Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Accessibilità ed Inclusione in Italia (gen 2008)

1,168 views

Published on

Dati e riflessioni a cura della rete CRC
Gennaio - 2008
Jacopo Deyla

Published in: Technology, Design
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Accessibilità ed Inclusione in Italia (gen 2008)

  1. 1. Accessibilità ed Inclusione in Italia. Dati e riflessioni a cura della rete CRC Gennaio - 2008 Jacopo Deyla CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE P.A. DI TRENTO E BOLZANO
  2. 2. I CRC <ul><li>I Centri Regionali di Competenza sono una rete: </li></ul><ul><li>Staff Centrale e </li></ul><ul><li>21 Centri regionali </li></ul><ul><li>(100 professionisti CNIPA e PAL) </li></ul>
  3. 3. Obiettivi dei CRC <ul><li>PROMUOVERE E SOSTENERE collaborazione e scambio tra PA </li></ul><ul><li>MIGLIORARE LA CONOSCENZA e misurazione dell’innovazione (servizi on-line) </li></ul>
  4. 4. Attività del CRC <ul><li>Assistenza tecnica a politiche, tavoli regionali e progetti </li></ul><ul><li>Attività di promozione e diffusione di informazioni </li></ul><ul><li>Osservatorio dati regionali sull’e-government e l’innovazione locale (a supporto delle politiche) </li></ul>
  5. 5. Crcitalia.it <ul><li>Rivolto ai media specializzati e PAL </li></ul><ul><li>Report su e-government e Società dell’Informazione (Osservatorio SOL dati sulla diffusione e la qualità dei servizi on-line) </li></ul>
  6. 6. Obiettivi del MIO intervento <ul><li>Indirizzi politici e dati su: </li></ul><ul><ul><li>E-Inclusion </li></ul></ul><ul><ul><li>E-Accessibility </li></ul></ul><ul><li>Riflessioni e proposte </li></ul>
  7. 7. Inclusione E-Inclusion
  8. 8. Informazione <ul><li>è </li></ul><ul><li>risorsa strategica di democrazia, di partecipazione sociale e di diritto di cittadinanza attiva </li></ul>
  9. 9. i2010 (25/4/2006) Obiettivi del piano di azione <ul><li>Accesso per tutti </li></ul><ul><li>Maggiore efficacia (valutazione efficienza) </li></ul><ul><li>Servizi d'amministrazione in linea di grande impatto </li></ul><ul><li>Mettere in atto strumenti chiave </li></ul><ul><li>Rafforzamento della partecipazione al processo decisionale democratico </li></ul><ul><li>( Il piano eGovernment per l'iniziativa i2010 ) </li></ul>
  10. 10. Accesso, partecipazione e E-inclusion <ul><li>Azioni per realizzare una società dell’ i nformazione “i nclusiva ”, ossia una </li></ul><ul><li>societ à dell ’i nformazione per tutti . </li></ul><ul><li>consentire, a tutti di partecipare a pieno titolo alla societ à dell ’i nformazione, anche se si trovano in situazioni di svantaggio sociale o personale </li></ul>
  11. 11. Accesso e partecipazione, fattore chiave per … <ul><li>il conseguimento degli obiettivi di progresso economico e sociale dell’iniziativa i2010 </li></ul><ul><li>“Società europea dell’informazione per la crescita e l’occupazione ” </li></ul>
  12. 12. Chi beneficia dell’e-inclusion <ul><li>Soprattutto chi è a rischio di esclusione: </li></ul><ul><ul><li>Analfabeti informatici (anziani) </li></ul></ul><ul><ul><li>Stranieri </li></ul></ul><ul><ul><li>Disabili </li></ul></ul>
  13. 13. Riguarda l’Italia perchè <ul><li>Stranieri : 2.800.000 (iscritti all’anagrafe al 1/1/2006) pari al 5% della popolazione </li></ul><ul><li>Anziani : Nel 2005, il 20% della popolazione ha oltre 65 anni con un indice di vecchiaia (oltre i 65 / sotto ai 15) 137,7% (nel 2001 era 129,3%) </li></ul>
  14. 14. Comunicazione (2007)694 <ul><li>8-11-2007 - Commissione Europea adotta, la Comunicazione (2007)694, Iniziativa europea i2010 sull ’e -inclusion: P artecipare alla societ à dell ’i nformazione </li></ul><ul><li>Propone framework strategico finalizzato alla messa in atto della Dichiarazione ministeriale di Riga ( ICT for an inclusive society) .” </li></ul><ul><li>(*fonte: pubbliaccesso.it) </li></ul>
  15. 15. Benefici e-Inclusion <ul><li>Nell’UE, </li></ul><ul><li>calcolati in cinque anni, </li></ul><ul><li>potrebbero ammontare a: </li></ul><ul><li>una cifra tra i 35 e 85 miliardi di Euro per la nascita di nuovi posti di lavoro e nuovi servizi </li></ul>
  16. 16. Gli aspetti dell’e-inclusion <ul><li>Alfabetizzazione </li></ul><ul><li>Uso di Internet </li></ul><ul><li>Connessione (banda larga) </li></ul><ul><li>E-Accessibilità </li></ul>
  17. 17. La situazione in Europa <ul><li>molte persone non partecipano attivamente alla societ à dell ’i nformazione </li></ul><ul><li>l ’a zione politica non è sufficientemente coordinata ed efficace </li></ul><ul><li>le soluzioni accessibili a tutti sono ancora insufficienti, frammentate e costose </li></ul>
  18. 18. Iniziative in Italia <ul><li>In modo diffuso in tutte le Regioni: </li></ul><ul><ul><li>Bando I Avviso di e-gov (134 progetti per un tot. di circa 500 Ml di Euro) </li></ul></ul><ul><ul><li>Bandi della II Fase e-gov (e-democracy: 54 progetti per 27 Ml Euro circa) </li></ul></ul><ul><ul><li>Progetti specifici locali(POR/Docup, Piano SI, Premio PA Aperta, ecc.) </li></ul></ul><ul><ul><li>Accordi di Programma Quadro </li></ul></ul>
  19. 19. Inclusione negli Accordi di Programma Quadro Inclusione, partecipazione e servizi di rete
  20. 20. Piemonte: Inclusione (negli APQ) <ul><li>2.815.000€ su 36 Ml di Euro (6/2007) </li></ul><ul><li>2 interventi: </li></ul><ul><li>1 - Identità digitale (CSSP – infrastruttura di supporto per carte servizi sistema piemonte) </li></ul><ul><li>1 – Inclusione, WEBCONFERENCE - Strumenti multimediali di comunicazione per le scuole </li></ul>
  21. 21. In particolare (1) <ul><li>1° Avviso di e-gov, sviluppo di servizi e piattaforme di accesso per i cittadini </li></ul><ul><li>ComuneFacile 9.522.950 – Comune di Torino </li></ul><ul><li>(iniziato nel 2003 e concluso nel 2006 ) - dati aggiornati a Gennaio 2008 - </li></ul>
  22. 22. In particolare (2) <ul><li>II Fase di e-gov, sviluppo di servizi e piattaforme orientate alla partecipazione dei cittadini alla vita pubblica e all’incremento dell’accesso: </li></ul><ul><li>5 progetti di e-democracy (iniziati nel 2005 e in fase di conclusione nel 2008) per un valore totale di Euro 3.947.110 </li></ul>
  23. 23. In particolare (3) <ul><li>Iniziative specifiche regionali </li></ul><ul><ul><li>4 progetti sul VI Programma Quadro e-Inclusion 2004-2008 (13.337.612 Euro) </li></ul></ul><ul><ul><li>PA Aperta </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>2006 Interscambio tra il Sistema Informativo Lavoro Piemonte ed il Sistema Informativo della Sanità &quot;Passaporto Abilità“ (162.000 Euro) </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>2007 Easy walk Piemonte (180.000 Euro) </li></ul></ul></ul>
  24. 24. Accessibilità E-Accessibility
  25. 25. Accessibilità come legge <ul><li>E’ necessaria per creare una cittadinanza digitale perché: </li></ul><ul><li>garantisce </li></ul><ul><li>il diritto di accesso </li></ul><ul><li>ai servizi informatici </li></ul><ul><li>della pubblica amministrazione </li></ul><ul><li>da parte delle persone disabili </li></ul>
  26. 26. Accessibilità se applicata <ul><li>Permette la partecipazione ad </li></ul><ul><li>alcune fasce della popolazione che ora </li></ul><ul><li>non possono o possono difficilmente “partecipare” </li></ul>
  27. 27. Accessibilità in Europa <ul><li>Deficit 12.5% dei siti pubblici passano i test automatici - 5.3% quelli manuali </li></ul><ul><li>Gap divario tra EU e USA, CA, AU di politiche e stato </li></ul><ul><li>Patchwork frammentarietà della situazione tra i vari Stati </li></ul><ul><li>(fonti: Measuring Progress of eAccessibility in Europe Ott.2007 *Benchmark EU sull’eGovernment [ logo ] - CAP-GEMINI - Sett. 2007) </li></ul>
  28. 28. Accessibilità in Italia (1) <ul><li>Deficit , gap e patchwork anche qui </li></ul><ul><li>Deficit </li></ul><ul><li>Su circa 1000 home page di siti pubblici 12% rispetta ed è in linea con il 1° requisito (25% è in linea, il 60% di essi ha codice valido) </li></ul>
  29. 29. Accessibilità in Italia (2) <ul><li>Patchwork </li></ul><ul><li>In alcune regioni esiste un Centro/Ente che si occupa di vigilanza, assistenza o formazione: </li></ul><ul><li>Emilia-Romagna: SP.AC.E-R </li></ul><ul><li>Friuli Venezia-Giulia: CORECOM </li></ul><ul><li>Piemonte: LAU </li></ul><ul><li>Sardegna: SardegnaAccessibile </li></ul><ul><li>Toscana: gruppo di lavoro RTRT </li></ul><ul><li>Veneto: Comitato Tecnico Accessibilità </li></ul>
  30. 30. Com’è cambiata negli anni
  31. 31. Accessibilità in Piemonte
  32. 32. I migliori: Validi e a Norma √ √ Savigliano √ √ Giaveno Chieri √ √ Novi Ligure √ √ √ Biella √ √ √ Alessandria Biella (PR) alt zoom skip colori logo
  33. 33. Note all’analisi <ul><li>Nessun sito che espone il logo ha codice valido. </li></ul><ul><ul><li>Comune di Novara : banner _blank </li></ul></ul><ul><ul><li>Volvera : align su link “qui” </li></ul></ul><ul><ul><li>Villanova Mondovì : … vari errori sulle immagini (P.IVA, separatore,…) </li></ul></ul><ul><li>Esistono in totale 8 (su 114) realtà che espongono il logo (Scuole, università,…) </li></ul>
  34. 34. RIFLESSIONI
  35. 35. E’ tutto condivisibile <ul><li>L’inclusione è un obiettivo condivisibile </li></ul><ul><ul><li>al di là degli obiettivi i2010 </li></ul></ul><ul><ul><li>In aggiunta, porta a benefici anche economici </li></ul></ul><ul><li>L’accessibilità è un obiettivo altrettanto condivisibile </li></ul><ul><ul><li>è uno dei 4 pilastri dell’ e-inclusion </li></ul></ul>
  36. 36. Ciò che serve, è semplice <ul><li>Ascoltare le richieste dei cittadini </li></ul><ul><li>Assistere le PA </li></ul><ul><li>Formare PA e tecnici </li></ul><ul><li>Coordinare le azioni e iniziative sul proprio territorio (formazione, assistenza,…) </li></ul><ul><li>Osservare i dati sul territorio </li></ul><ul><li>Condividere le soluzioni con le altre realtà </li></ul><ul><li>…ossia tutte le azioni svolte dai centri già creati nelle realtà più avanzate </li></ul>
  37. 37. Ma non basta, manca qualcosa <ul><li>Obiettivi temporali obiettivi i2010: nel 2008 tutti i siti della PA devono essere accessibili </li></ul><ul><li>Correttivi per raggiungerli a seguito delle osservazioni non si è mai verificato un netto e diffuso cambiamento </li></ul><ul><li>Responsabilità dirigenziale l’auto-vigilanza non è stata efficace, il logo non è uno stimolo sufficiente, l’auto valutazione non sempre è corretta e non sempre sono coinvolti i destinatari </li></ul>
  38. 38. grazie Jacopo Deyla [email_address]

×