Libera-Mente

887 views

Published on

Didattica libera nel Comune di Pisa

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
887
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
5
Actions
Shares
0
Downloads
5
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Libera-Mente

  1. 1. Libera-Mente Didattica Libera nel Comune di Pisa Conferenza Nazionale Software Libero – Cagliari – 10/11 Giugno 2010
  2. 2. 1. AULE INFORMATICHE A COSTO ZERO Il progetto nasce dall'esperienza della scuola elementare Don Milani di Pisa,in cui il maestro Luca Randazzo trova la soluzione alla carenza di strumenti informatici della scuola. DA DOVE NASCE L'IDEA? Soluzione GIFT ECONOMY Docenti, genitori e persone interessate donano il proprio pc vecchio o in disuso alla scuola. Il maestro Luca Randazzo installa sistema operativo e applicazioni di base SOFTWARE LIBERO sui pc inutilizzati La scuola ottiene POSTAZIONI INFORMATICHE a COSTO ZERO
  3. 3. INTUIZIONE Il modello offerto dalla scuola Don Milani presenta numerose positività che rendono questo progetto applicabile in altri e più grandi contesti, grazie alle sue positività. Il progetto infatti: <ul><li>E' AUTOSOSTENIBILE
  4. 4. AIUTA L'AMBIENTE
  5. 5. PROMUOVE IL RIUSO
  6. 6. E'LOW-COST
  7. 7. SI BASA SU CONDIVISIONE E COLLABORAZIONE
  8. 8. PROMUOVE IL SOFWTARE LIBERO </li></ul>
  9. 9. L'ESPERIENZA DEL COMUNE DI PISA Il Comune di Pisa parte dal modello della scuola Don Milani per creare un piano d'azione con l'obiettivo di adeguare il sistema scolastico della città alle nuove esigenze e migliorarlo sfruttando le potenzialità delle nuove tecnologie. L'Ass. All'istruzione Marilù Chiofalo, con un team di esperti, pianifica una strategia di modernizzazione delle scuole che vede la parallela intersezione di più progetti in sinergia tra loro. 1. Aule informatiche a costo zero 2. Portale unico delle scuole 3. Smart school 4. Smart Inclusion 5. Troll
  10. 10. 1 . Aule Informatiche a costo zero a) ADSL in tutti gli Istituti b) Reperimento dotazione strumentale (hardware) c) Installazione software libero d) Formazione dei docenti Il Comune di Pisa si impegna nella dotazione di connessioni ADSL uniformate su tutti i plessi. Il piano prevede inoltre di utilizzare le Scuole, tra tutti i possibili edifici pubblici della città, come nodi della cablatura a banda larga prevista nel programma di mandato per la legislatura, nel settore e assessorato all'E-government.
  11. 11. a) ADSL in tutti gli Istituti b) Reperimento dotazione strumentale (hardware) c) Installazione software libero d) Formazione dei docenti 1 . Aule Informatiche a costo zero L'Istituto Informatica e Telematica del CNR, la Scuola Superiore Sant'Anna, Vodafone Italia e l'agenzia formativa Formatica aderiscono con entusiasmo al progetto e partecipano in maniera consistente attraverso la donazione di propri computer in fase di smantellamento, magari obsoleti per le loro esigenze ma perfetti per gli scopi scolastici di base. Sul sito del Comune viene creato un VIRTUAL SHOP in cui ciclicamente le aziende e i privati possono segnalare la loro volontà di donare.
  12. 12. a) ADSL in tutti gli Istituti b) Reperimento dotazione strumentale (hardware) c) Installazione software libero d) Formazione dei docenti 1 . Aule Informatiche a costo zero Il Comune di Pisa, coadiuvato dall'associazione GULP, effettua il controllo tecnico e si occupa della predisposizione dei PC nelle scuole, secondo un'ordine d'urgenza mirato a coprire a rotazione la totalità degli Istituti. La condizione di utilizzo dell'hardware donato è stata categoricamente fissata nell' installazione di software libero
  13. 13. 1 . Aule Informatiche a costo zero a) ADSL in tutti gli Istituti b) Reperimento dotazione strumentale (hardware) c) Installazione software libero d) Formazione dei docenti T-OSSLab, il centro di competenza per l'open source in Toscana, in collaborazione con il GULP, ha condotto corsi di formazione nelle diverse scuole del territorio sottolineando la semplicità di utilizzo di programmi liberi come ad esempio il pacchetto OpenOffice
  14. 14. 1 . Aule Informatiche a costo zero RISULTATI Nel primo ciclo di distribuzione sono state realizzate 4 aule informatiche a costo zero , con 10 pc l'una in 4 dei sette Istituti Comprensivi della Città.
  15. 15. 2. Portale unico delle scuole http://scuole.pisa.it/ Il portale unico permette la navigazione in tutti gli Istituti della città e l'accesso ad una serie di informazioni indispensabili ad alunni e genitori. Navigando nel portale è possibile accedere ad informazioni di ogni sorta ma in formato omogeneo circa gli Istituti, i piani didattici e gli orari dei ricevimenti Il portale offre un'area Wiki in cui la gestione dei contenuti è libera, partecipativa e interattiva ed un Blog per lo scambio di pensieri e informazioni.
  16. 16. 3. Smart School La tradizionale lavagna viene sostituita da nuove lavagne multimediali interattive che, collegate ad una postazione pc e ad un proiettore, rivoluzionano la struttura delle lezioni, permettendo di proiettare qualsiasi materiale di supporto delle lezioni in qualunque formato digitale, di costruire in modo cooperativo la conoscenza ogni volta in modo diverso secondo le diverse risorse e le diverse abilità di studenti e di docenti presenti in quel momento in quell'aula, di condividere l'intera esperienza di apprendimento e l'archiviazione delle &quot;lezioni&quot;, rendendole accessibili anche oltre l'orario scolastico e a distanza.
  17. 17. 4. Smart Inclusion Grazie all'installazione di un terminale touch screen dotato di webcam e microfono per interagire con la lavagna elettronica , la Regione e l'Ospedale Santa Chiara di Pisa hanno costruito un ponte con le scuole del territorio permettendo a bambini degenti di partecipare in maniera attiva alle lezioni in real time collegandosi in remoto come se fossero nella propria classe, oltre all'accesso all'archivio delle lezioni Smart Inclusion è anche uno strumento di intrattenimento , la macchina permette infatti la connessione a Internet e a un canale video on demand dedicato ai più piccoli, e rappresenta inoltre un utile strumento ospedaliero, permettendo il controllo via web cam del piccolo paziente.
  18. 18. 5. TROLL Con lo scopo di permettere la navigazione sicura agli alunni che si avvicinano alla Rete con ingenuità, nasce il portale TROOL, ideato dalla Regione Toscana e realizzato dall'Istituto degli Innocenti di Firenze, che, grazie al sistema di filtraggio e alla gestione dei contenuti, garantisce un uso protetto del Web. Il Comune di Pisa ha attuato inoltre un'azione di sensibilizzazione affinch é nel piano scolastico dell'offerta formativa sia prevista la possibilit à che alle ore di italiano e matematica si affianchino laboratori di TROOL, con lo scopo di avvicinare i più piccoli al computer e di insegnare loro l'importanza di Internet come supporto allo studio e mezzo di continuo apprendimento
  19. 19. CONCLUSIONI Il Comune di Pisa, con l'implementazione e la promozione di questi progetti tra loro integrati, ha creato un prototipo ben definito di piano d' azione, emulabile e riutilizzabile in altre realtà. L'innovazione tecnologica nella scuola viene promossa come strumento particolarmente efficace a realizzare l'obiettivo primario dell'unica economia sostenibile , quella fondata sullo sviluppo delle capacità umane con la valorizzazione delle diverse abilità di ogni individuo a partire dai più piccoli, e sullo sviluppo delle abilità sociali. Per questo sono stati combinati valori etici con risorse umane e strumentali, fondendo il progresso con un'attenzione per l'ambiente (aule informatiche a costo zero), la sicurezza attraverso l'etica della Responsabilità (portale scuole e Trool) e la solidarietà (Smart Inclusion). Il tutto secondo criteri di economicità , sussidiarietà e sostenibilità nel tempo.
  20. 20. GRAZIE DELL'ATTENZIONE Presentazione a cura di Laura Bertellotti Le immagini sono reperibili all'indirizzo www.publicdomainpictures.net

×