Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Pokémon Go: realtà aumentata per marketing e vendite

268 views

Published on

Come già altre tecnologie e applicazioni consumer, Pokémon Go gioca un ruolo importante nel processo di alfabetizzazione digitale, diffondendo la conoscenza di che cos’è la Realtà Aumentata (AR, Augmented Reality) e spianando la strada anche alla realizzazione di applicazioni in ambito aziendale.
Il libro di Albert Gundani (Pokémon Go Marketing Secrets. Discover how Pokémon Go can grow your business, How Tu Press, 2016), focalizzato sul segmento business-to-consumer, illustra come utilizzare Pokémon Go a fini marketing e per generare vendite. Il libro risulta interessante a prescindere dalla Pokémon-mania, perché induce a riflettere sui meccanismi di interazione fruttuosa fra universo reale e contenuti digitali.

Published in: Marketing
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Pokémon Go: realtà aumentata per marketing e vendite

  1. 1. Kea s.r.l. | Via Strà, 102 | 37042 Caldiero (VR) Tel. / Fax: +39 045 6152381 Web: www.keanet.it | E-mail: info@keanet.it 1 Pokémon Go: realtà aumentata per marketing e vendite Petra Dal Santo – KEA S.r.l. (dalsanto@keanet.it) Pokémon Go: realtà aumentata per marketing e vendite Come già altre tecnologie e applicazioni consumer, Pokémon Go gioca un ruolo importante nel processo di alfabetizzazione digitale, diffondendo la conoscenza di che cos’è la Realtà Aumentata (AR, Augmented Reality) e spianando la strada anche alla realizzazione di applicazioni in ambito aziendale. Il libro di Albert Gundani (Pokémon Go Marketing Secrets. Discover how Pokémon Go can grow your business, How Tu Press, 2016), focalizzato sul segmento business- to-consumer, illustra come utilizzare Pokémon Go a fini marketing e per generare vendite. Il libro risulta interessante a prescindere dalla Pokémon-manua, perché induce a riflettere sui meccanismi di interazione fruttuosa fra universo reale e contenuti digitali. Albert Gundani si propone di mostrare sulla base di esempi pratici come generare traffico presso un punto vendita e incrementare le vendite attirando i giocatori di Pokémon Go. Anzitutto è necessario verificare, se il proprio punto vendita coincide o meno con l’ubicazione di un PokéStop o di un Gym. Se il punto vendita coincide con un PokéStop, il titolare può effettuare l’acquisto in-app di Lure Module. Per 30 minuti il modulo attrae presso il punto vendita Pokémon selvatici, che a loro volta attraggono giocatori. L’investimento è di circa 1 $ all’ora. Per massimizzare il ROI (Return of Investment, ritorno sull’investimento) l’acquisto di Lure Module può essere legato al fatturato prodotto dai clienti del punto vendita: per esempio va valutata l’opportunità di acquistare un Lure Module ogni N caffè venduti oppure ogni N euro incassati Se il punto vendita coincide con la localizzazione di un Gym non è necessario effettuare acquisti in-app, perché i Gym hanno di per sé un elevato potere attrattivo. Va quindi stanziato solo un budget per pubblicizzare on- e off-line la coincidenza fra Gym e punto vendita. Gundani propone un catalogo di idee marketing, anche fra loro combinabili, per promuovere il punto vendita come PokéStop, come Gym o comunque per cavalcare comunque l’onda di Pokémon Go: • Esporre cartelli vetrina in tema con quanto intendiamo promuovere • Allestire una “hall of fame” che mostra la classifica dei migliori giocatori locali, creando un polo di interesse e spingendo i giocatori all’emulazione • Pubblicare sui social network post con hashtag #Pokémongo e #Pokemon per creare una correlazione fra gioco e punto vendita • Utilizzare la pubblicità su Facebook per attirare clienti in target dal punto di vista geografico, demografico (fascia di età) e comportamentale (interesse per i Pokémon)
  2. 2. Kea s.r.l. | Via Strà, 102 | 37042 Caldiero (VR) Tel. / Fax: +39 045 6152381 Web: www.keanet.it | E-mail: info@keanet.it 2 Pokémon Go: realtà aumentata per marketing e vendite Petra Dal Santo – KEA S.r.l. (dalsanto@keanet.it) o Valutare, se tenere in considerazione anche le fasce orarie, in modo tale da attrarre clienti in quelle di minor picco • Utilizzare i social network per lanciare vari tipi di iniziative, per esempio: o Organizzare concorsi basati sull’upload di immagini a tema e sulla loro votazione tramite i Like oppure, per esempio, sul numero di chilometri percorsi o sul numero di calorie bruciate da singoli o team o Sponsorizzare l’acquisto di “incenso” per i clienti, in modo tale che essi siano facilitati nella cattura di Pokémon rari da fotografare e caricare sui social netowrk del punto vendita per ingenerare passaparola • Offrire, per esempio: o Wi-Fi gratuita a chi gioca o Servizi di ricarica gratuita del cellulare ai clienti o Servizi di PokéWalk (es. http://www.pokewalk.com/): mentre il cliente effettua acquisti presso il punto vendita, il walker prende in carico il suo cellulare e cammina per catturare Pokémon o far schiudere le uova o Corse gratuite in Pokémon taxi, che a passo d’uomo fanno compiere ai clienti percorsi funzionali a far schiudere le uova dei propri Pokémon o Gadget a tema o Sconti ai clienti che:  Hanno raggiunto un determinato livello di gioco  Appartengono alla squadra che controlla il Gym coincidente con il punto vendita • Vendere power bank per cellulari • Vendere online prodotti legati a Pokémon Go (carte collezionabili, abbigliamento e accessori, libri e giocattoli, ecc.), aderendo per esempio al programma di affiliazione di Amazon o Utilizzare il proprio blog o il canale di YouTube per promuovere le vendite con contenuti rilevanti e utili per l’audience tipica • Se il punto vendita non coincide con un PokéStop / Gym, valutare la possibilità di allestire uno stand, un chiosco, ecc. nei pressi di un PokéStop / Gym per effettuare vendite dirette o attirare traffico presso il punto vendita (con gadget, buoni sconto, ecc.). Valutare l’opportunità di acquistare Lure Module per attrarre Pokémon e giocatori verso il “punto vendita temporaneo”. Anche se la Pokémon-mania è destinata a esaurirsi prima o poi, l’autore invita non solo a cavalcarla, ma a considerare due fattori: • Pokémon Go va visto come uno strumento per attirare anche nuovi clienti, che potranno essere fidelizzati a prescindere dal perdurare dell’interesse per il gioco • Pokémon Go dà la possibilità al punto vendita di sperimentare tecniche di marketing, applicabili anche ad altri fenomeni simili. Autore: Petra Dal Santo – KEA S.r.l. (dalsanto@keanet.it)

×