Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Social media monitoring 2010

4,865 views

Published on

Social media monitoring Workshop, organizzato da DML con la partecipazione di Lithium Technologies.

Published in: Business

Social media monitoring 2010

  1. 1. Leonardo Bellini leonardo@dml.it Social Media monitoring http://www.dml.it http://www.digitalmarketinglab.it Workshop Twitter: @dmlab 29 ottobre 2010
  2. 2. AGENDA  L’importanza dell’ascolto  Monitorare le conversazioni on line  Dove, chi, come...  Il processo di social monitoring  Coffee break  Demo Piattaforma Scout Labs  Domande e risposte | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  3. 3. L’importanza dell’ascolto | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010 3
  4. 4. Non ci sono più segreti!  I social media impediscono di dare per scontato che le informazioni possano essere nascoste  Le informazioni che influiscono negativamente sulla brand reputation si diffondono su blog e Facebook veloci come mai prima  E’ importante monitorare tutti gli user generated media rilevanti   E’ determinante abbandonare l’approccio da “rassegna stampa” e predisporsi verso una rilevazione in “real time” | 4 | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  5. 5. POWER TO THE PEOPLE  Ogni utente in rete ha il potere di esporre conversazioni private rendendole pubbliche  Tutto quello che l’azienda comunica può essere bloggato o “microbloggato”, fotografato, filmato, commentato, distribuito… | 5 | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  6. 6. 3 grandi campi di applicazione Obiettivo Funzione aziendale Vantaggi 1.Gestione del buzz e della Public Relations - Intervenire tempestivamente in reputazione online Brand management caso di comunicazioni di crisi Corporate Communications -  individuare Buzz su mercato e Customer Service concorrenti - Intercettare lamentele, critiche, commenti legati al prodotto/ servizio 2. Tracking campagne di Buzz / Digital & Offline Marketing - Tracciare e misurare l’efficacia Marketing online di una campagna di marketing in termini di Buzz e Sentiment 3. Analisi trend e ricerche di Market Research - Intercettare tendenze del mercato online Research & Development mercato New Product Generation -  conoscere meglio i bisogni latenti dei consumatori -  ridurre il time to market per lancio nuovi prodotti | 6 | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  7. 7. Gestire e proteggere la reputazione online  La blogger francese Deedee, racconta nel suo blog una brutta avventura con la marca Sandro  Il racconto sul suo blog ha generato molti commenti negativi (36 in un primo momento , più di 100 dopo pochi giorni) | 7 | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  8. 8. Il caso Sandro: dall’ascolto all’azione  Il Direttore Generale dell’azienda se n’è accorto ed è intervenuto chiedendo scusa  Ha invitato le lettrici ad un caffè per parlare dei loro gusti e aspettative sulla marca  Risultato: i commenti a seguire sono diventati un elogio e quelli negativi si sono attenuati.. Lezione appresa:come trasformare una crisi reputazionale in un caso di buzz positivo! | 8 | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  9. 9. COME GESTIRE E PROTEGGERE LA REPUTAZIONE ONLINE  Le “cattive notizie” attorno ad un brand si diffondono sui social media (Twitter, FB e gli altri “lifestream”) veloci come mai prima  Monitorare tutti i “consumer generated media”, non solo i media tradizionali  E’ necessario un approccio  La reazione ad una crisi in “real time” non basato emergente deve avere tempi su informazioni e dati brevi, nell’ordine di ore non di raccolti ed un team giorni dedicato | 9 | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  10. 10. Campaign tracking: il mulino che vorrei Nel mulino che vorrei.. Barilla Commercial Spot, April 2009
  11. 11. "Nel  mulino  che  vorrei”:  Impa4o  sulla  Search   On  Search  Volume   Lancio dello spot in TV •  Ricerche correlate: “Mulino, mulino bianco” e“barilla”. •  Barilla era al primo posto per la frase “mulino che vorrei” •  Incremento del volume di ricerca per Barilla | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  12. 12. Online market Research Analisi trend e popolarità per il settore Automotive | 12 | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  13. 13. I FRIENDING DRIVERS  Una recente ricerca di Razorfish ha messo in evidenza che promozioni e sconti sono i friending drivers per un brand (per circa il 40% di Facebook e Twitter , 64% per donne)  Costruire promozioni basate su risultati e analisi di ascolto della rete, misurare il buzz, monitorare le conversazioni, e misurare il risultato delle promozioni | 13 | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  14. 14. COSA MISURARE DOPO LA PROMOZIONE  Al termine della promozione: 1. misurare la conversione del click-through 2. la conversione sulle vendite 3. il forward della promozione 4. Monitorare commenti sull’experience 5. eventuali lamentele (e correggerle nell’azione successiva) | 14 | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  15. 15. Campagna 1-day per Naked Pizza  Campagna “one day sales” via Twitter:  65% vendite provenienti dalla promozione  85% nuovi clienti  Nelle affissioni compare:  “Follow us on Twitter”  al posto di “Call for delivery” | 15 | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  16. 16. Ascoltare è il 1° verbo di Groundswell Funzione di Business Nuovo Obiettivo, grazie Differenze rispetto alla all’onda anomala funzione tradizionale Ricerca Ascoltare Monitoraggio costante delle conversazioni vs Indagini di mercato e Focus group Marketing Parlare Non solo comunicare ma Partecipare alle conversazioni a 2 vie, e stimolarle Vendite Mobilitare Fare in modo che i clienti + entusiasti vi aiutino a vendere prodotti o servizi ad altri clienti Customer Service Fornire Supporto Mettere i clienti nelle condizioni di aiutarsi a vicenda Sviluppo Accogliere Aiutare i clienti a collaborare per trovare nuove idee per sviluppare o migliorare i vostri prodotti | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  17. 17. MONITORARE NON BASTA… Dal Social Media Monitoring al Social Media Measurement “Il tracking dei contenuti provenienti da diversi Social Media (blog, wiki, microblog, social network, video/photo sharing, forum e contenuti UCG in generale) come strumento per definire sentiment e volume delle conversazioni online in riferimento ad un brand, un prodotto, un argomento” [Wikipedia]
  18. 18. COME MISURARE I SOCIAL MEDIA METRICHE DI INTERAZIONE | 18 | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  19. 19. Come stanno cambiando le Pr Online? | 19
  20. 20. Sondaggio Econsultancy - BigMouthMedia  Sondaggio online agosto/ settembre 2010  Più di 800 intervistati, inclusi:  392 organizzazioni lato cliente  369 agenzie Maggioranza degli intervistati: UK | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  21. 21. Strumenti e tattiche di Pr Online Online traditional media relations 62% Press release posting sites and wire services 56% Blog relations 45% Online dialogue with other UGC / social media 43% SEO press releases 40% On-site PR content creation 35% Online press office / investor centre 35% Online reputation auditing and monitoring 30% Online crisis and issues management 17% None 6% Other 0% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  22. 22. L’IMPORTANZA DELL’ASCOLTO | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  23. 23. PERCHE’ L’ASCOLTO E’ COSI’ IMPORTANTE   - Per rilevare criticità che riguardano la propria immagine percepita online   - Per acquisire feedback sul proprio prodotto/servizio/Brand   - Per individuare e monitorare stakeholder e competitor Testo Testo   - Per individuare gli influencer   - Per verificare l’efficacia delle proprie campagne di comunicazione www.tweetedbrands.com | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  24. 24. Perchè l’ascolto è così importante I COMMENTI DEI CLIENTI SU TWITTER Le persone parlano, voi state ascoltando?
  25. 25. QUALI SONO I TAG PIU’ ASSOCIATI AL NOSTRO BRAND? Testo Testo www.brandtags.net
  26. 26. PERCHE’ MISURARE IL PASSA –PAROLA ONLINE Testo Testo
  27. 27. PERCHE’ MISURARE IL PASSA –PAROLA ONLINE • Il 90% delle persone ha fiducia nei suggerimenti di altri consumatori Testo Testo • Il 70% dei navigatori inserisce opinioni su prodotti e marche sul proprio blog o commentando post di blog altrui [NIELSEN “TRUST IN ADVERTISING” REPORT, aprile 2009]
  28. 28. QUAL E’ IL SENTIMENT ASSOCIATO AL MIO BRAND? www.tweetfeel.com
  29. 29. L’IMPORTANZA DELL’ASCOLTO   Riassumendo, l’ascolto della rete è importante per monitorare   - LAMENTELE   - COMPLIMENTI   - BISOGNI   - COMPETITOR   - SENTIMENT   - INFLUENCERS   - CRISIS   - ENGAGEMENT   - DISINFORMAZIONE   - RISORSE UMANE   - BRAND INSIGHT
  30. 30. Monitorare le conversazioni on line | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  31. 31. Conversazioni: dove, chi, cosa, come   - Dove iniziano e si sviluppano le conversazioni nei Social Media? ma anche... - Chi ne sta parlando? - Come ne stanno parlando? e inoltre... - Quali sono gli argomenti associati al brand? | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  32. 32. Misurare i Social Media e le PR: metriche e strumenti   5 domande chiave: 1.  1. Quali fonti hanno un reale impatto sul tuo mercato e sui tuoi stakeholder? 2.  2. Quali opinioni e rumors stanno circolando in rete attorno alla tua Testo azienda, al tuo brand, ai tuoi prodotti? 3.  3.Qual è l’impatto che stai ottenendo dalle tue campagne di branding? 4.  4.Quanto queste opinioni sono visibili e che potenziale hanno di innescare una crisi? 5.  5. Chi sta propagando messaggi di marketing influenti e qual è il loro effetto? A quali di queste domandeLeonardo Bellini - 29 ottobre 2010 | Social Media Monitoring Workshop – sapresti rispondere?
  33. 33. Dove monitorare le conversazioni 29 ottobre 2010 Quali canali monitorare?
  34. 34. Dove: Google Blog | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  35. 35. Dove: Facebook | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  36. 36. Dove: Twitter | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  37. 37. Dove: FriendFeed | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  38. 38. Dove: recensioni su Amazon | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  39. 39. Chi ne sta parlando? 29 ottobre 2010 Chi sono e come identificare gli Influencer
  40. 40. Chi: gli Influencers Testo | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  41. 41. 3 tipologie di Influencer  Key Influencer in campi specifici hanno una straordinaria influenza in termini di brand affinity e decisioni d’acquisto  Social Influencer: persone comuni che partecipano ai SN. Sono nei grafi sociali dei vostri consumatori, ne influenzano le decisioni d’acquisto con recensioni, post, commenti, tweet. In alcuni casi il consumatore li conosce personalmente  Known peer Influencer: di solito membri della famiglia o della stretta cerchia di amici, influenzano maggiormente le decisioni d’acquisto che vivono come propria.. [Fluence, RazorFish] | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  42. 42. Identificare gli influenzatori Cosa rende una persona di maggiore valore in termini di influenza rispetto ad un’altra? 3 Parametri:  La dimensione della loro audience  Il loro livello di connettibilità  Il potere della loro voce Jim Sterne | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  43. 43. Quanto è grande la loro Audience?  N° dei follower per il loro account Twitter  N° degli abbonati al Feed RSS del loro Blog Diamo un valore a ciascun tipo di nodo: Tipo di nodo Valore Followers e RSS Subscribers 1 Readers 1 Fans 2 Repeaters 4 | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  44. 44. I Follower e i Subscriber  Hanno espresso sufficiente interesse per cliccare sul bottone “Segui” o “Abbonati”  Non è detto che continuino a seguire e a leggere i tweet o i Post... Chi ci garantisce che i contenuti del blog siano effettivamente letti? | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  45. 45. I Lettori 2 tipologie:  1.Coloro che si sono abbonati e leggono regolarmente Assegno loro 2 punti  2. Coloro che leggono senza essersi iscritti o abbonati ma perché casualmente si sono imbattuti nel nostro Post Assegno loro 1 punto | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  46. 46. I Fan  I Fan non solo hanno espresso il loro gradimento alla nostra Pagina su FB ma anche hanno voluto manifestare agli altri la loro vicinanza al Brand o alla persona di cui sono Fan Assegno 2 punti Se una persona oltre a Fan è anche Follower e Subscriber -> 4 Punti | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  47. 47. I Repeater  Sono coloro che propagano il messaggio; il valore di un repeater dipende dalla sua capacità di propagare:  Numero di follower  Numero di abbonati  Numero di lettori del suo Blog  Potremmo pesare differentemente un Post ed un Tweet:   I tweet dipendono dal tempo, i vecchi tweet non sono più ricercabili  i post sono facilmente indicizzati e rimangono nelle pagine dei motori.. | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  48. 48. Perché i Repeater sono importanti?  Se scopri quali individui ti aiutano a raggiungere le persone di maggiore valore puoi dedicarti a loro con maggiore attenzione ed inviare loro i tuoi contributi di valore... Assegno loro 4 punti Aiutali ad essere di valore per la loro Audience! | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  49. 49. La velocità è importante  Con quale velocità il tuo messaggio si sta propagando?  Tramite quali nodi?  Qual è il perimetro della sua diffusione?  La Technorati Authority è una misura del livello di autorevolezza del tuo Blog:  Dipende dal n° di link entranti negli ultimi 6 mesi  È un numero dinamico che può cambiare ad ogni post | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  50. 50. Diffusione dei messaggi e Social Graph 1.  In che modo un’entità è connessa al suo Network? 2.  Qual è la sua importanza all’interno del Network? 3.  Quanto è centrale nel Network? 4.  Che tipo di info fluisce all’interno del Network? | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  51. 51. Costruire grafi sociali Social Network Analysis  Sentinel Visualizer è un prodotto che consente di mappare un Grafo Sociale e calcolare il livello di:  -centralità   -vicinanza  -importanza di ciascun nodo | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  52. 52. Identificare gli Influencer Come si diventa un Influencer nei Social Media? Il Personal Branding è la somma delle tue attività online È una rappresentazione aggregata della presenza sui Social Media Personal Branding è uno degli ingredienti per costruire la Social Influcence
  53. 53. Un esempio di Personal Brand:Jeremiah Jeremiah Owyang Owyang Jeremiah Owyang Web Strategist
  54. 54. IDENTIFICARE GLI INFLUENCER
  55. 55. TWITTER GRADER Strumento per calcolare il livello di Influenza di un Twitterer. Si basa su: N° Follower, Potenza dei Follower, Aggiornamenti, Follower/Following Engagement (N° retweet ottenuti)
  56. 56. TWITALYZER
  57. 57. Wefollow- ricerca per #WA Quali sono gli influenzatori per un determinato argomento? Cerchiamo Wa = Web Analytics
  58. 58. QUANTI SONO I TUOI RETWEET?  RETWEETRANK.COM  Permette di tracciare i propri retweet | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  59. 59. QUAL E’ IL TASSO DI CRESCITA DEI TUOI FOLLOWER? | 59
  60. 60. Come: Social Media Fragmentation •  Nei Social Media le conversazioni sono disperse e frammentate •  Ogni contenuto Testo produce un’onda che può avere una distribuzione più o meno ampia •  Ogni tipo di onda ha il suo valore | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  61. 61. Come se ne sta parlando? 29 ottobre 2010 Analizzare e misurare il Sentiment
  62. 62. Cos’è la Sentiment Analysis  Ha lo scopo determinare l’attitudine di uno speaker o scrittore rispetto ad un determinato argomento.   L’attitudine si può esprimere:  - attraverso un giudizio, dipendente dallo stato affettivo, emozionale dell’autore nel momento in cui scrive  - un effetto emotivo che l’autore desidera suscitare verso il lettore [Wikipedia] | 62 | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  63. 63. Sad, Bad, mad..  Fa parte del tuo lavoro non solo monitorare se sei citato dai tuoi amici ma anche da persone sconosciute  Stanno esprimendo opinioni tristi, idiote o cattive sul tuo conto?  Il tuo compito è ascoltare e rispondere con la speranza di far cambiare loro idea o opinione e tono della conversazione | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  64. 64. Il potere del passa-parola  Gli uomini sono creature emozionali  In che misura ascoltiamo le opinioni degli altri?  E’ molto difficile comprendere e interpretare le opinioni scritte e attribuirne un significato, un senso, un Sentiment positivo o negativo.  Il messaggio infatti è: Soggettivo, dipende da chi parla e chi ascolta   Contestuale, dipende dal contesto   | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  65. 65. Polarità e neutralità Come misurare ed estrarre la componente emozionale dalla comunicazione umana, per sua natura soggettiva? Come renderla “oggettiva”?
  66. 66. Polarità, una scala di colori Il verde: positivo Il rosso: negativo Il grigio: neutro Ma quanto il colore che attribuiamo ad una affermazione è forte? “Sentiments are very different from conventional facts” [Seth Grimes]
  67. 67. Le parole dipendono dal contesto  “Peccaminoso” associato al cioccolato non è necessariamente un termine negativo.. Anzi.. | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  68. 68. L’intensità  “ io lo odio” può esprimere odio sincero o solamente un modo di dire..  L’intensità esprime il livello, il grado di emozione di una affermazione.  Comunque l’unico modo per fare un’analisi accurata delle conversazioni umane è...farlo leggere da delle persone. | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  69. 69. TwitterSentiment.com  Chiede agli uomini di insegnare alla macchina a riconoscere i sentimenti, le espressioni positive e negative | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  70. 70. TwitterSentiment | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  71. 71. QUAL E’ IL SENTIMENT ASSOCIATO AL MIO BRAND? www.tweetfeel.co m
  72. 72. SocialMention  Il tuo BRAND è   ben considerato? SocialMention ti aiuta a capirlo •  Misura il Sentiment Ratio: il rapporto tra menzioni positive |eSocial Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010 quelle negative
  73. 73. Social Mention - | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  74. 74. Sentiment & Mood in Liquida | 74 | Social Media and Online PR Report |
  75. 75. Un processo per il social media monitoring | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  76. 76. Misurare i Social Media e le PR: metriche e strumenti - Stabilisci le linee guida, ampiezza e scopo dell’azione di monitoraggio Stabilisci lo scopo del monitoraggio - Identifica cosa monitorare: Quali social network, blog, community, ..e perchè? Identifica Misura gli cosa - Valuta le conversazioni impatti monitorare Testo Considera quali scambi sono brusio e quali contenuti di valore - Monitora i Social Media Integra le “informazioni istituzionali”, Valuta le Monitora i - Misura gli impatti conversazioni Social Media In funzione degli obiettivi (awareness, loyalty, lead generation, reputation) | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  77. 77. 1. Identificare i criteri di ricerca Le parole chiave Brand, prodotti, campagne,persone, copy I domini, i link sitocorporate.com sitolancio.it Le tag #tema1 #tema2 #tema3 | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  78. 78. 2. Abbina gli oggetti di ricerca alle differenti tipologie Temini di ricerca: Cerca in: Il tuo brand” Web Alcuni argomenti” News Site Alcuni nomi Blog iltuobrand.it ? Microblog Bookmark alcuniargomenti.it Blog comment nomi.org Social comment Forums / groups Tuo brand Images Alcuni temi Video Altri temi correlati Audio
  79. 79. 3. Seleziona la strategia per lo scanning Ricerca Profonda, verticale, specifica Per esempio: solo immagini e video ma includendo ogni commento e bookmark Ricerca ampia, orizzontale Per esempio: tutte le tipologie di contenuti (news, blog, tweet, etc.) Snorkeling o diving? ma escludendo i dettagli, commenti e bookmark
  80. 80. Strumenti gratuiti per la gestione dell’ascolto | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010 80
  81. 81. 4. Raggruppa per tipologia di Social Media | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010 81
  82. 82. Raggruppa per tipologia Web   News   Blog   Microblog   Comments   Google  Alert            Google  Blog      Search   Blogpulse      Google  Maps         Technora5      Bloglines      Tripadvisor.it      Expedia.it      Venere.it      Friendfeed         | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  83. 83. E così otterrete un flusso di dati… | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010 images by jeffagogo
  84. 84. RISCHIO DELL’ECCESSO DI INFORMAZIONI Sarete in grado di leggere tutto questo?
  85. 85. 5. Separate in canali Frequenze differenti: Verifica alcuni elementi giornalmente, altre una volta alla settimana.. Tipi di contenuti differenti: Mixare i video, tweet e bookmark non funziona bene.. Lettori /Strumenti differenti: Determina chi monitorerà quali canali image by wili hybrid
  86. 86. 6. Aggregate, filtrate, ordinate Aggregate i feed Combinate i singoli feed simili in uno Filtrate il rumore Rimuovete i risultati non desiderati aggiungendolo e rifinendo le ricerche Ordinate i risultati Ordinate i risultati per importanza, data, fonte, sentiment… image by faith globe
  87. 87. Google Reader – Social CRM | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  88. 88. 7. Interagite, rispondete… Ora siete all’ascolto 
  89. 89. LIMITI DEL MONITORAGGIO FAI DA TE…  RISULTA ESSERE MOLTO DISPENDIOSO IN TERMINI DI TEMPO E RISORSE  RISCHIA DI ESSERE LACUNOSO, INCOMPLETO (PERIMETRO DATI, ANALISI STORICO DATI)  MANCA DI QUEGLI STRUMENTI DI GESTIONE NECESSARI PER PASSARE DALLA FASE DI ASCOLTO A QUELLA DI AZIONE | 89 | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  90. 90. Quante aziende stanno utilizzando strumenti di Buzz monitoring? | 90
  91. 91. Photo credit: Stian Andreassen on Flickr Photo credit: Round Indigo Rock on Flickr 54% delle aziende sta usando tool di buzz monitoring | 91 | Social Media and Online PR Report |
  92. 92. Utilizzo di strumenti di Buzz monitoring 50% 46% 46% 45% 40% 39% 38% 35% 30% 25% 20% 15% 10% 10% 8% 8% 6% 5% 0% No Yes, we use a free tool Yes, we use a paid-for Yes, we use a tool combination of both paid-for and free tools 2010 2009 | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  93. 93. Utilizzo di strumenti di Buzz monitoring 6% 10% PAID + FREE PAID 54% 46% FREE 38% No Yes, we use a free tool | 18 | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  94. 94. Scout Labs – Una piattaforma per il Social media Monitoring 29 ottobre 2010
  95. 95. 1. Imposta le ricerche (Brand, product, market, competitor) | 95
  96. 96. 2. Seleziona i canali da monitorare | 96
  97. 97. Ottengo immediatamente dei risultati | 97
  98. 98. Informazioni real -time “Bunga bunga” dal 28 ottobre è diventata immediatamente popolare.. | 98
  99. 99. 3. Analizza la visione d’insieme | 99 | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  100. 100. 4. Visualizza e monitora per tipologia | 100
  101. 101. 5. Ordina, classifica, filtra In arancione le parole ricorrenti Salva, rimuovi, segnala come Spam | 101 | Social Media and Online PR Report |
  102. 102. Ordina, classifica, filtra… 1.  Ordina i tuoi risultati per importanza o per data 2.  Rimuovi ogni post che non desideri più leggere o contare 3.  Leggi una selezione delle conversazioni TOP in base alla lista delle parole ricorrenti 4.  Filtra sulle parole ricorrenti che rappresentano Meme emergenti; clicca per approfondire | 102 | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  103. 103. 6. Identifica gli Influencer e il Sentiment Interpreta i picchi di volume | 103
  104. 104. 7. Analizza il picco di volume News su profitti di Nobvartis | 104 | Social Media and Online PR Report |
  105. 105. 8. Assegna la gestione ad un membro | 105
  106. 106. Social Media Commamd Centre Gatorade | 106
  107. 107. GATORADE MISSION CONTROL | 107 | Social Media Monitoring Workshop – Leonardo Bellini - 29 ottobre 2010
  108. 108. Domande? •  Leonardo Bellini – Consulenza e servizi di marketing digitale leonardobellini@dml.it •  Autore di Fare business con il Web –Lupetti Editore •  Ho curato l’edizione italiana di: – Web In azienda – ETAS – Noièmeglio-ETAS •  Blog: www.digitalmarketinglab.it •  Website: www.dml.it

×