Progetti
Projects

134

Archea Associati
New Merate Town Hall
text by Patrizia Valandro
Località Location
Cliente Client

...
134-141 Archea.indd 135

9-10-2006 13:26:10
Progetti Nuovo Municipio di Merate

Il progetto per il nuovo Municipio di Merate,
concepito da Archea Associati, nasce dal...
3

0

The new project for the Merate Town Hall, designed by Archea Associati, is based on supporting the existing building...
Progetti Nuovo Municipio di Merate

esso perpendicolari e fruibili secondo una direzione ortogonale alla precedente. La st...
0

2

10m

5

6

134-141 Archea.indd 139

9-10-2006 13:26:38
Progetti Nuovo Municipio di Merate

7

8

140

Projects New Merate Town Hall

0

134-141 Archea.indd 140

ture. The choice...
7
Veduta laterale del nuovo
municipio. L’involucro
esterno è composto da
pannelli metallici in fusione
di alluminio tratta...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

New Merate Town Hall, Lecco, Italy.

721 views

Published on

Architects : Archea Associati
Designation : New Merate Town Hall, Lecco, Italy.

Published in: Design
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
721
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
7
Actions
Shares
0
Downloads
9
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

New Merate Town Hall, Lecco, Italy.

  1. 1. Progetti Projects 134 Archea Associati New Merate Town Hall text by Patrizia Valandro Località Location Cliente Client Amministrazione Comunale di Merate Progettisti Design architects Archea Associati, Marco Casamonti, Laura Andreini, Silvia Fabi, Massimiliano Giberti, Gianna Parisse, Giovanni Polazzi Gruppo di progettazione Project team Davide Servente (project coordination), Barbara Incorvaia, Alexandar Petrov, Laura d’Angelo, Alessia Bergamin, Eugenia Murialdo, Marika Roccabruna Strutture Project team Studio Myallonnier, Bergamo Direzione cantiere Site management Marco Casamonti Direzione dei lavori Construction manager Giovanni Polazzi, Francesco Giordani, Massimiliano Giberti, Ezio Birondi Impresa di costruzione General contractor Zenga Giacomo Costruzioni s. a. s., Napoli Impianti tecnologici Sbrescia s. n. c., Napoli Progettazione Project March 2005 > June 2005 Realizzazione Completion time June 2006 > January 2007 Superficie costruita Total area 134-141 Archea.indd 134 Piazza degli Eroi, Merate, Lecco, Italy 4725 m2 1 9-10-2006 13:26:03
  2. 2. 134-141 Archea.indd 135 9-10-2006 13:26:10
  3. 3. Progetti Nuovo Municipio di Merate Il progetto per il nuovo Municipio di Merate, concepito da Archea Associati, nasce dal presupposto di confermare il ruolo di prestigio urbano che apparteneva al corpo esistente del Municipio, con il quale il nuovo volume architettonico si integra, conferendogli una nuova immagine architettonica e creando un sistema complesso, dal nuovo accento linguistico. Un progetto nel quale l’obiettivo di restaurare un manufatto appartenente alla città, dotato di una propria identità, si affianca alla necessità di rileggere e rafforzare la figura di protagonista dell’oggetto architettonico all’interno della scena urbana e del tessuto edilizio. Centro vitale, luogo di scambio e di servizio alla collettività, l’intervento progettuale consiste sostanzialmente nell’adeguamento distributivo dei volumi pre-esistenti precedentemente occupati dalla sede comunale e dal complesso scolastico, perfezionando le connessioni tra gli spazi pubblici collocati ai diversi livelli del complesso di nuova realizzazione. Le scelte e i criteri progettuali disegnano gli spazi interni destinati ad accogliere nuove funzioni d’uso, gli accessi e il sistema distributivo, orizzontale e verticale, all’insegna della continuità dei flussi di percorrenza. Il sistema architettonico all’interno del quale si viene a definire la nuova architettura, è composto dalla sede municipale di fine Ottocento e dalla scuola elementare, un corpo lungo e stretto, che risale ai primi del Novecento. Il frammento e l’involucro sono le tematiche sulle quali si concentra l’intervento progettuale. La nuova volumetria si innesta sul fronte retrostante attraverso quattro stecche che fram- mentano la massa architettonica visivamente e spazialmente, favorendo così scorci prospettici e traguardi visivi guidati dagli interstizi tra i corpi lineari che riproducono la sensazione di una “promenade” tra i vicoli del cuore urbano. L’alternanza di vuoti e di pieni, la trasparenza della trama vibrante che riveste la superficie esterna degli elementi interconnessi da percorsi sospesi nelle triple e doppie altezze, dividono e definiscono la massa architettonica in quattro sottomultipli. Due delle quattro stecche sono occupate da un auditorium per 260 posti al piano terra, mentre ai successivi livelli trovano collocazione uffici e servizi. Le restanti stecche accolgono la sala consiliare e le sale riunioni per le attività comunali; il primo livello ospita uno spazio mensa-caffetteria, mentre il secondo piano accoglie i vari uffici per l’assessorato. La forte assialità tra edificio, piazza e viale è scandita dall’accesso principale, localizzato centralmente rispetto alla facciata del vecchio municipio e si apre all’interno in un foyer dal quale è possibile accedere al futuro auditorium retrostante. Altri due accessi secondari posti lateralmente nei lati corti garantiscono una maggiore fruibilità, mantenendo distinti i flussi con una razionalità nel movimento e nella percorribilità dei diversi ambienti, contigui ma anche indipendenti, come nel caso dell’auditorium, il quale a sua volta è dotato di un ingresso diretto, e del parcheggio interrato dal quale è possibile risalire alla quota del centro polivalente. La preesistenza e il nuovo interagiscono mediante un grande vuoto a tripla altezza che connette l’esistente corpo con i nuovi volumi lineari ad 1 L’interazione tra il corpo esistente e il nuovo volume architettonico, si stabilisce mediante un grande vuoto di connessione la cui sommità è coperta da un lucernario 2 Una trama minuta e merlettata riveste la massa volumetrica con un motivo floreale che lascia visibile, in trasparenza, l’interno dell’edificio 3 Sezione longitudinale: l’accesso all’auditorium da 260 posti è possibile sia dal volume principale, sia da un ingresso indipendente, posto lateralmente Projects New Merate Town Hall 136 2 0 134-141 Archea.indd 136 2 5m 9-10-2006 13:26:14
  4. 4. 3 0 The new project for the Merate Town Hall, designed by Archea Associati, is based on supporting the existing building’s role of urban prestige, with which the new architectural structure integrates, giving it a new architectural image, creating a complex system with a new linguistic tone. In this project, the objective is to restore a building that belongs to the city and has its own identity, coupled with the need to reinterpret and reinforce the primary role of the architectural object within the urban setting and the building fabric. A dynamic center, a place for dialogue serving the community, the design work consists primarily in adapting the distribution of the existing structures of the municipal center and the school complex, improving the connections between the public spaces on the different levels of the newly built complex. The design choices and criteria involved defined the interior spaces planned to accommodate new functions, such as the entrances and the vertical and horizontal distribution systems, characterized by a continuity of traffic. The architectural system within which the new architecture is defined consists of a late 19th-century municipal center and elementary school, a long, narrow structure perpendicular to it, dating from the early 20th century. The project focused on the themes of fragment and envelope. The new structure fits into the rear side with four horizontal buildings that break up the architectural mass visually and spatially, fostering perspective views and sights oriented by the voids generated between the linear structures, reproducing the feeling of a walk through alleys in the heart of a city. The alternating between voids 134-141 Archea.indd 137 2 10m and solids and the transparency of the vibrating pattern that clads the exterior of the added elements interconnected by suspended pathways in the triple and double heights divide and define the architectural mass into four subdivisions. Two of the four horizontal buildings hold a 260seat auditorium on the ground floor with the floors above accommodating offices and utility spaces. The other two horizontal buildings contain a council chamber, meeting rooms for municipal business; the first floor holds a cafeteria space and the second floor holds the offices of the councillorship. The strong axiality between the building, square and avenue is marked by the main entrance centrally set to the façade of the old town hall and opens within a foyer, which accesses the future auditorium behind it. Another two secondary entrances are placed laterally in the side courtyards, providing improved usability while keeping traffic separate with a rational organization to the movement and traversability of the different spaces, which are contiguous but independent. This is also true of the auditorium, which has its own direct entrance, and the underground parking lot, from which the level of the multifunctional center can be reached. The pre-existing and the new interact through a large triple-height empty space that connects the existing structure with the new linear perpendicular to it, entered from a direction at a right angle to the previous one. The bearing structure of the new town hall is made of a metal framework with reinforced cement foundations, which helps to strengthen the original architectural struc- 9-10-2006 13:26:17
  5. 5. Progetti Nuovo Municipio di Merate esso perpendicolari e fruibili secondo una direzione ortogonale alla precedente. La struttura portante del nuovo Municipio è realizzata in carpenteria metallica con fondazioni in cemento armato contribuendo al consolidamento del corpo architettonico originario. La scelta risulta essere coerente con il tema decorativo che riveste, come un tessuto prezioso, le superfici dei corpi architettonici semplici, dalla forma lineare e regolare. La decorazione si propone di elevare a simbolo riconoscibile il luogo in cui si concentreranno le relazioni sociali, pubbliche e di comunicazione tra amministrazione e cittadinanza; un polo urbano catalizzatore per Merate in grado di restituire alla collettività un ruolo prioritario e reinterpretando la tematica dello spazio pubblico. L’attenzione posta alla progettazione degli spazi interni e al disegno dei dettagli si sposta sul disegno complesso e minuto dell’involucro in alluminio. La semitrasparenza dei prospetti denota la volontà di svelare e al tempo stesso proteggere la vita dell’edificio, mediando e reinventando in modo raffinato il concetto di involucro. Il riferimento progettuale è la tipologia della “galleria pubblica coperta”, che trova negli esempi ottocenteschi italiani della Galleria Vittorio Emanuele a Milano e Galleria Umberto I a Napoli, i contributi essenziali soprattutto per quanto riguarda la tecnologia del vetro abbinato alle strutture in ghisa. Vero e proprio diaframma luminoso, la facciata è composta da superfici che generano continue vibrazioni chiaroscurali, provocate dall’incidenza dei raggi solari sulla trama decorativa. Il sistema di rivestimento prevede una serie di montanti e di supporti orizzon- 4 Pianta del piano terra: l’impianto simmetrico del Municipio si relaziona con lo sviluppo lineare e ritmico dei frammenti lineari 5 La sezione trasversale rivela la partizione in quattro sottomultipli del nuovo edificio, intervallati da spazi vuoti di collegamento 6 Vista notturna del nuovo complesso in cui si esalta il dialogo tra l’edificio esistente e la leggerezza dei nuovi volumi tali in metallo, fissati alla struttura portante verticale. A questi vengono applicati e ancorati gli elementi decorativi, ovvero i pannelli in fusione di alluminio trattato a cataforesi e verniciati, in moduli di 118,74x50cm. Si tratta di motivi floreali, simili ad un merletto, che mediante fori posti superiormente e inferiormente vengono posizionati e fissati per mezzo di apposite bullonature. Un sistema di tamponamento trasparente conclude il pacchetto tecnologico dell’involucro esterno, utilizzando quattro tipi di serramento, due esterni e due interni, in una sequenza di strati vetrati che si alternano tra elementi fissi ed apribili. I serramenti esterni saranno fissati a filo con i solai per mantenere la continuità della superficie mentre quelli interni avranno due tipi di applicazione: il primo utilizza una struttura a “manine” metalliche fissate a quella principale, l’altro definisce gli elementi di connessione tra edificio esistente e i volumi di nuova realizzazione, fissato alle strutture verticali, al di sopra del quale trova spazio un grande lucernario. In questo caso è il vuoto a generare l’assemblaggio degli ambienti stabilendo tra questi le giuste distanze che generano la tensione tra le masse architettoniche, oltre che la permeabilità della luce in qualsiasi punto dello spazio interno. Ancora una volta, la tecnologia del rivestimento esterno come reinterpretazione contemporanea della decorazione, risolve in modo alternativo la questione della riqualificazione e ridefinizione di manufatti urbani, sui quali si interviene con una nuova forma di re-styling e ampliamento, attraverso l’aggiunta di nuove volumetrie architettoniche. Projects New Merate Town Hall 138 4 134-141 Archea.indd 138 0 1 5m 1 The interaction between the new and existing architectural structures is established through a large connecting void whose top is covered by a skylight, a blade of light that lights the point of contact between the old building and the new town hall 2 A fine, lacey pattern clads the structure with a floral motif whose transparency leaves the inside of the center visible 3 Longitudinal section: the 260-seat auditorium can be accessed both from the city hall building and from an independent entrance to the side 4 Plan of the ground floor: the symmetrical layout of the town hall relates with the linear and rhythmic progression of the linear fragments 5 The cross section shows the new building’s division into four sub-units, with interlying empty spaces connecting them 6 Nighttime view of the town hall highlighting the communication between the existing building and the lightweight new structures 9-10-2006 13:26:23
  6. 6. 0 2 10m 5 6 134-141 Archea.indd 139 9-10-2006 13:26:38
  7. 7. Progetti Nuovo Municipio di Merate 7 8 140 Projects New Merate Town Hall 0 134-141 Archea.indd 140 ture. The choice is coherent with the decorative theme that, like a fine fabric, covers the surfaces of simple, linear and regularly shaped architectural structures. The decoration serves to elevate the place to a recognizable symbol, which concentrates social and public relations and communication between the administration and the public; it is a catalyzing hub for Merate able to give the community back a priority role and reconsider the issue of public space. The attention given to designing the interior spaces and defining the details shifts to the complex and detailed design of the aluminum envelope. The façades’ semi-transparency denotes a desire to both reveal and protect the building’s life, mediating and reinventing the concept of the envelope with sophistication. The design model was the “covered public gallery”, taking 19th-century examples in Italy such as the Galleria Vittorio Emanuele in Milan and Galleria Umberto I in Naples, which were important models, particularly for the glass technology combined with cast iron structures. The façade is a true lighted screen, consisting of surfaces that generate constant light and shade vibrations, caused by the effect of sunrays on the decorative pattern. The cladding system involves a series of metal horizontal support beams attached to the vertical bearing structure. The decorative elements, cast aluminum painted pa- 10 20cm nels treated with cataphoresis are applied and anchored to these beams, in 118,74x50cm modules. They have floral lace-like patterns that are positioned with holes placed on the top and bottom and fastened with bolts. A transparent infill system completes the external envelope’s technological packet, using four types of windows, two exterior and two interior, in a sequences of glazed layers that alternate between fixed and openable elements. The external doors and windows will be flush with the floors to maintain the surface’s continuity and the interior ones will have two types of application: The first uses a metal grip structure attached to the main structure; the other forms connection elements between the existing building and the newly-built structures, attached to the vertical structures, above which a large skylight is placed. Here it is the void that generates the assembly of spaces, establishing the proper distance that generates the tension between the architectural masses, as well as the permeability of light in any point of the interior space. Once again, the technology of the external cladding is a contemporary reinterpretation of decoration, giving an alternate solution to the issue of redeveloping and redefining urban buildings of a certain quality, on which to act with a new form of redesign and expansion with the addition of new architectural volumes. 7 Side view of the new town hall. The outside envelope is made of cataphoresis-coated cast aluminum panels. This type of surface treatment makes iron, steel, aluminum and alloys resistant to corrosion. It involves evenly depositing an epoxy or acrylic resin on the piece’s surface for long-lasting protection against outdoor elements. It also improves the adhesion of polyester powder paints 8 Detail of decorative panel anchoring system; horizontal section 9 Exploded view of mounting system for decorative envelope 10 Construction detail of façade. The envelope’s pattern has four decorative themes that form a chiaroscuro effect, shading upwards. The façade consists of: 1. bolt planks; 2. hexagonal head bolt; 3. steel plate; 4. hole for panel attachment; 5. aluminum cast decorative panels; 6. vertical metal bearing structure for anchoring components 9-10-2006 13:26:50
  8. 8. 7 Veduta laterale del nuovo municipio. L’involucro esterno è composto da pannelli metallici in fusione di alluminio trattato a cataforesi. Questo tipo di trattamento superficiale è in grado di conferire agli elementi in ferro, acciaio, alluminio o altre leghe, una resistenza alla corrosione; consiste nel deposito uniforme di una resina epossidica o acrilica sulla superficie dell’elemento, assicurando una protezione a lungo termine agli agenti atmosferici. Garantisce, inoltre, una migliore adesione delle vernici a polveri poliesteri 8 Dettaglio del sistema di ancoraggio dei pannelli decorativi; sezione orizzontale 9 Eploso del sistema di montaggio dell’involucro decorativo 10 Dettaglio costruttivo della facciata. La trama dell’involucro si declina in quattro temi decorativi che restituiscono un un effetto chiaroscurale sfumato verso l’alto. La facciata è composta da: 1. assi delle bullonature; 2. bullone a testa esagonale; 3. piatto in acciaio; 4. foro per l’aggancio del pannello; 5. pannelli decorativi in fusione di alluminio; 6. struttura verticale metallica portante per ancoraggio elementi 1 2 3 4 5 6 7 9 10 134-141 Archea.indd 141 0 10 50cm 9-10-2006 13:27:00

×