Successfully reported this slideshow.
Your SlideShare is downloading. ×

Brave New World: introduzione all'evento di Maria Rita Fiasco

Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Loading in …3
×

Check these out next

1 of 12 Ad

Brave New World: introduzione all'evento di Maria Rita Fiasco

Download to read offline

manager sono sotto pressione come mai prima, coinvolti nel loro lavoro quotidiano in sfide enormi: la globalizzazione, la costante tensione allo sviluppo personale, un business sempre più aggressivo H24 e 24/7, l’incertezza crescente nei processi decisionali. Il mondo sta cambiando alla velocità della luce. Siamo nell’era del digitale, della sharing economy e dell’Internet of things; della open innovation e dello smart working. Un vero “brave new world”, citando Shakespeare e Huxley. Le organizzazioni e le persone che si trovano a gestire questa complessità non possono permettersi di rimanere in attesa, ma devono riuscire ad anticipare il futuro e il mondo che sarà. E’ necessario un adeguamento nel mindset dei leader, e di conseguenza nelle skill manageriali e professionali, nei modelli di gestione. Così anche la management education dovrà dare una risposta forte, anche attraverso nuove modalità come i MOOC (Massive Open Online Courses), all’utilizzo di metodologie esperienziali e blended, applicando anche teorie innovative come quelle del connettivismo del Professor George Siemens, che studia l’apprendimento di individui e organizzazioni basandosi sul paradigma delle reti. Per avere un ruolo strategico – quasi disruptive – nell’accompagnamento e nella crescita delle persone in questa trasformazione profonda, e aiutare il business e il successo dell’impresa.

Quali sono dunque le competenze chiave per i nuovi e-Leader dell’era digitale e quali nuove forme prenderà la formazione manageriale? Sempre più i manager dovranno promuovere collaborazione e networking, incentivare l’innovazione collaborativa (co-innovation), sviluppare e consolidare la fiducia tra network e gruppi di lavoro, vivere l’apprendimento continuo. Il tutto mediato e filtrato dalle grandiose opportunità legate all’utilizzo delle nuove tecnologie, per diffondere e far crescere una vera e propria cultura dell’innovazione e del digitale in tutti i processi di lavoro e ambiti dell’organizzazione.

manager sono sotto pressione come mai prima, coinvolti nel loro lavoro quotidiano in sfide enormi: la globalizzazione, la costante tensione allo sviluppo personale, un business sempre più aggressivo H24 e 24/7, l’incertezza crescente nei processi decisionali. Il mondo sta cambiando alla velocità della luce. Siamo nell’era del digitale, della sharing economy e dell’Internet of things; della open innovation e dello smart working. Un vero “brave new world”, citando Shakespeare e Huxley. Le organizzazioni e le persone che si trovano a gestire questa complessità non possono permettersi di rimanere in attesa, ma devono riuscire ad anticipare il futuro e il mondo che sarà. E’ necessario un adeguamento nel mindset dei leader, e di conseguenza nelle skill manageriali e professionali, nei modelli di gestione. Così anche la management education dovrà dare una risposta forte, anche attraverso nuove modalità come i MOOC (Massive Open Online Courses), all’utilizzo di metodologie esperienziali e blended, applicando anche teorie innovative come quelle del connettivismo del Professor George Siemens, che studia l’apprendimento di individui e organizzazioni basandosi sul paradigma delle reti. Per avere un ruolo strategico – quasi disruptive – nell’accompagnamento e nella crescita delle persone in questa trasformazione profonda, e aiutare il business e il successo dell’impresa.

Quali sono dunque le competenze chiave per i nuovi e-Leader dell’era digitale e quali nuove forme prenderà la formazione manageriale? Sempre più i manager dovranno promuovere collaborazione e networking, incentivare l’innovazione collaborativa (co-innovation), sviluppare e consolidare la fiducia tra network e gruppi di lavoro, vivere l’apprendimento continuo. Il tutto mediato e filtrato dalle grandiose opportunità legate all’utilizzo delle nuove tecnologie, per diffondere e far crescere una vera e propria cultura dell’innovazione e del digitale in tutti i processi di lavoro e ambiti dell’organizzazione.

Advertisement
Advertisement

More Related Content

Similar to Brave New World: introduzione all'evento di Maria Rita Fiasco (20)

Advertisement

More from ISTUD Business School (20)

Recently uploaded (20)

Advertisement

Brave New World: introduzione all'evento di Maria Rita Fiasco

  1. 1. Maria Rita Fiasco - Executive Development Programme | www. istud.it
  2. 2. What’s Next - 3 novembre 2015 | Spazio Copernico Benvenuti!
  3. 3. What’s Next 3 novembre 2015 Spazio Copernico Brave New World Le competenze dei manager e il ruolo della Executive Education per liberare l’innovazione • « How beauteous mankind is! O brave new world that has such people in't! » • « Com'è bello il genere umano! Oh mirabile e ignoto mondo che possiedi abitanti così piacevoli! » The Tempest
  4. 4. What’s Next 3 novembre 2015 Spazio Copernico Fonte Cisco IoE 2014 Fedeli in Piazza San Pietro Il valore creato da Internet
  5. 5. Cavalcare il cambiamento, un cambiamento totale What’s Next 3 novembre 2015 Spazio CopernicoWhat’s Next 3 novembre 2015 Spazio Copernico
  6. 6. What’s Next 3 novembre 2015 Spazio CopernicoWhat’s Next 3 novembre 2015 Spazio Copernico • Il mondo atomico delle cose concrete e tangibili, che opera secondo le logiche della fisica classica, da sempre appannaggio dell’uomo • Il mondo digitale con regole proprie, dove molti parametri del contesto atomico hanno un senso relativo, per esempio il tempo e lo spazio, o sono privi di significato, quali il peso In questo dominio coesistono sia complementi di cose reali sia astrazioni e informazioni aventi una vita autonoma e indipendente M.Murtula, Cavalcare il Cambiamento
  7. 7. Nuovi fattori della produzione What’s Next 3 novembre 2015 Spazio CopernicoWhat’s Next 3 novembre 2015 Spazio Copernico Terra Capitale Digitale Lavoro
  8. 8. La sfida delle competenza chiave per i nuovi e-Leader e per l’Executive Education • Le organizzazioni e le persone devono riuscire a vivere il futuro, immaginare ora il mondo che sarà • I manager dovranno promuovere collaborazione e networking, incentivare l’innovazione collaborativa, sviluppare e consolidare la fiducia tra network e gruppi di lavoro, vivere l’apprendimento continuo • Diffondere e far crescere una vera e propria cultura dell’innovazione e del digitale. What’s Next 3 novembre 2015 Spazio CopernicoWhat’s Next 3 novembre 2015 Spazio Copernico
  9. 9. Ne parliamo con Simonetta Manzini - Ricercatore Senior Fondazione ISTUD – e-Leadership Strategic Skills: Call To Action Stefano Venturi - Amministratore Delegato Hewlett Packard Enterprise , Presidente Steering Committee Confindustria Digitale Cultura e Competenze Digitali – Industria 4.0, come sta cambiando la manifattura, il digitale nuovo fattore della produzione Bruno Lamborghini - Presidente AICA – KET: Key enabling technology skills. Nuovi saperi e nuove competenze digitali Marella Caramazza - Managing Director Fondazione ISTUD – Executive Education: What's Next, presente e futuro dell'Executive education nell'era digitale Esperti, Manager & Alumni ISTUD BUSINESS SCHOOL What’s Next 3 novembre 2015 Spazio CopernicoWhat’s Next 3 novembre 2015 Spazio Copernico
  10. 10. What’s Next 3 novembre 2015 Spazio CopernicoWhat’s Next 3 novembre 2015 Spazio Copernico
  11. 11. What’s Next 3 novembre 2015 Spazio CopernicoWhat’s Next 3 novembre 2015 Spazio Copernico Edizione #78 - 2015/2016 I modulo: 17-20 novembre 2015 II modulo: 26-29 gennaio 2016 III modulo: 1-4 marzo 2016 Edizione #79 - 2015/2016 I modulo: 10-13 maggio 2016 II modulo: 21-24 giugno 2016 III modulo: 20-23 settembre 2016
  12. 12. What’s Next 3 novembre 2015 Spazio CopernicoWhat’s Next 3 novembre 2015 Spazio Copernico Fondazione ISTUD Strada Nazionale del Sempione Oltrefiume, 25 28831 Baveno (VB) Tel. 0323 933 801 Fax 0323 933 805 email: info@istud.it

×