Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Ldb TAZ Raveggi 02

Ldb TAZ Raveggi 02
Crowdfunding e progetti artistici

  • Be the first to comment

Ldb TAZ Raveggi 02

  1. 1. Sabato 24 gennaio 2015 Laboratorio Urbano THE FACTORY - Palagiano (TA) Introduzione al crowdfunding per artisti Applicazioni 14:30 Come costruire una campagna di crowdfunding di successo? 15:00 Workshop. Rispondiamo con l’arte a 3 situazioni “estreme” 16:00 Dal crowdfunding al crowdsourcing: l’evoluzione...
  2. 2. Alcuni suggerimenti per una campagna crowdfunding di successo SOSTENIBILITA’/ RIUSO budget ed idea sostenibile o fondata sul riuso di materiali, non campata in aria o troppo ambiziosa! SOCIABILITY / FORMAZIONE progetti che coinvolgono (in entrata o in uscita) cittadini, necessariamente TEMPORALITA’/ TEMPISMO tempi prefissati di realizzazione e finalizzazione e nel momento giusto! (ricorrenze, eventi speciali) RADICALITA’ / CONCRETEZZA idea originale e radicata in un territorio circoscritto (meglio profondità che dispersione) VISIBILITA’/ VIRALITA’ testimonial importante, promozione nel territorio (no ecatombe online!), “fastidio” o guerrilla offline (ricordare del 4.0!) APPETIBILITA’ / CORRETTEZZA progetti che possano coinvolgere sponsor privati senza snaturarsi troppo
  3. 3. Workshop Qui di seguito 3 situazioni “d’emergenza” che devono essere risolte attraverso progetti di crowdfunding per l’arte LAVORIAMO ASSIEME A SOLUZIONI (1 ora)
  4. 4. SITUAZIONE 1 / 20 min Il paese Falusia diviso dal fiume Legiano Falusia, un paesino di montagna italiano, famoso perché resistente il 5 luglio del 1944 l’ avanzata nazista in Italia grazie ai suoi abitanti, è distribuito sulle sponde del fiume Legiano. L’esondazione recente del Legiano ha distrutto il ponte che collegava i due poli e quartieri della città, diversi tra loro anche per condizione sociale (il primo, disabitato di autunno e primavera, d’estate e d’inverno si popola di villeggianti milanesi; il secondo è più popolare e legato alle tradizioni locali, spesso limitate dal dialetto) L’amministrazione comunale di Falusia vorrebbe risolvere il problema del ponte ed assieme quello dell’interazione fra le due realtà, in modo “creativo”. Si rivolge a Forward. COSA FARESTE? LAVORATE SULLA SCHEDA
  5. 5. SITUAZIONE 2 / 15 min Un’ipotetica Prato Prato, capitale del mercato tessile italiano, vive in questi anni il problema dell’ integrazione tra comunità italiana e cinese. Il Comune di Prato ha necessità di mettere in collegamento il quartiere industriale popolato da bassa manovalanza cinese e quello più culturale del centro città. I due quartieri sono vicini e tra di loro si staglia un enorme spazio-fortezza che si sta apprestando a divenire una biblioteca centrale. L’accesso sarà libero, ma la struttura a fortezza della biblioteca non favorisce la sua “visibilità” per tutti, ma solo per gli italiani più attenti. La biblioteca contiene però anche un’importante collezione di libri in cinese. Il Comune di Prato chiama Forward per inaugurare la biblioteca e presentarla alle due differenti comunità al meglio. COSA FARESTE? LAVORATE SULLA SCHEDA
  6. 6. SITUAZIONE 3 / 20 min Sulla Luna Siamo nel 2050 e una piccola parte della comunità mondiale si è appena trasferita sulla Luna. Sono arrivati in particolare bambini e ragazzi sotto i 13 anni, figli degli scienziati che per anni hanno lavorato sul pianeta per scopi scientifici e accademici. Purtroppo nel pianeta ci sono solamente stazioni spaziali, laboratori, bunker, al massimo qualche studio o biblioteca, e c’è la necessità di ripensare in particolare un cratere centrale, chiamato Talassa, di modo che venga vissuto come una piazza comune per i giochi dei bambini e dei ragazzi, ed assieme un luogo d’incontro per la comunità di adulti. Il cratere è noto alla popolazione perché chi vi si rivolge viene colto da un’inspiegabile nostalgia della Terra - tanto che i casi di depressione nella zona sono aumentati in modo preoccupante. La delegazione terrestre sulla Luna chiede a Forward di organizzare un bando per progetti di ri-visitazione del cratere Talassa, ed offre a disposizione i materiali dei laboratori ora in dismissione (computer, carte, alambicchi, ecc.). COSA FARESTE? LAVORATE SULLA SCHEDA
  7. 7. L’evoluzione di Forward Dal crowdfunding al crowdsourcing...
  8. 8. FORWARD. L’arte dalla tua parte una nuova definizione per il Bando CHE FARE Una rete d’interazione online e offline tra artisti e cittadini per la produzione di opere ed eventi d’arte a beneficio pubblico; una piattaforma di nuovo mecenatismo dal basso, attraverso crowdsourcing e crowdfunding; un servizio per la co-progettazione da parte di comunità locali e artisti attraverso l’arte visuale, performativa, plastica e narrativa. Forward, tramite un sito internet, un calendario di incontri e strategie di promozione e diffusione mirate permette agli artisti di caricare i loro progetti reward-based (legati ad un territorio, una comunità, uno spazio da recuperare, per intercettare micro e macromecenati attraverso il crowdfunding all-or-nothing) e alle comunità (gruppi formali o informali di almeno 50 persone che condividano un interesse su uno spazio pubblico), di segnalare le problematiche e le richieste dello spazio pubblico in cerca di progetti che le risolvano. Forward selezionerà i progetti d’arte attraverso criteri di sostenibilità economica, pianificazione temporale, impatto sociale e sociability, per poi promuovere la realizzazione e il sostegno dal basso; lancerà bandi e call for projects per rispondere alle domande delle comunità. In aggiunta, proporrà servizi dedicati di pre- e post- produzione di bandi e progetti per singoli, gruppi e istituzioni. Forward sarà arte al servizio dello spazio pubblico e delle comunità che lo vivono. Un’esperienza di cittadinanza attiva.
  9. 9. FORWARD. Cosa cambia? ARTISTI & COMUNITA’ Forward si fonda su un incontro combinato in reti reali e online di progetti artistici sostenibili e trasparenti e richieste d’intervento di comunità locali, considerando quest’ ultime non in forma inerte, ma coinvolgendole attivamente secondo le linee del crowdsourcing, ovvero della condivisione di saperi attraverso tecnologie. Non solo le comunità contribuiranno attivamente alla realizzazione di progetti d’ artista, singoli o collettivi, attraverso il metodo della sottoscrizione dal basso, ma principalmente saranno coinvolte in incontri formativi, workshop e dibattiti con gli artisti che promuoveranno e dai quali riceveranno reward, creando così un circolo virtuoso, una familiarità: una comunità di produzione, fruizione e formazione che incida territorialmente e nel tempo.
  10. 10. FORWARD. Cosa cambia? COMMUNITY Forward sfrutterà i mezzi del crowdsourcing e del crowd-funding, facendo interagire artisti e cittadini in una community online ma con una corrispondenza offline (attraverso incontri, assemblee, iniziative). Nella community generata ogni attore avrà il suo profilo-account specifico (artista, mecenate, comunità) e potrà ricevere aggiornamenti dalle varie parti in modo gratuito.
  11. 11. FORWARD. Cosa cambia? IN SINTESI Partner chiave Artisti (ideazione e produzione) Comunità (richiesta d’intervento e sottoscrizione collettiva) Micro-mecenati (sottoscrizione individuale) Macro-mecenati (sponsorizzazione o incarico da parte di Istituzioni pubbliche o privati) Attività chiave CROWDSOURCING con piattaforma online, supportata da iniziative offline CROWDFUNDING all-or-nothing reward-based di progetti artistici MATCHING tra richieste d’intervento e artisti tramite bandi SELEZIONE progetti artistici e richieste d’intervento delle comunità PROMOZIONE iniziative locali per diffondere bandi o progetti CONSULENZA per iniziative ad impatto sociale per Istituzioni pubbliche o privati SERVIZI AGGIUNTIVI di pre- e post-produzione (allestimento, documentazione, ufficio stampa, logistica)
  12. 12. FORWARD. Cosa cambia? IN SINTESI Valore aggiunto - Creazione di una community di produzione, matching e promozione tra idee artisti e esigenze comunità. - Crowdfunding a maggiore impatto sociale e con reward formativi - Servizi di consulenza e realizzazione di progetti istituzionali con coinvolgimento sociale e dal basso. - Diffusione dell’arte nelle sue varie forme come: a) bene comune; b) modificazione dello spazio pubblico; c) “reward” culturale d) cittadinanza partecipativa, nel deficit dei fondi statali
  13. 13. Matching come curatela Il nostro nuovo progetto offre quindi, essenzialmente, un servizio di matching tra artisti e comunità, che avranno come users la possibilità di gestire e aggiornare il loro profilo pubblico di artisti, comunità, micro-mecenati. Allestirà inoltre nel tempo una vetrina per gli artisti che così intercetteranno nuovo pubblico e nuovi mecenati. E così via…
  14. 14. Conclusioni finali

×