una qualificata preparazione, fatta di buona cultura di base, autonomia operativa, possesso di linguaggi diversificati, per affrontare agevolmente ogni percorso di studi o per inserirsi proficuamente nel mondo del lavoroIl Liceo a indirizzo scientifico offre un percorso di studi equilibrato tra area umanistica (storico – filosofica –letteraria e linguistica) e area scientifico – informatica.Questo indirizzo si rivolge ai giovani che :  mostrano interesse per le conoscenze e i metodi della matematica, della fisica, delle scienze naturali  vogliono comprendere lo sviluppo della ricerca scientifico - tecnologica e individuare le interazioni tra le diverse forme del sapere  sono interessati ai linguaggi, alle tecniche e alle metodologie di ricerca proprie sia delle scienze che dell’indagine di tipo umanistico  desiderano avere una visione ampia e articolata dellesperienza umana e una formazione ricca e polivalenteIl Liceo Scientifico opzione Scienze applicate punta ad una formazione di eccellenza nellambito dellacultura scientifico – tecnologica.Questo indirizzo guarda ai giovani che:  mostrano un forte interesse per le scienze, linformatica e per le loro applicazioni  sono attratti dalle attività laboratoriali e dalla dimensione sperimentale che queste offrono alla didattica  aspirano, attraverso il potenziamento delle conoscenze fisico – matematiche, informatiche e chimico – biologiche, ad acquisire valide competenze per il loro futuro  desiderano aver una solida formazione scientifica, integrata dalle discipline umanistico – filosofiche, che sono parte del percorso Cerimonia consegna diplomi 9
  9. 9. LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011 1.3 La governance allargata Organigramma Consiglio d’Istituto Giunta esecutivaEletto dalle diverse componenti del Dirigente Scolastico Eletta dal Consiglio d’Istituto nemondo scolastico, è organo di È membro del Consiglio d’Istituto prepara i lavori, esegue delibere,indirizzo politico e di controllo, Presiede: la Giunta esecutiva propone il Programma annualedecide in merito all’organizzazione e il Collegio Docente È composta da:alla programmazione dell’attività lo Staff di Direzione Dirigente scolastico: Presidentescolastica complessiva, adotta il POF, il Comitato di valutazione DSGA (membro di diritto)delibera il Programma annuale e il i Consigli di Classe 1 DocenteConto Consuntivo. 1 StudenteÈ composto da: 1 GenitoreDirigente scolastico (membro di 1 Atadiritto)4 Genitori di cui uno Presidente delConsiglio DSGA4 Studenti: (Direttore dei Servizi8 Docenti: Generali Amministrativi)2 Ata: Staff di Direzione 4 Assistenti amministrativiSvolge funzioni di organizzazione - 1 Assistente tecnicocoordinamento nella gestione della scuola edi supporto alla realizzazione delle attività 1 Collaboratori scolastici 8previste dal POF 1È composto da:Dirigente Scolastico Collegio Docenti Comitato di Valutazione1^ e 2^Collaboratore del Dirigente; Organo tecnico titolare Esprime parere sul servizio deiFiduciario per la sezione staccata delle decisioni in docenti nell’anno di formazione o5 Docenti, indicati dal Collegio, con ambito metodologico su richiesta. È formato da:incarico di Figure strumentali didattico; elabora il Dirigente Scolasticoper il Piano dell’Offerta Formativa, Piano dell’Offerta 2 Docenti eletti dal Collegio docentiper la Documentazione-Valutazione, Formativa, valutaper la Comunicazione e il Sito WEB , l’andamento complessivo per l’Orientamento, dell’azione didattica. Nucleo Au. Mi. diper il Coordinamento didattico della sede Autovalutazione e Miglioramentostaccata. È composto da tutti i Si occupa del monitoraggio sulle 54 docenti in servizio attività della scuola, propone e nell’Istituto gestisce piani di miglioramento, predispone il Bilancio Sociale dell’Coordinatori di Classe Istituto. È composto da:Coordinano i lavori di Dirigente Scolastico – DSGA -programmazione e 4 Docenti - 1 Ataorganizzazione delle attivitàdidattiche dei Consigli di Classe Responsabili dei Dipartimenti1 docente per ciascun Consiglio di Coordinano i lavori dei DipartimentiClasse disciplinari 1 docente per ciascun Dipartimento Disciplinare Consigli di ClasseComposti dai docenti della Classe, 2 genitori e 2 studenti eletti,programmano e organizzano le attività didattiche delle classi,deliberano provvedimenti disciplinari per gli studenti Dipartimenti disciplinari di Italiano e Latino, Inglese,Deliberano le valutazioni quadrimestrali del profitto e del Storia e Filosofia, Matematica e Latino, Scienze, Arte,comportamento, l’ammissione/ non ammissione alla classe Ed. Fisica, Religione.successiva (solo componente docente) I Dipartimenti sono un’articolazione del Collegio docenti e sono composti dai docenti delle relative discipline 10
  10. 10. LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011 Organigramma della sicurezza Dirigente Scolastico MEDICO COMPETENTE Datore di lavoroResponsabile dei controlli sulla Responsabile della Sicurezza Incarichi assegnati dal DS susalute dei lavoratori indicazione del RSPP INCARICO CONTROLLO R.L.S. DIVIETO DI FUMO : Rappresentante dei lavoratori 1 Docente per la sicurezza R.S.P.P. INCARICO CHIUSURA È Responsabile del servizio CONTATORE CENTRALE un docente indicato dai prevenzione e protezione. di ENERGIA ELETTRICA: lavoratori della scuola È 1 Assistente tecnico, Un docente nominato dal Dirigente 2 Collaboratori scolastici e in possesso di competenze INCARICO CHIUSURA specifiche certificate IMPIANTO GAS METANO: SQUADRA ANTINCENDIO e 1 Assistente tecnico, di PRONTO INTERVENTO 2 Collaboratori scolastici Individuata dal RSPP e INCARICO CHIUSURA nominata dal DS SQUADRA di PRONTO SOCCORSO IMPIANTO ALLARME: Individuata dal RSPP e nominata dal 2 Collaboratori scolasticiResponsabile 1Assistente DS INCARICO VERIFICAamministrativo FUNZIONAMENTOAddetti: 1Assistente tecnico, Responsabile: 1Assistente amministrativo INTERRUTTORI3 Docenti, 2 Collaboratori Addetti: 1Assistente amministrativo, ELETTRICI:scolastici 4 Docenti, 2 Collaboratori scolastici 1 Assistente tecnico 1.4 Gli StakeholderGli stakeholder sono i soggetti che hanno un interesse nei confronti dell’organizzazione e che con il lorocomportamento ne influenzano l’attività. Essi sono, cioè, soggetti attivi che partecipano alla creazione di valore e diutilità da parte dell’organizzazione. Per questo l’Istituto è interessato al dialogo costruttivo con i suoi stakeholder ela redazione di questo bilancio sociale ne è testimonianza. Gli stekeholder del Liceo Scientifico “Vito Volterra” sono:  coloro che primariamente sono coinvolti nelle attività della scuola e cioè gli studenti, le famiglie, i docenti, il personale ATA  quanti risultano in relazione diretta con l‟Istituzione scolastica e cioè enti pubblici e privati, agenzie formative pubbliche e private, associazioni, Istituzioni scolastiche, Università, aziende del territorio comunale, distrettuale, regionale, nazionale, europeo.Le famiglie dei nostri studenti partecipano alla vita della scuola: attraverso un dialogo diretto con la Dirigente e i docenti che destinano un apposito tempo orario, con cadenzasettimanale, mensile, quadrimestrale, ai colloqui con i genitori attraverso i loro rappresentanti negli organi collegiali, Consigli di Classe e Consiglio d’Istituto, attraverso iniziative appositamente predisposte dall’Istituto su problematiche inerenti l’adolescenza, il rapportogenitori –figli, i problemi di apprendimento. Negli anni scolastici 2009 -10 e 2010 – 11 si sono tenuti incontri conesperti sulla questione delle “Dipendenze”, mentre per l’anno scolastico 2011 – 12 sono previsti incontri sulproblema dei DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento).Le famiglie dei nostri studenti potenziali sono invece le destinatarie delle attività di orientamento, organizzate traNovembre e Febbraio, per far conoscere la scuola, il suo piano educativo, le sue attività e risultati ad alunni e genitoridelle classi terze medie della città e del territorio limitrofo 11
  11. 11. LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011Gli studenti sono i nostri interlocutori privilegiati, alla loro formazione è rivolta l’intera azione dell’Istituzionescolastica. Su di loro è posta l’attenzione maggiore, le loro risposte alle azioni e attività della scuola, la loromaturazione come persone dotate di individualità e di diritti/doveri, i loro esiti immediati e a lungo termine sono ciòche più ci consente di verificare i punti di forza e le debolezze del piano educativo – formativo e dei processi attivatiper attuarlo.Gli studenti dialogano con l’Istituzione scolastica attraverso: il colloquio educativo quotidiano con i docenti, la relazione continua con il personale Ata, la possibilità diincontrare, in orari definiti la Dirigente i loro rappresentanti negli Organi Collegiali, Consiglio di Classe e Consiglio d’Istituto.Essi trovano nelle assemblee di classe e assemblee d’Istituto spazi di dialogo e confronto autogestiti secondo unregolamento e un codice di comportamento, da loro concordato con la stessa Istituzione scolastica.Gli studenti potenziali sono i destinatari di iniziative di orientamento, organizzate dalla scuola tra Ottobre e Gennaioper gli alunni delle terze medie della città e del territorio limitrofo: incontri con le classi della scuola media,laboratori nel liceo di discipline scientifiche, open day, incontri, su appuntamento, con docenti o dirigente.Il personale docente è chiamato a delineare il Piano dell’Offerta Formativa ed a realizzarlo. Insieme al personaleAta, i docenti costituiscono la struttura portante e caratterizzante l’Istituzione scolastica; negli organi collegialiavviene l’incontro e lo scambio con le altre componenti della scuola. La scuola è sempre più parte del territorio in interazione con esso. Dunque sono stekeholder  Enti pubblici quali: il Comune di Fabriano e il Comune di Sassoferrato, in cui la scuola ha le sue sedi, la Comunità Montana dell‟Esino – Frasassi, la Provincia di Ancona, la Regione Marche, il MIUR, l‟ USR, l‟USP, l‟Università Politecnica di Ancona, l‟UNI – Fabriano, l‟Università degli Studi di Macerata, l‟Università degli studi di Camerino, l‟Università degli Studi di Urbino, l‟Università degli Studi di Perugia, l‟Università degli Studi di Siena, Istituzioni scolastiche di scuola primaria e secondaria del Comune, della Provincia, della Regione, l‟Asur di Fabriano, Centro per l‟Impiego di Fabriano  Enti privati quali, Università Bocconi di Milano, il Centro Pristen Bocconi, l‟Indesit e Aziende produttive locali coinvolte nelle attività di Alternanza scuola - lavoro, Fondazione CARIFAC, l‟English training center di Jesi  Associazioni quali: l‟Agiscuola, la Fondazione - Centro nazionale studi pirandelliani di Agrigento, l‟Aica, la Confindustria, l‟Assindustria, la Città del libro di Fabriano  Reti quali: l‟ Au.Mi (Rete regionale di scuole per l‟autovalutazione e il miglioramento), la Rete Archimede (composta da scuole secondarie di secondo grado e dal Centro Pristen)  Partners esteri: Alta Scuola Pedagogica di Locarno, Università di Cambrige, Dublino Swan Training Institute e altre scuole europee partners nel Progetto LeonardoNella redazione di questo primo bilancio sociale abbiamo ritenuto opportuno consultare direttamente i nostristakeholder più diretti, studenti, genitori, docenti per un primo ampio quadro sul livello di gradimento delle azioni eattività complessive della scuola. 12
  12. 12. LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011 2. Strategia e Risorse 2.1 Mappa strategica del Liceo Scientifico “V. Volterra” di Fabriano Le molteplici attività della scuola sono state raccolte in tre grandi aree di rendicontazione: l’apprendimento in cui si esplica in senso proprio la mission di ogni istituzione scolastica e cioè il compito di istruire, educare, formare gli studenti guidandoli verso la maturazione della propria personalità, l’acquisizione di conoscenze, abilità, competenze disciplinari, metodologiche, sociali e relazionali sicure, tali da porli in condizioni di affrontare con consapevolezza e adeguata preparazione le scelte future di studio, di lavoro, di esercizio della cittadinanza l’integrazione – interazione con la comunità territoriale che consente alla scuola di superare l’autoreferenzialità e di porsi, grazie all’esercizio dell’autonomia scolastica, in dialogo con il territorio intercettandone i bisogni, ma trovando anche in esso possibilità di esplicare la sua vocazione culturale e formativa l’organizzazione e gestione interna delle risorse umane e strumentali finalizzate alla migliore erogazione del servizio. Per ciascuna area di rendicontazione l’Istituto ha posto i suoi obiettivi strategici da perseguire con le attività previste nel Piano dell’Offerta Formativa e da controllare negli esiti conseguiti attraverso indicatori predefiniti e attraverso dei questionari di gradimento somministrati a docenti, studenti, famiglie.Area di rendicontazione Obiettivo strategicoApprendimento Promuovere conoscenze e competenze specifiche Favorire lo sviluppo della persona e la capacità di scelta Stimolare la partecipazione sociale Migliorare e innovare i processi formativiArea di rendicontazione Obiettivo strategicoIntegrazione- interazione Sviluppare la progettazione integrata con il territorio e le famiglie. Promuovere il lavoro in rete con le altre scuole e l’immagine della scuola.con la comunità territorialeArea di rendicontazione Obiettivo strategicoOrganizzazione e gestione Promuovere una leadership diffusa Valorizzare le professionalità interne Promuovere la sicurezza Curare l’organizzazione scolastica (spazi, tempi, strutture, servizi) 13
  13. 13. LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011 2.2 Risorse dell‟IstitutoLe risorse dell’Istituto sono risorse umane, rappresentate dal personale docente e Ata (amministrativo, tecnico,ausiliario), risorse strumentali, costituite dalle strutture e dagli strumenti in dotazione alla scuola per l’attività didattico -formativa e risorse finanziarie, costituite dai fondi erogati da Stato, Regione, Enti locali e da finanziamenti di privati(famiglie degli stessi studenti, Enti privati) grazie a cui la scuola può progettare, organizzare ed erogare il servizio diistruzione, formazione, educazione verso gli studenti.2.2a Risorse umane DocentiNell’anno scolastico 2010 -11 la scuola ha visti assegnati 49 docenti, cui sono stati aggiunti altri 5 docenti con orario dicompletamento cattedra. Tra i docenti prevale la componente femminile, secondo un trend proprio della scuola italiana esi attesta attorno al 59/ 61% il numero dei docenti a tempo indeterminato rispetto a quelli a tempo determinato (aseconda se si considera il numero complessivo dei docenti o solo quello dei docenti con cattedra intera nell’Istituto).L’età media prevalente tra i docenti è compresa tra i 45 ed i 54 anni nella sede centrale di Fabriano dove prevale unpersonale a tempo indeterminato, mentre è più giovane, tra i 35 e i 44 anni nella sede staccata di Sassoferrato, doveprevale la forma del contratto a tempo indeterminato. I docenti a tempo indeterminato rappresentano un gruppo stabile,cresce, infatti, il numero degli anni di permanenza in Istituto e bassa è la richiesta di trasferimenti o pensionamenti Docenti 2010 -11 2009 - 10 R 3.1 Docenti di ruolo sul totale dei docenti 59,25% 57,89% R 3.2 Numero medio di anni di permanenza dei docenti nell’Istituto scolastico 7,57 6,18 Trasferimenti Docenti Istituto Regione Italia A domanda 3,7 5,3 5,3 pensionamenti 3,7 4,6 4,5 14
  14. 14. LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011 I giorni di assenza del personale docente sono globalmente in linea, benché leggermente superiori, con i livelli regionali e nazionali. Il personale docente si caratterizza per l’attenzione volta alla maturazione delle competenze professionali: un terzo dei docenti possiede oltre al titolo di studio necessario per lo svolgimento del proprio ruolo, titoli aggiuntivi di laurea, specializzazione o perfezionamento; il 70,27% ha frequentato un corso di almeno 8 ore di aggiornamento nell’ultimo anno scolastico e se questo dato sembra attestare una leggera flessione rispetto al precedente anno scolastico, in vistosa crescita è l’attenzione posta all’uso delle nuove tecnologie nella pratica didattica. Il 61,76% dei docenti ha, infatti, seguito un corso di formazione per l’uso della LIM, la lavagna interattiva e multimediale, nel corso dell’anno scolastico. Il rapporto tra docenti e alunni, pari al 9,7%, è dato, scaturito dalla semplice divisione tra il numero complessivo degli studenti e quello dei docenti, è “astratto” poiché nella realtà ciascun docente è assegnato a più classi e insegna la sua disciplina su più classi (da un minimo di 3 a un massimo di 18); il dato dà indicazione di quanto numerosi siano gli alunni nelle classi, più è alto, maggiore è la concentrazione degli alunni nelle classi: il fatto che sia in crescita, rispetto al precedente anno scolastico, indica che aumenta il numero degli studenti nelle classi. Docenti 2010 -11 2009 - 10 Docenti che hanno frequentato un corso di formazione metodologico - didattica (almeno 8 70,27 % 75,44% ore) Docenti che, in aggiunta al titolo richiesto per la propria classe di concorso, hanno svolto corsi 33,3 % 40,35% di laurea/perfezionamento/specializzazione di livello universitario valutabili in ambito scolastico Docenti che hanno frequentato corsi di formazione sulla LIM; nellultimo triennio 61,76 % 26,36% Numero alunni per docente 9,7 9,39 ATA - Personale amministrativo, tecnico e ausiliario Nell’anno scolastico 2010 -11 l’Istituto ha avuto assegnato un contingente di personale A.T.A pari a 14 unità, con una prevalenza di componente femminile e una equa distribuzione tra contratti a tempo determinato e indeterminato. I giorni di assenza del personale A.T.A sono globalmente in linea, benché inferiori e dunque migliori rispetto ai livelli regionali e nazionali. In lieve flessione il numero di ore dedicate all’aggiornamento, mentre cresce sensibilmente il rapporto tra unità di personale e numero degli studenti.Personale ATA 2010 -11 2009 - 10Ore di aggiornamento per unità di personale 2,92 4Percentuale di studenti per ogni Ata 37,57 29,72 15
  15. 15. LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 20112.2b Risorse strumentaliIl Liceo è ospitato, nella sede centrale di Fabriano, nell’edificio del Sant’Antonio, in via Miliani, 37 e, nella sedestaccata di Sassoferrato, in piazza Dante 1. Gli studenti e il personale hanno in dotazione le seguenti strutture estrumenti Risorse strumentali a disposizione Risorse strumentali a Fabriano Sassoferrato del Personale disposizione degli 1 Ufficio di Presidenza con studenti 1 postazione PC Aule 28 12 1 Ufficio Vicari con 2 Laboratori (con 97 6 4 postazioni PC postazioni PC) 1 Ufficio Fiduciario di Lingue 1 1 Plesso Informatica 1 1 4 Uffici di segreteria con 8 Fisica 1 postazioni PC e un Server Biologia 1 di Rete Chimica 1 1 Stanza per i Tecnici di Fisica e scienze 1 laboratorio Disegno 1 1 1 Sala docenti con 2 Biblioteca (con ca. 1 1 postazioni PC 8050 libri) 1 Sala Riunioni Aula magna 1 Cortile esterno 1 1 Lim 2 1 Aule attrezzate per la 2 multimedialità La scuola, unitamente alla Rete Au.Mi., utilizza alcuni indicatori che rapportano la struttura e gli strumenti, di cui ci si avvale, al numero degli alunni, per monitorare il loro impatto sul servizio offerto. La riduzione di postazioni informatica nell’anno scolastico 2010 -11 è dovuta ad una ristrutturazione della dotazione strumentale dell’Istituto al termine della quale sarà possibile l’apertura, prevista per l’Aprile 2012, di un secondo laboratorio di informatica. La scuola offre quali servizi accessori di supporto alle esigenze di famiglie e studenti: il trasporto per la palestra (non presente in istituto), l’accoglienza a pranzo con vigilanza, l’apertura pomeridiana della segreteria, lo “sportello ascolto” per il supporto psico – pedagogico. Indicatori 2010 - 11 2009 - 10 R1 Funzionalità Rapporto tra numero di postazioni informatiche e numero di 5,42 7,98 degli spazi al allievi progetto Rapporto tra n° libri della Biblioteca e n° allievi 14,23 15,3 educativo Rapporto tra n° spazi attrezzati, interni ed esterni all’edificio 29,22 29,72 scolastico, e n° allievi R2 Disponibilità Numero dei servizi offerti dalla scuola 4 4 servizi Numero medio ore settimanali di apertura della scuola a 20 20 accessori disposizione degli alunni e/o dei genitori 16
  16. 16. LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 20112.2c Risorse finanziarie Le risorse finanziarie dell’Istituto provengono da erogazione dello Stato, secondo parametri fissi calcolati sulla base del numero di studenti, docenti, sedi, presenza di esami di Stato finali; stanziamenti di Regione, Comune, Provincia e finanziamenti privati costituiti per lo più dai contributi versati dalle famiglie e in parte da contributi di enti privati. I dati di seguito indicati, relativi alla composizioni delle Entrate e delle Spese sono desunti dal modello H/bis e dai modelli correlati al Conto Consuntivo nei quali si coglie lo stato e l’attuazione del Programma Annuale nell’arco temporale dell’intero anno scolastico. Per la contabilità il Liceo utilizza il software “Sidi” fornito dal MIUR. Composizione Entrate Valore Valore Provenienza delle entrate assoluto % Avanzo Amministrativo € 117.201,28 25,20 % Dallo Stato € 85.389,70 18,30 % Dalla Regione € 3.000,00 0,6 % Da Enti Locali o altre € 58.044,61 12,5 % Istituzioni pubbliche Da Privati € 201.792,11 43,3 % Altro € 312,63 0,1 % Totale € 465.740,33 100,0% Composizione Spese Impegnate Destinazione delle risorse Valore assoluto Valore % Funzionamento Amministrativo e didattico € 26.437,19 7,79% Spese di personale € 62.724,85 18,49% Spese d’investimento € 1.600,00 0,47% Fondo provinciale Economale, Utenze, Manutenzione € 14.782,85 4,36% Viaggi d’Istruzione € 141.026,68 41,57% CTP/EDA € 19.769,76 5,83% ECDL – Patente europea € 3.804,00 1,12% Centro Sportivo Scolastico € 2.964,71 0,87% Aggiornamento Personale € 3.260,2 0,96% Progetti – Area Qualità, Orientamento, Comunicazione, € 62.878,83 18,54% Benessere dello studente Una parte consistente delle spese è destinata ai Progetti, ovvero a quelle attività che la scuola organizza e svolge per potenziare e arricchire la propria offerta formativa e che caratterizzano il piano educativo – formativo dell’Istituto. Sono di seguiti riportate nel dettaglio le spese sostenute per alcuni progetti e/o attività più significativi inseriti nel Piano dell’Offerta formativa dell’Istituto. Per ciascun progetto sono indicate: le fonti di finanziamento; la spesa complessiva del progetto comprensiva della spesa, accanto indicata, per il personale interno (spesa non direttamente transitata nel bilancio dell’Istituto perché erogata direttamente dal Tesoro, secondo l’indicazione della scuola, attraverso il Cedolino Unico); il grado di attuazione del progetto al termine dell’anno scolastico. 17
  17. 17. LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011Progetto/attività Certificazioni Cambrige Certificazioni, riconosciute in Europa, di conoscenza della lingua inglese per il livello B1e B2 secondo i vigenti parametri europeiFonte di spesa Spesa complessiva del Spesa per il personale (Cedolino Grado di attuazione progetto Unico)Stato e Privati € 4.499,5 € 157,50 CompletatoProgetto/attività Lettore di madrelinguaFonte di spesa Spesa complessiva del Spesa per il personale (Cedolino Grado di attuazione progetto Unico)Stato e Privati € 2.137,5 € 157,50 CompletatoProgetto/attività Teatro in linguaFonte di spesa Spesa complessiva del Spesa per il personale (Cedolino Grado di attuazione progetto Unico)Privati: famiglie € 4.402,00 / CompletatoProgetto Progetto “Leonardo” Progetto dell‟Unione Europea proposto alle scuole dalla P ovinciaFonte di spesa Spesa complessiva del Spesa per il personale Grado di attuazione progetto (Cedolino Unico)Stato, Provincia, € 2.682,98 € 805,00 CompletatoPrivati La cifra indicata, in parte erogata dalla scuola, in parte dalla Provincia, è solo una parte minima del finanziamento. Il progetto fornisce, infatti, borse di studio agli studenti per un valore di € 1.700 per alunno ed è finanziato con fondi europei erogati direttamente dalla Provincia senza passare attraverso il bilancio della scuola. Il finanziamento complessivo per gli studenti è stato pari a € 20.400Progetto Matematica & Realtà Progetto, esteso al territorio nazionale, proposto dall‟Università degli Studi di PerugiaFonte di spesa Spesa complessiva del Spesa per il personale Grado di attuazione progetto (Cedolino Unico)Stato e Privati € 3.399,00 € 3199,00 CompletatoProgetto/attività Olimpiadi di Matematica e Fisica Attività che coinvolge su base volontaria le scuole del territorio nazionale con fasi d‟Istituto, provinciali e/o egionali, nazionaliFonte di spesa Spesa complessiva del Spesa per il personale (Cedolino Grado di attuazione progetto Unico)Stato e Privati € 1450,00 € 245,00 CompletatoProgetto Lauree scientifiche Progetto nazionale che, nel territorio, si avvale del supporto dell‟Università degli Studi di CamerinoFonte di spesa Spesa complessiva del Spesa per il personale (Cedolino Grado di attuazione progetto Unico)Stato e Privati € 1535,00 € 1085,00 Completato 18
  18. 18. LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011Progetto ECDL Certificazione in 7 esami delle competenze informatiche che consentono di acquisire una “Patente europea”, rilasciata dall‟AICA (associazione italiana per l‟informatica e il calcolo distribuito) riconosciuta e valida sul territorio europeoFonte di spesa Spesa complessiva del Spesa per il personale Grado di attuazione progetto (Cedolino Unico)Stato e Privati € 3804,00 € 350,00 CompletatoProgetto Alternanza scuola – lavoro Progetto provinciale che si a ale di convenzioni con aziende pubbliche e private del territorioFonte di spesa Spesa complessiva del Spesa per il personale Grado di attuazione progettoStato € 2122,43 € 1672,43 Completato Spesa non da cedolino unicoProgetto Impara ad intraprendere Progetto proposto alle scuole della provincia dalla ConfindustriaFonte di spesa Spesa complessiva del Spesa per il personale Grado di attuazione progetto (Cedolino Unico)Stato e Privati € 3561,00 € 2111,00 Completato La spesa indicata e sostenuta dall’Istituto copre solo in parte i costi complessivi del progetto, sostenuti direttamente dalla Confindustria regionaleProgetto Agiscuola: premio David di Donatello Progetto nazionale nato da un accordo tra MIUR (Ministero Istruzione, Università, Ricerca) e Agis (Associazione generale italiana dello spettacolo)Fonte di spesa Spesa complessiva del Spesa per il personale Grado di attuazione progetto (Cedolino Unico)Stato € 712,50 € 612,50 Completato La spesa indicata e sostenuta dall’Istituto non copre i costi complessivi del progetto, sostenuti direttamente dal Comune di Fabriano, dall’Agis nazionale e dai privati (gestore sala cinematografica)Progetto “Sensate esperienze, necessarie dimostrazioni”: dalla scienza di Galileo Galilei alla scienza contemporanea Progetto nato per iniziativa del Liceo e realizzato grazie al lavoro congiunto degli Istituti Comprensivi del territorio, del Museo Balì e al sostegno di Comune ed Enti privatiFonte di spesa Spesa complessiva del Spesa per il personale Grado di attuazione progetto (Cedolino Unico)Stato e Privati € 20.759,77 € 3.529,00 Completato La somma indica il costo complessivo del progetto, finanziato in gran parte da enti privati, che l’Istituto, in qualità di scuola capofila di una rete di 5 scuole ha rendicontato, ma che è stata in parte devoluta alle scuole della rete stessa 19
  19. 19. LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011Progetto “Quel che il cinema deve a Pirandello” Progetto, di valenza nazionale, proposto dal Centro nazionale studi pirandelliani di AgrigentoFonte di spesa Spesa complessiva del Spesa per il personale rado di attuazione progetto (Cedolino Unico)Stato e Privati € 13.284,14 € 350 Completato La somma indica il finanziamento erogato da enti privati e pubblici per i costi del progetto, finanziamento che l’Istituto, in qualità di scuola capofila di una rete di scuole secondarie di secondo grado ha poi condiviso con la reteProgetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Progetto che si avvale del sostegno delle associazioni di volontariato presenti nel territorioFonte di pesa Spesa complessiva del Spesa per il personale Grado di attuazione progetto (Cedolino Unico)Privati € 450 / CompletatoProgetto Visite guidate e viaggi d‟istruzioneFonte di spesa Spesa complessiva del Spesa per il personale Grado di attuazione progetto (Cedolino Unico)Stato e Privati € 143.451,68 € 1925,00 Completato La cifra è riferita alla spesa complessiva sostenuta per viaggi e visite d’istruzione effettuati dagli alunni di tutto l’Istituto nel corso dell’anno scolastico Progetto Leonardo 20
  20. 20. LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011 3. Relazione sociale 3.1 ApprendimentoL’area di apprendimento comprende tutte le attività curricolari e di integrazione al curricolo che riguardano il corebusiness della scuola e che hanno come finalità principale quella di formare studenti con una solida preparazioneculturale e scientifica, capaci di continuare ad apprendere, di agire autonomamente e responsabilmente nel contestosociale, come in contesti di studio o di lavoro. Promuovere conoscenze e competenze specifiche attraverso l‟attività di insegnamento3.1a disciplinare È attraverso la quotidiana attività di insegnamento che, nell’interazione e nel dialogo educativo tra docenti e discenti, si sviluppano gli apprendimenti relativi a conoscenze, abilità, competenze disciplinari e trasversali. Gli alunni del Liceo scientifico “V.Volterra” sono 530, in prevalenza maschi, solitamente motivati allo studio e con una preparazione di base mediamente buona, come indicato dagli esiti dell’esame di stato conseguiti, nella scuola secondaria di primo grado, dagli alunni delle classi prime. Alunni frequentanti 530 Ragazzi 317 Ragazze 213 Alunni stranieri 27 Alunni con handicap 2 Abbandoni 2010 - 11 2009 -10 Trasferimenti 3 2 Dispersi 1 4I processi di insegnamento – apprendimento risultano mediamente soddisfacenti sia per quanto concerne le percentualidi ammissione alla classe successiva, sia per quanto riguarda le medie di profitto conseguite dagli studenti a fine annoscolastico, sia rispetto al voto di diploma conseguito delle classi quinte 21
  21. 21. LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011Buoni sono anche gli esiti conseguiti dalle Classi seconde del Liceo nella rilevazione nazionale INVALSI effettuatacon prove comuni di Italiano e Matematica somministrate alle classi seconde di tutti gli Istituti di istruzionesecondaria di secondo grado del Paese. Nel confronto con il segmento liceale, cioè con gli esiti dei licei delleMarche, del Centro Italia e di tutto il territorio nazionale, gli alunni del Liceo scientifico “V.Volterra” sono risultatinella media in Italiano, ma significativamente al di sopra della media nazionale e regionale in Matematica.Gli alunni del Liceo si distinguono per un percorso scolastico mediamente di successo e arricchito da certificazioniextracurricolari linguistiche e/o informatiche promosse dalla scuola stessa.Il significativo aumento della percentuale di alunni che si diploma senza “ripetenze o sospensione del giudizio” èdovuto ad un cambiamento di legislazione nell’a.s. 2007/08 che ha imposto, in caso di giudizio non sufficiente in unadisciplina, la verifica entro agosto della preparazione dell’alunno con l’eventuale decisione, da parte del Consiglio diClasse, di ammissione – non ammissione alla classe successiva. Chi salda il debito formativo entro agosto èlegittimamente computato solo tra i promossi.La scelta post diploma prevalentemente seguita dagli studenti del nostro Liceo è quella di continuare gli studiiscrivendosi a corsi universitari. A questo riguardo migliora la percentuale di coloro che superano i test d’ingresso esi iscrivono a corsi di laurea con numero chiuso. Alunni che continuano gli studi 2010 -11 2009 -10 Alunni che si sono iscritti all‟università sul totale dei diplomati 97,22% 95,50% Studenti diplomati che si sono iscritti ad un corso di laurea a numero chiuso, sul 41,12% 20,22% totale degli studenti che proseguono gli studi 22
  22. 22. LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011 Una conferma al buon operare dell’Istituto viene dai questionari somministrati a Studenti, Famiglie, Docenti in cui si evidenzia con chiarezza la soddisfazione per l’adeguatezza della formazione fornita dalla scuola I questionari rilevano invece un divergenza di opinioni tra studenti da una parte e famiglie – docenti dall’altra nel considerare l’attenzione alla contemporaneità dei contenuti disciplinari proposti. La questione è stata presa in considerazione, unitamente ad altre debolezze che vedremo in seguito emergere, per delineare, nell’ultimo capito di questo bilancio sociale, le prospettive di miglioramento A chiusura di questo paragrafo poniamo degli indicatori che misurano l’entità della spesa corrente per alunno e per il funzionamento didattico di base Spesa corrente per alunno € 1203,39 Spesa impegnata per funzionamento didattico generale € 2.779,34 Promuovere conoscenze e competenze specifiche attraverso l’attività di controllo-valutazione3.1b dei processi di apprendimento e attraverso attività di recupero/potenziamento delle conoscenze, abilità, competenze disciplinari L’apprendimento disciplinare maturato dagli alunni è sottoposto a verifica e valutazione attraverso varie tipologie di prove, orali e scritte, in diversi momenti del processo di insegnamento – apprendimento. I criteri di valutazione sono conformi agli obiettivi fissati dai docenti nelle programmazioni disciplinari di inizio anno; essi sono finalizzati a conoscere e capire lo stato e la progressione dei livelli di apprendimento negli alunni. A seguito di valutazioni insufficienti possono così essere attivati interventi di recupero curricolari o extracurricolari, mentre, a fine anno scolastico, si decide, sulla base della globale corrispondenza tra gli obiettivi fissati e le competenze disciplinari raggiunte da ciascun allievo, la promozione, l’eventuale sospensione del giudizio, per un’ulteriore verifica a fine agosto, o la non ammissione alla classe successiva. Basso è il numero degli studenti non ammessi alla classe successiva a Giugno; costante risulta la percentuale degli alunni con il giudizio sospeso in almeno una disciplina e tra questi è, però, alta la percentuale di coloro che sono poi ammessi alla classe successiva entro il mese di Agosto dello stesso anno scolastico. 23
  23. 23. LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011L’Istituto, sulla base delle indicazioni della Rete Regionale Au.Mi., monitora ogni anno i livelli di apprendimento diItaliano, Matematica Inglese (discipline considerate dalla stessa Unione europea come fondamentali per l’eserciziodella cittadinanza). Questa è la percentuale degli studenti che hanno fatto registrare carenze significative.Abbiamo confrontato le valutazioni assegnate applicando le griglie di valutazione dell’Istituto con l’esterno: questo ilconfronto in Italiano e Matematica tra gli esiti ottenuti dalle classi seconde nelle prove INVALSI e gli esiti di fineprimo quadrimestre delle stesse classi.All’interno dell’Istituto i docenti programmano collegialmente l’attività educativo – didattica e per ogni disciplina idocenti della materia concordano obbiettivi, contenuti, criteri di valutazione comuni, griglie valutative comunicate espiegate agli studenti. Questi materiali sono pubblicati nel sito della scuola all’interno del POF. 24
  24. 24. LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011 Numero minimo di prove di verifica effettuate durante l‟anno scolastico Disciplina Classi Numero prove Italiano Ciascuna classe 6 prove scritte e 6 prove orali (di cui 2 test o questionario) Matematica Ciascuna classe 6 prove scritte e 6 prove orali (di cui 2 test o questionario) Inglese Ciascuna classe 6 prove scritte e 6 prove orali (di cui 2 test o questionario) Storia Ciascuna classe 6 prove (di cui 1 test o questionario) Scienze Ciascuna classe 6 prove (di cui 1 test o questionario)Positivo è il giudizio di Studenti, Famiglie, Docenti sulla conformità tra attività svolte, livelli di difficoltà dellelezioni e prove di verificaL’attività didattica dell’Istituto è articolata in due quadrimestri: al termine del primo quadrimestre il Consiglio diClasse, su proposta del singolo docente, valuta i livelli di apprendimento di ciascun alunno con un voto numerico perciascuna delle discipline del curricolo. In caso di valutazione insufficiente lo studente è tenuto a colmare il debitoformativo riscontrato entro la fine del secondo quadrimestre. L’Istituto attiva varie forme di recupero per sosteneregli alunni e valuta poi con apposita verifica l’estinzione o meno del debito. Forme di recupero attivate: corsi curriculari corsi extracurricolari studio autonomo a guida docente Corsi di recupero extracurricolari attivati Primo Quadrimestre Disciplina Classi N° corsi N° ore complessive Latino Prime 2 14 Seconde 2 13 Terze 2 14 Quarte 1 7 Matematica Prime 1 5 Seconde 2 14 Terze 1 7 Quarte 1 7 Totale 12 81L’azione di recupero e l’impegno messo inatto dagli studenti per recuperare le carenzefatte registrare nel primo quadrimestre hannoconsentito esiti ampiamente positivi 25
  25. 25. LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011 Di seguito riportiamo gli indicatori di efficienza: il numero medio di ore aggiuntive per studente, la quota del FIS (Fondo di Istituto) destinata a recuperi e approfondimenti. I dati indicano un numero di ore aggiuntive limitato e una spesa bassa perché sono state privilegiate le seguenti modalità di recupero: - recupero curricolare (durante le ore di lezione) - recupero con studio autonomo sotto la guida del docente Quota parte FIS destinata alle attività di recupero € 2.030,00 Spese impegnate per attività di approfondimento € 260,87Il giudizio di Famiglie, Docenti e Studenti sull’efficacia degli interventi di Recupero/ potenziamento conferma lapositività degli esiti conseguiti. L’alta percentuale degli studenti che ritengono di “non avere informazione sufficientiper rispondere alla domanda è dovuta al fatto che sono coinvolti in queste attività solo gli alunni che acquisiscono debiti formativi. Il processo di apprendimento degli studenti è quotidianamente guidato dai docenti nell’attività didattica curricolare ed è in aula, durante la lezione, che emergono le difficoltà incontrate dagli alunni nello studio. Differenziate sono però le opinioni in merito all’aiuto ricevuto dai docenti in tali circostanze; se docenti e famiglie ritengono che gli studenti trovano negli insegnanti l’ aiutonecessario a superare ledifficoltà dello studio, piùdel 50% degli studentinon concorda e non sisente dunquesufficientementesupportato dai docenti difronte alle difficoltà distudio. Questo rilievosarà oggetto di riflessioneper la definizione delleprospettive dimiglioramento.Necessario per sostenere il successo formativo degli studenti è anche il colloquio tra famiglie e docenti. E qui illivello di soddisfazione delle due componenti della comunità scolastica è netto e chiaro. 26
  26. 26. LICEO SCIENTIFICO STATALE ‘’Vito Volterra’’ – Bilancio Sociale 2010 - 2011 Favorire lo sviluppo della persona e la capacità di scelta attraverso il potenziamento3.1c dell‟offerta formativa con attività progettuali integrative L’Istituto arricchisce la propria offerta formativa con progetti/attività curricolari che fanno parte del percorso di studio obbligatorio e con progetti/attività extracurricolari facoltativi, effettuati perlopiù in orario pomeridiano. In queste attività/progetti gli alunni trovano occasione di potenziare sia competenze relazionali, sociali e comunicative, sia di migliorare competenze disciplinari specifiche del curricolo o di acquisire nuove conoscenze o abilità e, mettendo alla prova se stessi in contesti diversificati, essi possono sperimentare le proprie attitudini e capacità così da maturare una migliore consapevolezza di sé per cominciare a progettare le future scelte di studio e di lavoro. Una parte significativa di progetti/attività realizzati dalla scuola sono qui di seguito descritti. Tutti sono stati completati, per alcuni, quelli extracurricolari, sono posti gli indicatori di efficacia, in termini di esiti, e gli indicatori di efficienza relativi ai costi, che qui sono statisticamente posti in relazione ai partecipanti o alle spese complessive Attività e progetti per il miglioramento delle competenze in lingua straniera Certificazione in lingua: esami di Certificazione CAMBRIDGE Preparazione ad esami per il conseguimento di certificazione linguistiche spendibili nel mondo della formazione e del lavoro, riconosciute in Europa (PET e FCE). L’attività accresce la motivazione allo studio delle lingue straniere e sviluppa le abilità linguistiche ( in collaborazione con Lingua Center, Iesi).Alunni coinvolti Docenti coinvolti Esiti42 1 docente esterno 33 certificazioniSpesa media per partecipante Spesa personale impegnato nel Spesa progetto/spesa totale progetti progetto/numero partecipanti€ 103,38 € 3,75 7,15% Lettore di madrelingua Attività curricolare per le classi seconde e quarte della sede centrale e della sezione staccata: il lettore in compresenza con l’insegnante di lingua (10 ore per ogni classe) effettua una vasta gamma di attività per rafforzare le competenze comunicative nella lingua straniera in situazioni realistiche e sviluppare l’abitudine alla discussione e la capacità di lavorare efficacemente in gruppoAlunni coinvolti Docenti coinvolti Esiti98 alunni delle classi 2^ 1 docente esterno Coinvolgimento diretto degli alunni nelle106 alunni 4 docenti interni attività d’ auledelle classi 4^ Teatro in lingua Visione a teatro (Ancona, Fabriano), in orario curricolare, di celebri opere letterarie in lingua inglese per avvicinare gli allievi al teatro come forma di intrattenimento, comunicazione e veicolo di cultura linguistico-letteraria, potenziare le conoscenze e competenze comunicative nella lingua straniera, realizzare approfondimenti su autori e opere oggetto di studioAlunni coinvolti Docenti coinvolti Esiti434 5 Docenti inglese Progetto Leonardo Il progetto prevede un soggiorno di studio e lavoro di tre settimane in un paese della Comunità Europea al fine di valorizzare le eccellenze: con l’utilizzo dell’Inglese come lingua veicolare e uno stage di lavoro presso aziende del luogo; l’alloggio è presso famiglie. Si effettuano inoltre visite guidate per la conoscenza dell’ambiente e del lifestyle del paese in cui si è ospitati.Alunni coinvolti Docenti coinvolti Esiti12 alunni selezionati, con 2 docenti inglese Certificazione Europass per i 12 alunniconcorso interno, tra glistudenti delle classi quarteSpesa media per partecipante Spesa personale impegnato nel Spesa progetto/spesa totale progetti progetto/numero partecipanti 27

×