Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Presentazione 5A

264 views

Published on

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Presentazione 5A

  1. 1. Il giardino della nostra scuola Classe 5 A Scuola Primaria G. Morandi
  2. 2. Il cortile è un luogo destinato alla socialità, al gioco e all’apprendimento. Vorremmo rendere possibile la riqualificazione di questa area per tradurre i nostri bisogni, le esigenze e i desideri in obiettivi concreti, “lavorando non per sé , ma in funzione di tutti i bambini che in futuro potrebbero godere dei miglioramenti apportati” .
  3. 3. Fasi della progettazione: Osservazione, studio e rilevazione dell’esistente Individuazione delle criticità Proposte per un progetto di un cortile sicuro, gradevole e funzionale Misurazione, ricerca degli elementi da inserire sulla mappa Realizzazione di un plastico da presentare
  4. 4. Sono emerse caratteristiche positive, negative e richieste. Le caratteristiche positive rilevate dalla maggior parte della classe riguardano la presenza di due melograni, un nocciolo, vari alberi d’alto fusto e un piccolo orto.
  5. 5. Inoltre viene apprezzata la grandezza del cortile ed alcuni suoi angoli come ad esempio la rampa in cemento che porta al secondo laboratorio di creta e quella in metallo che accede alla nostra aula.
  6. 6. Le caratteristiche percepite come negative dalla maggior parte di noi sono invece la ghiaia e la mancanza d’erba che rendono estremamente polveroso il giardino.
  7. 7. Dopo queste rilevazioni abbiamo pensato a come poter migliorare il nostro spazio esterno per renderlo più sicuro, accogliente e gradevole. Sulla base di queste osservazioni abbiamo abbozzato alcune richieste. Per prima cosa bisognerebbe spianare il terreno per eliminare buche e dossi; e cercare un modo per risolvere il problema della polvere.
  8. 8. In passato nel campo è stata seminata l’erba che è cresciuta, ma che è subito scomparsa non appena i bambini hanno ricominciato a giocarci sopra.
  9. 9. Altrove il terreno è stato ricoperto di ghiaia. Ma anche questo tentativo è stato vano, perché la ghiaia pian piano diminuisce e la polvere riaffiora rendendo l’aria irrespirabile.
  10. 10. Molti hanno espresso il desiderio di avere alcuni spazi attrezzati per attività sportive ricreative; altri hanno parlato di aree dedicate all’ascolto di musica, al ballo, o di angoli diversi e più riservati.
  11. 11. Comune a tutti è la richiesta di avere più alberi, fiori e colori ovunque.
  12. 12. Qualcuno ha anche osservato che la recinzione sarebbe da modificare e da rendere più funzionale, duratura nel tempo e più gradevole alla vista.
  13. 13. Indagine nelle altre classi della scuola Divisi in gruppi andiamo nelle classi per capire cosa pensano gli altri bambini dell’area esterna.
  14. 14. Le caratteristiche positive sono sempre relative alla possibilità di avere questo spazio dove poter giocare e stare a contatto con animaletti, orto, alberi, arb usti e fiori.
  15. 15. Caratteristiche negative rilevate dalle classi sono: polvere, sassi, cemento e muretti, terreno sconnesso e radici riaffioranti, reti di recinzione troppo basse.
  16. 16. Anche gli altri bambini della scuola, come noi hanno espresso il desiderio di spazi variamente attrezzati per sport e giochi, di fontane per poter bere quando si è accaldati, di più colori e vivacità nel
  17. 17. Infine è stato proposto di mettere dei gazebo per poter lavorare e mangiare all’aperto.
  18. 18. Classe Cambiamenti 1B Vorrebbero uno spazio dedicato al disegno 2A Vorrebbero uno spazio dedicato alla musica 2B Vorrebbero uno spazio dedicato allo sport 3A Vorrebbero uno spazio di relax e no sassi 3B Vorrebbero non vedere mai più i sassi 4A Non vorrebbero più i sassi e vorrebbero l’erba 4B Vorrebbero spazi dedicati al ballo e non vorrebbero mai più la polvere e i sassi 1A Vorrebbero dei giochi ed erba 5B Spazi dedicati agli sport, musica, natura e niente più sassi e polvere
  19. 19. Esecuzione tecnica: Isabella De Gregorio, Cl. 5 B

×