Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
OpenData, un percorso tra:
● giurisprudenza
● formati e strumenti
● modalità di pubblicazione
Andrea Borruso, Mario Grimal...
Europa 2020 è la strategia decennale per la crescita sviluppata
dall'Unione europea
La strategia Europa 2020 mira a una cr...
Europa 2020 è la strategia decennale per la crescita
sviluppata dall'Unione europea
L'UE intende promuovere la crescita in...
L’ Agenda digitale Europea rappresenta uno dei 7 pilastri
della Strategia “Europa 2020”, che indica gli obiettivi per
la c...
il Decreto Legge 9 febbraio 2012, n. 5 “Semplificazioni”, all’art.49,
intitolato “Agenda digitale italiana”, affronta i se...
L’ attuazione dell’Agenda digitale italiana richiede il coordinamento
di molteplici azioni in capo alla Pubblica amministr...
90 azioni per la PA digitale
CAP 3. Infrastrutture
CAP 4. Modello di interoperabilità
CAP 5. Dati della PA
CAP 6. Piattafo...
I dati delle pubbliche amministrazioni, unitamente ai meccanismi e alle
piattaforme create per offrire servizi, costituisc...
- basi di dati di interesse nazionale, ovvero basi di dati affidabili, omogenee
per tipologia e contenuto, rilevanti per l...
Modello strategico: Cap 9 Strumenti per la generazione e la
diffusione di servizi digitali
- Designers Italia: il progetto...
Il CAD ha previsto che le PA, nel momento che sono proprietarie di
software lo mettano a disposizione di altre PA interess...
A. domicilio digitale
B. difensore civico
C. meno regole tecniche e più linee guida
D. cittadinanza digitale
E. il “ricicl...
Art. 68. Analisi comparativa delle soluzioni
1. Le pubbliche amministrazioni acquisiscono programmi informatici o parti di...
Art. 69. Riuso delle soluzioni e standard aperti
1. Le pubbliche amministrazioni che siano titolari di soluzioni e program...
Open Data
Disponibilità e accesso: i dati devono essere disponibili nel loro
complesso, in un formato utile e modificabile...
“Le tre grazie”
open source
open data
open knowledge
foto di Davide Mauro
“How do voice assistants like Alexa and Siri know so much? How
can search engines tell you the height of Mount Kilimanjaro...
Dati aperti: formati file più diffusi oggi in Italia
Statistiche su circa 80000 risorse del portale nazionale sui dati ape...
Oltre i formati e oltre l’ordinario
● non (solo) perché è open;
● perché (spesso) funziona
bene;
● perché (spesso) è ben
documentato;
● perché (spesso) attorn...
Strumenti: LibreOffice (nel mondo open data)
Gli strumenti sono un po’ come ...
Strumenti: la shell
● la shell è “vicinissima” al filesystem, quindi di base buone performance;
● da shell si ha un grande...
Strumenti: i notebook
“open-source web application that
allows you to create and share
documents that contain live code,
e...
Economia basata sui dati nell'UE
European Commission: Digital Single Market: EU negotiators agree on new rules for sharing...
modalità di pubblicazione documentale online: readthedocs.org
su
pc desktop
su
mobile
● linee guida
● manuali
● pubblicazioni scientifiche
● guide
● cataloghi
● atti amministrativi con molti paragrafi/capitoli
...
Responsive
Funzioni avanzate di ricerca nel testo
Fornisce testo in formato HTML, EPUB e PDF
Codice sorgente aperto del te...
cosa serve per creare online un documento con readthedocs.org?
● utile ma non necessario: un account
Google per usare Goog...
cosa posso inserire in un documento su readthedocs.org?
● video
● immagini
● mappe interattive
● linee di codice
● tabelle...
è un formato usato dal Team Trasformazione Digitale e da AgID
Codice dell'Amministrazione Digitale
Piano triennale per l'i...
Grazie mille
Andrea Borruso, Mario Grimaldi, Ciro Spataro
(membri della comunità OpenDataSicilia)
www.opendatasicilia.it t...
OpenData, un percorso tra giurisprudenza, formati e strumenti e modalità di pubblicazione - Andrea Borruso, Mario Grimaldi...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

OpenData, un percorso tra giurisprudenza, formati e strumenti e modalità di pubblicazione - Andrea Borruso, Mario Grimaldi e Ciro Spataro, OpenData Sicilia

13 views

Published on

Andrea Borruso, Mario Grimaldi e Ciro Spataro di OpenData Sicilia ci spiegano cosa siano gli OpenData caratterizzandole nei loro aspetti legali, di formato, di strumenti per organizzarli e gestirli e di alcuni strumenti per la loro pubblicazione durante la Sesta Conferenza Italiana LibreItalia (LibreItaliaConf 2019) tenutasi a Palermo l'11 maggio 2019.

Published in: Technology
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

OpenData, un percorso tra giurisprudenza, formati e strumenti e modalità di pubblicazione - Andrea Borruso, Mario Grimaldi e Ciro Spataro, OpenData Sicilia

  1. 1. OpenData, un percorso tra: ● giurisprudenza ● formati e strumenti ● modalità di pubblicazione Andrea Borruso, Mario Grimaldi, Ciro Spataro (membri della comunità OpenDataSicilia) #libreitaliaconf 2019 - Palermo, 11 maggio 2019 bit.ly/libreitalia2019_ods
  2. 2. Europa 2020 è la strategia decennale per la crescita sviluppata dall'Unione europea La strategia Europa 2020 mira a una crescita che sia intelligente, crescita intelligente significa migliorare le prestazioni dell'UE nei seguenti campi: (istruzione, ricerca, società digitale) ● istruzione (incoraggiare le persone ad apprendere, studiare ed aggiornare le loro competenze) ● ricerca/innovazione (creazione di nuovi prodotti/servizi in grado di stimolare la crescita e l'occupazione per affrontare le sfide della società) ● società digitale (uso delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione) Europa 2020
  3. 3. Europa 2020 è la strategia decennale per la crescita sviluppata dall'Unione europea L'UE intende promuovere la crescita intelligente mediante tre iniziative prioritarie: 1. Agenda digitale europea 2. Unione dell’innovazione 3. Youth on the move Europa 2020
  4. 4. L’ Agenda digitale Europea rappresenta uno dei 7 pilastri della Strategia “Europa 2020”, che indica gli obiettivi per la crescita dell’UE fino al 2020. Lo scopo dell’Agenda Digitale è fare leva sul potenziale delle tecnologie ICT per favorire innovazione, progresso e crescita economica, avendo come obiettivo principale lo sviluppo del mercato unico digitale. Agenda digitale Europea
  5. 5. il Decreto Legge 9 febbraio 2012, n. 5 “Semplificazioni”, all’art.49, intitolato “Agenda digitale italiana”, affronta i seguenti temi: “Banda larga e ultra larga: Ancora oggi, il 5,6 % della popolazione, pari a 3,5 milioni di italiani si trovano in condizione di deficit digitale e più di 3000 località hanno problemi infrastrutturali che rendono più complessa la vita dei cittadini. Open Data: ossia la diffusione in rete dei dati in possesso delle amministrazioni, nell’ottica della totale trasparenza. Cloud: utilizzo del cloud computing, ovvero la dematerializzazione e condivisione dei dati e delle infrastrutture tra le pubbliche amministrazioni. Smart Communities: la spinta alle aziende pubbliche a tuffarsi nei social network, gli spazi virtuali in cui i cittadini possono scambiare opinioni e stimolare soluzioni condivise”. Agenda digitale italiana
  6. 6. L’ attuazione dell’Agenda digitale italiana richiede il coordinamento di molteplici azioni in capo alla Pubblica amministrazione, alle imprese e alla società civile e necessita di una gestione integrata delle diverse fonti di finanziamento nazionali e comunitarie (a livello centrale e territoriale) 31 maggio 2017 A tal fine l’Agenzia per l’Italia Digitale ha il compito di redigere il Piano triennale per l’informatica nella Pubblica amministrazione 2017- 2019 11 marzo 2019 Piano triennale per l’informatica nella Pubblica amministrazione 2019- 2021 Piano triennale per l’informatica
  7. 7. 90 azioni per la PA digitale CAP 3. Infrastrutture CAP 4. Modello di interoperabilità CAP 5. Dati della PA CAP 6. Piattaforme CAP 7. Ecosistemi CAP 8. Sicurezza CAP 9. Strumenti per la generazione e la diffusione di servizi digitali CAP 10. Modelli e strumenti per l’innovazione CAP 11. Governare la trasformazione digitale Piano triennale per l’informatica fontepianotriennaleperl’informatica-AGID
  8. 8. I dati delle pubbliche amministrazioni, unitamente ai meccanismi e alle piattaforme create per offrire servizi, costituiscono uno dei principali patrimoni digitali della PA. La valorizzazione del patrimonio informativo pubblico è un obiettivo strategico per la Pubblica amministrazione. Due ambiti strategici: - condivisione dei dati tra PA, a titolo gratuito, per finalità istituzionali; - riutilizzo dei dati, anche per finalità commerciali, da parte di portatori di interesse (stakeholder interessati). Modello strategico: Cap 5 Dati della PA Piano triennale per l’informatica
  9. 9. - basi di dati di interesse nazionale, ovvero basi di dati affidabili, omogenee per tipologia e contenuto, rilevanti per lo svolgimento delle funzioni istituzionali delle Pubbliche amministrazioni e per fini di analisi. Esse costituiscono l’ossatura del patrimonio informativo pubblico, da rendere disponibile a tutte le PA, facilitando lo scambio di dati ed evitando di chiedere più volte la stessa informazione al cittadino o all’impresa - open data, ovvero ‘’dati aperti’’, essi comportano un processo finalizzato a rendere i dati della Pubblica amministrazione liberamente usabili, riutilizzabili e ridistribuibili, da parte di chiunque e per qualunque scopo, anche commerciale, purché non siano soggetti a particolari restrizioni (ad es.: segreto di stato, segreto statistico, vincoli di protezione dei dati personali definite dal Garante della privacy); Piano triennale per l’informatica Modello strategico: Cap 5 Dati della PA
  10. 10. Modello strategico: Cap 9 Strumenti per la generazione e la diffusione di servizi digitali - Designers Italia: il progetto costituisce l’evoluzione delle Linee guida dei siti web della PA (rilascio di un kit per il design e lo sviluppo dei siti dei comuni e delle scuole); - Accessibilità: adeguare i siti web della PA agli adempimenti previsti dalla Direttiva europea 2016/2012, recepita col D. L.vo 106/2018 (pubblicazione obiettivi accessibilità); - Usabilità: utilizzo del protocollo eGLU per i test usabilità dei siti web della PA - Riuso delle soluzione e dei componenti software della PA con licenza aperta - Docs Italia: documenti pubblici digitali Piano triennale per l’informatica
  11. 11. Il CAD ha previsto che le PA, nel momento che sono proprietarie di software lo mettano a disposizione di altre PA interessate attraverso l’utilizzo delle licenze aperte. Questo paradigma sviluppato da AGID, permette di unire le seguenti esigenze: • l’utilizzo delle soluzioni e dei componenti software di proprietà della PA; • la scelta delle licenze aperte; • la condivisione (comunità) della gestione del software tra PA attraverso la piattaforma Developers Italia; Piano triennale per l’informatica Modello strategico: Cap 9.4 Riuso delle soluzioni e dei componenti software della PA con licenza aperta (open source)
  12. 12. A. domicilio digitale B. difensore civico C. meno regole tecniche e più linee guida D. cittadinanza digitale E. il “riciclo” del software F. Open data - DAF (Data & Analytics Framework) G. documento informatico (firme elettroniche) Codice dell’Amministrazione digitale (aggiornato al decreto legislativo 13 dicembre 2017, n. 217)
  13. 13. Art. 68. Analisi comparativa delle soluzioni 1. Le pubbliche amministrazioni acquisiscono programmi informatici o parti di essi nel rispetto dei principi di economicità e di efficienza, tutela degli investimenti, riuso e neutralità tecnologica, a seguito di una valutazione comparativa di tipo tecnico ed economico tra le seguenti soluzioni disponibili sul mercato: a) software sviluppato per conto della pubblica amministrazione; b) riutilizzo di software o parti di esso sviluppati per conto della pubblica amministrazione; c) software libero o a codice sorgente aperto; c-bis) software fruibile in modalità cloud computing; d) software di tipo proprietario mediante ricorso a licenza d'uso; e) software combinazione delle precedenti soluzioni. Codice dell’Amministrazione digitale Capo VI - Sviluppo, acquisizione e riuso di sistemi informatici nelle pubbliche amministrazioni
  14. 14. Art. 69. Riuso delle soluzioni e standard aperti 1. Le pubbliche amministrazioni che siano titolari di soluzioni e programmi informatici realizzati su specifiche indicazioni del committente pubblico, hanno l'obbligo di rendere disponibile il relativo codice sorgente, completo della documentazione e rilasciato in repertorio pubblico sotto licenza aperta, in uso gratuito ad altre pubbliche amministrazioni o ai soggetti giuridici che intendano adattarli alle proprie esigenze, salvo motivate ragioni di ordine e sicurezza pubblica, difesa nazionale e consultazioni elettorali. 2. Al fine di favorire il riuso dei programmi informatici di proprietà delle pubbliche amministrazioni, ai sensi del comma 1, nei capitolati o nelle specifiche di progetto è previsto, salvo che ciò risulti eccessivamente oneroso per comprovate ragioni di carattere tecnico-economico, che l'amministrazione committente sia sempre titolare di tutti i diritti sui programmi e i servizi delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione, appositamente sviluppati per essa. Codice dell’Amministrazione digitale Capo VI - Sviluppo, acquisizione e riuso di sistemi informatici nelle pubbliche amministrazioni
  15. 15. Open Data Disponibilità e accesso: i dati devono essere disponibili nel loro complesso, in un formato utile e modificabile, senza barriere tecnologiche. Riutilizzo e ridistribuzione: i dati devono essere forniti a condizioni tali da permetterne il riutilizzo e la ridistribuzione. Partecipazione universale: tutti devono essere in grado di usare, riutilizzare e ridistribuire i dati. Non ci devono essere discriminazioni né di ambito di iniziativa né contro soggetti o gruppi.
  16. 16. “Le tre grazie” open source open data open knowledge foto di Davide Mauro
  17. 17. “How do voice assistants like Alexa and Siri know so much? How can search engines tell you the height of Mount Kilimanjaro (5,895 meters) so quickly and so accurately? Now more than ever, it is because they have access to more than 60 million open data records via Wikidata.” mozilla Internet Health report 2019
  18. 18. Dati aperti: formati file più diffusi oggi in Italia Statistiche su circa 80000 risorse del portale nazionale sui dati aperti: https://www.dati.gov.it/
  19. 19. Oltre i formati e oltre l’ordinario
  20. 20. ● non (solo) perché è open; ● perché (spesso) funziona bene; ● perché (spesso) è ben documentato; ● perché (spesso) attorno c’è una comunità ● ...
  21. 21. Strumenti: LibreOffice (nel mondo open data)
  22. 22. Gli strumenti sono un po’ come ...
  23. 23. Strumenti: la shell ● la shell è “vicinissima” al filesystem, quindi di base buone performance; ● da shell si ha un grande controllo sul sistema; ● la ricchezza di utility disponibili che fanno “una sola cosa e bene”, con file di testo strutturato, è senza pari; ● da shell si interroga un database, si accede ad un API, si apre un foglio elettronico remoto e si fa anche web scraping; ● l’interfaccia universale è il testo e gli strumenti interoperano tra loro by default; ● si possono lanciare processi paralleli e/o distribuiti; ● si possono creare processi di ETL (extract, transform, load); ● è utilizzabile dovunque e ti consente di invocare Python ed R; ● c’è quasi da 50 anni.
  24. 24. Strumenti: i notebook “open-source web application that allows you to create and share documents that contain live code, equations, visualizations and narrative text. Uses include: data cleaning and transformation, numerical simulation, statistical modeling, data visualization, machine learning”
  25. 25. Economia basata sui dati nell'UE European Commission: Digital Single Market: EU negotiators agree on new rules for sharing of public sector data
  26. 26. modalità di pubblicazione documentale online: readthedocs.org su pc desktop
  27. 27. su mobile
  28. 28. ● linee guida ● manuali ● pubblicazioni scientifiche ● guide ● cataloghi ● atti amministrativi con molti paragrafi/capitoli ● tesi di laurea ● tutorial ● normativa ● sito personale ● …... è un formato di pubblicazione online utile per pubblicare:
  29. 29. Responsive Funzioni avanzate di ricerca nel testo Fornisce testo in formato HTML, EPUB e PDF Codice sorgente aperto del testo online (GitHub) Elegante e bello da vedere Versionamento perchè usare "Read the Docs" per la pubblicazione documentale?
  30. 30. cosa serve per creare online un documento con readthedocs.org? ● utile ma non necessario: un account Google per usare Google doc e anche utile, ma non necessario, il componente aggiuntivo GG editor (su Google doc), per trasformare pagine di testo in formato .RST (re Structured Text); ● un account GitHub che fa da contenitore di file del progetto; ● un account su readthedocs.org per esporre le pagine in formato .html un comodo tutorial per usare questi strumenti e creare una pubblicazione di documenti su readthedocs è disponibile qui: googledocs.readthedocs.io (prodotto con readthedocs)
  31. 31. cosa posso inserire in un documento su readthedocs.org? ● video ● immagini ● mappe interattive ● linee di codice ● tabelle (posso "embeddare" vari elementi tramite l'uso del codice html)
  32. 32. è un formato usato dal Team Trasformazione Digitale e da AgID Codice dell'Amministrazione Digitale Piano triennale per l'informatica nella Pubblica Amministrazione
  33. 33. Grazie mille Andrea Borruso, Mario Grimaldi, Ciro Spataro (membri della comunità OpenDataSicilia) www.opendatasicilia.it twitter.com/opendatasicilia

×