un proge
            ott
     medicindia
     narrativa




Strategia
2    Dati istituzionali




    Politecnico di Milano
    Facoltà del Design
    CdLM Design della Comunicazione

    C.I....
3   Introduzione al problema
4    Introduzione al problema




Quali sono
i problemi
del sistema
                       Nel corso dell’analisi di quel ...
5   Introduzione al problema




dati emergono chiaramente anche dai test              un posto vicino alle persone, che d...
6    Introduzione al problema




chiaramente con il medico di quello che vive.             problematicità del sistema osp...
Hstory Strategia
Hstory Strategia
Hstory Strategia
Hstory Strategia
Hstory Strategia
Hstory Strategia
Hstory Strategia
Hstory Strategia
Hstory Strategia
Hstory Strategia
Hstory Strategia
Hstory Strategia
Hstory Strategia
Hstory Strategia
Hstory Strategia
Hstory Strategia
Hstory Strategia
Hstory Strategia
Hstory Strategia
Hstory Strategia
Hstory Strategia
Hstory Strategia
Hstory Strategia
Hstory Strategia
Hstory Strategia
Hstory Strategia
Hstory Strategia
Hstory Strategia
Hstory Strategia
Hstory Strategia
Hstory Strategia
Hstory Strategia
Hstory Strategia
Hstory Strategia
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Hstory Strategia

1,244 views

Published on

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,244
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
238
Actions
Shares
0
Downloads
24
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Hstory Strategia

  1. 1. un proge ott medicindia narrativa Strategia
  2. 2. 2 Dati istituzionali Politecnico di Milano Facoltà del Design CdLM Design della Comunicazione C.I. Laboratorio di Sintesi Finale docenti: Casinovi Alessandro Ciuccarelli Paolo Maiocchi Marco Mandato Stefano Randone Massimo Zingale Salvatore progetto a cura di: Valentina Ceruti Manuela Ciancilla Sara Deambrosis
  3. 3. 3 Introduzione al problema
  4. 4. 4 Introduzione al problema Quali sono i problemi del sistema Nel corso dell’analisi di quel sistema complesso che è l’ospedale italiano, sono emersi diversi problemi su cui è possibile lavorare. Alcuni, di carattere organizzativo e ospedaliero gestionale, non sarebbero stati completamente risolti con una sola azione comunicativa, perché richiedono competenze che esulano da italiano? quelle del designer della comunicazione. Si è deciso così di operare più sul lato qualitativo della degenza ospedaliera, in quanto sappiamo come questo influisca sullo stato d’animo del paziente e possa aiutare a migliorare la sua salute, almeno dal punto di vista psicologico. Uno dei problemi principali emersi dallo studio riguardante la qualità della degenza ospedaliera è infatti proprio la minima possibilità d’espressione consentita al paziente, e il rapporto, sempre più freddo e formale, che si instaura tra lui e il medico. Questi
  5. 5. 5 Introduzione al problema dati emergono chiaramente anche dai test un posto vicino alle persone, che deve offrire qualitativi che molti ospedali sottopongono calore e conforto diventa così quella di un ai degenti, proprio per valutare il grado di posto in cui, in cambio di un pagamento, si soddisfazione della loro struttura, tuttavia riceve una prestazione. Il tutto assume così una sono davvero in pochi a cercare un modo per dimensione commerciale in cui il rapporto tra risolvere questo problema: non per niente, il malato e il medico che lo cura si riduce ad infatti, nell’immaginario comune l’ospedale è un contatto freddo e impersonale. Il paziente considerato un posto freddo, asettico, in cui viene considerato un numero tra tanti, un non è per nulla piacevole andare, sebbene in insieme di sintomi su cui redigere una diagnosi, realtà sia il posto in cui si viene aiutati a stare dimenticandosi di avere davanti una persona, meglio. Le persone vedono infatti l’ospedale con un nome, una storia e delle emozioni. non come il posto della cura e della guarigione, quanto piuttosto quello della malattia. Questa Ma come cambiare questa situazione? mentalità, controproducente per la salute La mentalità aziendale, imposta dai gradi psichica della persona, trova adito sicuramente più alti dell’ospedale, non si può cambiare grazie alla mentalità aziendale che si è oramai radicalmente, ma basterebbe poco per diffusa negli ospedali del nostro Paese. Oggi, migliorare la situazione ed influire così infatti, il malato non è più considerato solo sull’intero sistema. Quello che manca, un paziente, quanto piuttosto un cliente: la attualmente, è la possibilità offerta al paziente visione di un luogo, l’ospedale, che deve essere di esprimere ciò che sente, di parlare
  6. 6. 6 Introduzione al problema chiaramente con il medico di quello che vive. problematicità del sistema ospedaliero italiano, Se ciò avvenisse, ci sarebbero sicuramente è stata fatta una lunga analisi che ha preso dei cambiamenti in positivo. Il medico, infatti, in esame diversi dati provenienti da diverse vedrebbe il paziente come una persona e strutture del nostro paese. Questi sono stati poi non come un numero, e allo stesso tempo il sintetizzati e organizzati in una mappa visiva. paziente vedrebbe a sua volta nel medico una persona, anziché una fredda figura istituzionale. Quella che alleghiamo nell’ultima pagina di questo book, è la mappa del sistema Ci sono diversi modi per far sì che questo modificata in base all’azione che stiamo cambiamento si verifichi. Ovviamente, deve progettando, e che spiegheremo a breve. esserci la volontà da parte di entrambi i Attraverso appunto il progetto, crediamo di soggetti coinvolti affinché si realizzi tale modificare il sistema ospedaliero in maniera evoluzione del sistema; oggi alcuni tentativi significativa. Ed è proprio in questa mappa sono già stati messi in cantiere, soprattutto di scenario che è ben visualizzabile questo all’estero, in paesi come gli Stati Uniti o i Paesi cambiamento. Nordici Europei, in cui si è sviluppato (o si sta sviluppando) un rapporto più umano In Italia, le iniziative verso questo tra le figure professionali che operano in orientamento sono poche, e soprattutto ospedale e i pazienti che vi si trovano. Prima poco conosciute. Anche se qualcosa sembra di trarre tutte queste conclusioni sulle stia cambiando. Lo scetticismo di molti

×