Mazzotti alternanza scuola lavoro

754 views

Published on

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
754
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
230
Actions
Shares
0
Downloads
18
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Mazzotti alternanza scuola lavoro

  1. 1. f.a.R.EFORMAZIONE IN AZIENDA PER UNA RIMOTIVAZIONE EDUCATIVAPROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO ITT MAZZOTTI TREVISO ITT. Mazzotti Treviso
  2. 2. Progetto finanziato dal M.I.U.R. - DIREZIONE GENERALE DEL VENETOPercorsi integrati di Alternanza Scuola–Lavoro [INVESTIAMO PER IL VOSTRO FUTURO] Programma Operativo Regionale 2012-2014 ASL Prot. n. 3764/C15.a ITT. Mazzotti Treviso
  3. 3. PREMESSA (dall’intervento dell’assessore Elena Donazzan presso la Giunta Regionale del Veneto in occasione della deliberazione n. 1954 del 22 novembre 2011 in materia di Alternanza Scuola Lavoro)Il “Piano di azione per l’occupabilità dei giovani attraverso l’integrazione tra apprendimento e lavoro ITALIA 2020” pone, tra le sei priorità per la piena occupabilità dei giovani, il rilancio dell’istruzione tecnico-professionale, avvicinando ulteriormente la Scuola all’Impresa. ITT. Mazzotti Treviso
  4. 4. CONTINUA …In un contesto di internazionalizzazionedell’economia e di competizione globale, l’insiemedelle competenze, delle capacità e dell’impegnorichiesti dalla prestazione lavorativa si ènotevolmente arricchito in termini di complessità, diconoscenze e di attitudini al cambiamento.Ne consegue che il rafforzamento della competitivitàdel sistema produttivo si fonda in larga misura sullaqualità delle risorse umane, vero capitaledell’impresa.
  5. 5. PER TANTO …Obiettivo prioritario dei percorsi, rivolti agli studenti delquarto e quinto anno degli Istituti di istruzionesecondaria di II grado e che si realizzeranno negli anniscolastici 2012-2013 e 2013-2014, è quello di rinforzarele sinergie tra Imprese e Istruzione e potenziare intermini operativi le competenze dei futuri lavoratori.
  6. 6. SINERGIE Il dialogo fra scuola e impresa accresce le competenze dell’una e dell’altra. La SCUOLA può: trasferire metodologie, logica e concettualizzazioni L’IMPRESA può: trasferire conoscenze, abilità ed esperienze sul campo che esaltano e rendono operativi gli apprendimenti teorici
  7. 7. IL PROGETTO DELL’ITT “MAZZOTTI”MotivazioneObiettivi formativiObiettivi interventi di stageDestinatariTipologie di interventoAttestato
  8. 8. MOTIVAZIONELe imprese, a prescindere dal titolo di studio conseguito, richiedono ai candidati all’assunzione una serie di competenze trasversali tra le quali spiccano:  Capacità di lavorare in gruppo  Autonomia I consigli di classe ed il collegio docenti auspicano un incremento delle occasioni di apprendimento attraverso l’utilizzo delle abilità personali e consolidamento delle competenze in contesti lavorativiAllievi e famiglie chiedono di favorire le esperienze formativein situazioni professionali.
  9. 9. OBIETTIVI FORMATIVI (1) Realizzare modalità di apprendimento flessibili che attivino gli apprendimenti formali nella formazione on the job Far emergere interessi, stili di apprendimento e propensioni individuali Creare un sistema stabile di collaborazione tra istituzioni scolastiche ed enti/imprese Correlare l’offerta formativa alle richieste ed allo sviluppo economico, sociale e culturale del territorio
  10. 10. OBIETTIVI FORMATIVI (2) Analizzare i poli turistici e descriverne caratteristiche e problematiche Essere in grado di cogliere i nessi fra turismo e attività produttive Cogliere le interdipendenze fra mercato turistico internazionale, nazionale e locale Utilizzare in modo coordinato i servizi offerti dal territorio Confrontare i sistemi linguistici e culturali diversi cogliendone elementi comuni e specificità Stabilire rapporti interpersonali, sostenendo una conversazione funzionale al contesto
  11. 11. OBIETTIVI INTERVENTI DI STAGE Comunicare in lingua straniera Interagire con persone di altre nazionalità avendo conoscenza e consapevolezza dei codici culturali di appartenenza e utilizzandoli nel modo più opportuno Essere in grado di documentarsi Essere in grado di progettare e promuovere iniziative Adattarsi con flessibilità e rapidità alle nuove situazioni Essere in grado di cogliere problemi ed aspettative dell’interlocutore e offrire possibili soluzioni Essere in grado di trattare con il pubblico, orientarne le scelte ed assistere gli utenti
  12. 12. DESTINATARI N. 27 STUDENTI CLASSI QUARTE (a.s. 2012-13) Indirizzo ITER Indirizzo autonomia marketingI medesimi studenti completeranno il progetto di Alternanza Scuola Lavoro in classe quinta nell’a.s. 2013-14
  13. 13. TIPOLOGIE DI INTERVENTOFASE 1 - classi quarte anno scolastico 2012-13 30 ore: attività d’aula finalizzate a mettere gli studenti incondizione di gestire situazioni relazionali e comunicative;collaborare nella gestione del front-office e back-office.72 ore: attività di hostess/steward in una struttura aeroportualeper sperimentarsi nell’accoglienza, assistenza, gestione dellaprenotazione e del check-in (anche con l’uso di software ad hoc)di passeggeri italiani e stranieri, nel rispetto delle procedure diqualità e di sicurezza.Inizio: 19 marzo 2013Conclusione: 15 giugno 2013
  14. 14. TIPOLOGIE DI INTERVENTOFASE 2 - classi quinte anno scolastico 2013-1420 ore: attività d’aula finalizzate alla realizzazione di un projectwork sulla corretta gestione di situazioni complesse tipiche delcontesto lavorativo in cui effettueranno l’esperienza72 ore: attività di hostess/steward in una struttura aeroportualeper sperimentarsi nell’accoglienza, assistenza, gestione dellaprenotazione e del ceck-in (anche con l’uso di software ad hoc)di passeggeri italiani e stranieri, nel rispetto delle procedure diqualità e di sicurezza.Inizio: 01 settembre 2013Conclusione: 22 dicembre 2013
  15. 15. IMPEGNO VANTAGGI RICHIESTO ACQUISITI Obbligo frequenza • Incremento delle (70% monte ore annuo) competenze trasversali Obbligo di registrazione • Contatto diretto con delle attività contesti lavorativi Contatto periodico con • Attestato di il tutor interno partecipazione • Valutazione dell’esperienza

×