Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
Kea s.r.l. | Via Strà, 102 | 37042 Caldiero (VR)
Tel.: +39 045 6152381
Web: www.keanet.it | E-mail: info@keanet.it
DITA: s...
Kea s.r.l. | Via Strà, 102 | 37042 Caldiero (VR)
Tel.: +39 045 6152381
Web: www.keanet.it | E-mail: info@keanet.it
• I con...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

DITA: strutturazione formale dei contenuti e single sourcing per la comunicazione tecnica

436 views

Published on

Report sull’utile testo introduttivo di Sissi Closs, DITA - Der topic-basierte XML-Standard: Ein schneller Einstieg , Springer Vieweg, 2015

Published in: Business
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

DITA: strutturazione formale dei contenuti e single sourcing per la comunicazione tecnica

  1. 1. Kea s.r.l. | Via Strà, 102 | 37042 Caldiero (VR) Tel.: +39 045 6152381 Web: www.keanet.it | E-mail: info@keanet.it DITA: strutturazione formale dei contenuti e single sourcing per la comunicazione tecnica Report sull’utile testo introduttivo di Sissi Closs, DITA - Der topic- basierte XML-Standard: Ein schneller Einstieg , Springer Vieweg, 2015 Gli elementi di novità della comunicazione tecnica (aumento del numero di varianti di prodotto in seguito alla loro mass customization; moltiplicarsi dei dispositivi; necessità di creare sinergie gra documentazione di prodotto e documentazione tecnica; auspicio delle persone di disporre di informazioni personalizzate e contestuali) pongono l’esigenza di disporre di 1 set di contenuti (topic pool), aggregabili in modo flessibile in N output multicanale. Questa esigenza è riassumibile nel concetto di single sourcing. La standardizzazione formale è uno degli aspetti fondamentali del single sourcing. DITA è uno degli standard di riferimento in questo ambito. DITA è: • Uno standard aperto (open source), indipendente dai tool utilizzati • Basato su XML • Garante dell’interoperabilità di contenuti provenienti da varie fonti • Completo di tool gratuiti, come l’Open Toolkit per la produzione di output multicanale a partire da dati DITA compliant • Orientato all’online e al mobile • Pur essendo nato nel settore della documentazione software, è applicabile anche ad altri ambiti, grazie alla sua universalità e al supporto di verticalizzazioni settoriali • Basato su concetti di modularizzazione, minimalismo, standardizzazione formale, single sourcing, (ri)uso, aggregazione dinamica di output multicanale • Una cornice in cui collocare anche le attività di standardizzazione editoriale (cioè dei contenuti), utilizzando metodiche quali per esempio Information Mapping o Funktionsdesign. Il viaggio alla scoperta di DITA, dal documento lineare al contenuto modulare, tocca tre stazioni principali: topic, mappe, output. Il topic, che anche Sissi Closs paragona al mattoncino Lego, è un modulo informativo minimo, auto- sufficiente, indipendente dal contesto, adeguato a rispondere in modo esaustivo a una singola “domanda” del fruitore e a stabilire relazioni con topic affini. Ogni tipo di topic codificato da DITA (concept, task, reference, ecc.) ne definisce struttura, elementi, tag, attributi ammissibili. Modularità, standardizzazione, autonomia e marcatura sono orientate al (ri)uso dei topic. Le DITA map, simili a istruzioni per il montaggio della costruzione Lego, servono per definire: • La struttura di un determinato tipo di output (es. manuale di istruzioni cartaceo, help online, ecc.) 1 DITA: strutturazione formale dei contenuti e single sourcing per la comunicazione tecnica Petra Dal Santo (dalsanto@keanet.it)
  2. 2. Kea s.r.l. | Via Strà, 102 | 37042 Caldiero (VR) Tel.: +39 045 6152381 Web: www.keanet.it | E-mail: info@keanet.it • I contenuti (cioè i topic) da includere / escludere nell’output • Le relazioni fra topic (per esempio fra topic sovra- e sottoordinati) • La risoluzione delle variabili all’interno dell’output • L’applicazione di eventuali ulteriori filtri, basati per esempio sulla variante di prodotto da documentare oppure sul tipo di destinatario della documentazione L’output in DITA, paragonabile alla costruzione Lego fatta e finita, è una aggregazione dinamica di topic, in base a strutture e condizioni specificate dalla mappa di riferimento. Applicazioni come l’Open Toolkit gratuito, trasformano i dati DITA compliant, in output multicanale (PDF, HTML, HTML5, RTF, Help Online in vari formati, EPub, ecc.), applicando stili di presentazione e funzionalità previste. *** Autore: Petra Dal Santo (dalsanto@keanet.it) http://blog.keanet.it www.keanet.it 2 DITA: strutturazione formale dei contenuti e single sourcing per la comunicazione tecnica Petra Dal Santo (dalsanto@keanet.it)

×