Mondi Virtuali

2,271 views

Published on

SecondLife è un magnifico territorio per
simulare e sperimentare. Non vedetelo
come un “canale” o un “media” che
minaccia gli altri media, bensì come uno
spazio di opportunità per l’arte, la
democrazia, l’uomo stesso.

Non ingloberà gli altri media, ma sarà
certo parte del nuovo emergente
ecosistema in cerca di equilibri tra vecchi
e nuovi modi di comunicare.

Published in: Technology
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
2,271
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
42
Actions
Shares
0
Downloads
108
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Mondi Virtuali

  1. 1. Avatars come Interfaccia di Leeander
  2. 2. Second Life e l’evoluzione delle interfacce Perché sono così importanti le interfacce? Le interfacce non soltanto disegnano il nostro mondo, ma contribuiscono significativamente a ridisegnare noi stessi, infatti -come dice Basalla- noi non siamo ciò che pensiamo di essere bensì gli artefatti che usiamo. mouse click-wheel multi-touch http://www.leeand er.com/2007/01/int roducing_iphone_l a_apple_ri.html
  3. 3. Second Life e l’evoluzione delle interfacce Oggetti & Uomini sono parte dello stesso ecosistema, e comunicano tramite interfacce Nel caso dei Mii, questi avatar sono una interfaccia che il giocatore umano usa per poter entrare e giocare con la macchina (o altri umani) EMBODIMENT: distanza tra bit ed atomi… Dourish, P, (2001)
  4. 4. Second Life e l’evoluzione delle interfacce La metafora del Desktop La metafora del desktop è figlia di tre fondamentali aspetti: 1) I computer sarebbero partiti dagli uffici 2) La potenza di calcolo disponibile non avrebbe consentito alcuna profondità grafica (Raskin docet) 3) La conoscenza delle interfacce allora disponibile (il Engelbart, mouse di Doug ripreso e trasformato in una GUI allo XeroxParc) si prestava particolarmente bene (finestre) ad per una metafora bidimensionale Doug
  5. 5. Second Life e l’evoluzione delle interfacce La metafora del web sono le pagine! “The World Wide Web is a wide-area hypermedia information retrieval initiative aiming to give universal access to a large universe of documents”. Così Tim Berners Lee definiva la sua creatura: un sistema universale di accesso a documenti attraverso la rete Internet. Documenti testuali, soprattutto (stiamo parlando del 1991). Da qui, si può immaginare, la scelta della più cartacea delle metafore: la ‘pagina’. Il Web è fatto di pagine, http://www.idearium.org/2006/08/06/la-secondavita-della-rete/
  6. 6. P2P… person to person Così, come quando il telefonino ci ha fatto passare mentalmente dal “chi sei” al “dove sei”, oggi parlare di “foto su Flickr”, “musica su MySpace”, “comunicazione su Skype, Meebo o ICQ”, sta spostando la nostra percezione di luogo.
  7. 7. Web2.0 Social Media Territori con regole Il territorio contribuisce anche a determinare i comportamenti. Ad esempio, la relazione con una persona che non conoscete abbastanza a fondo nel mondo fisico, può subire notevoli oscillazioni a seconda se il contatto avviene in IM (es. MSN), voce (es. skype) o attraverso degli avatar (es. SecondLife).
  8. 8. Estendere una persona verso ambiti sociali basati su tecnologia 2.0 può essere più efficace e coerente se ci si dota di un avatar (o comunque una rappresentazione di sé)
  9. 9. La scelta di avere un AVATAR per dare coerenza alle varie estensioni di sé… …è diventata un modo di comunicare consistenza attraverso unica INTERFACCIA capace di attraversare i vari “territori” sociali.
  10. 10. SecondLife Cosa succede quando il social media che usiamo per estendere noi stessi è un intero mondo che possiamo contribuire a plasmare? Social Media Territori con regole
  11. 11. SL short bio • SecondLife non è un E’ un luogo in Internet, ed i suoi residenti gioco, ma ci sono persone che frequentano già il web e assomiglia. che -accanto all’Internet dell’informazione- hanno sentito il bisogno di confrontarsi con l’Internet dell’esperienza. • Non è web ma è Internet al 100%. • E’ un territorio sociale • E’ basata su User’s Generated Content
  12. 12. http://www.idearium.org/podcast SL: I motivi del successo ing/leeander_about_SL.mp3 1 - Nel momento in cui le applicazioni si fanno luogo (web2.0), Second Life è IL luogo per eccellenza. 2 - La creazione come atto sociale. Un luogo fatto apposta per essere un “motore di creazione” è perfetto per la socialità. Inoltre, i sitiweb non “confinano” fisicamente (non puoi passare da uno all’altro camminando). Anche le API sono un fatto nuovo mentre gli SLscript sono condivisi, barattati e venduti da sempre. 3 - Ha un motore economico. Anzi ha l’economia come motore! (SL è il contrario dell’Internet dove è tutto-free, ma proprio il valore - comunque accessibile- e l’opportunità continua di incontro/scambio insite in SL, sono alla base della socialità che vi viene sviluppata). 4 - Risponde ad un paradigma di interazione che ben oltre il point and click del mouse e quindi seduce in quanto evoca un futuro che non ci ha dato le macchina volanti, ma -in SL- può trasformarci in supereroi.
  13. 13. Il carattere di luogo consente a questa internet parallela di trasmettere ai propri utenti delle esperienze molto diverse dal web. Pensate ai tradizionali (!) siti web. Per passare da un sito all’altro si attraversa un confine. Un momento di bianco. SL è tutto questo, con in più la possibilità andare da un “sito” all’altro passeggiando! E se è vero che il “viaggio” non è la destinazione, ma quello che c’è in mezzo… allora si comincia a comprendere l’enorme potenziale di SL.
  14. 14. …costruire delle identità e delle storie…
  15. 15. Idearium.ORG E’ una eZine/community nata nel 2001 Idearium è il luogo dell'approfondimento, della condivisione e della sperimentazione. Un luogo dove far incontrare, rafforzare e valorizzare i talenti ibridi; una opportunità che rende possibile la nascita di idee, progetti e proposte per una più evoluta ed equilibrata società della conoscenza. Idearium vuole essere una risposta alla tecnica disumanizzante, alla cattiva progettazione ed al cattivo uso delle tecnologie, alla mancanza di slancio verso l'innovazione. Idearium oggi ha quattro principali filoni di attività: 1- La storica eZine sul web (oltre cento autori, da 8 a 10k lettori unici al mese) 2- La Conferenza annuale quot;Frontiers of Interactionquot; (in collaborazione con UniMiB) e i drink-link (barcamp ante litteram) 3- Una forte presenza su Second Life (un grande playground italiano su SL) 4- Una sempre maggiore attenzione verso la ip-TV (oltre cento video selezionati da YouTube, e nuove attività in progress) http://www.idearium.org -
  16. 16. ZeeLee ZeeLee Kindley è l’owner di IDEARIUM, una SIM senza negozi, che non fa turismo, non ha casinò e non è dedita all’intrattenimento in senso lato. Idearium in SL è partita dall’idea di creare un playground per la sperimentazione libera, ma anche creando opportunità di incontri e creazione di nuova conoscenza. Si è partiti da MeetTheMedia Guru, ma soprattutto dall’aprire l’isola a progetti terzi, tra cui la Grid Gallery e la Biblioteca Archimedica.
  17. 17. Idearium Island • GridGallery • GridCafè • Biblioteca Archimedica • MeetTheMedia Guru • Idearium House • Idearium Theather • …IxD Talk • …Take a decision • …hacker’s corner
  18. 18. Isole… Lo spirito di collaborazione supera i confini della SIM e si estende sia verso le istanze di business che verso l’arte e la divulgazione. Le Isole attorno ad idearium non sono “isolate” ma tasselli di un ecosistema comune e -al contempo- simbolicamente separati.
  19. 19. Ponti Che senso hanno le strade in un luogo dove tutti possono volare? Ed un ponte? Servono ad andare da un sito all’altro, passeggiando.
  20. 20. …quando possiamo costruire attorno a noi un mondo coerente con noi stessi o con la storia che intendiamo raccontare… stiamo estendendo ancora di un passo la nostra INTERFACCIA
  21. 21. …costruirsi un mondo prims per prims
  22. 22. Il termine “spazio di espressione” richiama alla mente le regole di prossemica (vedi Edward T. Hall) che –di fatto- regolano la netiquette di SecondLife. Ad esempio: non è gradito che si vada in giro a costruire in casa d’altri, perché rappresenta più una invasione dello spazio personale che non della proprietà d’altri!
  23. 23. … un hacker può modificare il mondo In SL anche una aggressione si basa spesso sull’uso dello spazio per poter “comunicare”. Questa aggressione è percepita come al territorio o alla persona a seconda di precise regole di prossemica.
  24. 24. …e questo è solo l’inizio SecondLife è un magnifico territorio per simulare e sperimentare. Non vedetelo come un “canale” o un “media” che minaccia gli altri media, bensì come uno spazio di opportunità per l’arte, la democrazia, l’uomo stesso. Non ingloberà gli altri media, ma sarà certo parte del nuovo emergente ecosistema in cerca di equilibri tra vecchi e nuovi modi di comunicare.

×