Anonimato In Rete Summer Of Linux2007

1,859 views

Published on

Anonimato In Rete

Published in: Technology
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,859
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
33
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Anonimato In Rete Summer Of Linux2007

  1. 1. anonimato censura controllo in rete repressione libertà di parola Anonimato in rete diritti civili sicurezza privacy libertà di espressione lotta alla criminalità
  2. 2. Agenda Introduzione all'anonimato e alla privacy  Situazione attuale  Minacce odierne  Privacy dei propri dati  Anonimato e sicurezza delle comunicazioni 
  3. 3. Introduzione Introduzione all'anonimato Buh!
  4. 4. Informazioni “C'è una guerra là fuori, amico mio. Una guerra mondiale. E non ha la minima importanza chi ha più pallottole, ha importanza chi controlla le informazioni. Ciò che si vede, si sente, come lavoriamo, cosa pensiamo, si basa tutto sull'informazione!” Cosmo, “I signori della truffa”
  5. 5. Definizioni Anonimato  Lo stato di non identificabilità in un insieme Privacy  Diritto di poter scegliere cosa della nostra vita privata può essere divulgato
  6. 6. Finalità  Persone che vogliono aggirare la censura statale  Persone che vogliono partecipare in modo anonimo  a discussioni dagli argomenti sensibili o che non vogliono subire l'opinione degli altri Aziende che non vogliono pubblicizzare alcune  relazioni Persone che non vogliono essere oggetto di  profiling commerciale Persone che vogliono offrire servizi senza poter  esser localizzati Autorità giudiziare che non vogliono esser  identificate come tali durante attività investigative
  7. 7. Ma anche.. Persone che vogliono organizzare truffe online e  rimanere impuniti Persone che visitano siti dai contenuti illegali, ad  esempio pedopornografici Criminali che devono comunicare con altri criminali  Criminalità organizzata che vede nuove frontiere  di business Tutte le tecnologie possono esser usate per scopi  criminali, ma questo non è un problema tecnico L'uso di strumenti di anonimizzazione non  introduce nuovi tipi di abusi
  8. 8. Io voglio che.. La mia privacy sia rispettata  Possa essere anonimo se lo decido ➢ Essere tecnicamente certo che i miei dati siano ➢ visibili solo a chi li concedo con il mio consenso I criminali siano catturati  Gli organi di Pubblica Sicurezza (e solo loro!) ➢ abbiano strumenti per identificare i malfattori Abbiano strumenti per rilevare e produrre prove ➢ di reati criminosi
  9. 9. Oggi.. Il diritto alla privacy e' un diritto fondamentale sancito  dal Testo Unico della tutela dei dati personali.
  10. 10. Stato attuale... Non esiste privacy  L'origine e la destinazione di ogni comunicazione ➢ e spesso anche i contenuti sono identificabili con tecniche elementari Non esiste anonimato  Ogni persona che accede ad internet è ➢ identificata e registrata Nessuno è libero di esprimersi  La pubblicazione e fruizione di contenuti è ➢ facilmente censurabile (vedi Cina e [1]) Quindi internet è tutt'altro che anonima! [1] http://www.rsf.org/24h/map.php
  11. 11. Decreto Pisanu Decreto Legge 27 Luglio 2005 n. 144  Chiunque fornisce accesso internet deve richiedere  autorizzazione alla Questura Gli accessi delle persone fisiche devono essere  registrati con documento d'identità Le informazioni da conservare sono:  i dati anagrafici dei clienti o dei soci ➢ le riproduzioni dei documenti di identità ➢ i log file dei server, che contengono i dati del ➢ traffico http://www.parlamento.it/leggi/05155l.htm http://www.interlex.it/675/pisanu3.htm
  12. 12. Minacce alla privacy
  13. 13. Minacce comuni Persone che vogliono conoscere le idee di una  persona (politiche, religiose, ..) Persone che vogliono conoscere le attività di una  persona Localizzazione di persone  Sorveglianza (personale, sul lavoro)  Spionaggio industriale  Piacere di ficcare il naso negli affari degli altri (da  non sottovalutare)
  14. 14. Le minacce fantasma Ogni citazione è puramente casuale
  15. 15. Pubblicità & denaro Profiling: ovvero tenere traccia delle abitudini e  costruire un profilo dei consumatori: politico ➢ religioso ➢ commerciale ➢ sessuale ➢ Agenzie che registrano l'attività e le preferenze di  un utente per produrre pubblicità personalizzata Esiste un mercato di vendita di dati personali  Utilizzo della tecnologia per raggiungere questi  scopi (vedi spider, cookies, malware, ..)
  16. 16. Parte tecnica :) Tecnologie per la comunicazione anonima e la difesa della privacy
  17. 17. Privacy dei dati
  18. 18. Fonti di dati Serbatoi di informazioni sensibili sono: Cache di applicazioni (ad es. browser)  File memorizzati in chiaro  File cancellati su memorie di massa in maniera  insicura Partizione e file di swap  Tecniche di analisi forense informatica ci  permettono di recuperare dati sensibili da molteplici fonti
  19. 19. Dati in chiaro $ cat codici_segreti.txt  Il codice del bancomat e`: 3671 Il pin del mio telefono: 9631 Il codice di lancio dei miei missili usb: alfa tango echo 7 3 1
  20. 20. Crittografia Disciplina che studia le tecniche che permettono di comunicare in modo tale che solo i legittimi destinatari siano in grado di comprendere il contenuto della comunicazione Algoritmi di crittografia (simmetrici, asimmetrici,  hash) Garanzie di privatezza, integrità,  autenticazione Utilizzo di strumenti Open Source ci permette di  esser sicuri delle funzionalità http://it.wikipedia.org/wiki/Crittografia http://en.wikipedia.org/wiki/Cryptography http://www.garykessler.net/library/crypto.html http://www.cacr.math.uwaterloo.ca/hac/
  21. 21. Dati cifrati $ gpg ­c codici_segreti.txt $ cat codici_segreti.txt.gpg  ��5%Ds��`ɊU�J��r��y���Fh[V#k�����Y� £W©ÿC®÷AJ1Ó® ▒┼A ¹Ê’┤ Èõ◆ CèOá» ¥ Ó£␤ք²>½S4½#½␊ÞÊL⎼ɣnj D¶úíªK®¨™í5²␊  [ïìðßë¿<£ð+°ä£(Ÿí1Æ.¡Ÿ¨ò│ OM(Ðë                                                                                                                                              û▒┌␊⎽⎽▒┼␍⎼⎺@␉⎼⎺┼␌⎺:/├└⎻
  22. 22. Crittografia di dati Rendere accessibili solo ai detentori della password  o del “segreto” alcuni file Esiste una vastità di software per farlo  Con crittografia simmetrica o asimmetrica  Con vari tipi di chiavi (password, token, biometria)  Ma farlo per ogni singolo file è scomdo.. 
  23. 23. Crypto Filesystem  Creazione di volumi, partizioni, e aree di swap crittate a cui solo il proprietario con password o altri strumenti di autenticazione puo` accedervi. Enorme aumento di sicurezza (anche in caso di  furto) A fronte di un piccolo degrado di prestazioni  Esempi:  dm-crypt [http://www.saout.de/misc/dm-crypt/] ➢ TrueCrypt [http://www.truecrypt.org/] ➢ encfs [http://arg0.net/wiki/encfs] ➢ LUKS [http://luks.endorphin.org/] ➢
  24. 24. Cancellazione sicura I file cancellati in modo normale sono recuperabili  con semplici tecniche di analisi forense Le zone di memoria di massa che contenevano i  files devono essere sovrascritte Meglio se più volte e con dati diversi  Esistono programmi (shred, wipe) appositi  I dati vanno sempre cancellati in modo sicuro in  caso un terzo abbia a disposizione la periferica Alcuni standard della difesa prevedono addirittura  la distruzione del supporto http://www.cs.auckland.ac.nz/~pgut001/pubs/secure_del.html http://cert.uni-stuttgart.de/archive/bugtraq/2005/07/msg00466.html http://en.wikipedia.org/wiki/File_wiping
  25. 25. Steganografia Tecniche per nascondere non solo l'informazione ma celare anche la sua esistenza Nascondere dati in altri dati di tipo diverso senza  che questi ultimi assumano connotazioni tali da rivelarne la presenza Utile per ambienti in cui l'uso di crittografia è  ristretto Utile per Watermarking di file (ad es. multimediali)  Il contenuto nascosto si degrada con la modifica del  contenitore Esistono tecniche di steganalisi 
  26. 26. Comunicazioni sicure
  27. 27. Cifratura di flussi Secure Sockets Layer (SSL / TLS) Trasparente all'applicazione  Autenticazione a chiave pubblica (di server e client)  Cifratura della sessione  Integrità dei dati  Protegge i dati solo nella comunicazione (ma se  uno ha accesso all'host..) https, pops, imaps, smtps, sftp, tunnel vari  http://en.wikipedia.org/wiki/Transport_Layer_Security http://tools.ietf.org/html/rfc4346 http://www.openssl.org/
  28. 28. Hacking SSL / TLS Protegge i dati solo nella comunicazione (ma se  uno ha accesso all'host..) Quindi viaggiano in rete crittati ma poi  probabilmente a destinazione vengono memorizzati in chiaro su disco Compromettere il server e procurasi la chiave  privata relativa al certificato permette di decifrare comunicazioni passate e future Vulnerabilità dei browser 
  29. 29. email Sistema di comunicazione ad alta latenza  All'interno ci sono informazioni che ci identificano  Il messaggio viaggia in chiaro leggibile da tutti  Anche gli eventuali allegati viaggiano in chiaro  E' possibile capire da dove l'email è stata spedita  e che percorso ha fatto Le persone purtroppo reputano tale mezzo di  comunicazione sicuro...
  30. 30. email: esempio Received: from giovanni.lonerunners.com ([127.0.0.1]) by localhost (giovanni.lonerunners.com [127.0.0.1]) (amavisd-new, port 10024) with ESMTP id kQqFVvUagTs7; Thu, 5 Jul 2007 12:45:58 +0200 (CEST) Received: from localhost.localdomain (localhost [127.0.0.1]) by giovanni.lonerunners.com (Postfix) with ESMTP id F1FA64001 for <alessandro@lonerunners.net>; Thu, 5 Jul 2007 12:45:57 +0200 (CEST) Received: from localhost (localhost [127.0.0.1]) by giovanni.lonerunners.com (Postfix) with ESMTP id 8915DC014; Thu, 5 Jul 2007 12:45:55 +0200 (CEST) X-Virus-Scanned: amavisd-new at lonerunners.com Received: from [192.168.0.100] (host228-234-dynamic.14-87-r.retail.telecomitalia.it [87.14.234.228]) by giovanni.lonerunners.com (Postfix) with ESMTP id B771F4001 for <lol@lists.lonerunners.net>; Thu, 5 Jul 2007 12:45:53 +0200 (CEST) Message-ID: <468CCBB9.7070501@lonerunners.net> Date: Thu, 05 Jul 2007 12:45:13 +0200 From: Alessandro Tanasi <alessandro@lonerunners.net> User-Agent: Thunderbird 1.5.0.12 (X11/20070604) To: Lot of Fun Multimedia <lol@lists.lonerunners.net> Subject: [Lol] Tartarughe wifi http://www.repubblica.it/2006/05/gallerie/scienzaetecnologia/tartarughe-wifi/1.html -- Saluti, Alessandro Tanasi Email: alessandro@tanasi.it Jabber: jekil@jabber.linux.it
  31. 31. Email sicure Esistono tecnologie per rendere confidenziali le  email Crittografare il contenuto di una email  La firma elettronica garantisce che una email  proviene effettivamente dal mittente legittimo Esistono vari tipi di meccanismi per la firma digitale  Problema dell'associazione macchina-uomo: Web of  trust o Certification Authority
  32. 32. GnuPG Standard diffuso  Permette la firma digitale  Permette la crittografia di email e allegati, solo  l'indirizzo destinatario legittimo potrà leggerli Non solo email: può essere usato anche per  crittografare files Implementa crittografia simmetrica e asimmetrica  http://www.ietf.org/rfc/rfc2440.txt http://www.gnupg.org/
  33. 33. Idea: remailer Anonimizzatore Mittente Destinatario Header della mail: Header della mail: Received: from [192.168.0.100] Received: from [foobar] (host228-234-dynamic.14-87-r.retail.telecomitalia.it [87.14.234.228]) (foobar [127.0.0.1]) by giovanni.lonerunners.com (Postfix) with ESMTP id B771F4001 by giovanni.lonerunners.com (Postfix) with ESMTP id B771F4001 for <lol@lists.lonerunners.net>; Thu, 5 Jul 2007 12:45:53 +0200 (CEST) for <lol@lists.lonerunners.net>; Thu, 5 Jul 2007 12:45:53 +0200 (CEST) Message-ID: <468CCBB9.7070501@lonerunners.net> Message-ID: <468CCBB9.7070501@lonerunners.net> Date: Thu, 05 Jul 2007 12:45:13 +0200 Date: Thu, 05 Jul 2007 12:45:13 +0200 From: Alessandro Tanasi <alessandro@lonerunners.net> From: Nessuno User-Agent: Thunderbird 1.5.0.12 (X11/20070604) To: Lot of Fun Multimedia <lol@lists.lonerunners.net> To: Lot of Fun Multimedia <lol@lists.lonerunners.net> Subject: [Lol] Tartarughe wifi Subject: [Lol] Tartarughe wifi Ciao, vista la tartaruga? Ciao, vista la tartaruga?
  34. 34. Anonymous remailer Sistemi conosciuti che gestiscono l'anonimato della messaggistica email Tipologie:  Tipo 0: “Penet” ➢ Tipo 1: “Cyberpunk” ➢ Tipo 2: “Mixmaster” ➢ Tipo 3: “Mixminion” ➢ http://en.wikipedia.org/wiki/Anonymous_remailer
  35. 35. Remailer di tipo 0 Ricevono posta oppurtunamente formattata  Inviano la posta che ricevono al destinatario  togliendo le informazioni relative al mittente E' stata la prima implementazione  Facilmente attaccabili:  violazione del server ➢ tecniche di analisi temporale del traffico ➢ azione legale che richiede i file di log ➢ all'amministratore
  36. 36. Remailer di tipo 1 Remailer usati in catene di almeno 3 elementi  Utilizzo di metodi crittografici a chiave pubblica  Crittografa il messaggio in successione per ogni  remailer specificato La compromissione di n-1 elementi della catena  non è sufficiente Comunque attaccabile con tecniche di analisi  temporale del traffico
  37. 37. Remailer di tipo 2 I messaggi vengono resi di dimensione uniforme:  vengono spezzettati e frammenti sono di dimensione uguale I messaggi sono spediti con un ritardo casuale:  sono mantenuti in una coda che viene svuotata casualmente Generazione di traffico casuale: vengono generati e  scambiati falsi messaggi che l'ultimo remailer della catena poi scarterà Ma utilizzano ancora SMTP e una rete separata per  la distribuzione delle chiavi crittografiche Suscettibili ad attacchi DoS  http://mixmaster.sourceforge.net/
  38. 38. Remailer di tipo 3 Utilizzano un proprio protocollo client-server  Sono flessibili e permettono l'interfacciamento con  altre reti di tipo diverso (Mixmaster, MMS) Directory distribuita gestita automaticamente dai  remailer per la gestione delle chiavi crittografiche Rete in fase di sviluppo ma comunque già  utilizzabile http://www.mixminion.net/ http://en.wikipedia.org/wiki/Mixminion
  39. 39. Server di pseudonomi Problema: chi riceve un messaggio attraverso un  remailer non può rispondere al mittente Pseudonimo: indirizzo fittizio, non riconducibile  ad un indirizzo reale, tramite cui si possono far giungere messaggi al destinatario senza conoscerne l'identità Anonimato anche all'indietro, mittente e  destinatario possono scambiarsi email in modo totalmente anonimo http://en.wikipedia.org/wiki/Pseudonymous_remailer
  40. 40. Tipo newnym Usando metodi di crittografia permette ad un  utente di creare un indirizzo fittizio (pseudonimo) I messaggi di quel utente usciranno dal remailer  con tale pseudonimo Può caricare un reply block: sequenze di istruzioni  crittografate su come far pervenire il messaggio all'indirizzo reale tramite una serie di remailer
  41. 41. Hacking remailers Gli attacchi per scoprire l'origine di un messaggio variano in base al tipo di remailer: Analisi statistica del traffico  Analisi temporale del traffico in ingresso e uscita  Violazione logica o fisica del server  Generazione di Denial of Service  ... violazione del client  Non è detto che un utente usi reti di tipo 3 per spedire mail, le vecchie reti sono ancora in utilizzo!
  42. 42. Onion routing Tecnica di tunneling del traffico su circuiti virtuali  Incapsulamento dei pacchetti in strutture dati  cifrate Instradamento attraverso vari nodi della rete  Resistente a tecniche di analisi del traffico  Bassa latenza  http://en.wikipedia.org/wiki/Onion_routing http://www.onion-router.net/ http://www.onion-router.net/Publications.html
  43. 43. Tor Relaying di stream TCP (indipendenza del  protocollo applicativo) Interfacciamento tramite il protocollo SOCKS  Possibilità di instradare più stream TCP nello stesso  circuito virtuale (riduzione delle latenze) Utilizzo di TLS nelle comunicazioni tra nodi  Controllo di integrità dei dati end-to-end  Controllo di congestione  Hidden services (possibilità di pubblicare servizi)  Rete di centinaia di nodi  Software libero  http://tor.eff.org/
  44. 44. Funzionamento
  45. 45. Funzionamento
  46. 46. Funzionamento
  47. 47. Tor e Privoxy Proxy HTTP con funzioni avanzate di filtraggio: Modifica dei contenuti del protocollo HTTP  Blocco di pop-up  Blocco di informazioni pubblicitarie  Controllo dei cookie  Rimuove informazioni superflue che il nostro  browser comunica http://www.privoxy.org/
  48. 48. Hidden Services L'host ospitante il servizio non viene rivelato  Servizi di rete di cui non si conosce la collocazione  fisica Servizi resistenti alla censura (filtraggio del traffico,  filtraggio DNS) Resistenza alla violazione fisica (se non si sa dove  sia il server..) Impossibilità di risalire a chi pubblica e a chi fruisce  il servizio http://tor.eff.org/docs/tor-hidden-service.html.en
  49. 49. Hacking Tor Exit node maliziosi che monitorano il traffico  Il contenuto fornito dall'exit node non è validato,  può essere modificato dall'exit node Tor assicura anonimizzazione layer 3.. e il resto?  Application layer javascript ➢ ActiveX ➢ plug-in vari (Shockwave) ➢ vulnerabilità del browser (allegria!!) ➢
  50. 50. Pubblicazione anonima Un sistema di pubblicazione anonima deve garantire: Privacy per chi pubblica i contenuti  Privacy per chi fruisce dei contenuti  Protezione dei contenuti  Resistenza ad attacchi volti alla censura 
  51. 51. Freenet L'unico sistema di pubblicazione anonima  soppravissuto e disponibile al pubblico Non è possibile risalire a chi pubblica, memorizza e  richiede i contenuti Buone prestazioni  I gestori dei nodi non possono conoscere il  contenuto dei dati da loro memorizzati (protezione legale in alcuni Stati) Nulla può essere cancellato (nemmeno dall'autore)  Non ha funzionalità di ricerca, ma solo indici dei  contenuti E' un protocollo, non un'applicazione  http://freenetproject.org/
  52. 52. Funzionamento I contenuti sono suddivisi in atomi chiamati  “chiavi” Le chiavi vengono crittografate e distribuite  casualmente tra vari server Comunicazioni (TCP, HTTP, SMTP) autenticata e  cifrata fra nodi Routing anonimo basato sul source rewriting  Più un'informazione è richiesta più si moltiplica sui  nodi, informazioni non richieste a lungo si cancellano
  53. 53. Hacking Freenet La rete Freenet è una rete di sviluppo, quindi si  potrebbero trovare bug del protocollo E' facile individuare un nodo Freenet e causargli un  DoS Analisi del traffico avanzata(issima)  Il primo nodo a cui ci si collega conosce il mittente  Freenet è un protocollo, quindi forse è più fruttuoso  concentrarsi sui vari client specifici http://freenetproject.org/index.php?page=faq#attack
  54. 54. Conclusioni Esistono sistemi anonimi di comunicazione e per  la difesa della privacy dei dati e sono pienamente utilizzabili Manca una loro diffusione e conoscenza  Nel caso serva :) probabilmente alcuni sistemi  possono essere manomessi o aggirati La sensibilizzazione sul problema privacy è  fondamentale ..per far in modo che Internet rimanga libera per le  generazioni future
  55. 55. Domande?
  56. 56. Licenza Questo documento viene rilasciato sotto licenza Alcoolware,  la quale non è altro che una normale licenza Creative  Commons Attribute­NonCommercial­ShareALike [1] ma con  l'aggiunta che se mi incontrate dobbiamo andare a bere  qualcosa. In sintesi è liberamente distribuibile per usi non commerciali,  copiabile e modificabile purchè citiate l'autore e la fonte. Se volete distribuire questo documento sul vostro sito siete  pregati per favore di comunicarmelo in modo che possa  spedirvi le nuove versioni. [1] http://creativecommons.org/licenses/by­nc­sa/2.0/
  57. 57. Slides Le slides di questa presentazione sono già disponibili su: http://www.tanasi.it Per informazioni: alessandro@tanasi.it Non esitate a contattarmi anche solo per far due chiacchere :)

×