Stato Iya Ottobre 2007

669 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
669
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
31
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Stato Iya Ottobre 2007

  1. 1. Stato dell’Anno dell’Astronomia report informale Leopoldo Benacchio Novembre 2009
  2. 2. PREMESSA -1 • Che cosa è un “Anno di qualcosa”, chi e come lo dichiara worldwide. • E’ importante capire il meccanismo attraverso cui un particolare anno del calendario viene dichiarato/dedicato a qualcosa, qualcuno. • Ovviamente si tratta di un suggerimento, una ispirazione che varie associazioni o istituzioni possono dare accordandosi localmente o a livello continentale etc etc fra loro. A volte lo fanno anche governi per il loro Paese. • Pochi sono però gli ”anni di qualcosa” DOC, che sono quelli che sono proclamati esclusivamente dalle Nazioni Unite nelle riunioni dell’Assemblea Generale.
  3. 3. DIAPO 2 • I passaggi per arrivare a questa importante dichiarazione sono : 1 dichiarazione dell’Unesco, che suggerisce ad ONU di adottare la decisione di dichiarare l’anno xxxx “anno di yyy” 2 adozione della dichiarazione Unesco da parte di UN (ammissione alla discussione) e 3 successiva votazione.
  4. 4. DIAPO 3 • E’ poi da chiarire che : dal livello Unesco in poi si tratta di un lavoro, e quindi mentalità e metodi, di tipo diplomatico. La scienza quindi è poco rilevante … • Tutta la procedura, Unesco e ONU, deve venire portata avanti da un solo Paese, diciamo capocordata, che ne è lo sponsor. Altri Paesi poi possono figurare come co-sponsor e altri accodarsi con ruolo positivo (si tratta di definizioni e ruoli di tipo diplomatico). • L’importante è poi capire che possono esistere anche pareri negativi e soprattutto veti!
  5. 5. DIAPO 4 • Per l’anno dell’Astronomia il Paese Sponsor è l’Italia.
  6. 6. DIAPO 5 ANNO DELL’ASTRONOMIA: CRONISTORIA ESSENZIALE
  7. 7.  DIAPO 6  2003 :  all’Assemblea IAU di Sidney del 2003 passa l’idea, e viene fatta una risoluzione formale, di attivarsi affinché il 2009 venga dichiarato dall’ONU “anno dell’Astronomia”.  Il Presidente è italiano, Franco Pacini, ed il 2009 è anche l’anno del IVto centenario del “cannocchiale galileiano”.  Lo scopo dell’Anno dell’Astronomia comunque è di introdurre e propagandare al grande pubblico l’astronomia e l’astrofisica moderna.
  8. 8. DIAPO 7 2005 • UNESCO in una risoluzione formale, 33 esima sessione, raccomanda di dichiarare il 2009 anno dell’astronomia • Vengono formati due Comitati in Italia, uno di legge (Beni culturali), su richiesta dei sindaci di Padova, Firenze, Pisa (città galileiane) per il IVto centenario del cannocchiale, • ed uno, su proposta INAF (Benvenuti), all’allora Ministero (unico) Istruzione, Università e Ricerca per l’anno dell’Astronomia. Quest’ultimo comitato, per quanto successo in INAF nel 2006, praticamente non entrerà in funzione. • Inizia però a diffondersi una certa confusione fra le due ricorrenze. Ora sembra chiarita e la sinergia fra i due, nel nostro Paese, si pensa come positiva.
  9. 9. DIAPO 8 2006 IAU, nell’Assemblea di Praga (agosto), ribadisce la propria volontà di festeggiare nel 2009 l’anno dell’Astronomia. Viene stabilito un Comitato (C.Cesarsky presidente e viene data una organizzazione). Il sito www.astronomy2009.org è ben fatto e documentato in modo analitico sulle iniziative in tutto il mondo, è aggiornato. Ovviamente IAU puo’ anche dichiarare che il 2009 è l’anno dell’Astronomia, ma per i governi non ha alcun valore, se non morale.
  10. 10. DIAPO 9  2006  settembre-ottobre: è il momento di maggiore crisi, il rappresentante italiano ad ONU fa presente la contrarietà di molti importanti Paesi (UK, Francia, USA, altri) a far dichiarare a ONU altri “anni di qualcosa” per l’eccessiva proliferazione di queste ricorrenze, con conseguente perdita di incisività.  Si tratta di preparare una buona documentazione ed andare in delegazione (una qualificatissima rappresentanza di scienziati europei corroborata da un numero sufficiente di delegazioni nazionali diplomatiche) a perorare la causa a New York.  Per vari motivi il tentativo abortisce.
  11. 11. DIAPO 10 2007 Convegno IAU in marzo sull’Anno internazionale dell’Astronomia a Monaco/ ESO, vengono presentate le prime idee di varie nazioni orientate verso il grande pubblico. La maggioranza dei Paesi ha ancora proposte piuttosto grezze e di tipo “astrofilico” più che professionali, ossia atte a far conoscere l’attività dell’astrofisica come scienza. Viene discussa una possibile collisione (specie nel caso USA) con “lo spazio”.
  12. 12. DIAPO 11  2007  Giugno-Luglio. Ad INAF si rimette mano con vigore all’’anno dell’Astronomia, con la determinazione di “salvare” l’iniziativa dato che, a livello globale (europa america asia) tutti aspettano che ONU faccia qualcosa ma nessuno si muove perché questo succeda.  L’iniziativa portata avanti in poco tempo da INAF, Grazie al Ministero degli Esteri e dalla delegazione italiana ad UNESCO (Ezio Bussoletti) , riesce a trovare la via “buona”, che è quella diplomatica e non quella scientifica. Il lavoro combinato porta alla presentazione di una proposta formale da parte della delegazione italiana a UN cosponsorizzata e/o sostenuta da un numero notevole di Paesi.  Altro risultato : nessun Paese porrà il diritto di veto alla risoluzione. Si attende una decisione per il mese di dicembre.
  13. 13. DIAPO 12 • 2007 luglio: viene stabilito un contatto con il comitato quarto centenario galileiano e c’e’ uno scambio di informazioni e di rappresentanti • 2007 Luglio: Il ministro Mussi incarica formalmente INAF per quanto riguarda l’anno dell’Astronomia ad “agire per conto del Ministero in questo specifico ambito, continuando a rappresentare l’Italia presso la comunità astrofisica internazionale e svolgendo un ruolo di coordinamento nei confronti di quella nazionale”.
  14. 14. DIAPO 13 2007 Luglio: tiger committee , viene riunito un “tiger committee” (one shot meeting, bologna 26 luglio) di 5 persone (colangeli , maccacaro, gioia, messerotti, risaliti) per esaminare la situazione prima delle ferie, avere opinioni e eventuali proposte aggiuntive a quelle ricevute. Luglio – ottobre: a più riprese vengono formalmente sollecitati i direttori delle strutture, ed i “referenti per la comunicazione” delle strutture stesse ad avanzare proposte e dare notizie su eventuali
  15. 15. DIAPO 14 2007 • il 1° novembre u.s. presso il Palazzo delle Nazioni Uniti è stata presentata, nell'ambito della discussione su quot;Globalization and interdependence:science and technology for developmentquot; del II Comitato dell'Assemblea Generale, una proposta di risoluzione per la proclamazione del 2009 come Anno Internazionale dell'Astronomia.
  16. 16. DIAPO 14 2007 • Nella stessa giornata, si è svolto un “side event” in cui, una delegazione tecnico-scientifica, alla presenza dall'Ambasciatore Mantovani della Rappresentanza Italiana Permanente presso le Nazioni Unite, composta • dai rappresentanti INAF Leopoldo Benacchio (Capo Delegazione) e Nella Le Moli , dai rappresentati di IAU ed ESO, Catherine Cesarski , Robert Williams, Beatriz Barbuy, Claus Madsen e Kevin Govender • ha illustrato ai rappresentanti governativi dei vari paesi motivazioni, principi, organizzazione, attività e destinatari principali dell'Anno Internazionale, nonché l' impatto che ne può derivare.
  17. 17. DIAPO 14 2007 • La risoluzione dovrebbe essere (il condizionale è d'obbligo) formalmente adottata entro i primi giorni di dicembre.
  18. 18. • Link utili • Sito IAU per anno dell’astronomia www.astronomy2009.org • Sito convegno di marzo ad ESO su IYA http://www.communicatingastronomy.org/iya_eso/ • • Sito convegno di ottobre ad Atene http://www.communicatingastronomy.org/cap2007/ • Presentazione “italia” a convegno eso marzo 2007, già segnalata ad aprile : http://www.slideshare.net/leopoldo1950/italy-iya2009-garching-me

×