La nota del_mattino_del__10_novembre

202 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
202
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

La nota del_mattino_del__10_novembre

  1. 1. La nota del mattino Giovedì 10 novembre 20111. LE ULTIME FURBATE DI BERLUSCONI RISCHIANO DI MANDARE L’ITALIA IN FALLIMENTO. LA FERMEZZA DEL PD E L’INTERVENTO DEL PRESIDENTE NAPOLITANO CHIUDONO I GIOCHI. ENTRO SABATO IL VOTO SULLA LEGGE DI STABILITA’. DOMENICA CONSULTAZIONI E INCARICO AL NUOVO GOVERNO, OPPURE IL VOTO. Silvio Berlusconi e i suoi fedelissimi, dimostrando per l’ennesima volta di non avere alcuna idea dell’interesse dell’Italia, ieri mattina hanno ricominciato a lavorare per risorgere con l’ennesima piroetta. Il presidente del Senato ha puntato ad allungare i tempi di riflessione sulla legge di stabilità. Ma la tempesta che immediatamente si è abbattuta sull’Italia, sui titoli pubblici e sulla borsa, ha dopo un paio d’ore chiarito definitivamente che la storia del presidente del Consiglio che ha governato per otto anni degli ultimi dieci è finita. L’ennesimo tentativo di un presidente screditato è costato ieri all’Italia il rischio di un concreto default sui mercati finanziari. I gruppi parlamentari dell’opposizione si sono immediatamente attivati per accorciare al massimo possibile l’iter parlamentare del provvedimento e il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha chiarito che le dimissioni di Berlusconi sono date e non revocabili. Ora o un nuovo governo o elezioni. Tempi brevissimi. Nel pomeriggio è stato finalmente chiaro che entro sabato sarà concluso l’iter parlamentare della legge di stabilità, che sarà approvata con il voto contrario del Pd. Domenica cominceranno le consultazioni del presidente Napolitano. La nomina di Mario Monti a senatore a vita ha fatto emergere anche plasticamente il nome del candidato a guidare un possibile governo di emergenza. Oggi nuova asta dei Bot annuali. Verranno collocati grazie all’offerta di interessi a un livello straordinario, oltre il 7 per cento. Se l’Italia non sarà in grado di riconquistare la fiducia degli investitori, un livello del genere significa pericolo costante di default e lacrime e sangue per i cittadini, per i posti di lavoro, per i bilanci delle famiglie.2. LA NOMINA DI MONTI A SENATORE A VITA INDICA UN POSSIBILE CANDIDATO. Mario Monti è stato nominato ieri sera da Giorgio Napolitano senatore a vita. Monti è stato il nume tutelare della Bocconi, è stato membro di diversi consigli di amministrazione (a cominciare da quello della Fiat) e per due mandati è stato commissario europeo alla concorrenza, apprezzato in tutto il mondo. Ha sfidato le multinazionali Usa, arrivando a multare per violazione delle norme antitrust la Microsoft di Bill Gates. E’ un commentatore de Il Corriere della Sera.3. LA LEGA SI SFILA. IL PDL SI SFRANGIA. L’ipotesi di un governo di salvezza nazionale è stata accolta con un no secco dalla Lega di Umberto Bossi. “Andremo all’opposizione e così potremo rifarci la verginità” ha detto il leader della Lega, confermando così che ai leghisti nulla interessa del paese e che l’unico obiettivo che hanno è di far dimenticare i danni per i cittadini, le follie e le spese pazze per il tenore di vita di ministri e sottosegretari che il loro governo ha provocato.
  2. 2. Anche nel Pdl si è verificata una spaccatura. I duri di destra hanno già annunciato che saranno contro. Il resto dei parlamentari si è detto pronto a sostenere un governo di transizione. Dopo aver ascoltato la sirena degli estremisti come Giuliano Ferrara, Marina Berlusconi e Daniela Santanché, ieri Silvio Berlusconi ha ascoltato il suggerimento di Fedele Confalonieri che, quotazioni di Mediaset alla mano, ha ottenuto che il presidente del Consiglio deponesse le armi e le speranze.4. PD IN CAMPO. PER UN’OPERAZIONE AMPIA CHE SALVI IL PAESE. SU L’UNITA’ BERSANI SPIEGA LA ROAD MAP DECISA IERI SERA DAL PD. Ieri sera riunione del coordinamento del Pd con i principali rappresentanti del partito. Ampia discussione. Conclusione unanime. La formazione di un governo di salvezza nazionale può salvare l’Italia. Ma non può essere un ribaltone o un’operazione asfittica. Deve esserci una chiara discontinuità, un’amplissima maggioranza parlamentare e i contenuti delle riforme devono avere caratteristiche di forte equità e giustizia. Da L’Unità. Intervista firmata da Simone Collini: “Questo governo ci ha precipitati nel discredito, nell`umiliazione, nella totale mancanza di credibilità». La preoccupazione per l`andamento della Borsa e per il nuovo record segnato dai tassi d`interesse dei Buoni del tesoro sembra quasi superare la soddisfazione per le annunciate dimissioni di Berlusconi. Dice Pier Luigi Bersani che la soddisfazione è «per come abbiamo condotto una battaglia che si sta rivelando positiva, per come abbiamo indotto il Parlamento a certificare la crisi della maggioranza col voto, e per come abbiamo ottenuto l`accelerazione della fase politica». Oggi viviamo «un disastro annunciato», dice guardando ai dati economici. «Almeno da noi». Il leader del Pd parla nel suo studio a Montecitorio. Lo sguardo è ora rivolto a domenica quando, «se il Presidente della Repubblica ritiene, c`è la possibilità di iniziare le consultazioni». I mercati non si sono fidati dell`annuncio di dimissioni dei premier? «Tutto il mondo ormai lo conosce, i suoi gesti non sono mai senza ombre. E ringraziamo il Capo dello Stato che con una nota ha messo in chiaro che non c`è nessuna incertezza sulle dimissioni di Berlusconi e che sono infondati i timori di una prolungata inattività governativa». Napolitano in quella nota ha scritto: nuovo governo o voto. «La stessa alternativa di cui parlo ormai da un anno, e che è stata testardamente impedita da una maggioranza che di fronte ai problemi del Paese si è dimostrata totalmente irresponsabile. Ora, su spinta dell`opposizione e per vie parlamentari, siamo arrivati a una svolta. Sono soddisfatto, ma ora c`è l`esigenza di accorciare i tempi per l`approvazione della legge di stabilità e per le dimissioni. Abbiamo dato la nostra disponibilità ad ogni forma di accelerazione, anche se nel merito continueremo ad opporci». Lei vede le condizioni per un nuovo governo? «Non ho la sfera di cristallo, quello che però posso dire è che noi siamo pronti a fare la nostra parte a sostegno di un governo di transizione che abbia la necessaria credibilità sul piano internazionale per attuare misure eque e far fronte a un`emergenza conclamata». Oltre a quelli di Pd, ldv e Terzo polo servirebbero una sessantina di altri parlamentari del centrodestra per dar vita a una maggioranza stabile. Difficile però che ci sia un tale smottamento nel Pdl, non crede? «Chiariamo subito, la nostra proposta non comporta in nessun modo ipotesi di ribaltoni o la ricerca di frange di supporto al margine. Opzioni Scilipoti, per intenderci, non ci interessano. Ci deve essere un larghissimo coinvolgimento, una presa di coscienza della situazione in cui versa il Paese e un`ampia assunzione di responsabilità». Allora la vostra è una
  3. 3. disponibilità condizionata... «Ma certo che poniamo delle condizioni. E sono le stessecondizioni che richiede la realtà: un governo credibile e che segni una nettadiscontinuità. Adesso quel che serve non è una maggioranza abborracciata, fatta conpezzi di partiti, non è un ribaltone o un aggiustamento con qualche transfuga. Non cicrederebbe nessuno». Che il Pdl come partito appoggi il nuovo governo è però difficilevisto che Berlusconi ha già detto che dopo di lui c`è il voto, non crede? «È indecenteche il presidente del Consiglio dimissionario indichi la strada. Sono parole che nonvoglio neanche prendere in considerazione e aspetto le valutazioni del Capo delloStato, le sue consultazioni». Ha considerato il rischio che tutto il peso del nuovoesecutivo, con un disimpegno di Berlusconi, nei principi o nei fatti, gravi su di voi? «IlPd deve innanzitutto preoccuparsi del fatto che l`Italia è in pericolo, che viviamo ilmomento più difficile dal dopoguerra ad oggi. L`intera classe dirigente, se è degna diquesto nome, ha gli strumenti per vedere che sono in gioco posti di lavoro, redditi,risparmi. Dopodiché se non c`è un`assunzione di responsabilità seria, bisogneràregistrare che non ci sono le condizioni per un governo di emergenza. Dovrà peròessere chiaro che noi saremo gli ultimi a staccare la spina a questa ipotesi. Noi cisiamo, ci crediamo, e se per volontà della destra non sarà possibile dar vita a un nuovogoverno si vada subito ad elezioni. Noi non abbiamo paura di andare al voto». Pensasia ancora possibile andarci con un`alleanza tra progressisti e moderati? «Certo, l`hovoluto anche dire davanti alla nostra gente, tutti quelli che sabato sono venuti a SanGiovanni, dalla Valle d`Aosta alla Sicilia, e che non hanno fatto il viaggio per niente!Quella manifestazione è stata determinante per lo sviluppo politico, abbiamo fattovedere la forza di cui disponiamo». Perché insistere sull`alleanza col Terzo polo ora chei sondaggi danno il centrosinistra sette punti avanti il centrodestra? «Proprio ora chel`emergenza si fa più evidente aumentano le ragioni della nostra proposta. Il tramontodi Berlusconi pone il problema di una ricostruzione economica, sociale, democratica. Eallora tutti sono chiamati a decidere da che parte stare, se dal lato del modellopopulista o se fare la scelta democratica e per un nuovo patto sociale. Di qua o di là,non ci saranno alternative». I due alleati del centrosinistra intanto sembrano pensarladiversamente da lei circa lo sbocco della crisi e la necessità di un governo ditransizione. «Non mi risulta che Di Pietro o Vendola abbiano detto qualcosa di diverso,anche se Di Pietro ha espresso una preferenza per le elezioni anticipate. Ma se hacambiato idea lo dirà al Capo dello Stato. Sia chiaro che c`è la politica e c`è anche ilpoliticismo, ma prima c`è l`Italia». Chi pensa debba guidare il governo di emergenza?«I nomi spettano al Presidente della Repubblica. Quello che io penso è che debbanoessere nomi coerenti col problema che abbiamo di fronte, che riguarda il pianoeconomico e finanziario e che si pone anche sul fronte internazionale. La ricerca vafatta in quella direzione». Come giudica la nomina da parte del Quirinale di Monti asenatore a vita? «È una scelta eccellente, arricchirà il Parlamento di un tratto dipersonalità e di esperienza preziosi». Come vi comporterete di fronte alla legge distabilità? «Se corrisponde a quanto abbiamo letto fin qui voteremo contro. Se cisaranno novità, le valuteremo assieme alle altre proposte. Ma faremo in modo chequesta agonia duri il meno possibile. Dobbiamo chiudere in fretta questa fase e, se ilPresidente lo ritiene, c`è la possibilità di iniziare le consultazioni già domenica». Eipotizzabile che il nuovo governo arrivi a fine legislatura o prevede che in ogni caso sivoterà prima del 2013? «Non si possono fissare scadenze, un governo si tara nonmettendo date ma dando obiettivi. La prima criticità sottaciuta, che il nuovo esecutivodovrà risolvere, è che la manovra approvata prevede per il 2012-2013 20 miliardi
  4. 4. reperibili nella delega assistenziale. Si tratta di una vera e propria bomba ad orologeriaperché il governo vuole prendere 20 miliardi da dove non ci sono. È solo un primoesempio. Noi ribadiamo l`esigenza e l`impegno per il pareggio di bilancio, ma le misureche dovrà attuare il nuovo governo non potranno essere a carico dei lavoratori e dellapovera gente».

×