Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Incontro 1

2,053 views

Published on

Corso riconoscimento alberi più comuni nel varesotto

Published in: Environment
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Incontro 1

  1. 1. AFFRONTIAMO IL MONDO DEGLI ALBERI CON RISPETTO ED UMILTA’ DISTINGUIAMO LE ANGIOSPERME E LE GIMNOSPERME (SEME NUDO, CONIFERE) LE AGHIFORMI, LE SQUAMIFORMI, LE FOGLIE A LAMINA LARGA
  2. 2. Un buon motivo per conoscere ed amare gli alberi…
  3. 3. È che, respirando, ci permettono di respirare…
  4. 4. Grafico della CO2 (e PPN) di un abete di Douglas in un giorno primaverile e in un giorno estivo. Love is on the air…in a wispel of a tree…. Maurizio Alberti
  5. 5. • La vegetazione dell’alta pianura è rappresentata dalla farnia, in particolare dalle specie del carpino e, in misura minore, dell'olmo. Sviluppandosi in un settore fortemente antropizzato del territorio milanese, questa vegetazione è riscontrabile esclusivamente in modo molto frammentario nell'ambito delle attuali boscaglie dominate da robinia e da altre specie alloctone, come ad esempio nei boschi attorno a Castano Primo e Magnago • Dal punto di vista botanico tali strutture sono rappresentate soprattutto da robinie e dalla presenza, più o meno significativa, di specie arboree tipiche della primigenia foresta planiziale padana, quali la farnia, il carpino bianco, l'olmo campestre, l'acero campestre, il frassino e i pioppi, in particolare il pioppo bianco e il pioppo nero. Esempi di queste presenze sono i boschi di Riazzolo e di Cusago e i boschi della Valle del Ticino nelle zone più interne. Inoltre, nelle zone più umide, si rileva la presenza dell'ontano, del pioppo bianco, del pioppo nero e di varie specie di salici; nell’ambito di queste strutture vegetazionali, tipici sono i boschi golenali del Ticino. Un aspetto di degrado delle aree boscate è rappresentato dalla presenza invadente e aggressiva del prugnolo tardivo e in misura crescente dell’ailanto. •
  6. 6. Il terribile, mitico, ailanto altissimo, o albero del paradiso, invade ogni cosa…
  7. 7. Ed il prugnolo tardivo, o prunus serotinus, cattivo, invadente, bruttino…
  8. 8. Questo è il peggiore : poligono giapponese, il nuovo rovo, ma le api lo amano…
  9. 9. E poi ancora robinia, quercia rossa, acer negundo…
  10. 10. • Riproposta in un volume la «Storia delle piante forastiere» di Luigi Castiglioni • Robinie, platani e alberi esotici Così cambiò il paesaggio lombardo • Arbusti importati per consolidare i binari o per combattere la peste Trasporti La «gaggìa» fu usata nella seconda metà dell' 800 per «armare» il terreno a lato di binari Passeggio Tra le virtù del platano americano il «grato e balsamico odore» che rende migliore l' aria Un testo fondamentale per conoscere piante e fiori provenienti da ogni parte del mondo • Jaca Book ha appena riproposto un testo fondamentale per conoscere le piante presenti nella nostra regione e la loro storia, che sovente si intreccia con quella della letteratura e del pensiero. Si tratta di un' opera di Luigi Castiglioni (1757-1832), patrizio milanese, figlio di Ottavio e di Teresa Verri (la sorella del celebre Pietro) che fu un esperto di scienze naturali e in particolare di botanica. Dopo aver pubblicato a Milano nel 1790 i due volumi del Viaggio negli Stati Uniti dell' America Settentrionale - che intraprese tra il 1785 e il 1787 - diede alle stampe in quattro tomi tra il 1791 e il 1794, sempre a Milano, la Storia delle piante forastiere, le più importanti nell' uso medico, od economico, la medesima ora che Jaca Book ha pubblicato in un solo volume (pp. 622, 48). L' opera contiene la descrizione particolareggiata di numerose specie di piante esotiche con l' indicazione della loro origine, cultura, morfologia, uso pratico e diffusione geografica. È un manuale di scoperte. Dalla «Vainiglia» alla Canfora, dal Rabarbaro al Cacao, dallo Zucchero al Cotone, dal «Papavero sonnifero» all' «Ananasso», dallo Zafferano al Caffé, per limitarci soltanto a qualche caso, Castiglioni prende per mano il lettore e lo accompagna nell' avventura di queste piante. Nella postfazione di Enrico Banfi, tra l' altro, si nota che in quell' epoca di grandi sperimenti di acclimatazione si cambiò anche il paesaggio della Lombardia. Un esempio che vale per tutti: la Gaggìa o Robinia pseudoacacia. Fu uno degli alberi prediletti da Alessandro Manzoni (oggi invece non mancano dei botanici che la definiscono «inquinamento verde»), ed era stata introdotta a metà del XVII secolo dagli Stati Uniti centro-orientali. Osserva Banfi: «Dapprima coltivata qua e là come curiosità da giardino, verrà impegnata estesamente in Europa nella seconda metà dell' Ottocento per consolidare il terreno a lato dei binari ferroviari di fresca costruzione e tale intervento innescherà nel secolo successivo una vera e propria rivoluzione del paesaggio». La Lombardia, e non soltanto, diventò stagione dopo stagione un terreno favorevolissimo per l' autoaffermazione di questa pianta esotica americana che invase il territorio collino-planiziare. Tra le schede del Castiglioni ve ne sono due dedicate ai platani, all' orientale e all' occidentale. Per il primo, egli nota che «dopo il Cedro del Libano è la pianta più onorata presso gli antichi», che fu stimata dai Persiani e dai filosofi (ci resta un elogio attribuito a Salomone) e pare che «abbia una virtù naturale contro la peste». Sarà vero o no, poco conta: di certo le città lombarde lo hanno utilizzato largamente e del bene ne ha fatto. Del secondo, proveniente dagli Stati Uniti e dal Canada, Castiglioni ricordava che «diffonde un grato e balsamico odore, per cui merita di essere a preferenza collocato nei luoghi di passeggio». Va infine aggiunto che il comune di Mozzate, dove Castiglioni aveva una casa (in via Cornaggia, per la precisione) ha patrocinato la ristampa della sue opere. Patrizio milanese ma bisognoso di terreno per i suoi esperimenti botanici, egli passò non poco tempo nella provincia di Como. A Milano, invece, fu coperto di onori e di incarichi. Basterà osservare che nel 1810 Napoleone gli conferì il titolo di conte e che nel 1820 ebbe la qualifica di Imperial Regio Ciambellano. L' autore Luigi Castiglioni (Milano 1757-1832) lasciò la «Storia delle piante forastiere». Durante il periodo napoleonico fu ispettore agli studi, direttore della Stamperia Reale, presidente dell' Accademia di belle Arti e senatore. A Mozzate (Co) aveva una casa e fece esperimenti botanici Ambiente e verde: un manuale di scoperte Usi Costumi
  11. 11. Ma i veri nemici non sono loro… anno 2008
  12. 12. Quattro anni dopo…
  13. 13. Strobili e cipressi. Una guida per l'identificazione. • Da A - N: Cipresso del Nuovo Mondo (Hesperocyparis) precedentemente posti nel genere Cupressus. • S: Falso Cipresso (Chamaecyparis) include il Cedro di Port Orford Chamaecyparis lawsoniana (A.Murray) Parl. • O - R: Cipresso del Vecchio Mondo (Cupressus) include il Cipresso Italiano • T - U: Cipresso di Nootka (Callitropsis) include il Cedro dell’Alaska Chamaecyparis nootkatensis (D.Don) Spach; potrebbe diventare Hesperocyparis. • • A. Cipresso Tecate Hesperocyparis forbesii (Jeps.) Bartel • B. Cipresso di Sargent Hesperocyparis sargentii (Jeps.) Bartel • C. Cipresso Piute Hesperocyparis nevadensis (Abrams) Bartel • D. Cipresso Cuyamaca Hesperocyparis stephensonii (C.B.Wolf) Bartel • E. Cipresso di Santa Cruz Hesperocyparis abramsiana (C.B.Wolf) Bartel • F. Cipresso di Monterey Hesperocyparis macrocarpa (Hartw.) Bartel • G. Cipresso di Gowen Hesperocyparis goveniana (Gordon) Bartel • H. Cipresso di Mendocino Hesperocyparis pygmaea (Lemmon) Bartel • I. Cipresso di Macnab Hesperocyparis macnabiana (A.Murray) Bartel • J. Cipresso di Modoc Hesperocyparis bakeri (Jeps.) Bartel • K. Cipresso dell’Arizona dalla corteccia liscia Hesperocyparis glabra (Sudw.) Bartel • L. Cipresso dell’Arizona dalla corteccia ruvida Hesperocyparis arizonica (Greene) Bartel • M. Cipresso di San Pedro Martir Hesperocyparis montana (Wiggins) Bartel • N. Cipresso Messicano Hesperocyparis lusitanica (Mill.) Bartel • O. Cipresso Italiano Cupressus sempervirens L. • P. Cipresso del Sahara Cupressus dupreziana A.Camus • Q. Cipresso del Kashmir Cupressus cashmeriana Royle ex Carrière • R. Cipresso funebre Cupressus funebris Endl. • S. Cedro di Port Orford Chamaecyparis lawsoniana (A.Murray bis) Parl. • T. Cedro dell’ Alaska Chamaecyparis nootkatensis (D.Don) Spach • U. Cipresso di Leyland Callitropsis x leylandii. • Note: Il cedro di Port Orford (S) rimane nel genere Chamaecyparis, mentre il Cedro dell’Alaska (T) ora rientra nel genere Callitropsis, mentre il Cipresso di Leyland (U) diventa Callitropsis x leylandii. Il genere Callitropsis potrebbe essere rifiutato dal Congresso Botanico del 2012 e cambiato in Hesperocyparis. Gruppi di specie come Hesperocyparis (Callitropsis), Chamaecyparis, Juniperus e Cupressus del Vecchio mondo rappresentano branche (cladi) separate nella generazione filogenetica degli alberi •
  14. 14. All. C - Elenco delle essenze velenose o pericolose da non piantumare nelle aree destinate a campo giochi per bambini • • ACONITUM NAPELLUS • ANEMONE NEMOROSA • AQUILEGIA VULGARIS • BUXUS SEMPERVIRENS • CLEMATIS VITALBA • COLCHICUM AUTUMNALIS • CONVALLARIA MAIALIS • DAPHNE MEZEREUM • EUONYMUS EUROPAEUS • HELLEBORUS NIGER • LABURNUM ANAGYROIDES • NERIUM OLEANDER • SEDUM ACRE • SYMPHORICARPOS ALBUS • TAXUS BACCATA • WISTERIA SINENSIS
  15. 15. • All. D – Tipi di piante e classi di altezza degli alberi • CLASSI DI ALTEZZA DEGLI ALBERI • ALBERI DI PRIMA GRANDEZZA - Alberi che a maturità superano i 25 metri • Angiosperme • Acero di monteAcer pseudoplatanus • Noce neroJuglans nigra • Acero riccio • Acer platanoides • LiriodendroLiriodendron tulipifera • Acero saccarinoAcer saccharinum • Platano ibridoPlatanus x acerifolia • AilantoAilanthus altissima • Pioppo sp.Pupulus sp. • Ontano neroAlnus glutinosa • Quercia palustreQuercus palustris • BetullaBetulla pendula • RovereQuercus petraia • CastagnoCastanea sativa • FarniaQuercus robur • Eucalipto comuneEucaliptus viminalis • Quercia rossaQuercus rubra • FaggioFagus sylvatica • Tiglio sp.Tilia sp. • Frassino maggioreFraxinus excelsior • Olmo ciliatoUlmus laevis • Frassino americanoFraxinus pennsylvanica • Olmo campestreUlmus minor
  16. 16. Continua prima grandezza• Gimnosperme . Abete del Colorado Abies concolor • Picea orientalePicea orientalis • Abete del CaucasoAbies nordmannniana • Picea del ColoradoPicea pungens • Araucaria Araucaria araucana • Pino nero austriacoPinus nigra • LibocedroCalocedrus decurrens • Pino stromboPinus strobus • Cedro sp.Cedrus sp. • Pino dell’HymalaiaPinus wallichiana • Cipresso di LawsonChamaecyparis lawsoniana • Pino silvestrePinus sylvestris • Cipresso giapponeseChamaecyparis pisifera • Abete di Douglas sp.Pesudotsuga menziesii • Cedro rossoCryptomeria japonica • Sequoia verdeSequoia sempervirens • GinkgoGinko biloba • WellingtoniaSequoiadendron giganteum • Larice europeoLarix decidua • Tuja giganteThuja plicata • Larice giapponeseLarix leptolepis • Tsuga del CanadaTsuga canadensis • MetasequoiaMetasequoia glytptostroboides • Cipresso di paludeTaxodium distichum • Abete rossoPicea excelsa • • •
  17. 17. ALBERI DI SECONDA GRANDEZZA – Alberi che a maturità misurano un’altezza compresa tra 15 e 25 metri • Angiosperme • Acero della VirginiaAcer negundo • Magnolia sempreverdeMagnolia grandiflora • Noce comuneJuglans regia • Carpino neroOstrya carpinifolia • LiquidambarLiquidambar styraciflua • Ciliegio selvaticoPrunus avium • Acero rosso Acer rubrum • Noce del CaucasoPterocarya fraxinifolia • IppocastanoAesculus hippocastanum • LeccioQuercus ilex • Ippocastano rosaAesculus carnea • Roverella Quercus pubescens • Ontano napoletanoAlnus cordata • SugheraQuercus suber • Betulla neraBetyula nigra • Robinia Robinia pseudoacacia • Betulla americanaBetulla papyrifera • Salice biancoSalix alba • Carpino biancoCarpinus betulus • SoforaSophora japonica • CatalpaCatalpa bignonioides • Sorbo montanoSorbus aria • BagolaroCeltis australis • Tiglio americano Tilia americana • Nocciolo di BisanzioCorylus col urna • Olmo montanoUlmus glabra • Spino di GiudaGleditsia triacanthos • Olmo siberianoUlmus pumila
  18. 18. • Gimnosperme • Cipresso azzurro • Cupressus arizonica • Pino domestico • Pinus pinea • Cipresso levigato • Cupressus glabra • Tasso • Taxus baccata • Cipresso • Cupressus sempervirens • Tuja occidentale • Thuja occidentalis •
  19. 19. ALBERI DI TERZA GRANDEZZA – Alberi che a maturità raggiungono un’altezza compresa tra 8 e 15 metri Angiosperme • Acero campestreAcer campestre • Acacia di CostantinopoliAlbizzia julibrissin • PauloniaPaulonia tormentosa Nespolo giapponeseEriobotrya japonica • Gelso da cartaBroussonetia papyrifera • OrnielloFraxinus ornus • AlloroLaurus nobilis • AgrifoglioIlex aquifolium • Magnolia a foglia caducaMagnolia x soulangeana • Ciliegio a grappoliPrunus padus • Melo da fioreMalus floribunda • Salice piangenteSalix alba ‘Tristis’ • Melo selvaticoMalus sylvestris • Sorbo degli uccellatoriSorbus aucuparia • GelsoMorus sp. • Sorbo domesticoSorbus domestica • Faggio sudamericanoNothofagus antartica • •
  20. 20. • Gimnosperme • Abete coreano • Abies coreana • Ginepro • Juniperus communis • Cipresso di Hinoki • Chamaecyparis obtusa • Falsa tuja • Thuyopsis dolabrata • •
  21. 21. • ALBERI DI QUARTA GRANDEZZA – Alberi che a maturità raggiungono un’altezza tra 2,5 e 8 metri • Angiosperme • MimosaAcacia dealbata • EleagnoElaeagnus pungens • Acero giapponeseAcer japonicum • FrangolaAlnus frangula • Acero palmatoAcer palmatum • Maggiociondolo sp.Laburnum sp. • CorbezzoloArbustus unedo • Albero di S.BartolomeoLagerstroemia japonica • BossoBuxus sempervirens • Ligustro Ligustrum lucidum • Camelia Camelia japonica • Magnolia stellataMagnolia stellata • Camelia invernaleCamelia sasanqua • NespoloMespilus germanica • Albero di GiudaCercis siliquastrum • ParroziaParrotia persica • Palma comuneTrachycarpus fortunei • OlivoOlea europea • ClerodendroClerodendron trichotomum • PrugnoloPrunus serrulata • Corniolo da fioreCorpus florida • ScotanoRhus typhina • Nocciolo Corylus avellana • Pero cinesePyrus calleryana • Biancospino sp.Crataegus sp. • Sambuco Sambucus nigra • SaliconeSalix caprea • GimnospermCefalotasso • Cephalotaxus fortunei • Ginepro cinese • Juniperus chinensis
  22. 22. • VITA VERDE • di Valerio Gallerati • LISTA SPECIE IN PRODUZIONE • ORDINE ALFABETICO PER NOME VOLGARE • NOME SPECIE ORIGINE DISPONIBILITÀ • 1 Acer campestris (ACERO CAMPESTRE, LOPPIO) autoctona • 2 Acer capillipes (ACERO CORTECCIA DI SERPENTE) alloctona • 3 Acer cappadocicum ssp. Lobelii (ACERO DI LOBEL) alloctona • 4 Acer davidii (ACERO DI DAVID) alloctona • 5 Acer ginnala (ACERO DELL'AMUR, ACERO DI FUOCO) alloctona • 6 Acer monspessolanum (ACERO MINORE,CESTUCCIO) autoctona • 7 Acer obtusatum (ACERO D'UNGHERIA) autoctona • 8 Acer obtusatum ssp.neapolitanum (ACERO NAPOLETANO) autoctona • 9 Acer opulifolius (ACERO OPALO) autoctona • 10 Acer palmatum (ACERO GIAPPONESE) alloctona • 11 Acer platanoides (ACERO DI NORVEGIA) autoctona • 12 Acer pseudoplatanus (ACERO MONTANO) autoctona • 13 Alnus cordata (ONTANO NAPOLETANO) autoctona • 14 Alnus glutinosa (ONTANO NERO) autoctona • 15 Alnus incana (ONTANO BIANCO) autoctona • 16 Alnus viridis (ONTANO VERDE) autoctona • 17 Amelanchier lamarkii(PERO CORVINO CANADESE) alloctona • 18 Amelanchier ovalis (PERO CORVINO) autoctona • 19 Arbutus unedo (CORBEZZOLO) autoctona • 20 Arctostaphylos uva-ursi (UVA URSINA) autoctona • 21 Aronia melanocarpa (ARONIA) alloctona • 22 Artemisia alba (ASSENZIO BIANCO) autoctona • 23 Artemisia arborescens ( ASSENZIO ARBOREO) autoctona • 24 Asparagus acutifolia (ASPARAGINA, ASPARAGO SELVATICO) autoctona • 25 Berberis aetnensis (CRESPINO NANO DELL'ETNA) autoctona • 26 Berberis vulgare (CRESPINO) autoctona • 27 Betula alba (BETULLA) autoctona • 28 Buddleja davidii (BUUDLEJA, ALBERO DELLE FARFALLE) alloctona • 29 Buxus sempervirens (BOSSO) autoctona • 30 Capparis inermis (CAPPERO) autoctona • 31 Carpinus betulus (CARPINO BIANCO) autoctona • 32 Carpinus orientalis (CARPINELLO) autoctona • 33 Castanea sativa (CASTAGNO) autoctona • 34 Celtis aetnensis (BAGOLARO DELL'ETNA) autoctona • Progressivo • specie • 35 Celtis australis (BAGOLARO) autoctona • 36 Cercis siliquastrum (ALBERO DI GIUDA) autoctona
  23. 23. Altre piante diffuse da studiare: • Latifoglie: liriodendro tulipifera, liquidambar, bagolaro, magnolia, pruno serotino.. • Squamiformi: cipresso comune, c. california, chamaeciparis(c. Lawson), calocedrus, tuia orientale, tuia occidentale, (plicata) • Foglie ad aghi: cryptomeria japonica, sequoia gigante, sequoia sempervirens
  24. 24. Prugnolo tardivo, prunus serotino
  25. 25. Liriodendro tulipipifera liquidambar
  26. 26. Bagolaro spaccasassi
  27. 27. Magnolia grandiflora
  28. 28. SERIE DELLE SQUAMIFORMI: Cipresso italiano
  29. 29. Tuia orientale STESSO COLORE SOPRA E SOTTO, CONI CON APICE AD UNCINO, RAMI SU PIANO VERTICALE
  30. 30. Tuia occidentale Rami su piano orizzontale, più chiara sotto, coni morbidi ovali, varietà con foglie dorate
  31. 31. chamaecyparis Sopra più scura, bacche sotto, tante X bianche margine inferiore
  32. 32. calocedrus Ramuli appiattiti, 2 squame laterali coprono la centrale, chioma colonnare
  33. 33. sequoia
  34. 34. Sequoia sempervirens sequoia gigante
  35. 35. Cryptomeria japonica Aghi con innesto a spirale

×