TBVBS_1112_progetto

276 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
276
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
14
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

TBVBS_1112_progetto

  1. 1. Titolo del Progetto “Tutti i bambini vanno bene a scuola” anno scolastico 2011/2012GRUPPO DI PROGETTOPresidente della Conferenza dei Sindaci dell’ULSS 7: Maniero AlbertoDirettore dei Servizi Sociali dell’ULSS7: Durante MarisaDirettore U.O.C. Infanzia Adolescenza Famiglia Nord - ULSS 7: Simonetti UmbertoResponsabile del Progetto Associazione Italiana Dislessia (di seguito A.I.D.): MaristellaCraigheroDirettore Generale della Banca della Marca: Manfrin LuiginoDirigente Scolastico dell’IC di San Fior - Scuola capofila del Centro territoriale perl’integrazione (di seguito C.T.I.) di Conegliano: Da Re LivianaDirigente Scolastico dell’Istituto Statale d’Arte “B. Munari” di Vittorio Veneto - Scuolacapofila del Centro territoriale per l’integrazione di Pieve di Soligo e Vittorio Veneto: BraidoFrancaDirigente Scolastico dell’Istituto Comprensivo di Pieve di Soligo:: Favero GenoveffaDirigente Scolastico dell’Istituto Comprensivo 2 di Vittorio Veneto:: Possa MarisaDirigente Scolastico della Direzione Didattica 1 Circolo di Conegliano:: Salvador RitaReferente del C.T.I. di Pieve di Soligo e Vittorio Veneto: Tomasella RenatoSEGRETERIA SCIENTIFICA E TECNICAReferente scientifico del progetto: Giacomo Stella, psicologo, docente di Psicologia dellosviluppo cognitivo all’Università di Modena – Reggio Emilia, Presidente Comitato Scientifico A.I.D.Responsabile del Progetto Associazione Italiana Dislessia e coordinatore: MaristellaCraigheroReferente Tecnico del Progetto: Mariangela Berton, Logopedista, formatore A.I.D.Referente Organizzativo: Antonella Moro, Responsabile Servizio Età Evolutiva,Distretto Socio-sanitario Nord – ULSS 7Referente Organizzativo: Agnolet Rita, psicopedagogista referente del Centro Territoriale perl’Integrazione (di seguito C.T.I.) di ConeglianoReferente Organizzativo: Tomasella Renato, docente referente del Centro Territoriale perl’Integrazione di Pieve di Soligo e Vittorio pag. 1 di 8
  2. 2. VARIABILI DESCRIZIONE Il progetto ”Tutti i bambini vanno bene a scuola” prende avvio dalla considerazione che per i bambini del primo anno della Scuola Primaria la difficoltà di elaborazione fonologica delle parole è quella che maggiormente compromette il processo di alfabetizzazione. Inoltre, è questo il momento in cui il bambino inizia a costruire il proprio senso di autoefficacia, relativamente all’apprendimento scolastico.Disagio socio- I successi che percepisce in un’attività trasversale come la letto-scrittura,relazionale o fattore dirischio e in un momento in cui ci sono tante aspettative in questa direzione, condizionano sicuramente la sua immagine di sé come studente. Questo apprendimento, quindi, oltre a rendere possibile il processo di alfabetizzazione, interviene nella costruzione di un buon senso di autoefficacia, indispensabile affinché il bambino a mantenga alta la motivazione, faccia propri gli obiettivi della scuola e ad attribuisca al proprio impegno la causa dei risultati che ottiene. Ridurre l’incidenza di insuccesso nelle prime fasi di apprendimento dellaObiettivo generale lettura e scrittura. 1. Promuovere l’attenzione e la sensibilità della scuola in ordine alla complessità dei processi di lettura e scrittura. 2. Individualizzare l’insegnamento della lettura e della scrittura nel riconoscimento delle specificità di ogni bambino. 3. Contribuire all’evoluzione delle tecniche didattiche concernenti l’apprendimento della lettura e della scrittura. 4. Rilevare e monitorare il curricolo individuale di apprendimento di ogni bambino. 5. Progettare attività didattiche in relazione ai diversi livelli di maturazione dei bambini. 6. Individuare eventuali difficoltà specifiche e promuovere interventiObiettivi specifici mirati con il coinvolgimento degli specialisti. 7. Indirizzare le famiglie dei bambini che risulteranno a rischio alla fine dell’anno scolastico, al Servizio Socio-Sanitario, Servizio Età Evolutiva ULSS n° per una valutazione specifica nel corso dei mesi 7 estivi e successivi ed un eventuale trattamento logopedico. 8. Promuovere l’attenzione e la sensibilità delle famiglie. pag. 2 di 8
  3. 3. Utenti del servizio: • alunni • famiglieDestinatari • insegnanti ------------------------ • Organizzazione scolastica e Servizi socio-sanitarii del territorio Con il Progetto si vuole individuare precocemente gli alunni a rischio, monitorare l’evoluzione degli apprendimenti e attivare interventi di tipo fonologico perché possano ridurre le eventuali difficoltà. Le indicazioni e le proposte relativamente alle attività fonologiche, sonoStrategia educativa date con il presupposto che l’insegnante, con le proprie competenze, le integri nella didattica ordinaria. pag. 3 di 8
  4. 4. Il Progetto ha le caratteristiche della Ricerca-Azione. Pertanto, è organizzato nelle seguenti fasi: a) condivisione del Progetto e individuazione delle condizioni di realizzazione con la presenza dei Dirigenti/responsabili degli Enti coinvolti e delle psicopedagogiste d’Istituto (dove sono presenti); b) pianificazione dei tempi e delle modalità operative con la presenza dei coordinatori (docenti responsabili dei C.T.I. di Conegliano e Pieve di Soligo-Vittorio Veneto), del referente tecnico dell’A.I.D. e delle logopediste coinvolte; c) presentazione del progetto e formazione specifica per gli insegnanti e le logopediste coinvolte; d) presentazione del progetto alle famiglie degli alunni interessati; e) pubblicizzazione del progetto con conferenza stampa; f) verifica dell’apprendimento della lettura e scrittura da parte dei bambini del primo anno della scuola primaria, con la presenza della logopedista e dell’insegnante di classe; g) valutazione dei risultati da parte delle logopediste e presentazione ai docenti; h) programmazione di attività di recupero, con la presenza delle logopediste, delle psocopedagogiste (dove sono presenti) e dei docenti di classe; i) realizzazione delle attività di recupero con gli alunni, con la presenza dei docenti di classe e la consulenza delle psicopedagogiste d’Istituto (dove sono presenti); j) valutazione degli interventi concordati, riprogettazione e consulenza, con la presenza degli insegnanti, delle psicopedagogiste d’Istituto (dove sono presenti) e dellaStrategia organizzativa logopedista k) verifica dell’apprendimento della lettura e scrittura da parte dei bambini del primo anno della scuola primaria dopo la realizzazione degli interventi di recupero, con la presenza della logopedista, delle psicopedagogiste d’Istituto (dove sono presenti) e dell’insegnante di classe; l) valutazione dei risultati da parte delle logopediste e presentazione ai docenti e alle delle psicopedagogiste d’Istituto (dove sono presenti); m) individuazione degli alunni a rischio da inviare ai Servizi per gli approfondimenti del caso e degli alunni per i quali è opportuno un ulteriore recupero a livello scolastico, con la presenza delle logopediste, degli insegnanti di classe e del Dirigente Scolastico; n) documentazione dei esiti del progetto; pag. 4 di 8
  5. 5. Gli Enti coinvolti nel Progetto sono: - l’A.I.D. che mette a disposizione l’impianto progettuale e la consulenza tecnica e scientifica in itinere - l’ULSS n° 7 - il C.T.I. di Conegliano (Scuola capofila Istituto Comprensivo di San Fior) - il C.T.I. di Pieve di Soligo e Vittorio Veneto (Scuola capofila l’Istituto Statale d’Arte di Vittorio Veneto) - l‘Istituto Comprensivo Conegliano 1 - l‘Istituto Comprensivo Conegliano 2 - l‘Istituto Comprensivo Conegliano 3 - l’Istituto Comprensivo di Codogné - l’Istituto Comprensivo di Santa Lucia di Piave - l’Istituto Comprensivo di San Vendemiano - l’Istituto Comprensivo di San Fior - l’Istituto Comprensivo di Susegana - l’Istituto Comprensivo di Gaiarine - l’Istituto Comprensivo di Vazzola - Collegio Immacolata - l’Istituto Comprensivo di Cappella Maggiore - l’Istituto Comprensivo di Cordignano - l’Istituto Comprensivo di Sarmede - l’Istituto Comprensivo di Tarzo - l’Istituto Comprensivo di Follina - l’Istituto Comprensivo di Pieve di Soligo - l’Istituto Comprensivo di Farra di Soligo - l’Istituto Comprensivo di Sernaglia - l’Istituto Comprensivo Vittorio Veneto 1 - l’Istituto Comprensivo Vittorio Veneto 2Servizi/Enti coinvolti - S.P. “S.G. D’Arco” di V.V. - il Comune di Conegliano - il Comune di San Pietro di Feletto - il Comune di Codogné - il Comune di Santa Lucia di Piave - il Comune di San Vendemiano - il Comune di San Fior - il Comune di Susegana - il Comune di Vazzola - il Comune di Cappella Maggiore - il Comune di Colle Umberto - il Comune di Cordignano - il Comune di Orsago - il Comune di Fregona - il Comune di Sarmede - il Comune di Revine - il Comune di Tarzo - il Comune di Follina - il Comune di Miane - il Comune di Cison - il Comune di Pieve di Soligo - il Comune di Refrontolo - il Comune di Farra di Soligo - il Comune di Moriago - il Comune di Sernaglia - il Comune di Vittorio Veneto pag. 5 di 8
  6. 6. Il Progetto verrà realizzato nel seguente contesto: Istituti n. classi n. alunni I.C. Conegliano 1 6 109 I.C. Conegliano 2 5 91 I.C. Conegliano 3 7 115 I. C. di Codogné 5 107 I. C di Santa Lucia di Piave 6 117 I. C di San Vendemiano 5 91 I. C di San Fior 6 109 I. C di Susegana 6 115 I.C. Gaiarine 4 65 I. C di Vazzola 8 156Ambito di intervento Collegio Immacolata 2 50 I. C di Cappella Maggiore 5 104 l’I. C di Cordignano 6 118 l’I. C di Sarmede 3 51 l’I. C di Tarzo 3 46 l’I. C di Follina 4 83 l’I. C di Pieve di Soligo 6 108 l’I. C di Farra di Soligo 6 108 l’I. C di Sernaglia 7 96 l’I. C Vittorio Veneto 1 6 108 l’I. C Vittorio Veneto 2 9 172 S.P. “S.G. D’Arco” di V.V. 1 15 Totale 116 2.134 Fasi di attuazione degli interventi Tempi previstiFormazione specifica per gli insegnanti e le 8 ore complessivelogopediste coinvolte Settembre-ottobre 2011Coordinamento iniziale, con la presenza dei 2 ore complessivecoordinatori, le logopediste e il responsabile Novembre 2011dell’Associazione Italiana DislessiaPianificazione dell’attività, con la presenza degli 2 ore per Istitutoinsegnanti, delle logopediste d’Istituto (dove Dicembre 2011sono presenti) e delle logopedisteSomministrazione della prima prova, con la 30 minuti per classepresenza degli insegnanti di classe e della Gennaio 2012logopedistaCorrezione della prima prova da parte delle 1 ora per classelogopediste Gennaio 2012Programmazione degli interventi di recupero, 3 ore per classecon la presenza degli insegnanti, delle 1 incontro (1 h per classe) – febbraio 2012psocopedagogiste d’Istituto (dove sono 2 incontro (1 h per classe) – marzo 2012presenti) e delle logopediste 3 incontro (1 h per classe) – aprile 2012 pag. 6 di 8
  7. 7. Incontro di verifica, con la presenza delle 2 ore complessivelogopediste e della responsabile febbraio – marzo 2012dell’Associazione Italiana dislessiaRealizzazione degli interventi di recupero con 45 minuti per 3 volte alla settimana per classegli alunni, con la presenza degli insegnanti di febbraio – aprile 2012classe e la consulenza delle psicopedagogisted’Istituto (dove sono presenti)Somministrazione della seconda prova, con la 1 ora per classepresenza degli insegnanti di classe e della Maggio 2012logopedistaCorrezione della seconda prova, da parte delle 1,5 ora per classelogopediste Maggio 2012Valutazione finale dei risultati 1 ora per classedell’apprendimento e decisioni per gli ulteriori Maggio 2012interventi, con la presenza degli insegnanti,delle psicopedagogiste d’Istituto (dove sonopresenti) del Dirigente Scolastico e dellelogopedistePresentazione dei risultati della Ricerca-azione 2 ore complessiveprevista dal Progetto Giugno 2012 - n° di bambini inviati ai Servizi per un approfondimento; - rapporto tra il n° di bambini avviati ai Servizi con un sospetto disturbo dell’apprendimento e n° di bambini per i quali viene effettivamente formulata una diagnosi di questo tipo; - percentuale di bambini che alla seconda rilevazione passano al livello superiore diIndicatori di verifica maturazione delle abilità di letto-scrittura - differenza tra il n° di errori fatti alla prima e alla seconda rilevazione; - documentazione organizzata dei materiali didattici utilizzati - soddisfazione percepita dalle famiglie, dall’organizzazione scolastica e dai Servizi ULSS Il monitoraggio verrà effettuato alla fine di ciascun anno scolastico. - Dirigenti Scolastici - Responsabile dell’A.I.D. - Docenti formatori - Responsabili dei C.T.I. di Conegliano e di Pieve di Soligo-Vittorio Veneto1. Risorse umane - Psicopedagogiste d’Istituto (dove sono presenti) - Docenti di classe - Logopediste pag. 7 di 8
  8. 8. Risorse logistiche utilizzate per la normale2. Risorse strutturali attività didattica. Materiali utilizzati per la normale attività didattica, Strumenti e protocolli d’azione forniti3. Attrezzature, materiali, gestione… dall’Associazione Italiana Dislessia. Strumenti e protocolli d’azione non possono essere utilizzati da altri soggetti estranei al progetto. VOCI DI SPESA progetto… Anno Scolastico Anno scolastico Anno scolasticoVOCI DI SPESA Totale 2009/10 2010/11 2011/2012Logopediste € 45.090,00 € 44.160,00 € 40.685,00 € 129.935,00Associazione € 3.300,00 € 3.300,00 € 3.100,00 € 9.700,00Italiana DislessiaStrutture fisseAttrezzaturaMaterialeAltro:Totale € 139.635,00 pag. 8 di 8

×