Presentazione PCT Lexteam

1,467 views

Published on

Published in: Technology
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,467
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Presentazione PCT Lexteam

  1. 1. Perugia, 9 giugno 2011<br />Lo stato dell’arte del “Sistema Giustizia” – Gli strumenti software a disposizione degli Avvocati – L’accesso in mobilità ai dati degli Uffici Giudiziari<br />Gabriele Bonito – Product Manager Lexteam S.r.l.<br />
  2. 2. Il nostro ruolo come azienda privata, al servizio dell’Avvocatura<br />Chi è TeamSystem: oltre 190 mil Euro di fatturato, circa 1.200 dipendenti, circa 90.000 clienti, la più grande SW house italiana sul mercato dei professionisti e PMI, attiva anche nel settore della Formazione Professionale.<br />Perché ha deciso di investire nel settore Avvocatura<br />La copertura del territorio: la rete di Software Partner ed il supporto on-site<br />La convenzione con Cassa Forense e le partnership con le associazioni di categoria, lo sviluppo di strumenti per il Ministero della Giustizia, il progetto MagOffice per i Magistrati.<br />
  3. 3. Il PCT – Cos'è il Processo Civile Telematico<br />Il Processo Civile Telematico è il progetto del Ministero della Giustizia che si pone l’obiettivo di automatizzare i flussi informativi e documentali tra utenti esterni (avvocati e ausiliari del giudice) e Uffici Giudiziari relativamente ai processi civili.<br />Il sistema realizzato per il PCT consente all’Avvocato di:<br /><ul><li> redigere e firmare l’atto di parte;
  4. 4. depositare l’atto di parte;
  5. 5. ricevere comunicazioni da parte dell’Ufficio Giudiziario;
  6. 6. consultare via internet o via intranet (presso gli Uffici Giudiziari) i propri fascicoli.</li></ul>Il PCT in realtà non è un nuovo tipo di processo civile, con regole nuove, ma è più semplicemente l’introduzione di strumenti informatici nel tradizionale processo, con l’obiettivo di creare un’efficiente cooperazione telematica tra gli attori del processo medesimo.<br />Questo progetto quindi istituisce, definisce ed organizza le modalità attraverso le quali i documenti giudiziari in formato elettronico vengono prodotti, depositati, notificati, consultati e utilizzati dagli Attori pubblici (personale di cancelleria, giudici, ufficiali giudiziari, Avvocatura dello Stato e delle amministrazioni pubbliche) e privati (avvocati, CTU, CTP e notai) coinvolti nel processo.<br />
  7. 7. Il momento storico<br /><ul><li>L’introduzione delle nuove tecnologie di comunicazione tra Sistema Giustizia e Avvocati è una realtà di “work in progress”
  8. 8. Gli Avvocati non possono più rimanere privi delle nuove tecnologie, pena l’efficienza dell’intero sistema Giustizia
  9. 9. Alcune aree di attività sono coinvolte per prime: i Decreti Ingiuntivi e le procedure Esecutive e Concorsuali
  10. 10. Avvocati e magistrati si trovano, come attori esterni ed interni del Processo Civile Telematico, ad accedere ai dati ed ai documenti elettronici, ma anche ad alimentare i data base ed il repository documentale.</li></li></ul><li>Cosa significa in termini pratici<br />OGGI: le attività di deposito degli atti vengono ancora effettuate presso gli sportelli di Cancelleria<br />MOLTO PRESTO: le stesse attività potranno (e poi dovranno) essere effettuate dallo studio, via Internet, utilizzando la propria Firma Digitale. <br />
  11. 11. Un aggiornamento sulla situazione dell’informatizzazione della Giustizia sul territorio (*)<br />Dati relativi ai Sistemi Informativi installati presso gli Uffici Giudiziari, settore Civile:<br />Il sistema SIECIC per le esecuzioni civili individuali e concorsuali è attivo in tutti i 26 Distretti (in 165 su 165 Tribunali italiani = 100% dei Tribunali) <br />Il sistema SICID per la cognizione civile è attivo in 18 distretti su 26  (in 127 tribunali su 165 = 61% dei Tribunali) <br />(*) Fonte: Conferenza stampa ministri Brunetta e Alfano del 13 gen. 2011<br />
  12. 12. La situazione del territorio: i sistemi di consultazione <br />Dati relativi alla consultazione via Internet dei dati processuali:<br />Processo di cognizione: il servizio è  attivo in 174 uffici giudiziari (23 Corti di Appello, 151 Tribunali e relative sezioni distaccate = 91% dei Tribunali) <br />Processo esecutivo: il servizio è attivo in 81 Tribunali <br />Su tutto il territorio nazionale è attivo il sistema per la consultazione degli atti trattati dagli uffici dei Giudici di Pace<br />
  13. 13. Il Piano straordinario di digitalizzazione(*)<br />(*) Conferenza stampa dei Ministri Brunetta e Alfano - Roma, 24 maggio 2011<br />
  14. 14. L’architettura attuale<br />Dominio Giustizia<br />Ufficio giudiziario<br />Gestore locale<br />Server distrettuale<br />Avvocato<br />
  15. 15. La nuova architetturaD.L. 193/2009 (L. 24/2010)  nuove regole tecniche<br />Dominio Giustizia<br />Trasmissioni telematiche<br />Ufficio giudiziario<br />Server distrettuale<br />Gestore servizi telematici<br />Avvocato<br />Consultazione<br />Consultazione<br />Consultazione<br />
  16. 16. I cambiamenti strategici legati alla nuova architettura<br />Dominio Giustizia<br />Viene implementata la logica di comunicazione tra Uffici Giudiziari e Avvocati nel modello “Application to Application”<br />Per l’invio della busta telematica è sufficiente una normale casella PEC<br />Il software di studio diventa la porta di comunicazione in modalità Web Service con il mondo degli Uffici Giudiziari<br />I sistemi software integrati permettono la consultazione via web del tipo “PolisWeb” con scarico di tutti gli elementi utili (documenti, biglietti di cancelleria, ecc.) direttamente nei fascicoli salvati in locale<br />WEB<br />Services<br />Gestionale<br />LegalSystem<br />
  17. 17. L’indirizzario e lo status del professionista<br />Dominio Giustizia<br />Server distrettuale<br />Gestore servizi telematici<br />Avvocato<br />Registro generale<br />Indirizzi elettronici<br />Albo<br />+ indirizzo PEC <br />
  18. 18. Il Software Redattore degli Atti<br />E’ un modulo software che consente l’automazione delle funzioni comunemente utilizzate dall’Avvocato, facilitandone il lavoro quotidiano.<br />Ha la funzione di salvare gli atti in un formato che sia conforme alle specifiche (formato .xml e predisposizione della busta) e consente di allegare gli eventuali documenti da produrre unitamente all'atto (formato Pdf). <br />Il programma assiste l'avvocato nella creazione e nell'apposizione della firma digitale alla busta telematica, che potrà essere così inviata al Sistema Informatico Civile.<br />
  19. 19. EasyPCT: il modulo per il processo civile telematico<br />
  20. 20. EasyPCT: il modulo per il processo civile telematico<br />
  21. 21. EasyPCT: il modulo per il processo civile telematico<br />
  22. 22. EasyPCT: il modulo per il processo civile telematico<br />
  23. 23. EasyPCT: il modulo per il processo civile telematico<br />
  24. 24. EasyPCT: il modulo per il processo civile telematico<br />
  25. 25. EasyPCT: il modulo per il processo civile telematico<br />
  26. 26. EasyPCT: il modulo per il processo civile telematico<br />
  27. 27. EasyPCT: il modulo per il processo civile telematico<br />
  28. 28. Il Software Redattore degli Atti<br />Si sottolinea che il programma “EasyPCT” è già conforme alle nuove regole tecniche del PCT, che in ossequio a quanto previsto nel DL n.193 del 29 dicembre 2009, converito nella Legge 22 febbraio 2010 n. 24, prevedono l’utilizzo della PEC da parte dell’avvocato anziché della CPECPT interna al Punto d’Accesso. All’entrata in vigore della nuova normativa sarà quindi sufficiente inoltrare la busta predisposta con “EasyPCT” via PEC, senza la necessità di apportare alcuna modifica né alle abitudini di lavoro dell’avvocato né al software. <br />
  29. 29. Flusso di deposito<br />Dominio Giustizia<br />Ricevuta di<br />Avvenuta<br />consegna<br />Ricevuta di<br />accettazione<br />Server distrettuale<br />Gestore servizi telematici<br />Atto e allegati<br />Busta telematica<br />Certificazione status<br />Registro generale<br />Indirizzi elettronici<br />Esito controlli automatici<br />Esito controlli manuali<br />Avvocato<br />Software LegalSystem<br />
  30. 30. L’accettazione del Cancelliere<br />
  31. 31. Flusso comunicazione/notifica<br />Dominio Giustizia<br />Ricevuta di<br />Avvenuta<br />consegna<br />Server distrettuale<br />Gestore servizi telematici<br />Avvocato<br />Registro generale<br />Indirizzi elettronici<br />Autenticazione forte e download<br />Documento con dati sensibili<br />
  32. 32. Utilizzando LegalSystemConsultazione delle informazioni del dominio Giustizia<br />Dominio Giustizia<br />Gestore servizi telematici<br />Avvocato /<br />Utente Privato<br />(cittadino o azienda)<br />Consultazione dati Polisweb<br />Aggiornamento fascicoli di studio<br />Creazione nuove pratiche<br />Gestionale LegalSystem<br />
  33. 33. Gestione Telematica dello Studio Legale<br />Uno degli elementi di criticità riscontrata tra gli studi legali, è data dall’integrazione tra le varie procedure utilizzate in ordine all’automazione generale dello studio.<br />Lo studio legale deve diventare il luogo dove le informazioni nascono in forma di dati, e fluiscono da e verso il Sistema Giustizia<br />Spesso l’informatizzazione parziale presente negli studi professionali non risponde ad un progetto organico, ma tenta di affrontare le necessità di automazione in relazione alle singole esigenze o in riferimento ai vari adempimenti a cui è sottoposta la categoria.<br />
  34. 34. Gestione Telematica dello Studio Legale<br />Per una gestione funzionale dello studio legale è consigliabile utilizzare dei software sviluppati nell’ottica di una completa integrazione ed interazione telematica con gli Uffici Giudiziari. Pertanto il software di studio deve essere in grado di:<br /><ul><li>Acquisire e riallineare i dati consultabili telematicamente da PolisWeb, con l’agenda elettronica di studio e con il relativo inserimento automatico dei termini di scadenza.
  35. 35. Compilare e trasmettere telematicamente gli atti agli uffici giudiziari attraverso il proprio “Redattore atti telematici” integrato, conforme agli standard richiesti dal Ministero della Giustizia.
  36. 36. Organizzare su un’unica piattaforma tutta l’attività dello studio legale, risolvendo i problemi legati all’utilizzo di molteplici programmi dedicati all’adempimento delle singole attività.</li></li></ul><li>Il Sistema Integrato per la gestione dello studio legale<br /><ul><li>La gestione del fascicolo (elettronico) diventa il punto focale dell’attività
  37. 37. I documenti originali sono i file firmati elettronicamente, raggruppati in “plichi” elettronici. Vanno trattati con una gestione documentale adeguata.
  38. 38. Ogni eventuale stampa di questi documenti ha valore di semplice copia
  39. 39. C’è un “ribaltamento” tra la dignità dello stampato e quella del file
  40. 40. E’ necessario che il sistema di gestione studio sia progettato per risolvere questo tipo di esigenza</li></li></ul><li>Il Sistema Integrato per la gestione dello studio legale<br />
  41. 41.
  42. 42.
  43. 43.
  44. 44.
  45. 45.
  46. 46. Scadenze dei termini recuperate dai Registri di Cancelleria<br />
  47. 47. La consultazione dei dati degli Uffici Giudiziari<br />Il modulo EasyPolis per il monitoraggio dei dati<br /><ul><li>E’ un modulo software che provvede a monitorare ogni tot di tempo (definibile) tutti gli uffici giudiziari a cui l’avvocato è interessato.
  48. 48. Il monitoraggio avviene in modalità non assistita, purché all’inizio dell’attività sia messa a disposizione la smart card/UsbKeyper l’autenticazione.
  49. 49. Viene realizzata una copia locale dei dati, disponibile in qualunque momento per la consultazione
  50. 50. Tutti i nuovi eventi vengono notificati agli interessati via Email/Sms</li></li></ul><li>La consultazione in mobilità <br /><ul><li>Le nuove modalità di connessione ai dati degli Uffici Giudiziari permettono la consultazione delle informazioni sui più diffusi dispositivi mobili</li></ul>IPad/IPhone<br />WEB<br />Recupero dati e documenti<br />Servizi di navigazione sull’apn BlackBerry®<br />BlackBerry<br />Recupero dati e documenti<br />
  51. 51. Il partner tecnologico<br /><ul><li>Assumerà sempre maggiore importanza la figura del referente informatico quale unica interfaccia tra le nuove esigenze dello Studio Legale e gli strumenti hardware/software necessari al PCT.
  52. 52. L’azienda dovrà possedere il know-how per poter affiancare gli Avvocati e insieme governare tali cambiamenti.
  53. 53. Con l’obbligo dell’invio telematico non sarà più possibile consegnare i documenti in forma cartacea. Eventuali blocchi/errori di sistema (lato studio) non interrompono tale modalità.
  54. 54. Poter offrire allo studio un supporto tempestivo e geograficamente vicino.
  55. 55. Fornitura degli strumenti tecnologicamente più avanzati alle migliori condizioni economiche.</li></li></ul><li>Domande e risposte…<br />

×