Strategie di internazionalizzazione dei brand

1,105 views

Published on

Strategie di internazionalizzazione dei brand: primo Project Work, Master in Marketing Management

Obiettivo: Definire le strategie e gli strumenti attraverso cui un'azienda avvia un processo di internazionalizzazione del proprio brand, con particolare riferimento alle differenze socio-culturali presenti nei mercati internazionali. Un focus è stato infine posto sui trend di comportamento dei consumatori del lusso nel mercato cinese e sull'analisi del caso Salvatore Ferragamo.

A cura di Beatrice Baà, Chiara Sangiorgio, Roberta Novembre, Cristiana Basso.

Il progetto completo è disponibile su http://freeyourtalent.eu/gruppi/pw01-MKT-internazionalizzazione-del-brand

Published in: Marketing
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,105
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
16
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Strategie di internazionalizzazione dei brand

  1. 1. Beatrice Baà Cristiana Basso Roberta Novembre Chiara Sangiorgio
  2. 2. PASSAGGI FONDAMENTALI • Internazionalizzazione delle aziende • Internazionalizzazione del brand • Strategie per global brand di successo • Analisi del mercato cinese • il caso:
  3. 3. INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE AZIENDE In che modo può farlo? VANTAGGIO COMPETITIVO Perché un’impresa si internazionalizza? Quali sono le strategie operative internazionali?
  4. 4. Considerare le INFRASTRUTTURE del relativo paese nel piano di marketing per assicurare uniformità nella qualità del prodotto. STRATEGIE DI COSTRUZIONE DI UN GLOBAL BRAND Essere consapevoli delle SIMILITUDINI e delle DIFFERENZE nel panorama del global branding
  5. 5. ADVERTISING: culture HIGHT-CONTEXT e LOW CONTEXT BRAND PARTNERSHIP: joint venture, concessioni, franchising 3 MODALITA’ di entrata nel nuovo mercato
  6. 6. Alcune aziende riscontrano difficoltà nell’internazionalizzazione perché sopravvalutano le diversità nel comportamento dei consumatori. STRATEGIA DI PRODOTTO
  7. 7. Capire: • la percezione dei consumatori sul valore del brand • quale è la disponibilità del cliente a pagare • il margine di elasticità dei consumatori di fronte a cambiamenti di prezzo STRATEGIE DI PREZZO
  8. 8. FAR LEVA SUGLI ELEMENTI DEL BRAND Brand equity Elementi non verbali Elementi verbali
  9. 9. ERRORI DI INTERNATIONAL BRANDING
  10. 10. ANALISI DEL MERCATO CINESE 72% viaggi all’estero 40% acquisti on line 2012 1.020.000 individui 1,6 mln € dogana e fiscalità Fonte: Global Research of China Luxury, a KPMG study
  11. 11. • Emigra in America • «Shomaker of the star» • Apre nel 1927 il Calzaturificio Ferragamo&c. • Apertura primo negozio Salvatore Ferragamo
  12. 12. QUALE È LA FONTE DI ISPIRAZIONE DI UN ARTISTA? COME VIENE ELABORATA?
  13. 13. "IL VALORE DEL MADE IN ITALY" «Everything with the Ferragamo signature is produced in Italy, therefore, materials made in Italy, design made in italy and production made in Italy» • Successo in termini di immagine • Percezione di prodotti speciali ed unici • Qualità e accuratezza nei particolari
  14. 14. LA CONQUISTA DEL MERCATO CINESE 4% 37% 21% 13% 25% Ricavi Centro e sud America Asia Nord America Giappone Europa
  15. 15. Ricavi 29,2% 2008 31,3% 2009 Aperture 10 Negozi 20 Doors • 2010 781,6 mln • 2011 turnover in aumento • 2012 utile netto > di 12 mln 33,5% in più rispetto ai 9,1 mln dei primi del 2010
  16. 16. :UN BRAND IN CRESCITA • Primo semestre 2013 > 30% nelle vendite dei negozi diretti • Canale retail > dell'8% • Canali wholesale e travel retail >del 14% • Il migliore incremento nei ricavi è delle borse e accessori (+15%) • aumento del 5,5% in Borsa
  17. 17. Il massimo storico del titolo Ferragamo è concomitante alla riapertura a Hong Kong dello storico flagship store presso l’hotel Mandarin Oriental IL TOP BUSINESS FERRAGAMO

×