Il dna degli ingegneri

394 views

Published on

Published in: Technology, Economy & Finance
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
394
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Il dna degli ingegneri

  1. 1. Un caso Che forse il DNA degli ingegneri è un po’ obsoleto?
  2. 2. Il DNA industriale <ul><li>(Ri)leggiamo il classico brano degli spilli di Adam Smith da sempre preso come evento di inizio della rivoluzione industriale e, quindi, alla base del DNA degli ingegneri </li></ul>
  3. 3. Il DNA industriale <ul><li>È il brano che ha teorizzato il lavoro industriale realizzato: </li></ul><ul><ul><li>Dividendo il lavoro in reparti/uffici “specializzati” </li></ul></ul><ul><ul><li>Con modalità meccanizzate/automatizzate (centralità delle macchine) e, quindi, inevitabilmente con lotti e code </li></ul></ul>
  4. 4. Progettiamo un Processo <ul><li>Si provi allora, con DNA “industriale”, a progettare il successivo semplicissimo Processo per spedire una newsletter in abbonamento </li></ul>
  5. 5. Le operazioni del Processo <ul><ul><li>Piegare il fascicolo </li></ul></ul><ul><ul><li>Imbustarlo </li></ul></ul><ul><ul><li>Chiudere la busta </li></ul></ul><ul><ul><li>Incollare cartellino indirizzo </li></ul></ul><ul><ul><li>Affrancare </li></ul></ul>
  6. 6. Una prima scelta <ul><li>Conviene utilizzare un Processo: </li></ul><ul><ul><li>Manuale o </li></ul></ul><ul><ul><li>Meccanizzato/Automatizzato che, si può dimostrare, costa unitariamente meno del precedente ? </li></ul></ul>
  7. 7. Una seconda scelta <ul><li>Avendo deciso, per ridurre i rischi, di utilizzare un Processo manuale conviene organizzare il lavoro con modalità: </li></ul><ul><ul><li>industriali (lotti realizzati da personale specializzato) o </li></ul></ul><ul><ul><li>artigianali utilizzando una sola persona per svolgere tutte le operazioni ? </li></ul></ul>
  8. 8. Noi ingegneri siamo o no positivisti (Galileiani) ? <ul><li>Facciamo allora una verifica sperimentale per vedere quale sia la soluzione migliore ! </li></ul>
  9. 9. Il risultato <ul><li>Perché sperimentalmente si mette meno tempo a produrre con uno schema “artigianale” che “industriale” contraddicendo così il paradigma di Smith? </li></ul><ul><li>Perché ci sono meno sprechi (Muda) di tempo ! </li></ul><ul><li>“ Vedete” i Muda? </li></ul>
  10. 10. Perché …. <ul><li>… . cinquanta anni dopo la messa a punto da parte della Toyota dei sistemi a flusso continuo e vent’anni dopo la formulazione del Lean Thinking la maggior parte del lavoro avviene ancora secondo l’antica tradizione di A. Smith e di F. W. Taylor fatta di uffici, lotti e code, grandi macchine (monumenti) e tanti …. Muda ? </li></ul>
  11. 11. I blocchi mentali <ul><li>Perché l’antica tradizione è “entrata nel DNA” delle persone (anche degli ingegneri informatici x la gestione d’azienda): è necessario quindi superare i “blocchi mentali” ! </li></ul><ul><li>Ed ovviamente è più facile farlo da giovani ! </li></ul>

×