Argo CMS - Configuratore automatico di manuali

3,595 views

Published on

Argo permette di gestire contenuti comuni a più manuali specifici e di marcare ogni contenuto comune, specificando a quali ambiti il
contenuto si riferisca - per “ambiti” intendiamo codici della distinta base (BOM – Bill of materials), nomi di famiglie o modelli di prodotto, concetti legati al mercato o al destinario del prodotto oppure al suo ambito di utilizzo, ecc.
Partendo dal presupposto che di norma i manuali specifici sono composti da riprese di contenuti comuni pertinenti al macchinario descritto dal manuale e inserimenti di contenuti specifici relativi al macchinario, il Configuratore di Argo CMS automatizza la creazione della versione base del manuale specifico: il configuratore sfrutta le proprietà (marcatori) per riprendere in modo automatico solo i contenuti comuni pertinenti al macchinario specifico descritto dal manuale.
I vantaggi principali del Configuratore stanno nella gestione univoca dei contenuti comuni multilingua, nonché nell'istantaneità e correttezza nella creazione della versione base del manuale specifico.

Published in: Technology
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
3,595
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2,197
Actions
Shares
0
Downloads
11
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Argo CMS - Configuratore automatico di manuali

  1. 1. Argo CMSConfiguratore automaticodi manuali
  2. 2. Premesse (1/5)Premesse del configuratore Argo permette di gestire contenuti comuni a più manuali specifici  Per “manuali specifici” intendiamo manuali relativi a singoli macchinari (matricole)
  3. 3. Premesse (2/5)Premesse del configuratore Grazie al sistema di gestione delle proprietà, Argo permette di marcare ogni contenuto comune  La marcatura specifica a quali ambiti il contenuto si riferisca  Per “ambiti” intendiamo codici della distinta base (BOM – Bill of materials), nomi di famiglie o modelli di prodotto, concetti legati al mercato o al destinario del prodotto oppure al suo ambito di utilizzo, ecc.
  4. 4. Premesse (3/5)Premesse del configuratore Di norma i manuali specifici sono composti da:  Riprese di contenuti comuni pertinenti al macchinario descritto dal manuale  Inserimenti di contenuti specifici relativi al macchinario
  5. 5. Premesse (4/5)Premesse del configuratore Ilconfiguratore automatizza la creazione della versione base del manuale specifico  Il configuratore sfrutta le proprietà (marcatori) per riprendere in modo automatico solo i contenuti comuni pertinenti al macchinario specifico descritto dal manuale
  6. 6. Premesse (5/5)Premesse del configuratore Alla versione base del manuale specifico (auto-configurata), possiamo aggiungere a mano i contenuti specifici relativi al macchinario descritto dal manuale
  7. 7. Vantaggi (1/4)Vantaggi del configuratore La creazione della versione base del manuale specifico è:  Istantanea  Corretta  Indipendente dalle conoscenze e competenze del redattore
  8. 8. Vantaggi (2/4)Vantaggi del configuratoreIcontenuti comuni inseriti nel manuale specifico mantengono il collegamento con l’originale  Le modifiche all’originale si propagano in modo automatico ai manuali specifici ai quali l’originale è collegato  Questo riguarda anche l’inserimento o l’aggiornamento di traduzioni
  9. 9. Vantaggi (3/4)Vantaggi del configuratore Nel manuale specifico, il redattore può integrare a mano i contenuti comuni auto-configurati con contenuti specifici relativi al macchinario descritto dal manuale
  10. 10. Vantaggi (4/4)Vantaggi del configuratore Se nel manuale specifico i contenuti comuni dovranno essere modificati, Argo permette di inserirli scollegandoli dall’originale  Il redattore può basare la redazione del manuale specifico sui contenuti inseriti come “copia” (anziché come “collegamento”), variandoli all’occorrenza
  11. 11. Argo e il configuratoreArgo CMS e il suo configuratore IlConfiguratore è un plug-in di Argo, integrato con le seguenti funzionalità:  Gestione dei documenti Globali  Utilizziamo i documenti globali per gestire i contenuti comuni  Gestione delle Proprietà  Utilizziamo le proprietà per marcare i contenuti comuni
  12. 12. Passo 1Gestione delle proprietà Anzitutto gestiamo le proprietà che utilizzeremo per marcare i contenuti comuni  Le proprietà possono essere, per esempio, codici della distinta base (BOM – Bill of Materials), nomi di famiglie o modelli di prodotto, concetti legati al mercato o al destinatario del prodotto, ecc.  Le proprietà possono essere inserite a mano oppure importate da file (proveniente, per esempio, dal sistema gestionale dell’azienda)
  13. 13. Gestione delle proprietà
  14. 14. Passo 2Marcatura dei contenuti comuni In secondo luogo marchiamo i contenuti comuni con le proprietà gestite in precedenza  Ogni contenuto comune può essere marcato con una o più proprietà  La marcatura indica che il contenuto “XYZ” è riferito al codice “C1”, alla famiglia “F1”, al modello “M1”, ecc.  La marcatura può avvenire a mano oppure mediante importazione da file
  15. 15. Marcatura dei contenuti comuni (1/2)
  16. 16. Marcatura dei contenuti comuni (2/2)
  17. 17. Passo 3Configurazione del manuale Infine, sfruttiamo la corrispondenza fra contenuti comuni e proprietà per configurare in modo automatico il manuale specifico che intendiamo realizzare
  18. 18. Passo 3Principi del Configuratore Il Configuratore ci permette di 1. Indicare ad Argo quali sono le proprietà (codici, famiglie, modelli, ecc.), per le quali intendiamo recuperare i contenuti comuni 2. Far comporre ad Argo in modo automatico la versione base del manuale specifico comprensivo di tutti i contenuti comuni recuperati 3. Aggiungere a mano i contenuti specifici del macchinario di cui intendiamo realizzare il manuale
  19. 19. Passo 3Funzionamento del ConfiguratoreSelezione delle proprietà Anzitutto è necessario selezionare il file contenente le proprietà (codici, famiglie, modelli, ecc.), in base alle quali intendiamo recuperare i contenuti comuni  Inoltre possiamo selezionare due file con  Proprietà da includere sempre (White list)  Proprietà da escludere sempre (Black list)  Utile nel caso di codici di componenti per i quali non intendiamo gestire contenuti in Argo (per esempio la minuteria varia)
  20. 20. Selezione delle proprietà
  21. 21. Passo 3Funzionamento del ConfiguratoreSelezione dei contenuti comuni In secondo luogo è necessario selezionare il documento con i contenuti comuni da recuperare  Indichiamo così ad Argo di recuperare dal documento “D1” i contenuti comuni relativi alle proprietà specificate nel file caricato  Per esempio, i contenuti comuni relativi ai codici “C1” e “C3”, ma non al codice “C2”, ecc.
  22. 22. Selezione dei contenuti comuni
  23. 23. Passo 3Funzionamento del ConfiguratoreAnteprima di creazione del manuale Argo propone il sommario del documento selezionato, evidenziando i livelli che contengono contenuti associati alle proprietà specificate  Argo ci avvisa, se il file caricato contiene proprietà non associate ad alcun contenuto presente nel documento selezionato
  24. 24. Anteprima di creazione del manuale
  25. 25. Passo 3Funzionamento del ConfiguratoreOpzioni di creazione del manuale Per la creazione del manuale specifico disponiamo di due opzioni. Nel manuale specifico i contenuti comuni recuperati possono essere inseriti come:  “Collegamento” (funzione “Copia per riferimento”)  I contenuti mantengono il collegamento con l’originale e non sono modificabili sul manuale specifico  “Copia” (funzione “Copia per contenuto”)  I contenuti perdono il collegamento con l’originale e sono modificabili sul manuale specifico
  26. 26. Opzioni di creazione del manuale (1/2) L’opzione di copia per “riferimento” o per “contenuto” è applicabile a tutti i contenuti comuni recuperati oppure selettivamente
  27. 27. Opzioni di creazione del manuale (2/2) Un’apposita icona ci segnala, se è stata scelta l’opzione di copia per “riferimento” o per “contenuto”
  28. 28. Passo 3Funzionamento del ConfiguratoreSelezione del manuale di destinazione Infine è necessario selezionare il manuale specifico di destinazione, in cui inserire (come “riferimento” o “copia”) i contenuti comuni recuperati  Il manuale di destinazione può essere un documento di Argo vuoto o popolato  I contenuti comuni inseriti dal configuratore si accodano a quelli presenti
  29. 29. Selezione del manuale di destinazione
  30. 30. Passo 3Funzionamento del ConfiguratoreSelezione di ulteriori contenuti comuni Se il manuale specifico deve essere composto da contenuti comuni provenienti da più documenti, Argo permette di selezionarli
  31. 31. Selezione di documenti ulteriori
  32. 32. Passo 3Funzionamento del ConfiguratoreApertura del manuale specifico Al termine della procedura di auto- configurazione e auto-composizione, Argo permette di aprire il manuale specifico
  33. 33. Apertura del manuale specifico
  34. 34. Passo 4Manuale specificoContenuti comuni inseriti come “collegamento” I contenuti comuni inseriti come “collegamento” nel manuale specifico:  Mantengono il collegamento con l’originale  Le modifiche all’originale si propagano in modo automatico ai manuali specifici ai quali è collegato  Per “modifiche” intendiamo l’inserimento di nuovi contenuti e l’aggiornamento di contenuti esistenti, nella prima lingua e nelle traduzioni  Non possono essere modificati e tradotti sul manuale specifico
  35. 35. Contenuti comuni come “riferimento”
  36. 36. Passo 4Manuale specificoContenuti comuni inseriti come “copia” I contenuti comuni inseriti come “copia” nel manuale specifico:  Perdono il collegamento con l’originale  Possono essere modificati e tradotti sul manuale specifico
  37. 37. Contenuti comuni come “copia”
  38. 38. Passo 4Manuale specificoContenuti specifici Inseriamo i contenuti specifici relativi al macchinario descritto dal manuale, utilizzando i consueti strumenti di editing e di traduzione di Argo
  39. 39. Contenuti specifici del manuale
  40. 40. I nostri riferimenti Kea s.r.l.  Via Strà, 102  37042 Caldiero (VR)  Italia  Tel. e Fax: +39 045 6152381  E-mail: info@keanet.it  Web: www.keanet.it

×