Corte dei conti consuntivo bilancio 2009 ato rifiuti

181 views

Published on

CONDIZIONI ECONOMICHE DEL COMUNE E GESTIONE DEL PATRIMONIO

Dagli elementi raccolti nel corso dell’accesso si ricava che il Comune di Isola delle Femmine versa in una situazione economico-finanziaria piuttosto difficile, in parte dovuta alla progressiva riduzione dei trasferimenti provenienti dallo Stato e dalla Regione Siciliana, che ha determinato il ricorso ad anticipazioni di cassa dalla banca che gestisce il servizio di tesoreria comunale, ed in parte dalla inefficienza di tutto il sistema di riscossione dei tributi che ha determinato, tra l’altro, anche il consolidarsi di un crescente indebitamento nei confronti della societa’ che gestisce il servizio di raccolta e trasferimento in discarica dei rifiuti solidi urbani per conto dell’ATO PA1 al quale il Comune appartiene.
Le criticita’ del funzionamento del servizio di riscossione dei tributi, inoltre, sono state ascritte - secondo ripetute e convinte dichiarazioni dei funzionari responsabili del Comune - all’esito negativo del rapporto gia’ instaurato con la societa’ TRIBUTI ITALIA s.p.a. - la cui condotta criminale ha avuto peraltro notazioni di rilievo nazionale

Tratto da Relazione allegata al decreto di Scioglimento del Consiglio Comunale di Isola delle Femmine Gazzetta Ufficiale 279 29 novembre 2012 da pag 55 a pagina 60
http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2012/11/relazione-prefettizia-dellacommissione.html

http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.it/2013/11/la-corte-dei-conti-la-relazione-di.html

Published in: News & Politics
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
181
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Corte dei conti consuntivo bilancio 2009 ato rifiuti

  1. 1. Procura Generale Corte dei Conti Sezione di Palermo Via Cordoba, 76 90100 Palermo Regione Sicilia Assessorato All’Industria Dipartimento Energia Via Ugo La Malfa 86/89 90146 Palermo Dottor Pier Carmelo Russo Regione Sicilia Assessorato della Famiglia, delle Politiche Sociali, e delle Autonomie Locali Dipartimento Autonomie Locali Via Trinacria 34-36 90100 Palermo Dott.sa Caterina Chinnici Il Movimento Politico Rinascita isolana, gruppo di minoranza in seno al Consiglio Comunale, al fine di individuare specifiche responsabilità connesse alla predisposizione e all’approvazione del Rendiconto di gestione 2009 del Comune di Isola delle Femmine, espone e chiede alle Autorità in indirizzo quanto segue. Premesso che: Il Comune di isola delle Femmine ha aderito nel 2005 alla società consortile a capitale pubblico denominata ATO PA 1, che gestisce la raccolta integrata dei rifiuti nel comprensorio: a fronte del servizio fornito dall’ente suddetto, l’Amministrazione Comunale è tenuta a versare i corrispettivi determinati dalle previsioni contrattuali – stabiliti, in base al Piano Industriale sottoscritto nel 2005 dai 12 enti consorziati, in 829.690,01 Euri annui – ed i maggiori oneri connessi ai costi di gestione.
  2. 2. Da quanto emerge dagli atti forniti dal Settore economico-finanziario del Comune (scheda contabile ATO 1 al 31.12.2009, All1), negli anni 2005-2006, a fronte di oneri contrattuali pari a 1.129.936,46 Euri, si sono registrati pagamenti per soli 252.539,71 Euri, con ciò determinandosi una vistosa esposizione debitoria dell’ente locale nei confronti della società consortile, che ha ritenuto opportuno avviare le procedure per il recupero dei credito. In data 7.04.2007 l’ATO PA1 ha proposto decreto ingiuntivo contro l’Amministrazione di Isola delle Femmine al fine di ottenere la somma suddetta, il Tribunale di Palermo ha emesso il relativo provvedimento il 24.04.2007 e, in data 4.05.2007, la Giunta Comunale di isola delle Femmine prima ha affermato che , per difficoltà di cassa, risultava in arretrato con i pagamenti dovuti a detta società consortile per complessivi 834.714,79 Euri , quindi, constatando di non poter far fronte in un’unica soluzione al predetto pagamento, deliberava di proporre alla Servizi Comunali Integrati R.S.U. s.p.a. – che cura la gestione della raccolta per l’ATO PA1 – di transigere sul credito in oggetto. La transazione di cui sopra non veniva onorata dal Comune di Isola delle Femmine, che – pur senza contestare alcuna fattura ed avvallando ogni iniziativa del Consiglio di Amministrazione della società consortile - , per le annualità 2007 e 2008, ometteva di versare all’ATO, rispettivamente, 101.292,52 euri e 621.011,33 euri. In data 12.02.2009 la Servizi Comunali Integrati R.S.U. S.p.a.a presentava un secondo ricorso per ingiunzione di pagamento nei confronti dell’Amministrazione del Comune di Isola delle Femmine, essendo la società ricorrente creditrice del complessivo importo di 1.936.508,70 euri per le causali indicate nelle fatture emesse dall’11.10.2006 all’ 8.09.2008 relativamente al servizio prestato. La Giunta Comunale di isola delle Femmine, vista l’ingiunzione di pagamento notificata il 5.03.2009, deliberava (D.G.C. n 32 del 3.4. 2009) di conferire procura all’avv. Saverio Lo Monaco per la Costituzione in giudizio, per proporre opposizione alla suddetta
  3. 3. ingiunzione. Solo dal febbraio 2009 l’Amministrazione iniziava quibdi a corrispondere quanto previsto dal contratto sottoscritto con l’ATO PA1. senza predisporre alcun piano di rientro dall’esposizione debitoria pregressa che – in forza di quanto evidenziato dal Comune di Isola delle Femmine – ammonta a 1.531.136,42 euri. Da quanto si evince dalla nota integrativa al bilancio (A ll. 2) della Servizi Comunali Integrati R.S.U. S.pa. del 31.12.2008, peraltro approvato dal voto favorevole dello stesso Sindaco di Isola delle Femmine (!), la situazione dell’ente locale suddetto è però ancor più critica. Il costo del servizio è progressivamente aumentato, sicché il debito indicato dall’Amministrazione Comunale è solo una frazione della reale morosità di Isola delle Femmine verso l’ATO PA1. La società consortile afferma – dato non contraddetto dai Comuni – di vantare crediti per 31.083.144 euri nei confronti dei “Comuni-clienti” e, in particolare, 3.700.702,93 euri a titolo di controprestazioni per i servizi effettuati e 173.751 euri per contributi di gestione (totale – verso il solo Comune di Isola delle Femmine). Malgrado le predette evidenze finanziarie, la Giunta non ha stanziato nel bilancio di previsione 2010 le somme necessarie ad assicurare l’ integrale copertura delel spese della gestione integrata dei rifiuti – come imposto dalla l.r. 19/2005, art 21, e 17 e ricordato dall’Assessore Chinnici con circolare impossibile n ogni 16 A/L -, con ciò prospettiva di rendendo rientro dalla di fatto situazione debitoria sopra descritta. In data 8.06.2010, lo scrivente gruppo consiliare ha informato la Regione Sicilia – Assessorato all’Industria e Assessorato Enti Locali – dei fatti sopra descritti, con propria nota che si allega alla presente (All.3). Non poteva infatti esser approvato il Bilancio di Previsione 2010, perché contenente dati non veritieri, in quanto non rispondenti al consuntivob 2008 dell’ATO PA1.
  4. 4. Ed incredibile è apparso che il Collegio dei Revisori dei Conti non abbia rilevato tale anomalia e abbia per conto espresso parere favorevole allo schema di bilancio, con ciò disattendendo le indicazioni giunte dalla Regione Sicilia e la normativa di cui alla l.r. n. 19/05. Considerato che: L’8.06.2010 il Responsabile del Settore economico-finaziario del Comune di Isola delle Femmine, Rag. Biagio Fontanetta, ha predisposto lo Schema di Rendiconto per l’Esercizio Finanziario 2009: lo stesso riporta, alla scheda n.18 della Gestione delle Spese, alla voce SERVIZOIO 5 – SMALTIMENTO RIFIUTI – INTERVENTO 3 – PRESTAZIONI DI SERVIZI, l’importo di euri 820.889,04 quale costo del servizio (assicurato dall’ATO PA 1 all’ente locale socio) di raccolta rifiuti solidi urbani ( All.4). Inoltre, il medesimo dirigente ha comunicato l’Elenco Residui Passivi – Anno 1992/2009 , ove è possibile rinvenire, con riferimento al SERVIZIO COMUNALE INTEGRATO ATO – SMALTIMENTO RIFIUTI (scheda 24), un ammontare complessivo di residui passivi pari a euri 1.734.902,11 cui aggiungere euri 339.339,34 relativi alla gestione competenza 2009 (All. 5). In ordine a tali atti, il Collegio dei revisori dei Conti del Comune di Isola delle Femmine, presieduto dal Dottor Francesco Billeci, con nota prot. 8407 del 14.06.2010, ha curato apposita relazione in cui prima ha evidenziato come “dopo mesi di richieste l’Ente non ha fornito di esibire le fatture passive dell’ATO così come più volte richiesto” (sic), poi è pervenuto comunque ad “esprimere parere favorevole al rendiconto dell’Esercizio Finanziario 2009” (All. 6). Evidenziato che: Questo gruppo consiliare, esaminati i dati contenuti nellom schema di rendiconto e richieste al Responsabile del Settore Tecnico-Urbanistico
  5. 5. del Comune di Isola delle Femmine le fatture passive emesse dall’ATO PA 1 nei confronti dell’ente locale in relazione ai servizi resi nel 2009, ha ottenuto copia dei documenti contabili de quibus e, precisamente: - Fattura n 55 del 03.06.2009 Euri 90.465,25 - Fattura n 56 del 03.06.2009 Euri 116.938,99 - Fattura n 63 del 03.06.2009 Euri 90.465,25 - Fattura n 75- 96- 97 del 14.07.2009 Euri 90.456,25 x 3 - Fattura n 127 e 139 del 19.08.2009 Euri 90.456,25 x 2 - Fattura n 156 del 23.09.2009 Euri 90.456,25 - Fattura n 181- 194- 207 del 07.12.2009 Euri 90.456,25 x 3 Per un importo complessivo di euri 1.111.957,74 Atteso che le fatture in questione risultano indirizzate al responsabile del Servizio di ragioneria del Comune di Isola delle Femmine; rilevato che le stesse non sono state oggetto di contestazione (o, in ogni caso, non è stata fornita alcuna prova documentale della contestazione); constatato che il Rendiconto 2009 indica quale costo del servizio di raccolta dei rifiuti un dato notevolmente inferiore (euri 820.000) a quanto fatturato dall’ATO PA1 (euri 1.120.000); valutato che nessun riferimento a tale maggiore importo è contenuto nell’elenco dei residui passivi; lo scrivente movimento politico ha richiesto chiarimenti al Rag. Fontanetta, il quale ha dichiarato con nota prot. 916 del 23.06.2010 (All.8): “in riferimento alle fatture dell’ATO si riferisce che – a seguito del contenzioso – il responsabile del servizio igiene non ha effettuato le liquidazioni delle fatture, pertanto quest’ufficio non è a conoscenza delle fatture emesse dall’ATO”. Eppure, pur ignorando l’esistenza dei documenti contabili suddetti, il dirigente – nel 2009 – ha provveduto ad emettere mandati di pagamento per oltre 400.000 euri in favore della società consortile!!! Invero dalla nota integrativa al bilancio ATO PA 1 al 31.12.2009 è possible evincere che “ con riferimento all’esercizio 2009, in accordo
  6. 6. a quanto disposto nel Verbale d ’Assemblea del 3 agosto 2009, la società ha fatturato gli importi in acconto per i servizi resi, in base agli importi gi’ fatturati nel corso del 2006’ ’. Per il Comune di Isola delle Femmine il costo del servizio 2009 è pertanto individuato in euri 1.349.880 Inoltre il contenzioso cui ha fatto riferimento il Rag Fontanetta va collegato all’opposizione al decreto ingiuntivo notificato dall-ATO PA 1 al Comune in data 05.03.2009, avente ad oggetto le fatture emesse dall-11.10.2006 all’8.09.2008 e pertanto assolutamente estranea ai fatti di gestione 2009. In data 28.06.2010 si è infine riunito il Consiglio Comunale di Isola delle Femmine per l’approvazione del Rendiconto di gestione 2009. Il Gruppo consiliare Rinascita Isolana ha presentato – nell’occasione – ai Revisori dei Conti le fatture sopra descritte e, atteso che il Collegio aveva evidenziato di non aver mai potuto visionare tali documenti contabili, ha chiesto al Dottor Billeci di esprimersi in ordine alla manifesta discrepanza tra quanto riportato nel Consuntivo 2009 e quanto fatturato dalla società consortile: un divario di euri 300.000 in grado di incidere sul rispetto del patto di stabilità e sulla determinazione dell’avanzo (o del disavanzo) di amministrazione del Comune di Isola delle Femmine per l’anno 2009. Il Presidente del Collegio dei Revisori, preso atto dell’esistenza delle fatture, ha evidenziato l’irrilevanza delle stesse ai fini della valutaione di attendibilità del Rendiconto 2009, confermando il parere favorevole già espresso. La maggioranza consiliare ha quindi provveduto ad approvare il documento contabile, col voto contrario dei consiglieri di opposizione. Vi è però che, con Circolare prot. N 1781/GAB, dell’8.06.2010, trasmessa via fax al Comune di Isola delle Femmine il 9.06.2010 e comunicata al Collegio dei revisori, l’Assessore all’industria – Dottor Russo – ha sottolineato come gli enti locali siano tenuti a garantire nel proprio bilancio l’integrale copertura dei costi del servizio di gestione integrata dei rifiuti (Circ Assessore Chinnici già citata) e ha evidenziato
  7. 7. che “i costi da coprire non sono soltanto quelli risultanti dal contratto di servizio, ma anche quelli generati dalla gestione che devono essere coperti dai Comuni interessati”, ricordando la giurisprudenza della Corte dei Conti (Sez Controllo Puglia del 15/2008) secondo la quale “ i risultati economici delle società a partecipazione pubblica non possono non aver ripercussioni sul bilancio dell’ente locale” ( All.10). Non va peraltro sottaciuto il fatto che la Corte dei Conti, Sezione di Controllo per la Regione Sicilia il 21.06.2010 , in relazione al Consuntivo 2008 dell’ente locale, ha comunicato al Presidente del Consiglio Comunale di isola delle Femmine e ai Revisori dei Conti la del. N. 112/2010 con cuoi sono stati accertati fattori di criticità tali da poter incidere sui futuri equilibri di bilancio e si è ravvisata la necessità di adottare misure correttive (All.11). Giova ricordare che tanto la Circolare dell’Assessore Russo quanto la deliberazione dei magistrati contabili, sono state trasmesse al Comune di Isola delle Femmine in data anteriore alla convocazione dell’adunanza consiliare del 28.06.2010, ma né l’Amministrazione, né il Presidente del Consiglio, né il Collegio dei Revisori, pur sollecitati a riguardo, hanno riferito in assemblea in ordine al contenuto degli atti predetti. Tutto quanto sopra premesso e considerato, lo scrivente gruppo consiliare chiede alle Autorità in indirizzo di attivare i propri poteri di indagine, al fine di rilevare le eventuali responsabilità connesse alla mancata indicazione – nel Rendiconto di gestione 2009 del Comune di isola delle Femmine – degli esatti importi relativi al costo del servizio di gestione integrata dei rifiuti conseguenze determinate dall’indicata omissione. Isola delle Femmine 5.07.2010 e alle
  8. 8. I Consiglieri Comunali Per ogni eventuale comunicazione Movimento Politico “Rinascita Isolana” Viale marino 12 90040 Isola delle Femmine Allegati: n.1 SCHEDA CONTABILE ATO PALERMO 1 AL 31.12.2009 n.2 NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO ATO PA 1 AL 31.12.2008 n.3 NOTA “RINASCITA ISOLANA” DELL’8.06.2010 n.4 RENDICONTO DI GESTIONE 2009 COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE SCHEDA 18 n.5 ELENCO RESIDUI PASSIVI 1992/2009 SCHEDA N. 24 n.6 RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL RENDICONTO DI GESTIONE 2009 DEL 14.06.2010 n.7 FATTURE ATO PA 1/COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE 2009 n.8 NOTA CONSUNTIVO 2009 – RESP SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO n.9 NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO ATO PA 1 AL 31.12.2009 n.10 COMUNICAZIONE ATO CIRCOLARE ASS. INDUSTRIA n.11 DEL. CORTE DEI CONTI SEZ CONTROLLO REGIONE SICILIA N 112/2010 A CURA DEL COMITATO CITTADINO ISOLA PULITA http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.it/

×