Ldb key management 2014 05-23 pedronetto-gestione dei problemi

446 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
446
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
131
Actions
Shares
0
Downloads
12
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Ldb key management 2014 05-23 pedronetto-gestione dei problemi

  1. 1. 2° modulo – capacità organizzative: La gestione dei problemi e la capacità decisionale Noicàttaro, 23 maggio 2014 Paolo Pedronetto People & Performance
  2. 2. People & Performance 2 1990 2000 2010
  3. 3. Agenda 1 giorno: La gestione dei problemi e la capacità decisionale People & Performance 3 1. INDIVIDUARE IL PROBLEMA  definizione delle priorità e delle cause 2. SVILUPPARE LA SOLUZIONE  tecniche di problem solving e creatività 3. VALUTARE LE ALTERNATIVE E DECIDERE  Piano d’azione
  4. 4. Agenda 1 giorno: CASI DI STUDIO People & Performance 4 INDIVIDUARE IL PROBLEMA SVILUPPARE LA SOLUZIONE DECIDERE I crateri nei radiatori Siamo tutti ingegneri (o quasi) La scelta del candidato
  5. 5. Agenda 2ndo giorno: La gestione delle riunioni People & Performance 5 PREPARAZIONE DELLE RIUNIONI Variabili chiave e strumenti LA COMUNICAZIONE E I GIOCHI RELAZIONALI Tecniche di gestione dei gruppi e assertività LAVORARE IN GRUPPO  Tecniche di brainstorming
  6. 6. Agenda 2ndo giorno: La gestione delle riunioni People & Performance 6 PREPARAZIONE DELLE RIUNIONI LA COMUNICAZIONE E I GIOCHI RELAZIONALI LAVORO DI GRUPPO E INNOVAZIONE Test assertività Il colloquio di selezione Brainstorming
  7. 7. 1. Individuare il problema People & Performance 7
  8. 8. 1. INDIVIDUARE IL PROBLEMA People & Performance 8 I problemi e la loro definizione Problemi chiusi e problemi aperti Una riflessione sulle cause il principio 80/20 Strumenti per il problem setting Definizione delle priorità Uso del linguaggio e tipologia delle domande WWWH Esercitazione
  9. 9. Alcuni spunti People & Performance 9 Un problema sorge quando: un soggetto ha degli stimoli che lo spingono verso una meta ed è fallito il primo tentativo di raggiungerla.  un essere vivente, motivato a raggiungere una meta, non può farlo in forma automatica, mediante un’attività istintiva o un comportamento appreso.  un soggetto ha dubbi circa l’efficacia di due o più sequenze d’azione. Il processo di soluzione è volto a chiarire i dubbi.  il livello di performance atteso non è stato ottenuto e non si conosce la causa della performance inaccettabile. (C.Kepner & B.Trigoe)
  10. 10. Problemi chiusi People & Performance 10
  11. 11. Problemi aperti People & Performance 11
  12. 12. Il principio 80/20 People & Performance 12 Vilfredo Pareto (1848 – 1923) Un numero esiguo di eventi dà origine alla maggioranza degli effetti
  13. 13. Il principio 80/20 People & Performance 13 Vilfredo Pareto (1848 – 1923) Alcuni esempi:  Nel 20% delle città più popolose della Gran Bretagna vive l’80% della popolazione (in Italia il 60%) L’1,5% delle lingue nel mondo viene parlato da oltre il 90% della popolazione mondiale. Nell’uso quotidiano viene utilizzato meno dell’1% delle parole per l’80% del tempo. Il successo di Apple è stato determinato dalla riduzione del 70% dei suoi prodotti a catalogo. Di oltre 30.000 tipi di piante commestibili ne consumiamo solo 11. A New York il 70% dei crimini violenti avviene nel 3% dei C.A.P. Il 5% dei siti web attira il 75% del traffico mondiale
  14. 14. Il problem setting People & Performance 14 Definizione delle priorità Uso del linguaggio e tipologia delle domande
  15. 15. importanza urgenza tendenza Alta, media bassa problema I T U Tot Definire le priorità People & Performance 15
  16. 16. Il linguaggio del problem solving People & Performance 16 da a giudizio descrizione emotivo descrittivo opinioni fatti generale specifico
  17. 17. People & Performance 17 P Q RS T P = Preview Visione preliminare d’insieme Q = Question Domande: cosa ci si aspetta da un determinato argomento R = Read Lettura (veloce) S = Summary Riassunto T = Test Verifica di quanto appreso
  18. 18. Tipologia delle domande People & Performance 18
  19. 19. Esercitazione People & Performance 19 (C. Kepner, B. Trigoe)
  20. 20. Esercitazione i crateri nei radiatori People & Performance 20 20 minuti per la lettura del caso e discussione in gruppo Analisi in plenaria
  21. 21. Le domande WWWH People & Performance 21 È Non è cosa dove quando quanto e solo dopo…….COME ?
  22. 22. 2. Sviluppare la soluzione People & Performance 22
  23. 23. 2. SVILUPPARE LA SOLUZIONE People & Performance 23 Cos’è il problem solving La creatività Esercitazione
  24. 24. Le fasi che conducono alle scoperte People & Performance 24 Karl Popper (1902- 1994) •Si inciampa su un problema •Si studiano tutti i tentativi messi in atto come soluzioni •Si cercano soluzioni alternative •Le si applicano •Si misurano gli effetti •Si aggiusta la strategia sino a renderla efficace
  25. 25. Quali risorse? People & Performance 25
  26. 26. La ricerca delle alternative People & Performance 26
  27. 27. Soluzioni non lineari People & Performance 27 A quale quadrato sto pensando ?
  28. 28. Soluzione People & Performance 28
  29. 29. Il torneo People & Performance 29 Nel Medioevo, un maestro d’arte della guerra cinese fu invitato ad assistere a un torneo cavalleresco. Il torneo si basava sullo scontro dei tre migliori campioni dei due principati ovvero: prima si sarebbero scontrati i primi due cavalieri più forti, poi i due secondi, poi i due terzi. La squadra che totalizzava più vittorie avrebbe vinto. A questo punto il maestro della guerra disse al principe che lo ospitava: se fai come ti dico, la tua vittoria è assicurata! Come ?
  30. 30. Penna spaziale: soluzione USA People & Performance 30 Penna Spaziale •Scrive in ogni posizione •Su tutte le superfici •Ad alte temperature (oltre 200°) •In assenza di gravità •Chiusura ermetica e pressurizzata •Durata dell’involucro: 100 anni •Costi di sviluppo: oltre 1m di $
  31. 31. Penna spaziale:soluzione URSS People & Performance 31
  32. 32. Le 4 competenze della creatività 32People & Performance
  33. 33. People & Performance 33  Le idee nuove vanno e vengono: occorre saperle conservare ed utilizzare al momento opportuno.  Azioni di sviluppo:  Stimolare il pensiero metaforico  Trovare posti e momenti per sé  Le «3B»: Bed, Bath and Bus  Apprendimento attivo: P.Q.R.S.T.
  34. 34. People & Performance 34  Se si affronta un problema nuovo/inaspettato:  Risorgono comportamenti già utilizzati  Se il problema persiste, i comportamenti entrano in competizione tra loro.  Secondo la teoria generativa i comportamenti che divergono permettono di farne nascere di nuovi. Ma questa fase è percepita come confusa e/o frustrante !!!
  35. 35. People & Performance 35  Azioni di sviluppo:  Gestire gli insuccessi  Eliminare i timori  Limitare le probabilità di insuccesso  Gestire le emozioni  Dare fiducia
  36. 36. People & Performance 36  Quanto più è ampia la base delle esperienze tanto più sono diversi i vostri «repertori di comportamento» che generano innovazione.  Azioni di sviluppo:  Ampliare la conoscenza di base  Formazione diversificata  Benchmarking
  37. 37. People & Performance 37  L’ambiente esterno (di lavoro / sociale) condiziona la creatività / innovazione.  Azioni di sviluppo:  Cambiamenti di attività  Gruppi di lavoro interfunzionali  Social networks
  38. 38. People & Performance 38 • Conservare le idee • Ricercare le sfide e gestire gli insuccessi • Allargare le proprie competenze • Affrontare i cambiamenti di ambiente In sintesi:
  39. 39. In conclusione:  Ciascuno di noi ha generalmente lo stesso potenziale di creatività  Le persone creative hanno delle «competenze particolari»  Chiunque può imparare queste competenze  Il processo creativo può essere accelerato e indirizzato People & Performance
  40. 40. People & Performance 40 Gli approcci al problem solving creativo:  Combinatorio  Principio: scomposizione del problema in elementi e funzioni e successiva ricombinazione.  Strumenti utilizzati: matrici di scoperta  Associativo  Principio: nessuna associazione di idee è frutto del caso.  Strumenti utilizzati: brainstorming / mappe mentali  Analogico  Principio: stabilire somiglianze in ambiti diversi.  Strumenti utilizzati: Simboli e metafore  Onirico  Principio: ispirazione creatrice da meccanismi non controllati dalla coscienza.  Strumenti utilizzati: sogno
  41. 41. Esercizio People & Performance 41
  42. 42. Es. 2:siamo tutti ingegneri People & Performance 42 Nella prima pagina vengono descritti 8 problemi / situazioni e il relativo oggetto coinvolto. Per risolvere il problema provate ad abbinare l’oggetto con uno (o più) degli oggetti nella pagina seguente. Avete 5 minuti di tempo. Successivamente vengono proposte le soluzioni, ma è possibile che voi stessi ne troviate di migliori! Istruzioni
  43. 43. People & Performance 43
  44. 44. 3. Valutare le alternative e decidere People & Performance 44
  45. 45. Decidere People & Performance 45 Karl Popper (1902- 1994) “La conoscenza assoluta e la razionalità illimitata sono semplicemente impossibili: tutti i modelli di decisione sono modi di gestire la razionalità limitata e la conoscenza imperfetta”
  46. 46. Le logiche delle decisioni People & Performance 46 1. Conseguenza  Alternativa: quali azioni sono possibili ?  Aspettative: quali sono le conseguenze di ciascuna azione alternativa ?  Preferenze  Regola di scelta 2. Appropriatezza:  Riconoscimento: tipo di soluzione  Identità: persona / organizzazione  Regole Percezione Diagnosi Ricerca soluzioni Valutazione Scelta Verifica Problem solving Decision making
  47. 47. Errori nelle decisioni People & Performance 47 Gli errori nel valutare le alternative e quindi del processo decisionale: RAPPRESENTABILITA’:  valutare la probabilità di un evento sulla base della facilità con il quale è richiamabile alla memoria SVALUTAZIONE ALTERNATIVE PARZIALMENTE DESCRITTE:  si preferiscono le alternative meglio strutturate / definite (impatti sull’innovazione) ILLUSIONE DEL CONTROLLO: non si valutano alternative perché ci si illude che basti l’impegno per risolvere un problema EFFETTO CORNICE: le scelte vengono influenzate da come il problema o l’alternativa viene inserita nel contesto
  48. 48. Obiettivi People & Performance 48 Ciò che non voglio Ciò che voglio MUST WANTS priorità
  49. 49. Esercitazione People & Performance 49
  50. 50. La scelta del candidato People & Performance 50 A B ….. Z peso% peso% peso% peso% soluzioni da valutare must want 1 2 …… n soluzione alfa soluzione beta soluzione delta soluzione……. soluzione omega tabella decisionale
  51. 51. People & Performance 51 Gli approcci al problem solving creativo:  Combinatorio  Principio: scomposizione del problema in elementi e funzioni e successiva ricombinazione.  Strumenti utilizzati: matrici di scoperta  Associativo  Principio: nessuna associazione di idee è frutto del caso.  Strumenti utilizzati: brainstorming / mappe mentali  Analogico  Principio: stabilire somiglianze in ambiti diversi.  Strumenti utilizzati: Simboli e metafore  Onirico  Principio: ispirazione creatrice da meccanismi non controllati dalla coscienza.  Strumenti utilizzati: sogno Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell’avere nuovi occhi Marcel Proust People & Performance

×