Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

7. l empatia_nell_adolescenza

2,220 views

Published on

  • DOWNLOAD THIS BOOKS INTO AVAILABLE FORMAT (2019 Update) ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... Download Full PDF EBOOK here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... Download Full EPUB Ebook here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... Download Full doc Ebook here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... Download PDF EBOOK here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... Download EPUB Ebook here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... Download doc Ebook here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... ................................................................................................................................... eBook is an electronic version of a traditional print book THIS can be read by using a personal computer or by using an eBook reader. (An eBook reader can be a software application for use on a computer such as Microsoft's free Reader application, or a book-sized computer THIS is used solely as a reading device such as Nuvomedia's Rocket eBook.) Users can purchase an eBook on diskette or CD, but the most popular method of getting an eBook is to purchase a downloadable file of the eBook (or other reading material) from a Web site (such as Barnes and Noble) to be read from the user's computer or reading device. Generally, an eBook can be downloaded in five minutes or less ......................................................................................................................... .............. Browse by Genre Available eBooks .............................................................................................................................. Art, Biography, Business, Chick Lit, Children's, Christian, Classics, Comics, Contemporary, Cookbooks, Manga, Memoir, Music, Mystery, Non Fiction, Paranormal, Philosophy, Poetry, Psychology, Religion, Romance, Science, Science Fiction, Self Help, Suspense, Spirituality, Sports, Thriller, Travel, Young Adult, Crime, Ebooks, Fantasy, Fiction, Graphic Novels, Historical Fiction, History, Horror, Humor And Comedy, ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... .....BEST SELLER FOR EBOOK RECOMMEND............................................................. ......................................................................................................................... Blowout: Corrupted Democracy, Rogue State Russia, and the Richest, Most Destructive Industry on Earth,-- The Ride of a Lifetime: Lessons Learned from 15 Years as CEO of the Walt Disney Company,-- Call Sign Chaos: Learning to Lead,-- StrengthsFinder 2.0,-- Stillness Is the Key,-- She Said: Breaking the Sexual Harassment Story THIS Helped Ignite a Movement,-- Atomic Habits: An Easy & Proven Way to Build Good Habits & Break Bad Ones,-- Everything Is Figureoutable,-- What It Takes: Lessons in the Pursuit of Excellence,-- Rich Dad Poor Dad: What the Rich Teach Their Kids About Money THIS the Poor and Middle Class Do Not!,-- The Total Money Makeover: Classic Edition: A Proven Plan for Financial Fitness,-- Shut Up and Listen!: Hard Business Truths THIS Will Help You Succeed, ......................................................................................................................... .........................................................................................................................
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
  • DOWNLOAD THAT BOOKS INTO AVAILABLE FORMAT (2019 Update) ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... Download Full PDF EBOOK here { http://bit.ly/2m6jJ5M } ......................................................................................................................... Download Full EPUB Ebook here { http://bit.ly/2m6jJ5M } ......................................................................................................................... Download Full doc Ebook here { http://bit.ly/2m6jJ5M } ......................................................................................................................... Download PDF EBOOK here { http://bit.ly/2m6jJ5M } ......................................................................................................................... Download EPUB Ebook here { http://bit.ly/2m6jJ5M } ......................................................................................................................... Download doc Ebook here { http://bit.ly/2m6jJ5M } ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... ................................................................................................................................... eBook is an electronic version of a traditional print book that can be read by using a personal computer or by using an eBook reader. (An eBook reader can be a software application for use on a computer such as Microsoft's free Reader application, or a book-sized computer that is used solely as a reading device such as Nuvomedia's Rocket eBook.) Users can purchase an eBook on diskette or CD, but the most popular method of getting an eBook is to purchase a downloadable file of the eBook (or other reading material) from a Web site (such as Barnes and Noble) to be read from the user's computer or reading device. Generally, an eBook can be downloaded in five minutes or less ......................................................................................................................... .............. Browse by Genre Available eBooks .............................................................................................................................. Art, Biography, Business, Chick Lit, Children's, Christian, Classics, Comics, Contemporary, Cookbooks, Manga, Memoir, Music, Mystery, Non Fiction, Paranormal, Philosophy, Poetry, Psychology, Religion, Romance, Science, Science Fiction, Self Help, Suspense, Spirituality, Sports, Thriller, Travel, Young Adult, Crime, Ebooks, Fantasy, Fiction, Graphic Novels, Historical Fiction, History, Horror, Humor And Comedy, ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... .....BEST SELLER FOR EBOOK RECOMMEND............................................................. ......................................................................................................................... Blowout: Corrupted Democracy, Rogue State Russia, and the Richest, Most Destructive Industry on Earth,-- The Ride of a Lifetime: Lessons Learned from 15 Years as CEO of the Walt Disney Company,-- Call Sign Chaos: Learning to Lead,-- StrengthsFinder 2.0,-- Stillness Is the Key,-- She Said: Breaking the Sexual Harassment Story That Helped Ignite a Movement,-- Atomic Habits: An Easy & Proven Way to Build Good Habits & Break Bad Ones,-- Everything Is Figureoutable,-- What It Takes: Lessons in the Pursuit of Excellence,-- Rich Dad Poor Dad: What the Rich Teach Their Kids About Money That the Poor and Middle Class Do Not!,-- The Total Money Makeover: Classic Edition: A Proven Plan for Financial Fitness,-- Shut Up and Listen!: Hard Business Truths that Will Help You Succeed, ......................................................................................................................... .........................................................................................................................
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here

7. l empatia_nell_adolescenza

  1. 1. 1 Prof. Paolo Albiero Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Università di Padova L’empatiaL’empatia
  2. 2. 2 Che cosa è l’empatia?Che cosa è l’empatia?  Termine impiegato per indicare quella particolareTermine impiegato per indicare quella particolare condizione esperienziale gli individui vivono quandocondizione esperienziale gli individui vivono quando ““sentono dentrosentono dentro” le emozioni di un’altra persona.” le emozioni di un’altra persona.  Utilizzo in differenti dominiUtilizzo in differenti domini → difficoltà di formulare una→ difficoltà di formulare una definizione univoca ed esaustivadefinizione univoca ed esaustiva (Duan e Hill, 1998)..  Nodo centrale è “Nodo centrale è “l’impalpabilitàl’impalpabilità” della dimensione” della dimensione empatica, costituita da livelli interconnessi che giocano eempatica, costituita da livelli interconnessi che giocano e si ricombinano fra cognizioni e affetti, rielaborazioni disi ricombinano fra cognizioni e affetti, rielaborazioni di vissuti personali e sentimenti sociali, consapevolezza deivissuti personali e sentimenti sociali, consapevolezza dei confini del proprio sé e accoglimento emotivo dell’altroconfini del proprio sé e accoglimento emotivo dell’altro (Bonino, Lo Coco, Tani, 1998)(Bonino, Lo Coco, Tani, 1998)
  3. 3. 3 Alcune definizioni: dal linguaggio colto a quello comuneAlcune definizioni: dal linguaggio colto a quello comune  ““Fil: supposta fusione emotiva tra il soggetto e l’oggetto dellaFil: supposta fusione emotiva tra il soggetto e l’oggetto della conoscenza nel campo delle scienze umane. Psic: Capacità diconoscenza nel campo delle scienze umane. Psic: Capacità di capire, sentire e condividere i pensieri e le emozioni di un altro incapire, sentire e condividere i pensieri e le emozioni di un altro in una determinata situazioneuna determinata situazione”. Voc. Lingua it. Zanichelli”. Voc. Lingua it. Zanichelli  ““La capacità di partecipare o di avere un’esperienza vicaria diLa capacità di partecipare o di avere un’esperienza vicaria di sentimenti, delle intenzioni o delle idee e talvolta dei movimenti disentimenti, delle intenzioni o delle idee e talvolta dei movimenti di un’altra persona, alpunto da eseguire con il corpo movimenti cheun’altra persona, alpunto da eseguire con il corpo movimenti che li rispecchianoli rispecchiano”. Webster’s Third New International Dictionary”. Webster’s Third New International Dictionary  Significati ampi e spesso non precisi: saper compartecipare,Significati ampi e spesso non precisi: saper compartecipare, condividere gli stati d’animo degli altri, saper aiutare econdividere gli stati d’animo degli altri, saper aiutare e comprendere. Conoscenza diffusa, anche se “ingenua”: non esistecomprendere. Conoscenza diffusa, anche se “ingenua”: non esiste relazione sociale significativa che non comporti empatia.relazione sociale significativa che non comporti empatia.
  4. 4. 4 La storia del termine nella letteratura psicologicaLa storia del termine nella letteratura psicologica  L'empatia è un concetto che ha ricevuto moltaL'empatia è un concetto che ha ricevuto molta considerazione nella storia del pensiero (Hume,considerazione nella storia del pensiero (Hume, Rousseau) proprio perché ritenuta una capacità inRousseau) proprio perché ritenuta una capacità in grado di rivestire un ruolo importante nel mediare lagrado di rivestire un ruolo importante nel mediare la qualità dei processi di interazione tra gli individui.qualità dei processi di interazione tra gli individui.  Il tema appassionò molto anche i primi psicologi:Il tema appassionò molto anche i primi psicologi: Titchener (1907), che coniò il termine “Titchener (1907), che coniò il termine “EmpathyEmpathy” dal” dal tedesco “tedesco “EinfEinfüühlung”hlung”, ma anche Lipps (1905),, ma anche Lipps (1905), McDougall (1912), Freud (1921), Brentano (1924) eMcDougall (1912), Freud (1921), Brentano (1924) e molti altri.molti altri.
  5. 5. 5 La storia del termine nella letteratura psicologicaLa storia del termine nella letteratura psicologica  Anni 30’-’50: dagli studiAnni 30’-’50: dagli studi clinici alla psicologiaclinici alla psicologia sociale; l’empatia comesociale; l’empatia come condivisione affettivacondivisione affettiva (Rogers, 1959; 1975;(Rogers, 1959; 1975; Kohut 1959; 1984;Kohut 1959; 1984; Sullivan, 1953) e comeSullivan, 1953) e come imitazione motoriaimitazione motoria (Allport, 1937; Murphy,(Allport, 1937; Murphy, 1947).1947).
  6. 6. 6 La storia del termine nella letteratura psicologicaLa storia del termine nella letteratura psicologica  Anni ’60 -’70: la Psicologia dello sviluppo siAnni ’60 -’70: la Psicologia dello sviluppo si interessa all’argomento. Studio dei processiinteressa all’argomento. Studio dei processi che mediano l’adesione empatica;che mediano l’adesione empatica; elaborazione adeguati strumenti di misuraelaborazione adeguati strumenti di misura ↓↓ focusfocus sugli aspetti cognitivi dell’empatia.sugli aspetti cognitivi dell’empatia. Comparsa di termini “cognitivi” (Feshbach eComparsa di termini “cognitivi” (Feshbach e Roe, 1968; Borke, 1971; Feshbach, 1973).Roe, 1968; Borke, 1971; Feshbach, 1973).
  7. 7. 7 L’empatia tra cognizione e affettivitàL’empatia tra cognizione e affettività  Empatia emotivaEmpatia emotiva →→ empatiaempatia cognitivacognitiva →→ modelli multi-modelli multi- dimensionali (anni ’80)dimensionali (anni ’80)  Gli studi evolutivi hannoGli studi evolutivi hanno costituito un terreno fertilecostituito un terreno fertile per comprendere come siper comprendere come si manifestano diversi tipi dimanifestano diversi tipi di empatia e come siempatia e come si modificano i tipi dimodificano i tipi di mediazione cognitiva.mediazione cognitiva.
  8. 8. 8 I neuroni specchio e le basi neurofisiologicheI neuroni specchio e le basi neurofisiologiche dell’empatiadell’empatia  Il contributo delle neuroscienzeIl contributo delle neuroscienze  L’empatia non è una caratteristica solo umanaL’empatia non è una caratteristica solo umana  Gli studi sui primati e la comprensione delleGli studi sui primati e la comprensione delle azioniazioni  II neuroni specchioneuroni specchio ((mirror neurons systemmirror neurons system):): particolare classe di neuroni premotori, area F5 –particolare classe di neuroni premotori, area F5 – corteccia premotoria ventromediale.corteccia premotoria ventromediale.  E negli uomini? I neuroni specchio e laE negli uomini? I neuroni specchio e la comprensione delle azioni sociale e degli staticomprensione delle azioni sociale e degli stati emotiviemotivi
  9. 9. 9 Lo sviluppo dell’empatia: il modello di FeshbachLo sviluppo dell’empatia: il modello di Feshbach  FeshbachFeshbach (1968; 1975; 1984;(1968; 1975; 1984; 1987) elabora un modello1987) elabora un modello dell'empatiadell'empatia a 3 componentia 3 componenti.. In tale ottica essa è dunqueIn tale ottica essa è dunque un costrutto complesso, cheun costrutto complesso, che coniuga elementiconiuga elementi cognitivicognitivi eded affettiviaffettivi..  il riconoscimento e lail riconoscimento e la discriminazione deidiscriminazione dei sentimentisentimenti: la capacità di: la capacità di utilizzare informazioniutilizzare informazioni significative per etichettare esignificative per etichettare e identificare le emozioni.identificare le emozioni.
  10. 10. 10 Lo sviluppo dell’empatia: il modello di FeshbachLo sviluppo dell’empatia: il modello di Feshbach  l’assunzione della prospettiva e del ruolol’assunzione della prospettiva e del ruolo dell’altra personadell’altra persona: la capacità di comprendere che: la capacità di comprendere che le altre persone possono vedere e interpretare lele altre persone possono vedere e interpretare le situazioni in modo differente; la capacità disituazioni in modo differente; la capacità di assumere ed esperire il punto di vista di un altro.assumere ed esperire il punto di vista di un altro.  la capacità di rispondere emozionalmentela capacità di rispondere emozionalmente, cioé di, cioé di condividere lo stato d'animo di un'altra persona.condividere lo stato d'animo di un'altra persona.  Implicita in questo modello è la capacità diImplicita in questo modello è la capacità di differenziare il sé dall'altro. Le prime duedifferenziare il sé dall'altro. Le prime due componenti del processo empatico fanno dunquecomponenti del processo empatico fanno dunque riferimento ad abilità cognitive, mentre la 3riferimento ad abilità cognitive, mentre la 3aa ha unha un carattere prettamente affettivo/emozionale.carattere prettamente affettivo/emozionale.
  11. 11. 11  La capacita diLa capacita di role takingrole taking riveste un ruolo centrale: cosa è ilriveste un ruolo centrale: cosa è il R.T.?R.T.?  Costrutto multidimensionale: dimensione percettiva,Costrutto multidimensionale: dimensione percettiva, cognitiva ed emozionale (Krebs e Russel, 1981; Bonino ecognitiva ed emozionale (Krebs e Russel, 1981; Bonino e al., 1998).al., 1998). Dimensione comuneDimensione comune: andare al di là del proprio individuale: andare al di là del proprio individuale modo di percepire il mondo, per assumere un differentemodo di percepire il mondo, per assumere un differente punto di vista.punto di vista. DistintivitàDistintività: il contenuto specifico dei tentativi di assumere la: il contenuto specifico dei tentativi di assumere la prospettiva dell’altro.prospettiva dell’altro. La terza dimensione, “La terza dimensione, “l’abilità del soggetto di valutare lol’abilità del soggetto di valutare lo stato emotivo di un’altra persona e di risponderestato emotivo di un’altra persona e di rispondere affettivamente in modo appropriato alla situazione in cui siaffettivamente in modo appropriato alla situazione in cui si trova questa personatrova questa persona” (Emiliani e Carugati, 1985), coincide” (Emiliani e Carugati, 1985), coincide di fatto con l’empatia.di fatto con l’empatia. Lo sviluppo dell’empatia: il modello di FeshbachLo sviluppo dell’empatia: il modello di Feshbach
  12. 12. 12 Lo sviluppo dell’empatia: il modello di FeshbachLo sviluppo dell’empatia: il modello di Feshbach  L'empatia, in tale ottica, viene definita comeL'empatia, in tale ottica, viene definita come vicarious matchingvicarious matching di uno stato affettivodi uno stato affettivo provato da un altro.provato da un altro.  Secondo il quadro di riferimento piagetiano, laSecondo il quadro di riferimento piagetiano, la capacità di decentramento occorrerebbe colcapacità di decentramento occorrerebbe col passaggio allo stadio operatorio concreto.passaggio allo stadio operatorio concreto.  Pertanto, il bambino non sarebbe in grado diPertanto, il bambino non sarebbe in grado di avere manifestazioni empatiche prima dei 5/6avere manifestazioni empatiche prima dei 5/6 anni.anni. DUNQUE …DUNQUE …
  13. 13. 13 Lo sviluppo dell’empatia: il modello di FeshbachLo sviluppo dell’empatia: il modello di Feshbach  …… empatizzare richiede abilità cognitive complesse eempatizzare richiede abilità cognitive complesse e sofisticate che consentano al bambino di consideraresofisticate che consentano al bambino di considerare appropriatamente la prospettiva e il ruolo psicologicoappropriatamente la prospettiva e il ruolo psicologico dell'altro. Richiede la consapevolezza dell’atto.dell'altro. Richiede la consapevolezza dell’atto.  L'empatia come un processo "maturo“: sono consideratiL'empatia come un processo "maturo“: sono considerati precursori quelle manifestazioni empatiche che i bambiniprecursori quelle manifestazioni empatiche che i bambini mettono in atto a partire dal 1° anno di vita, e che fannomettono in atto a partire dal 1° anno di vita, e che fanno riferimento airiferimento ai social skillssocial skills, in particolare alla capacità di, in particolare alla capacità di decodificare gli stati emotivi negli altri e di rispondere indecodificare gli stati emotivi negli altri e di rispondere in maniera adeguata.maniera adeguata. I dati empirici confermano le ipotesi di Feshbach?I dati empirici confermano le ipotesi di Feshbach?
  14. 14. 14 Lo sviluppo dell’empatia: il modello di FeshbachLo sviluppo dell’empatia: il modello di Feshbach  La posizione di Feshbach è da molti ritenuta troppoLa posizione di Feshbach è da molti ritenuta troppo rigida:rigida: eccessiva rilevanza alle componenti cognitive. Altri autori,eccessiva rilevanza alle componenti cognitive. Altri autori, infatti, considerano come empatiche risposte piùinfatti, considerano come empatiche risposte più rudimentali che si verificano già a partire dal 2° anno dirudimentali che si verificano già a partire dal 2° anno di vita (Bischof Kolher, 1989; Draghi Lorenz, 1995;vita (Bischof Kolher, 1989; Draghi Lorenz, 1995; Hoffman, 2002; Parisi, 2004).Hoffman, 2002; Parisi, 2004).  Dal 2° anno si riscontra l'insorgere di una rudimentaleDal 2° anno si riscontra l'insorgere di una rudimentale consapevolezza degli stati interni propri e degli altri, checonsapevolezza degli stati interni propri e degli altri, che riflette una crescente percezione ed attenzione agli statiriflette una crescente percezione ed attenzione agli stati emotivi, cognitivi e volitivi che gli individui possonoemotivi, cognitivi e volitivi che gli individui possono provare. Vi è dunque un'implicita consapevolezza che unaprovare. Vi è dunque un'implicita consapevolezza che una propria condizione psicologica possa differire da quellapropria condizione psicologica possa differire da quella esperita da un altro (Thompson, Bretherton & Beeghly,esperita da un altro (Thompson, Bretherton & Beeghly, 1999; ZhanWaxler, 1987).1999; ZhanWaxler, 1987).
  15. 15. 15 Il modello multidimensionale di empatia di Feshbach (1968)Il modello multidimensionale di empatia di Feshbach (1968) Condivisione vicaria dell’emozione altrui Riconoscimento Espressioni facciali Role taking Perspective taking Dimensioni cognitive Dimensione affettiva Empatia (esatta concordanza affettiva)
  16. 16. 16 Lo sviluppo dell’empatia: il modello di HoffmanLo sviluppo dell’empatia: il modello di Hoffman  Anche il modello elaborato daAnche il modello elaborato da HoffmanHoffman (2001; 2000; 1987;(2001; 2000; 1987; 1982) è a 3 componenti:1982) è a 3 componenti: affettive, cognitiveaffettive, cognitive ee motivazionalimotivazionali.. Maggiore rilevanza e autonomia alla dimensione affettiva.Maggiore rilevanza e autonomia alla dimensione affettiva.  L’empatia come “L’empatia come “scintilla che fa scaturire lascintilla che fa scaturire la preoccupazione umana per gli altri, la colla che rendepreoccupazione umana per gli altri, la colla che rende possibile la vita socialepossibile la vita sociale”, e come “”, e come “risposta affettiva vicariarisposta affettiva vicaria più appropriata alla situazione in cui si trova l’altropiù appropriata alla situazione in cui si trova l’altro rispetto alla propriarispetto alla propria”.”.  Egli considera empatia alcuni comportamenti che siEgli considera empatia alcuni comportamenti che si manifestano già a partire dal 1° anno di vita, in età quindimanifestano già a partire dal 1° anno di vita, in età quindi molto precedente a quella postulata dalla Feshbach.molto precedente a quella postulata dalla Feshbach.
  17. 17. 17 Lo sviluppo dell’empatia: il modello di HoffmanLo sviluppo dell’empatia: il modello di Hoffman  Partendo dalle forme più primitive ed involontarie diPartendo dalle forme più primitive ed involontarie di comportamenti empatici riscontrabili nei neonati, ne delineacomportamenti empatici riscontrabili nei neonati, ne delinea le differenti tappe evolutive, specificando come, a differentile differenti tappe evolutive, specificando come, a differenti livelli di sviluppo, affetto e cognizione interagiscono tralivelli di sviluppo, affetto e cognizione interagiscono tra loro.loro.  Hoffman individua differenti percorsi o modalità attraversoHoffman individua differenti percorsi o modalità attraverso i quali si può attivare negli individui un attivazionei quali si può attivare negli individui un attivazione empatica (empatica (empathic affect arousalempathic affect arousal):): ►►Si va da modiSi va da modi automaticiautomatici ee non volontarinon volontari a modi mediati daa modi mediati da unun livello cognitivolivello cognitivo sempre piùsempre più sofisticatosofisticato ee consapevoleconsapevole..
  18. 18. 18 Lo sviluppo dell’empatia: il modello di HoffmanLo sviluppo dell’empatia: il modello di Hoffman  Per HoffmanPer Hoffman nonnon formano una stretta sequenza di stadi, nel senso cheformano una stretta sequenza di stadi, nel senso che i successivi modi si sovrappongono e sostituiscono ai modii successivi modi si sovrappongono e sostituiscono ai modi precedenti. Essi entrerebbero in funzione in differenti momenti delloprecedenti. Essi entrerebbero in funzione in differenti momenti dello sviluppo e continuerebbero ad operare nel corso della vita.sviluppo e continuerebbero ad operare nel corso della vita.  La maggior parte dei modi di attivazione emotiva per Hoffman sono ilLa maggior parte dei modi di attivazione emotiva per Hoffman sono il larga misura involontari e richiedono un basso intervento dei processilarga misura involontari e richiedono un basso intervento dei processi cognitivi.cognitivi. Modalità di attivazione affettiva automatiche e non volontarie:Modalità di attivazione affettiva automatiche e non volontarie: ►► reazione circolare primariareazione circolare primaria ►► Imitazione motoriaImitazione motoria ►► Condizionamento classico e associazione direttaCondizionamento classico e associazione diretta Modalità di attivazione affettiva di più alto livello:Modalità di attivazione affettiva di più alto livello: ►► Associazione mediata attraverso il linguaggioAssociazione mediata attraverso il linguaggio ►► Mettere se stessi al posto di un altroMettere se stessi al posto di un altro
  19. 19. 19 Lo sviluppo dell’empatia: il modello di HoffmanLo sviluppo dell’empatia: il modello di Hoffman Attraverso quali tappe la responsivitàAttraverso quali tappe la responsività empatica si sviluppa?empatica si sviluppa? ►► Dalle prime forme di empatia, nelle quali vi è unaDalle prime forme di empatia, nelle quali vi è una confusione nella differenziazione tra il sé e l'altro,confusione nella differenziazione tra il sé e l'altro, Hoffman (2001; 2000) postula un percorsoHoffman (2001; 2000) postula un percorso dell'empatia che vada di pari passo con lo sviluppodell'empatia che vada di pari passo con lo sviluppo di un più chiaro senso cognitivo dell'altro. È durantedi un più chiaro senso cognitivo dell'altro. È durante l’adolescenza che compaiono le forme più mature dil’adolescenza che compaiono le forme più mature di empatia.empatia.
  20. 20. 20 Lo sviluppo dell’empatia: il modello di HoffmanLo sviluppo dell’empatia: il modello di Hoffman  Distress empatico globaleDistress empatico globale:: caratterizza il primo anno dicaratterizza il primo anno di vita. Reazione primitiva evita. Reazione primitiva e involontaria.involontaria.  Alla sua base vi èAlla sua base vi è l’incapacità a percepire il sé el’incapacità a percepire il sé e l'altro come entità distintel'altro come entità distinte..  Vi è pertanto un'esperienza diVi è pertanto un'esperienza di fusione/confusione con l'altrofusione/confusione con l'altro tale che ciò che accadetale che ciò che accade all'altro, è percepito dall’all'altro, è percepito dall’ infante come se capitasse a séinfante come se capitasse a sé stesso.stesso.
  21. 21. 21 Distress empatico globale: il contagio emotivoDistress empatico globale: il contagio emotivo Lo sviluppo dell’empatia: il modello di HoffmanLo sviluppo dell’empatia: il modello di Hoffman
  22. 22. 22 Lo sviluppo dell’empatia: il modello di HoffmanLo sviluppo dell’empatia: il modello di Hoffman  Distress empatico egocentricoDistress empatico egocentrico:. il secondo livello di:. il secondo livello di risposte empatiche si consolida intorno al 1° anno di vita,risposte empatiche si consolida intorno al 1° anno di vita, quando il soggetto acquisiscequando il soggetto acquisisce la permanenza dell'oggettola permanenza dell'oggetto ee diventa in grado di percepire il sé e l'altro come due entitàdiventa in grado di percepire il sé e l'altro come due entità distinte e separate: tuttavia, inizialmente, non sempre è indistinte e separate: tuttavia, inizialmente, non sempre è in grado di comprendere e di distinguere chiaramente tra igrado di comprendere e di distinguere chiaramente tra i suoi stati interni e quello dell'altro. I bambini osservano esuoi stati interni e quello dell'altro. I bambini osservano e mimano le emozioni degli altri, talvolta sembranomimano le emozioni degli altri, talvolta sembrano intervenire ma solo per lenire il proprio disagio.intervenire ma solo per lenire il proprio disagio.  Distress empatico quasi-egocentricoDistress empatico quasi-egocentrico Tale capacità siTale capacità si consolida tra il 1° e il 2° anno. Diventa più chiara laconsolida tra il 1° e il 2° anno. Diventa più chiara la distinzione tra i propri stati interni e quelli dell'altro.distinzione tra i propri stati interni e quelli dell'altro. Spesso in questa fase si verificano dei tentativi "maldestri"Spesso in questa fase si verificano dei tentativi "maldestri" di consolare il prossimo, attraverso l'uso di oggettidi consolare il prossimo, attraverso l'uso di oggetti significativi per il bambino e non per gli altri.significativi per il bambino e non per gli altri.
  23. 23. 23 Lo sviluppo dell’empatia: il modello di HoffmanLo sviluppo dell’empatia: il modello di Hoffman  Vera empatia per i sentimenti/sensazioni degli altriVera empatia per i sentimenti/sensazioni degli altri:: con l'inizio della capacità dicon l'inizio della capacità di role takingrole taking, verso i, verso i 3-43-4 anni,anni, il bambino diventa sempre più consapevole che statiil bambino diventa sempre più consapevole che stati d'animo degli altri possono differire dai suoi e diventad'animo degli altri possono differire dai suoi e diventa in grado di comprenderli. Diventa quindi in grado diin grado di comprenderli. Diventa quindi in grado di essere più reattivo agli stimoli e agli indici emotivi,essere più reattivo agli stimoli e agli indici emotivi, facciali o situazionali.facciali o situazionali.  Lo sviluppo delle capacità e delleLo sviluppo delle capacità e delle competenze linguistichecompetenze linguistiche consente ai bambini di interagire più appropriatamente e diconsente ai bambini di interagire più appropriatamente e di interagire con i significati simbolici.interagire con i significati simbolici.  Con il consolidarsi delle capacità di decentramento, verso i 6Con il consolidarsi delle capacità di decentramento, verso i 6 anni, aumenta la capacità di rappresentarsi la prospettiva e ilanni, aumenta la capacità di rappresentarsi la prospettiva e il vissuto degli altri.vissuto degli altri.
  24. 24. 24 Lo sviluppo dell’empatia: il modello di HoffmanLo sviluppo dell’empatia: il modello di Hoffman  Empatia empatico oltre la situazione,Empatia empatico oltre la situazione, cioè empatia per le condizioni generali di vita di qualcun altro e per i gruppi sociali: l’adolescente, attraverso lo sviluppo dello sviluppo del pensiero formalepensiero formale e il consolidamento dell’e il consolidamento dell’identitàidentità, diventa, diventa cosciente della complessità delle interazioni, noncosciente della complessità delle interazioni, non focalizzando la sua attenzione solo sulle esperienze deglifocalizzando la sua attenzione solo sulle esperienze degli altri nel "qui ed ora" della situazione data, ma anche sullealtri nel "qui ed ora" della situazione data, ma anche sulle condizioni più generali della vita degli altri.condizioni più generali della vita degli altri.  Il modello di Hoffman è il più dettagliato sullo sviluppoIl modello di Hoffman è il più dettagliato sullo sviluppo delle abilità empatiche, anche se alcuni dati recenti, purdelle abilità empatiche, anche se alcuni dati recenti, pur non contraddicendone gli enunciati, richiedono unanon contraddicendone gli enunciati, richiedono una revisione delle spiegazioni (Dondi, 1999).revisione delle spiegazioni (Dondi, 1999).  Hoffman ha contestualizzato lo sviluppo delle condotteHoffman ha contestualizzato lo sviluppo delle condotte empatiche all’interno di una più ampia teoria sullaempatiche all’interno di una più ampia teoria sulla motivazione all’altruismo e sulmotivazione all’altruismo e sul pensiero moralepensiero morale..
  25. 25. 25 L’empatia nell’adolescenzaL’empatia nell’adolescenza  L’empatia si ritiene raggiunga il livello evolutivo piùL’empatia si ritiene raggiunga il livello evolutivo più elevato durante la tarda adolescenza (Hoffman, 1987).elevato durante la tarda adolescenza (Hoffman, 1987).  La ricerca ha dimostrato che l’empatia è una variabileLa ricerca ha dimostrato che l’empatia è una variabile importante per lo sviluppo della competenza socialeimportante per lo sviluppo della competenza sociale durante l’adolescenza.durante l’adolescenza.  Nei suoi aspetti cognitivi e affettivi l’empatia aiuta gliNei suoi aspetti cognitivi e affettivi l’empatia aiuta gli adolescenti a stabilire e mantenere le amicizie (Deladolescenti a stabilire e mantenere le amicizie (Del Barrio, Aluja, & Garcìa, 2004; Hay, 1994).Barrio, Aluja, & Garcìa, 2004; Hay, 1994).  L’empatia aumenta la soddisfazione nelle relazioni piùL’empatia aumenta la soddisfazione nelle relazioni più strette (Davis & Oathout, 1987), migliora la qualità deistrette (Davis & Oathout, 1987), migliora la qualità dei rapporti, della coesione, della comunicazione familiarerapporti, della coesione, della comunicazione familiare (Guerney, 1988) e del supporto da parte dei genitori(Guerney, 1988) e del supporto da parte dei genitori (Henry, Sager, & Plunkett, 1996).(Henry, Sager, & Plunkett, 1996).
  26. 26. 26 L’empatia nell’adolescenzaL’empatia nell’adolescenza  Uno stile genitoriale supportivo crea un clima emotivoUno stile genitoriale supportivo crea un clima emotivo che può facilitare lo sviluppo di empatia reciproca nelche può facilitare lo sviluppo di empatia reciproca nel contesto familiare (Garber, Robinson, & Valentiner,contesto familiare (Garber, Robinson, & Valentiner, 1997).1997).  Il rapporto coi pari rappresenta per l’adolescenteIl rapporto coi pari rappresenta per l’adolescente un’opportunità unica di sviluppare responsivitàun’opportunità unica di sviluppare responsività empatica (Eisenberg & Fabes, 1998)empatica (Eisenberg & Fabes, 1998)  L’empatia è positivamente associata con l’intelligenzaL’empatia è positivamente associata con l’intelligenza sociale e può aiutare a inibire e respingere le possibilisociale e può aiutare a inibire e respingere le possibili forme di aggressività in adolescenza (Gini, Albiero,forme di aggressività in adolescenza (Gini, Albiero, Benelli, Altoè, 2007; Bandura, 1999; Burke, 2001,Benelli, Altoè, 2007; Bandura, 1999; Burke, 2001, Feshbach, 1987; Jolliffe & Farrington, 2004; Miller &Feshbach, 1987; Jolliffe & Farrington, 2004; Miller & Eisenberg, 1988).Eisenberg, 1988).
  27. 27. 27 L’empatia nell’adolescenzaL’empatia nell’adolescenza ►► L’empatia come predittore dei comportamenti di bullismo e diL’empatia come predittore dei comportamenti di bullismo e di difensore nell’adolescnza :difensore nell’adolescnza : →→ Bassa empatia come predittore di comportamenti da bulloBassa empatia come predittore di comportamenti da bullo (Endresen & Olweus, 2001; Gini, Albiero, Benelli, & Altoè, 2007;(Endresen & Olweus, 2001; Gini, Albiero, Benelli, & Altoè, 2007; Jolliffe & Farrington, 2006b).Jolliffe & Farrington, 2006b). →→ Alta empatia come predittore di comportamenti diAlta empatia come predittore di comportamenti di difesa/assistenza per le vittime del bullismo (Gini et al., 2007), edifesa/assistenza per le vittime del bullismo (Gini et al., 2007), e più in generale del comportamento prosociale e di aiuto (Davis,più in generale del comportamento prosociale e di aiuto (Davis, 1994; Eisenberg, Fabes, & Spinrad, 2006; Eisenberg & Miller,1994; Eisenberg, Fabes, & Spinrad, 2006; Eisenberg & Miller, 1987a; Hoffman, 2000).1987a; Hoffman, 2000). ►► La mancanza di empatia, al contrario, implica:La mancanza di empatia, al contrario, implica: →→ l’incapacità di considerare il mondo dalla prospettiva deglil’incapacità di considerare il mondo dalla prospettiva degli altri, o di provare dispiacere per la sofferenza altrui (Davis, 1994)altri, o di provare dispiacere per la sofferenza altrui (Davis, 1994) →→ Predisposizione al pregiudizio (Albiero & Matricardi, 2005;Predisposizione al pregiudizio (Albiero & Matricardi, 2005; McFarland, 1998).McFarland, 1998).
  28. 28. 28 Il modello multidimensionale di empatia di Hoffman (2001)Il modello multidimensionale di empatia di Hoffman (2001) Distress empatico globale Distress empatico egocentrico Distress empatico quasi egocentrico Vera empatia per lo stato d’animo di un’altra persona Distress empatico oltre la situazione FORME DI EMPATIA DIMENSIONE AFFETTIVA • Associazione diretta mediata dal linguaggio • Role taking •Imitazione motoria • Condizionamento classico •Associazione non mediata dal linguaggio •Reazione circolare primaria PROCESSIPROCESSI COGNITIVICOGNITIVI
  29. 29. 29 Lo sviluppo dell’empatia: il modello di StrayerLo sviluppo dell’empatia: il modello di Strayer  PerPer StrayerStrayer (2002, 1996; 1993) l’empatia è sostanzialmente(2002, 1996; 1993) l’empatia è sostanzialmente una reazione affettiva, mediata da processi cognitivi, diuna reazione affettiva, mediata da processi cognitivi, di crescente complessità.crescente complessità.  L’andamento evolutivo può essere così schematizzato:L’andamento evolutivo può essere così schematizzato:  Sulla base di numerose ricerche attraverso colloqui conSulla base di numerose ricerche attraverso colloqui con bambini, Strayer ha individuato sei diversi livelli dibambini, Strayer ha individuato sei diversi livelli di spiegazione dell’esperienza empatica, che rivelano unaspiegazione dell’esperienza empatica, che rivelano una crescente capacità di rispondere agli stati emotivi dell’altro:crescente capacità di rispondere agli stati emotivi dell’altro: EMPATIAEMPATIA PROCESSIPROCESSI ________________________________________________________________________________________________________________________________________________ Per condivisione parallela:Per condivisione parallela: focalizzazione sull’evento esterno e minimafocalizzazione sull’evento esterno e minima focalizzazione sulla personafocalizzazione sulla persona Per condivisione partecipatoriaPer condivisione partecipatoria focalizzazione sul vissuto dell’altra personafocalizzazione sul vissuto dell’altra persona
  30. 30. 30 Lo sviluppo dell’empatia: il modello di StrayerLo sviluppo dell’empatia: il modello di Strayer  L.1. Non viene fornita alcuna ragione rilevante perL.1. Non viene fornita alcuna ragione rilevante per spiegare la propria condivisione empaticaspiegare la propria condivisione empatica  L.2. Si fa riferimento soltanto all’eventoL.2. Si fa riferimento soltanto all’evento  L.3. Il riferimento è alla persona stimolo in quantoL.3. Il riferimento è alla persona stimolo in quanto inserita in uno specifico contestoinserita in uno specifico contesto  L.4. Vi è associazione specifica con la propria esperienzaL.4. Vi è associazione specifica con la propria esperienza  L.5. Si fa riferimento all’esperienza della personaL.5. Si fa riferimento all’esperienza della persona stimolo e ai suoi sentimentistimolo e ai suoi sentimenti  L.6 Si fa riferimento al role taking, vale a dire essersiL.6 Si fa riferimento al role taking, vale a dire essersi messi nei panni dell’altro.messi nei panni dell’altro.
  31. 31. 31 Lo sviluppo dell’empatia: il modello di StrayerLo sviluppo dell’empatia: il modello di Strayer  Strayer (2002; 1996; 1993) individua un percorsoStrayer (2002; 1996; 1993) individua un percorso evolutivo attraverso cui:evolutivo attraverso cui:  dalla fanciullezza alla prima adolescenza vi è undalla fanciullezza alla prima adolescenza vi è un aumento dell’empatia in relazione all’aumento dellaaumento dell’empatia in relazione all’aumento della focalizzazione sull’esperienza interna delle personefocalizzazione sull’esperienza interna delle persone osservate.osservate.  Nei bambini di 5 anni prevale la rappresentazioneNei bambini di 5 anni prevale la rappresentazione dell’evento e della persona in quanto inserita in una certadell’evento e della persona in quanto inserita in una certa situazione (L. 2-3).situazione (L. 2-3).  Nei bambini di 7 anni cominciano a comparireNei bambini di 7 anni cominciano a comparire l’associazione con la propria esperienza e lal’associazione con la propria esperienza e la rappresentazione dell’esperienza dell’altro (L. 4-5).rappresentazione dell’esperienza dell’altro (L. 4-5).  Nei ragazzi di 13 anni prevalgono la rappresentazioneNei ragazzi di 13 anni prevalgono la rappresentazione dell’esperienza dell’altro e il role taking (L. 6-7).dell’esperienza dell’altro e il role taking (L. 6-7).
  32. 32. 32 persona redisposizione biologica ifferenze individuali ocializzazione situazione ilevanza della situazione milarità tra target/osservatore Non cognitivi Reazione circolare primaria Imitazione motoria Cognitivi semplici Condizionamento classico Associazione diretta Etichettamento Cognitivi avanzati Ass. mediata dal linguaggio Role taking Affettivi Parallela Reattiva preoccupazione empatica disagio personale rabbia Non affettivi Accuratezza interpersonale Giudizi attribuzionali Aiuto Comportamento Prosociale Aggressività ANTECEDENTI RISULTATI INTERPERSONALI RISULTATI INTRAPERSONALI PROCESSI Lo sviluppoLo sviluppo dell’empatia: ildell’empatia: il modello dimodello di Davis (1994)Davis (1994)
  33. 33. 33 I processi che mediano la risposta empatica (Davis, 1994 )I processi che mediano la risposta empatica (Davis, 1994 ) PROCESSI NON-COGNITIVI PROCESSI COGNITIVI AVANZATI PROCESSI COGNITIVI SEMPLICI • Reazione circolare primaria • Imitazione motoria * •Condizionamento classico* • Associazione diretta* • Etichettamento •Associazione diretta* mediata dal linguaggio • Role taking* Nota:Nota: I meccanismi di mediazione segnati con l’asterisco (*) sono presenti anche nel modello di Hoffman.I meccanismi di mediazione segnati con l’asterisco (*) sono presenti anche nel modello di Hoffman.
  34. 34. 34 Lo sviluppo dell’empatia nei primi 2 anni:Lo sviluppo dell’empatia nei primi 2 anni: il modello di Bischof- Kil modello di Bischof- Kööhler (1990)hler (1990) Definizione funzionale di empatia di Bischof-KDefinizione funzionale di empatia di Bischof-Kööhlerhler Tre tipi di meccanismi intraorganismici:Tre tipi di meccanismi intraorganismici: sviluppo cognitivosviluppo cognitivo oggettivazione del Sé e identificazione sincronicaoggettivazione del Sé e identificazione sincronica EmpatiaEmpatia Indotta daIndotta da Stimoli espressiviStimoli espressivi EmpatiaEmpatia Indotta daIndotta da Stimoli situazionaliStimoli situazionali Componente Sociocognitiva Componente motivazionale Componente affettiva
  35. 35. 35 Lo sviluppo dell’empatia:Lo sviluppo dell’empatia: il modello di Vreeke e Van der Markil modello di Vreeke e Van der Mark Empatia come risposta ad una specifica richiesta, collocabileEmpatia come risposta ad una specifica richiesta, collocabile all’interno di un particolare contesto di comunicazione eall’interno di un particolare contesto di comunicazione e dipendente da quattro fattori (Vreeke e Van der Mark, 2003):dipendente da quattro fattori (Vreeke e Van der Mark, 2003): 1)1) Fattori di personalitàFattori di personalità 2)2) Fattori relazionaliFattori relazionali 3)3) Doppio sistema di controllo: giudizi e regolazione delleDoppio sistema di controllo: giudizi e regolazione delle emozioniemozioni 4)4) Componenti psicologiche empatiche: contagio (piantoComponenti psicologiche empatiche: contagio (pianto reattivo e imitazione facciale) – emozionalità parallela –reattivo e imitazione facciale) – emozionalità parallela – emozionalità reattiva – abilità cognitive (role taling)emozionalità reattiva – abilità cognitive (role taling)
  36. 36. 36 Fattori diFattori di PersonalitàPersonalità FattoriFattori RelazionaliRelazionali ComponentiComponenti PsicologichePsicologiche dell’empatiadell’empatia ContestoContesto ComunicativoComunicativo Doppio SistemaDoppio Sistema di Controllodi Controllo Modello integrativo dell’empatia di Vreeke e Van Der Mark (2003)Modello integrativo dell’empatia di Vreeke e Van Der Mark (2003)
  37. 37. 37 In sintesi…In sintesi…  La complessità del costrutto empatia è evidente nel modoLa complessità del costrutto empatia è evidente nel modo in cui è stato studiato, sia come variabile teorica chein cui è stato studiato, sia come variabile teorica che operazionale.operazionale.  I modelli teorici più recenti, superata la storicaI modelli teorici più recenti, superata la storica contrapposizione tracontrapposizione tra affectaffect ee cognitioncognition, hanno tutti, hanno tutti carattere multidimensionale.carattere multidimensionale.  I modelli evolutivi analizzati non descrivono un’empatiaI modelli evolutivi analizzati non descrivono un’empatia “monolitica”, bensì diversi tipi di condivisione empatica,“monolitica”, bensì diversi tipi di condivisione empatica, che vengono attivati in relazione al diverso grado diche vengono attivati in relazione al diverso grado di distinzione sé/altro e ai differenti livelli di mediazionedistinzione sé/altro e ai differenti livelli di mediazione cognitiva.cognitiva.  I diversi tipi di empatia compaiono in momenti diversiI diversi tipi di empatia compaiono in momenti diversi dello sviluppo, possono tuttavia coesistere.dello sviluppo, possono tuttavia coesistere.
  38. 38. 38 L'empatia come variabile operativa:L'empatia come variabile operativa: problemi legati alla sua misurazioneproblemi legati alla sua misurazione  Difficoltà di misurazione: processo intimo, privato,Difficoltà di misurazione: processo intimo, privato, sfuggente, non direttamente osservabile.sfuggente, non direttamente osservabile.  Mancanza di un accordo nel definire l'empatia e iMancanza di un accordo nel definire l'empatia e i suoi confini.suoi confini.  Ne discende una difficoltà a trovare misureNe discende una difficoltà a trovare misure univoche e onnicomprensive per esplorare ilunivoche e onnicomprensive per esplorare il fenomeno e per dare ragione dei percorsi che ifenomeno e per dare ragione dei percorsi che i soggetti utilizzano per costruire una dimensionesoggetti utilizzano per costruire una dimensione empatica nel rapporto con gli altri.empatica nel rapporto con gli altri.
  39. 39. 39 Lo studio dell’empatia: quali misure?Lo studio dell’empatia: quali misure?  Gli strumenti utilizzati per la misurazione dell'empatiaGli strumenti utilizzati per la misurazione dell'empatia possono essere raggruppati in 3 principali “famiglie”:possono essere raggruppati in 3 principali “famiglie”: In ciascuna di queste 3 tipologie di compiti, l'empatia èIn ciascuna di queste 3 tipologie di compiti, l'empatia è differentemente operazionalizzata.differentemente operazionalizzata. Ciascuna definizione operativa presenta differenti vantaggi maCiascuna definizione operativa presenta differenti vantaggi ma presta inevitabilmente il fianco a critiche.presta inevitabilmente il fianco a critiche. 11 -- indici somaticiindici somatici: comportamenti in atto,: comportamenti in atto, espressioni faccialiespressioni facciali 2 -2 - indici psicofisiologici:indici psicofisiologici: cambiamenti nellecambiamenti nelle risposte del sistema nervoso autonomorisposte del sistema nervoso autonomo 3 -3 - indici che si basano sui resoconti verbaliindici che si basano sui resoconti verbali:: picture-story, interviste, questionari cartapicture-story, interviste, questionari carta e penna die penna di self-reportself-report
  40. 40. 40 La misura dell’empatia: gli indici somaticiLa misura dell’empatia: gli indici somatici  Gli studi osservativi si sono diffusi solo a partire dagli anni ‘90.Gli studi osservativi si sono diffusi solo a partire dagli anni ‘90. Sono basati sull'osservazione in condizioni che possono variareSono basati sull'osservazione in condizioni che possono variare da osservazioni in contesti naturali, semi-artificiali e dida osservazioni in contesti naturali, semi-artificiali e di laboratorio (Eisenberg e Fabes, 1991; Chisholm e Strayer, 1995;laboratorio (Eisenberg e Fabes, 1991; Chisholm e Strayer, 1995; Strayer e Roberts, 1998).Strayer e Roberts, 1998). Quali sono i vantaggi che comporta l’uso di tali indici?Quali sono i vantaggi che comporta l’uso di tali indici?  Hanno il vantaggio di essere non verbali, spontanei,Hanno il vantaggio di essere non verbali, spontanei, potenzialmente liberi dall'influenza giocata da alcunipotenzialmente liberi dall'influenza giocata da alcuni biasbias, come, come la desiderabilità sociale, problema tradizionalmente presentela desiderabilità sociale, problema tradizionalmente presente nell'empatia registrata verbalmente (Hoffman, 2002).nell'empatia registrata verbalmente (Hoffman, 2002). Empatia → indici somaticiindici somatici rilevazione di comportamenti, posture, vocalizzi, sguardi ed espressioni facciali.
  41. 41. 41 La misura dell’empatia: gli indici somaticiLa misura dell’empatia: gli indici somatici Quali sono gli svantaggi degli indici somatici?Quali sono gli svantaggi degli indici somatici?  Sebbene l'empatia è da molti considerata come una delleSebbene l'empatia è da molti considerata come una delle leve più importanti per attivare condotte di tipo prosocialeleve più importanti per attivare condotte di tipo prosociale (Eisenberg, 1982; Hoffman, 1990; 2002), il provare empatia(Eisenberg, 1982; Hoffman, 1990; 2002), il provare empatia in una data condizione, non necessariamente originain una data condizione, non necessariamente origina comportamenti prosociali.comportamenti prosociali.  Intervengono molte altre variabili legate al contestoIntervengono molte altre variabili legate al contesto specifico, alle caratteristiche di personalità del soggetto especifico, alle caratteristiche di personalità del soggetto e alla persona oggetto di empatia (Bonino, Lo Coco, Tani,alla persona oggetto di empatia (Bonino, Lo Coco, Tani, 1998).1998). Empatia → comportamento prosocialecomportamento prosociale, ma empatia ≠ comportamento prosociale
  42. 42. 42 La misura dell’empatia: gli indici somaticiLa misura dell’empatia: gli indici somatici  Il grado di accuratezza con cui esse sono congruenti/simili conIl grado di accuratezza con cui esse sono congruenti/simili con quelle richieste/provate dallo stimolo, è ritenuto prova dellaquelle richieste/provate dallo stimolo, è ritenuto prova della condivisione dello stato emotivo dell'altro e, pertanto di empatiacondivisione dello stato emotivo dell'altro e, pertanto di empatia (Bischof-Kohler, 1990; Draghi-Lorenz, 1995; Bruchkowsky, 1998)(Bischof-Kohler, 1990; Draghi-Lorenz, 1995; Bruchkowsky, 1998)  Questa modalità di rilevazione è correntemente ritenuta essereQuesta modalità di rilevazione è correntemente ritenuta essere quella più valida e promettente, perché permette di risponderequella più valida e promettente, perché permette di rispondere velocemente ai cambiamenti di affetto; dà inoltre informazionivelocemente ai cambiamenti di affetto; dà inoltre informazioni anche sull'intensità dell'esperienza emotiva (Strayer e Roberts,anche sull'intensità dell'esperienza emotiva (Strayer e Roberts, 1998; Hoffman, 2001).1998; Hoffman, 2001). Empatia → decodifica delle espressioni faccialidecodifica delle espressioni facciali messe in atto dal bambino
  43. 43. 43 Lo studio del contagio emotivo (Eisenberg e Strayer, 1987; Dondi, 1998)Lo studio del contagio emotivo (Eisenberg e Strayer, 1987; Dondi, 1998) La misura dell’empatia: gli indici somaticiLa misura dell’empatia: gli indici somatici
  44. 44. 44 Esempio di situazione sperimentale per la misura dell’empatia attraverso la rilevazione di indici facciali (tratto da Bruchkowsky, 1998).
  45. 45. 45 La misura dell’empatia: gli indici somaticiLa misura dell’empatia: gli indici somatici  Vi sono tuttavia alcuni limiti: sembra essere più valida perVi sono tuttavia alcuni limiti: sembra essere più valida per la 1la 1aa e, in parte, per la 2e, in parte, per la 2aa infanzia. L'espressione facciale èinfanzia. L'espressione facciale è una manifestazione pubblica e può essere controllata.una manifestazione pubblica e può essere controllata. Infatti…Infatti… ……. i bambini già nel secondo anno di vita entrano in. i bambini già nel secondo anno di vita entrano in contatto con lecontatto con le display roulesdisplay roules,, che governanoche governano l'accettazione e la manifestazione delle emozioni, el'accettazione e la manifestazione delle emozioni, e pertanto perdono progressivamente la spontaneità dellepertanto perdono progressivamente la spontaneità delle loro manifestazioni (Saarni, 1985; Strayer, 2002).loro manifestazioni (Saarni, 1985; Strayer, 2002).  La congruenza tra la condizione del personaggio-stimolo e le espressioni facciali del bambino può essere semplicemente di natura imitativa.
  46. 46. 46 La misura dell’empatia: gli indici psicofisiologiciLa misura dell’empatia: gli indici psicofisiologici  Presentano dei molteplici vantaggi. Sono potenzialmente liberi daPresentano dei molteplici vantaggi. Sono potenzialmente liberi da biasbias legati alla presentazione di sé e alla desiderabilità sociale.legati alla presentazione di sé e alla desiderabilità sociale.  In quanto soggetti a una misurazione continua, permettono diIn quanto soggetti a una misurazione continua, permettono di registrare i cambiamenti emotivi nel tempo, laddove indici verbaliregistrare i cambiamenti emotivi nel tempo, laddove indici verbali e, in una certa misura, anche gli facciali, sono utilizzati pere, in una certa misura, anche gli facciali, sono utilizzati per misurare l'empatia solo in certi momenti temporali precisi.misurare l'empatia solo in certi momenti temporali precisi.  Quali problemi pone l’utilizzo di tali indici?Quali problemi pone l’utilizzo di tali indici? Empatia → indici psicofisiologiciindici psicofisiologici Cambiamenti nelle risposte del sistema nervoso autonomo (ad es. sudorazione, vasocostrizione, battito cardiaco, temperatura e conduttanza della pelle, ecc.).
  47. 47. 47 La misura dell’empatia: gli indici psicofisiologiciLa misura dell’empatia: gli indici psicofisiologici  È complessa la loro interpretazione: non è possibileÈ complessa la loro interpretazione: non è possibile operazionalizzare l'empatia come una corrispondenza traoperazionalizzare l'empatia come una corrispondenza tra un pattern psicofisiologico previsto da una data emozioneun pattern psicofisiologico previsto da una data emozione e quello messo in atto dal soggetto. Infatti non è possibilee quello messo in atto dal soggetto. Infatti non è possibile distinguere chiaramente le differenze nei vari indicidistinguere chiaramente le differenze nei vari indici autonomici per le varie emozioni (Marcus, 1987).autonomici per le varie emozioni (Marcus, 1987).  È stata evidenziata una correlazione inversa tra emozioniÈ stata evidenziata una correlazione inversa tra emozioni espresse faccialmente e alcuni indici psicofisiologiciespresse faccialmente e alcuni indici psicofisiologici (Eisenberg e Fabers, 1998). Le indicazioni provenienti da(Eisenberg e Fabers, 1998). Le indicazioni provenienti da tali differenti modalità di rilevazione richiederebberotali differenti modalità di rilevazione richiederebbero pertanto di essere comunque confrontate.pertanto di essere comunque confrontate.
  48. 48. 48 La misura dell’empatia: gli indici psicofisiologiciLa misura dell’empatia: gli indici psicofisiologici  Difficoltà a controllare le possibili cause spurieDifficoltà a controllare le possibili cause spurie dell'affetto provato.dell'affetto provato.  Esso infatti può essere causato da fattori non legatiEsso infatti può essere causato da fattori non legati allaalla variabile indipendentevariabile indipendente manipolata (manipolata (lo statolo stato d'animo provato dal personaggio-stimolod'animo provato dal personaggio-stimolo) ma, ad) ma, ad esempio, da suoi eventuali movimenti, o grida, oesempio, da suoi eventuali movimenti, o grida, o ancora da altre variabili esterne alla situazione-ancora da altre variabili esterne alla situazione- stimolo usata nell'esperimento, come le condizionistimolo usata nell'esperimento, come le condizioni stesse dell'esperimento e le apparecchiature usate perstesse dell'esperimento e le apparecchiature usate per la rilevazione, l'umore del soggetto, la sua attenzionela rilevazione, l'umore del soggetto, la sua attenzione (Eisenberg e Fabers, 1998).(Eisenberg e Fabers, 1998).
  49. 49. 49 La misura dell’empatia: gli indici psicofisiologiciLa misura dell’empatia: gli indici psicofisiologici  Nelle ricerche che utilizzanoNelle ricerche che utilizzano tali modalità di rilevazione,tali modalità di rilevazione, inoltre, i soggetti sonoinoltre, i soggetti sono fortemente impediti neifortemente impediti nei movimenti.movimenti.  Necessario è anche l'utilizzoNecessario è anche l'utilizzo di un resoconto verbale perdi un resoconto verbale per verificare se le cause cheverificare se le cause che hanno originato le reazionihanno originato le reazioni autonomiche riflettono unaautonomiche riflettono una risposta empatica o sonorisposta empatica o sono dovute ad altro.dovute ad altro.
  50. 50. 50 La misura dell’empatia: i resoconti verbaliLa misura dell’empatia: i resoconti verbali  Lo studio di Feshbach e Roe (1968), oltre che avere ilLo studio di Feshbach e Roe (1968), oltre che avere il merito di riportare l'empatia all'attenzione della ricercamerito di riportare l'empatia all'attenzione della ricerca psicologica, elabora per la prima volta una misura inpsicologica, elabora per la prima volta una misura in forma di picture-story, ilforma di picture-story, il Feshbach Affective SituationFeshbach Affective Situation Test for EmpathyTest for Empathy ((FASTEFASTE), considerata un prototipo,), considerata un prototipo, per valutare l'empatia espressa verbalmente dai bambini.per valutare l'empatia espressa verbalmente dai bambini. Empatia → resoconti verbaliresoconti verbali si basa sul resoconto verbale che i soggetti fornisconosi basa sul resoconto verbale che i soggetti forniscono posti di fronte a situazioni stimoloposti di fronte a situazioni stimolo.. Gli stimoli possono essere vignette, diapositive, videotape (dettiGli stimoli possono essere vignette, diapositive, videotape (detti picture-storypicture-story),), oppure questionari carta e penna.oppure questionari carta e penna.
  51. 51. 51 La misura dell’empatia: i resoconti verbaliLa misura dell’empatia: i resoconti verbali FASTEFASTE: storie rappresentate in diapositive,: storie rappresentate in diapositive, scritte o in audiotape. Il protagonista è unscritte o in audiotape. Il protagonista è un bambino/a coinvolto/a in situazionibambino/a coinvolto/a in situazioni emotivamente rilevanti.emotivamente rilevanti.  Emozioni studiate: paura, felicità, tristezza,Emozioni studiate: paura, felicità, tristezza, rabbia.rabbia.
  52. 52. 52 La misura dell’empatia: i resoconti verbaliLa misura dell’empatia: i resoconti verbali Esempi di picture-story in vignetteEsempi di picture-story in vignette
  53. 53. 53 Esempi di picture-story in videotapeEsempi di picture-story in videotape La misura dell’empatia: i resoconti verbaliLa misura dell’empatia: i resoconti verbali
  54. 54. 54 La misura dell’empatia: i resoconti verbaliLa misura dell’empatia: i resoconti verbali  Al termine della storia al bambino è condotta un intervista, nella qualeAl termine della storia al bambino è condotta un intervista, nella quale gli vengono rivolte due domande:gli vengono rivolte due domande: ““Cosa proviCosa provi ?”?” (al soggetto è richiesto di verbalizzare se quello che capita al(al soggetto è richiesto di verbalizzare se quello che capita al protagonista della storia suscita in lui un' emozione ed eventualmenteprotagonista della storia suscita in lui un' emozione ed eventualmente di specificare quale)di specificare quale) ““Cosa prova il protagonista della storiaCosa prova il protagonista della storia ?”?” (al soggetto è richiesto di attribuire un emozione al protagonista della(al soggetto è richiesto di attribuire un emozione al protagonista della storia, tra quelle considerate nello studio)storia, tra quelle considerate nello studio)  L'empatia è operazionalizzata come la presenza diL'empatia è operazionalizzata come la presenza di affect matchaffect match, vale, vale a dire una concordanza tra l'emozione attribuita al protagonista ea dire una concordanza tra l'emozione attribuita al protagonista e l'emozione eventualmente provata dal bambino.l'emozione eventualmente provata dal bambino.
  55. 55. 55 La misura dell’empatia: i resoconti verbaliLa misura dell’empatia: i resoconti verbali  I vantaggi delle picture-storyI vantaggi delle picture-story: facile maneggevolezza e: facile maneggevolezza e applicabilità (ad es. in ambito scolastico); valutazioneapplicabilità (ad es. in ambito scolastico); valutazione esperienze e vissuti interni dei soggetti e analisi della loroesperienze e vissuti interni dei soggetti e analisi della loro conoscenza, valutazione, comprensione e consapevolezzaconoscenza, valutazione, comprensione e consapevolezza del fenomeno.del fenomeno.  Questa ricerca ha dato la stura ad un numero moltoQuesta ricerca ha dato la stura ad un numero molto consistente di studi che utilizzando misure simili, per oltreconsistente di studi che utilizzando misure simili, per oltre un decennio hanno costituito la quasi totalità della ricercaun decennio hanno costituito la quasi totalità della ricerca sull'empatia (Eisenberg-Berg e Lennon, 1980; Howard,sull'empatia (Eisenberg-Berg e Lennon, 1980; Howard, 1983; Iannotti, 1975; 1985; Liebhart, 1973; Miller, 1980).1983; Iannotti, 1975; 1985; Liebhart, 1973; Miller, 1980).  Tuttavia… all'inizio degli anni ’80 la misura dell'empatiaTuttavia… all'inizio degli anni ’80 la misura dell'empatia basata sull’impiego di picture-story ha cominciato ad esserebasata sull’impiego di picture-story ha cominciato ad essere messa in discussione, attraverso un’articolata serie dimessa in discussione, attraverso un’articolata serie di critiche (Hoffman, 1982)...critiche (Hoffman, 1982)...
  56. 56. 56 La misura dell’empatia: i resoconti verbaliLa misura dell’empatia: i resoconti verbali  1)1) gli stati emotivi non sono così facilmente manipolabili,gli stati emotivi non sono così facilmente manipolabili, nel senso che passare velocemente da storia a storia ponenel senso che passare velocemente da storia a storia pone dei problemi non trascurabili.dei problemi non trascurabili.  2)2) tali misure richiedono le capacità di sapere correttamentetali misure richiedono le capacità di sapere correttamente etichettare le varie categorie emotive: il rischio è quello dietichettare le varie categorie emotive: il rischio è quello di confondere competenze linguistiche con abilità empatiche.confondere competenze linguistiche con abilità empatiche.  3)3) non è detto che il bambino voglia, o riesca, a verbalizzarenon è detto che il bambino voglia, o riesca, a verbalizzare i suoi pensieri. In questo caso il problema si complica peri suoi pensieri. In questo caso il problema si complica per l'interferenza che può giocare la desiderabilità sociale.l'interferenza che può giocare la desiderabilità sociale.  4)4) alcuni stimoli emotivi possono essere rappresentativi dialcuni stimoli emotivi possono essere rappresentativi di più di un emozione, mentre una sola è quella designata epiù di un emozione, mentre una sola è quella designata e considerata "corretta".considerata "corretta".
  57. 57. 57 La misura dell’empatia: i resoconti verbaliLa misura dell’empatia: i resoconti verbali  5)5) gli stimoli emotivi possono non avere "valenza"gli stimoli emotivi possono non avere "valenza" sufficiente o risultare troppo artificiosi.sufficiente o risultare troppo artificiosi.  6)6) operazionalizzare l'empatia esclusivamenteoperazionalizzare l'empatia esclusivamente comecome affect matchaffect match è troppo riduttivo. Secondo taleè troppo riduttivo. Secondo tale prospettiva risposte simili, o coerenti, non possonoprospettiva risposte simili, o coerenti, non possono essere considerate e valutate come empatiche. Peressere considerate e valutate come empatiche. Per Hoffman (1982) tale operazionalizzazione tradisce,Hoffman (1982) tale operazionalizzazione tradisce, in termini di aspetti teorici, un'attenzionein termini di aspetti teorici, un'attenzione predominante alle componenti cognitive, apredominante alle componenti cognitive, a discapito di quelle affettive.discapito di quelle affettive.
  58. 58. 58 La misura dell’empatia: i resoconti verbaliLa misura dell’empatia: i resoconti verbali  Su alcuni di questi limiti è stato possibile intervenire,Su alcuni di questi limiti è stato possibile intervenire, lavorando, ad esempio, sul tipo di stimolo e sul tipo dilavorando, ad esempio, sul tipo di stimolo e sul tipo di intervista.intervista. Altri limiti sono difficilmente eliminabili perchéAltri limiti sono difficilmente eliminabili perché intrinseci all'utilizzo del resoconto verbale.intrinseci all'utilizzo del resoconto verbale.  Quest'ultimo però, è bene sottolineare, è l'unico modo cheQuest'ultimo però, è bene sottolineare, è l'unico modo che ci consente di studiare l'empatia in termini di esperienzaci consente di studiare l'empatia in termini di esperienza soggettiva del bambino, vale a dire la maniera in cui ilsoggettiva del bambino, vale a dire la maniera in cui il soggetto costruisce e vive un'esperienza empatica, che tiposoggetto costruisce e vive un'esperienza empatica, che tipo di ragionamenti e di attribuzioni caratterizzano le rispostedi ragionamenti e di attribuzioni caratterizzano le risposte del suo repertorio emozionale.del suo repertorio emozionale.  Tutto ciò ha portato, di recente, a cercare, all'interno di taliTutto ciò ha portato, di recente, a cercare, all'interno di tali tipi di misura, di operazionalizzare l'empatia in unatipi di misura, di operazionalizzare l'empatia in una maniera che rendesse maggior conto della complessità delmaniera che rendesse maggior conto della complessità del fenomeno in questione, elaborarando dei sistemi di scoringfenomeno in questione, elaborarando dei sistemi di scoring più articolati e meno riduttivi.più articolati e meno riduttivi.
  59. 59. 59 La misura dell’empatia: i resoconti verbaliLa misura dell’empatia: i resoconti verbali  Strayer (1997) ha introdotto un metodo di assegnazione deiStrayer (1997) ha introdotto un metodo di assegnazione dei punteggi, “punteggi, “L’Empathy Continuum Scoring System (ECSS)L’Empathy Continuum Scoring System (ECSS)”,”, considerato una procedura multidimensionale, che rileva siaconsiderato una procedura multidimensionale, che rileva sia la componente affettiva, sia quella cognitiva dei processila componente affettiva, sia quella cognitiva dei processi empatici.empatici.  Si basa sulla distinzione, ripresa da Stotland (1969), traSi basa sulla distinzione, ripresa da Stotland (1969), tra ""empatia genericaempatia generica" ed "" ed "empatia specificaempatia specifica":": Empatia genericaEmpatia generica:: vi è una congruenza generica tra le emozioni provatevi è una congruenza generica tra le emozioni provate dal soggetto e quelle attribuite al personaggio-stimolo.dal soggetto e quelle attribuite al personaggio-stimolo. Empatia specificaEmpatia specifica:: è la corrispondenza esatta tra le due emozioni. E' considerataè la corrispondenza esatta tra le due emozioni. E' considerata quindi come un manifestazione di empatia più accurata.quindi come un manifestazione di empatia più accurata.
  60. 60. 60 La misura dell’empatia: l’ECSSLa misura dell’empatia: l’ECSS  Il metodo ECSS è applicabile a quegli studi cheIl metodo ECSS è applicabile a quegli studi che utilizzano una procedura simile a Strayer:utilizzano una procedura simile a Strayer: A)A) Somministrazione di stimoli emotigeniSomministrazione di stimoli emotigeni (videotape)(videotape) B)B) IntervistaIntervista:: 1)1) Cosa prova il protagonista della storia?Cosa prova il protagonista della storia? 2)2) Quanto? (poco, abbastanza, molto)Quanto? (poco, abbastanza, molto) 3)3) Cosa provi tu?Cosa provi tu? 4)4) Quanto? (poco, abbastanza, molto)Quanto? (poco, abbastanza, molto) 5)5) Perché? Come fai a dirlo?Perché? Come fai a dirlo?
  61. 61. 61 La misura dell’empatia: l’ECSSLa misura dell’empatia: l’ECSS TABELLA 1 THE EMPATHY CONTINUUM: INTEGRATED EMOTIONAL-COGNITIVE SCORING SYSTEM DESCRIZIONE EC Cognitive Affect Score level Match Affect Matchf tra S e SP Emotional attribution 0 0 0 Nessuna emozione attribuita a SP non vi e' affect match ne' la sua attribuzione 1 1 0 Accurata emozione attribuita a SP 2 2 1 Emozione simile per S e SP 3 2 Uguale emozione, differente intensita' Non vi e' attribuzione o e' irrilevante : 4 3 Uguale emozione, uguale intensita' "Non mi piace", "Non lo so" 5 3 1 Emozione simile per S e SP 6 2 Uguale emozione, differente intensita' Solo eventi esterni della storia: "Fuori 7 3 Uguale emozione, uguale intensita' e' buio", "C'e' un uomo brutto" 8 4 1 9 2 come sopra in questa colonna Focus su SP: "Ho provato paura quando 10 3 l'uomo prende il bambino per il braccio. 11 5 1 12 2 come sopra Associazione all'esperienza dello SP o 13 3 trasposizione del se' nella storia: "Io avrei fatto come lui, se fosse successo a me" 14 6 1 15 2 come sopra Riferimento agli stati d'animo interni del SP: 16 3 " Mi sento triste nel vedere lui triste" 17 7 1 18 2 come sopra Esplicito role taking: "Se io fossi al suo posto, 19 3 sarei triste anch'io" S= il soggetto che risponde alle domande SP= il personaggio-stimolo protagonista delle storie
  62. 62. 62 La misura dell’empatia: i questionariLa misura dell’empatia: i questionari  Sono stati elaborati nel tempo numerosi questionari diSono stati elaborati nel tempo numerosi questionari di autovalutazione, ad esempio:autovalutazione, ad esempio:  ““Scala di empatia” (Hogan, 1969)Scala di empatia” (Hogan, 1969)  ““Questionario di misura dell’empatia emotiva” (Mehrabian e Epstein, 1972)Questionario di misura dell’empatia emotiva” (Mehrabian e Epstein, 1972)  ““Indice di empatia per bambini e adolescenti” (Bryant, 1982)Indice di empatia per bambini e adolescenti” (Bryant, 1982)  ““Cosa provo in differenti situazioni” (Feshbach, 1991)Cosa provo in differenti situazioni” (Feshbach, 1991) Cosa li accomuna ?Cosa li accomuna ?  Gli item descrivono degli scenari/eventi emotigeni rispetto ai qualiGli item descrivono degli scenari/eventi emotigeni rispetto ai quali viene ai soggetti chiesto di valutare le sensazioni che essiviene ai soggetti chiesto di valutare le sensazioni che essi provanoprovano.. LeLe risposte vengono graduate su una scala con diversi gradi di accordo.risposte vengono graduate su una scala con diversi gradi di accordo. Cosa li differenzia ?Cosa li differenzia ?  Sondano aspetti diversi del comportamento empatico, basandosi sugliSondano aspetti diversi del comportamento empatico, basandosi sugli assunti teorici del modello di riferimento dei diversi Autori.assunti teorici del modello di riferimento dei diversi Autori.
  63. 63. 63 Quali le differenze rispetto alle picture-story ?Quali le differenze rispetto alle picture-story ?  Rilevano un empatia disposizionale, dunque di “tratto” eRilevano un empatia disposizionale, dunque di “tratto” e non di “stato”.non di “stato”.  Più facile utilizzo e valutazione.Più facile utilizzo e valutazione.  Lo strumento attualmente più utilizzato in letteratura èLo strumento attualmente più utilizzato in letteratura è l’Interpersonal Reactions Indexl’Interpersonal Reactions Index (IRI) di Davis (1983;1994).(IRI) di Davis (1983;1994).  Il modello di Davis è “multidimensionale” e l’empatia èIl modello di Davis è “multidimensionale” e l’empatia è data dall’azione di 4data dall’azione di 4 fattorifattori:: FantasyFantasy Perspective takingPerspective taking Personal distressPersonal distress Empathic concernEmpathic concern  Il test è composto da 28 item, 7 per ogni sottoscala.Il test è composto da 28 item, 7 per ogni sottoscala. La misura dell’empatia: i questionariLa misura dell’empatia: i questionari ProcessiProcessi di attivazione empatica:di attivazione empatica: componenti cognitivecomponenti cognitive RisultatiRisultati dell’attivazione empatica:dell’attivazione empatica: componenti affettivecomponenti affettive
  64. 64. 64 La misura dell’empatia: i questionariLa misura dell’empatia: i questionari Mai Raramente Qualche volta Spesso SempreMai Raramente Qualche volta Spesso Sempre vera vera vera vera veravera vera vera vera vera 1 2 3 4 51 2 3 4 5  1 Sogno ad occhi aperti e fantastico, con una certa regolarità, sulle ______1 Sogno ad occhi aperti e fantastico, con una certa regolarità, sulle ______ cose che potrebbero accadermi.cose che potrebbero accadermi.  2 Provo spesso sentimenti di tenerezza e di preoccupazione per le ______2 Provo spesso sentimenti di tenerezza e di preoccupazione per le ______ persone meno fortunate di me.persone meno fortunate di me.  3 A volte trovo difficile vedere le cose dal punto di vista di un’altra ______3 A volte trovo difficile vedere le cose dal punto di vista di un’altra ______ persona.persona.  4 A volte non mi sento molto dispiaciuto per le altre persone che ______4 A volte non mi sento molto dispiaciuto per le altre persone che ______ hanno problemi.hanno problemi. Items di esempio tratti dall’IRI di DavisItems di esempio tratti dall’IRI di Davis
  65. 65. 65 La misura dell’empatia: i questionariLa misura dell’empatia: i questionari  La misura dell’empatia di stato o di tratto, sono laLa misura dell’empatia di stato o di tratto, sono la stessa cosa? Che tipo di informazioni diversestessa cosa? Che tipo di informazioni diverse danno?danno?  Quanto pesano i diversi “fattori” misurati daiQuanto pesano i diversi “fattori” misurati dai questionari? Concorrono in ugual maniera allaquestionari? Concorrono in ugual maniera alla definizione del costrutto?definizione del costrutto?  Difficoltà nell’adattare gli strumenti a contestiDifficoltà nell’adattare gli strumenti a contesti culturali diversi.culturali diversi.
  66. 66. 66 In conclusione …In conclusione …  La misura dell’empatia è particolarmente complessa perLa misura dell’empatia è particolarmente complessa per le caratteristiche “intime” del costrutto e per unale caratteristiche “intime” del costrutto e per una mancanza di accordo in letteratura circa i “confini” delmancanza di accordo in letteratura circa i “confini” del medesimo.medesimo.  È possibile utilizzare diversi metodi, ognuno dei qualiÈ possibile utilizzare diversi metodi, ognuno dei quali presenta numerosi e peculiari vantaggi, ma anchepresenta numerosi e peculiari vantaggi, ma anche svantaggi.svantaggi.  La scelta di un metodo è legata al modello teorico diLa scelta di un metodo è legata al modello teorico di riferimento e al tipo di studio che si vuole svolgere.riferimento e al tipo di studio che si vuole svolgere.  Gli strumenti più recenti cercano di rilevare le capacitàGli strumenti più recenti cercano di rilevare le capacità empatiche in un’ottica multidimensionale, sottolineandoempatiche in un’ottica multidimensionale, sottolineando l’importanza di confrontare i risultati che si ottengonol’importanza di confrontare i risultati che si ottengono dall’impiego contemporaneo di procedure di rilevazionedall’impiego contemporaneo di procedure di rilevazione diverse.diverse.

×