Project management emergente

1,354 views

Published on

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,354
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
68
Actions
Shares
0
Downloads
21
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Project management emergente

  1. 1. Project management emergente Lele Rozza <lelerozza@gmail.com> - Queste slide sono rilasciate con licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia martedì 27 aprile 2010
  2. 2. complessità La dell’informazione è parte integrante del modello di business. Gestire informazione sul web vuole dire attivare progetti complessi. I progetti complessi necessitano di un respiro ampio. martedì 27 aprile 2010
  3. 3. Il progetto si svela durante il lavoro di realizzazione, solo dopo si può narrare. All’attivazione di un progetto è necessario valutare due aspetti: il tempo e i costi. E’ imprescindibile la lingua con cui si comunica tra attori. martedì 27 aprile 2010
  4. 4. Ogni progetto ha (o può avere) un suo volgare, una lingua imperfetta che consente a tutti di condividere conoscenze ed esperienze. martedì 27 aprile 2010
  5. 5. Progettare vuole dire definire una lingua, perottenere l’obiettivo. martedì 27 aprile 2010
  6. 6. La questione linguistica è centrale. Comprendersi vuole dire definire una rotta condivisa , comprendersi subito , per migliorare i tempi e i costi, per ottenere fiducia, ottenere il risultato prima, spendere meno. martedì 27 aprile 2010
  7. 7. Utilizzare un linguaggio condiviso per essere chiari per conoscere i ridurre al punti nodali del progetto , per minimo le incognite , interpretare il progetto come un divenire. martedì 27 aprile 2010
  8. 8. Il progetto, come un film ha uno svolgimento, una trama, che difficilmente può essere scritta tutta cogliere lo “ex ante”. ZEITGEIST, lo spirito del tempo. martedì 27 aprile 2010
  9. 9. La pianificazione è per sua natura astratta Avere una. base solida di comunicazione ( e non un workflow documentale) per risolvere problemi di percorso martedì 27 aprile 2010
  10. 10. Il progetto non è la somma delle parti. martedì 27 aprile 2010
  11. 11. Non esiste una scienza che cerca conferme alle proprie teorie, il progetto non ricerca il proprio spirito originario, vuole ottenere obiettivi martedì 27 aprile 2010
  12. 12. Il progettista accetta il responso del tempo. Bisogna . le possibilità saper collegare emergenti. Non sprecare opportunità. martedì 27 aprile 2010
  13. 13. Obiettivo: Gestire il divenire martedì 27 aprile 2010
  14. 14. L’arte del management ha come oggetto il transitorio Il . transitorio è complesso, la semplificazione origina un’intelligenza cieca, attribuendo importanza alle singole parti, insistendo nella medesima direzione. martedì 27 aprile 2010
  15. 15. Situazioni complesse richiedono un approccio sistemico, è necessario smontare il problema martedì 27 aprile 2010
  16. 16. Project building: il cogliere noi,qui,adesso. martedì 27 aprile 2010
  17. 17. regole Scope: del gioco (regole d’ingaggio) martedì 27 aprile 2010
  18. 18. Leregole le fa la squadra che deciderà quale strategia adottare. Si compilerà un Project charter emergente. Loscope innovativo si modifica tutte le volte che lo si ritiene necessario, la semplice rappresentazione ideale del progetto, è controproducente. martedì 27 aprile 2010
  19. 19. E lo strumento sarà il Project manifesto: processo di riflessione condivisione e convergenza per tutte le parti in causa martedì 27 aprile 2010
  20. 20. il nuovo PM originerà la Project Sistemic map: descrizione del contenuto del progetto martedì 27 aprile 2010
  21. 21. Il progetto è un sistema evolutivo e merita di essere rivisto tutte le volte che è necessario. L’obiettivo non è tenere fede al l’obiettivo è progetto, risolvere il problema martedì 27 aprile 2010

×