GIOVANI E LAVORO: Dall'università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

632 views

Published on

Presentazione di Luca Quaratino, referente del progetto di ricerca ISTUD su giovani e lavoro. Milano, 16 ottobre 2012

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
632
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
7
Actions
Shares
0
Downloads
6
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

GIOVANI E LAVORO: Dall'università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

  1. 1. GIOVANI E LAVORO Dalluniversità al mondo I giovani nelle aziende senza confiniLuca Quaratino, referente Progetto di Ricerca Assolombarda, Milano 16 ottobre 2012
  2. 2. Il focus dell’indagine 2012La ricerca ha avuto lobiettivo di esplorare:•gli orientamenti e le motivazioni dei giovani rispetto allamobilità lavorativa internazionale•le dinamiche e le criticità che le aziende sono chiamate agestire in relazione a questo processo•lesistenza del c.d. "paradosso della mobilità", ovvero delladivergenza tra orientamenti dichiarati e comportamenti agiti daparte dei giovani in merito al tema della mobilità internazionale
  3. 3. Le attività dell’indagine 2012La logica è stata quella di “triangolare” il punto di vista di:•studenti universitari•lavoratori (neoinseriti ed espatriati)•aziende (funzione Risorse Umane)Attività realizzate:•indagine estensiva su 835 studenti•focus group di approfondimento con 28 studenti•focus group con 104 giovani neoinseriti presso le aziende partner•indagine online con 27 espatriati•interviste a 10 manager responsabili dei processi di mobilitàinternazionale•workshop di ricerca-azione con le funzioni HR
  4. 4. Il punto di vista degli studenti
  5. 5. Cosa pensi di fare alla fine dellattuale percorso di studi?+8,4%
  6. 6. Pensando al tuo futuro e potendo scegliere, preferiresti…
  7. 7. Pensando al tuo futuro… alcune comparazioni38,5% 62,6% Senza esperienza di Con esperienza di soggiorno allestero soggiorno allestero
  8. 8. Pensando al tuo futuro… alcune comparazioni43,6% 51,6% Vivono in famiglia Non vivono in famiglia
  9. 9. Pensando al tuo futuro… alcune comparazioniStudenti Erasmus Con altre esperienze allestero
  10. 10. Fattori che influenzano la scelta di cercarelavoro allestero o in Italia
  11. 11. A quali condizioni saresti disposto alavorare allestero?
  12. 12. Cosa ti aspetti dallesperienza di lavoroallestero?
  13. 13. Qualità della vita: punti di vista a confronto
  14. 14. Lavorare allestero: quali significati per glistudenti?• Luogo di migliori opportunità professionali rispetto a quelle disponibili in Italia• Cultura lavorativa più orientata alla meritocrazia e meno condizionata dal valore dellanzianità• Non necessariamente una "fuga", ma unopportunità di crescita personale e professionale• Europa "vicina" percepita come destinazione "a basso rischio"• Asia culturalmente troppo distante (difficoltà di ambientamento)
  15. 15. Il punto di vista dei neoinseriti
  16. 16. Lavorare allestero: quali significati per ineoinseriti?Crescita personale: sfida, confronto con culture diverse, mettersi alla prova,verificare le proprie capacità di adattamento"Impari a cavartela in un paese che non è il tuo. In questo modo capiscirealmente quanto vali"Crescita professionale: carriera, retribuzione, sviluppo di nuovecompetenze, spendibilità del proprio profilo professionale"Un valore aggiunto sul CV che ti consente di accedere a più interessantiopportunità di lavoro, sia allinterno dellazienda, sia in altre aziende"Pedaggio inevitabile: ricerca di una nuova casa, aereo come mezzoabituale di trasporto"Vieni inviato in un posto diverso ogni 2 o 3 anni. Cè una netta differenza ditrattamento tra chi resta in Italia e chi accetta di trasferirsi"
  17. 17. Giovani e mobilità internazionale: temichiave• Significato dell’esperienza e chiarezza nella comunicazione• Logica della “porta aperta”• Concessione del lavoratore allazienda e non premio• Fase del proprio ciclo di vita
  18. 18. Lavorare allestero: perché SI’ e perché NO RAGIONI DEL SI’ RAGIONI DEL NO - Retribuzione - Distacco dai propri affetti - Crescita professionale - Attività non coerente con le proprie - Crescita personale esperienze e ambizioni RAGIONI - Opportunità nella sfida professionaliPRIORITARIE - Migliorare la conoscenza di una - Percezione di scarsa chiarezza da lingua straniera parte dellazienda - Allargare il mercato del lavoro - Differenze culturali eccessive - Ampliare il proprio network - Barriera linguistica professionale - Tipo di destinazione RAGIONI - Scongiurare il rischio diSECONDARIE “bruciarsi” professionalmente
  19. 19. Destinazioni più e meno appetibiliForte eterogeneità dei punti di vista … e solo qualche “regolarità”:•mete europee percepite come “familiari”, quasi non fosseronemmeno “estero”•un “NO” piuttosto deciso per destinazioni “pericolose” o dove lalibertà individuale è fortemente limitata, soprattutto per le donne"In un paese in cui, come donna, non potrei usufruire della pienaliberà individuale, avrei difficoltà non solo a vivere, ma anche alavorare perché potrei non risultare accettata da collaboratoriuomini del posto"
  20. 20. Mobilità internazionale: 4 profili tipici Alta-certa Previsione crescita econ. "FIRST CLASS" CONQUISTATORE TRAVELLER Prossimità culturaleBassa Alta Prossimità culturale Previsione crescita econ. TURISTA ESPLORATORE "FUORI PORTA" Bassa-incerta
  21. 21. Il "pacchetto" ideale 3 fattori "igienici"… … e 3 fattori “motivanti”• Chiarezza e trasparenza della • Formazione iniziale proposta da parte dellazienda (linguistica e culturale),• Possibilità di scegliere in viaggio esplorativo qualsiasi momento • “Dual career”• Retribuzione elevata (insieme di servizi e supporti • Supporto operativo e logistico monetizzabili) "in loco”
  22. 22. Il punto di vista degli espatriati
  23. 23. Lesperienza di chi è già allestero Punti di forza dellesperienza Criticità vissute• Acceleratore di carriera • Mantenere i rapporti esistenti• Crescita professionale complessiva • Instaurare nuove e profonde relazioni• Risposta a unesigenza di • Rischio di sentirsi come un "apolide" cambiamento • "Cosa accadrà al rientro in Italia?" Suggerimenti per le aziende Consigli ai giovani colleghi in Italia• "No formalità burocratiche, grazie!" • Imparare la lingua del posto• Favorire la socializzazione nel nuovo • Essere curiosi, di mentalità aperta e ambiente (tutor, buddy) flessibili• Intensificare le occasioni di • "Pensarci bene, può essere un punto di ricongiungimento con i propri cari non ritorno!"
  24. 24. Mobilità internazionale: quali implicazioni? • Centralità del sense-making/tempistica della proposta • Rispondere al bisogno di accompagnamento continuo Per le aziende • Rischi connessi alla gestione dei percorsi di carriera • Necessità di gestire la questione della “dual career” • Dare priorità già dal percorso universitario (o anche prima) alle esperienze allestero Per i giovani • Ponderare attentamente le proposte di espatrio rispetto al proprio progetto di vita • Favorire un cambiamento culturale rispetto al significato di Per leistituzioni "mobilità internazionale"

×