Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
Kea s.r.l. | Via Strà, 102 | 37042 Caldiero (VR)
Tel.: +39 045 6152381
Web: www.keanet.it | E-mail: info@keanet.it
Realtà ...
Kea s.r.l. | Via Strà, 102 | 37042 Caldiero (VR)
Tel.: +39 045 6152381
Web: www.keanet.it | E-mail: info@keanet.it
• Nel m...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Realtà Aumentata per la comunicazione di prodotto

641 views

Published on

Report sul libro di Maurizio Bisogni, Realtà Aumentata per la comunicazione di prodotto, Tecniche Nuove, Milano, 2014

Published in: Technology
  • Be the first to comment

Realtà Aumentata per la comunicazione di prodotto

  1. 1. Kea s.r.l. | Via Strà, 102 | 37042 Caldiero (VR) Tel.: +39 045 6152381 Web: www.keanet.it | E-mail: info@keanet.it Realtà Aumentata per la comunicazione di prodotto Report sul libro di Maurizio Bisogni, Realtà Aumentata per la comunicazione di prodotto, Tecniche Nuove, Milano, 2014 Nella prima parte del libro Bisogni elabora una interessante definizione della Realtà Aumentata. La AR (Augmented Reality) è una tecnologia che sovrappone alla realtà contenuti digitali a valore aggiunto per il fruitore. La sovrapposizione fra realtà e contenuti digitali è sincrona, dal punto di vista sia spaziale che temporale. I contenuti digitali sono interattivi, ovvero l’utente può interagire con essi, e non sono fruibili senza la mediazione di hardware e software dedicati. Sovrapposizione fra reale e digitale, sincronicità spazio-temporale, interattività e mediazione di tecnologie hardware-software sono dunque le caratteristiche principali della Realtà Aumentata. Fra le piattaforme software citate da Bisogni spiccano: ARToolkit, D’Fusion, Metaio, Vuforia, Layar, Wikitude. Altri aspetti importanti della AR sono la registrazione dei contenuti digitali e il loro ancoraggio alla realtà. Per registrazione si intende l’allineamento fra oggetti reali e contenuti digitali (cioè il loro posizionamento relativo), mentre per ancoraggio la capacità di generare prospettive corrette. La criticità sta nella latenza, cioè nel tempo che occorre al sistema per elaborare il contenuto digitale, trasmetterlo e visualizzarlo sullo schermo dell’utente. L’attivazione dei contenuti a Realtà Aumentata avviene tramite marker o coordinate GPS, mediante sistemi di Natural Feature Tracking (NFT, in grado di riconoscere le forme generali dell’ambiente) oppure tramite sistemi di riconoscimento degli oggetti, che tuttavia sono ancora in fase di perfezionamento. Bisogni ammette che oltre che tecnologica, la sfida della AR sta nella capacità di creare format e contenuti in grado di aggiungere effettivamente valore per l’utente. Fra gli obiettivi principali della Realtà Aumentata vi sono invece la disintermediazione, l’automazione e la personalizzazione nell’erogazione di contenuti aggiuntivi, nonché – per converso – la raccolta di dati quantitativi e qualitativi sull’interazione fra utente e contenuti. La AR è una tecnologia versatile, che si presta a numerosi campi di applicazione: marketing e comunicazione, turismo, sport e tempo libero, salute e sanità, formazione, architettura, militare, ecc. Bisogni sottolinea che si tratta di una tecnologia che, se supportata da format e contenuti adeguati, potrebbe dare nuovo impulso all’editoria cartacea: per esempio, l’introduzione della AR nel catalogo IKEA fa sì che “il catalogo non venga buttato via, ma conservato nella giusta convinzione che … possa fornire informazioni utili … Più a lungo il catalogo rimane nelle case dei consumatori, maggiore è la possibilità dell’acquisto di ulteriori prodotti”. Qui di seguito alcuni campi di applicazione e alcuni casi studio proposti da Bisogni: 1 Realtà Aumentata per la comuicazione di prodotto – Maggio 2015
  2. 2. Kea s.r.l. | Via Strà, 102 | 37042 Caldiero (VR) Tel.: +39 045 6152381 Web: www.keanet.it | E-mail: info@keanet.it • Nel marketing la Realtà Aumentata a supporta attività di storytelling e gamification, e persegue obiettivi di: interazione fra cliente e prodotto; continuità dell’azione dalla fase di pre- a quella di post- vendita; self-servicing di contenuti aggiuntivi; condivisione di esperienze con la propria rete sociale; auto-generazione da parte del cliente di messaggi promozionali; raccolta di dati quantitativi e qualitativi sulle attività degli utenti • Esempi: TOPSHOP, SHISEIDO, DE BEERS virtualizzano la prova di abiti, trucchi e gioielli grazie a particolari specchi a Realtà Aumentata. NIKE e HEINZ forniscono informazioni aggiuntive sul prodotto sfruttando il packaging di scarpe sportive e alimenti. Tramite le pagine del suo catalogo, IKEA permette di selezionare e di collocare virtualmente nella propria abitazione oggetti di arredamento. Ichioschi informativi a Realtà Aumentata di LEGO supportano attività di storytelling legate ai set • Nell’ambito della Ricerca e Sviluppo collaborativi (crowdsourcing) la Realtà Aumentata supporta la presentazione di prototipi finalizzati a raccogliere dati sull’interesse degli utenti per il prodotto e sulle preferenze • Esempi: nel 2011 VOLKSWAGEN Cina ha lanciato un’azione di crowdsourcing su base AR nell’ambito di un progetto di vettura a levitazione magnetica. Nel 2008 LEGO ha dato vita al progetto Cuusoo, chiedendo ai clienti di progettare e votare nuovi set basati su mattoncini esistenti • Varie le applicazioni della Realtà Aumentata in ambito aziendale. Logistica: indicazione di percorsi e destinazioni. Manutenzione: applicazioni di supporto alle attività di installazione, manutenzione e riparazione. Produzione: applicazioni finalizzate alla formazione e al supporto all’operatore. • Esempi: I riparatori di BMW, supportati da smart glasses sono in grado di “riparare il guasto senza avere un’elevata esperienza al riguardo”. A fronte della proliferazione dei modelli e della crescente complessità degli stessi, si tratta di un metodo per incrementare l’efficienza e l’efficacia del flusso di lavoro, laddove “ricorrere ai manuali tradizionali può richiedere più tempo ed energie che la riparazione stessa”. “Collegando strumenti di controllo, l’operatore è in grado di diagnosticare le rotture e le usure direttamente sugli occhiali, quindi richiamare la giusta procedura da utilizzare … Per ogni fase della riparazione, la zona del motore interessata su illumina mostrando le singole operazioni da fare, controllandone l’andamento ed eventualmente dando o richiedendo informazioni aggiuntive. Gli occhiali sono dotati di cuffie, che leggono le istruzioni a voce”. DAIMLER integra la Realtà Aumentata nei processi produttivi, in particolare in fase di identificazione, prelievo e trasferimento di pezzi a brodo macchina, al fine di ridurre il tasso di errore. Autore: Petra Dal Santo (dalsanto@keanet.it) www.keanet.it http://blog.keanet.it/ 2 Realtà Aumentata per la comuicazione di prodotto – Maggio 2015

×