Non cominciare a bere

1,388 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,388
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Non cominciare a bere

  1. 1. NON COMINCIARE A BERE!!! 1
  2. 2. Indice• Alcol e Scienza• I danni dell’ alcol• La malattia• Alcol e sport (nel sistema nervoso, nel sangue e nell’ organismo, e le normative vigenti)• Alcol e pubblicità• L’ alcol oggi 2
  3. 3. L’alcol o etanolo è un liquido incolore, molto volatile einfiammabile.La molecola dell’alcol è solubile in acqua e dopo pochiminuti viene assorbito, senza dover essere “digerito” ; cosìentra subito nel sangue che lo distribuisce in tutto l’organismo. La trasformazione dell’ etanolo avviene graziead alcuni enzimi presenti nello stomaco e nel fegato.Quest’ ultimo in un’ ora riesce a metabolizzare solo unapiccola quantità di alcol ciò significa che la parte dietanolo non metabolizzata continua a circolare nell’organismo. 3
  4. 4. Bere fa male? L’ alcol, se assunto ripetutamente e periodicamente, può trasformarsi in una vera e propria malattia. 4
  5. 5. Che cos’è l’alcolismo?Molte volte, si parla di alcolismo senza conoscerne il verosignificato. Pubblicità e abitudine al consumo, aiutano asostenere la cosiddetta "cultura" del bere… intanto sicominciano ad affrontare i problemi che lalcol crea alluomoe al nostro corpo. Il passaggio dal cosiddetto bere moderatoall’ alcolismo è molto delicato e soprattutto non pre-determinabile. 5
  6. 6. I danni dell’alcolIl consumo dell’alcol è un comportamento comuneche provoca gravi danni alla salute. L’alcol è unasostanza che è in grado di produrre a chi bevealterazioni dei processi psichici: si beve perrilassarsi, dimenticare, stare in allegria, ma si puòfinire ubriachi, in preda ad atti di violenza o didepressione. L’ alcol è una droga legale, anzi, ladroga di gran lunga più diffusa e consumata nellapopolazione, soprattutto da giovani. 6
  7. 7. Con la sua azione lalcol influenza negativamentela prestazione sportiva. L’ alcol, anche se ha unelevato valore energetico, non può essereconsiderato un nutriente. Infatti 1 grammo di alcol libera unelevata quantità di energia (7 kcal), quindi un alto contenuto calorico. Inoltre labuso di questa sostanza compromette lincremento della massa muscolare. 7
  8. 8. L‘ alcol diminuisce lefficienza, nelsangue, del trasporto del ferro, unminerale utile nei processi diproduzione dellATP e nell’ inviodellossigeno. 8
  9. 9. L ‘ alcol può provocare difficoltà nella contrazione muscolare, rallentamento dei riflessi, del tempo di reazione e dellecapacità coordinative. 9
  10. 10. …e la normativa? Per quanto riguarda l’ atleta e le strutture sportive la normative atte a tutelare lo sportivo è estremamente rilevante.E’ vietato l’ uso di sostanze alcoliche, droghe edoping in quasi tutte le nelle attività sportive. Infatti alcune discipline possono consentire l’utilizzo di questa bevanda ( il tiro con l’ arco, alpiattello, carabina) perché eliminano lo stato d’ ansia e il tremore alle mani , quindi una maggiore concentrazione e mira. 10
  11. 11. 11
  12. 12. La diffusione degli alcolici fra i giovani sipuò attribuire a molte cause. Fra questeassumono un’ incidenza assai rilevante imedia (pubblicità, giornali, televisione,ecc..) nei quali si mostra il consumo dialcol in modo spensierato, quasirilassante e quindi un’ idea totalmentediversa da quella che invece è la realtà. 12
  13. 13. I giovani vivono con il concetto che lebevande alcoliche possono essereelemento di forza e di sicurezza, renderli belli, simpatici e sicuri di se.La legge quadro n 125 del 2001 tutela soprattutto i minori alla visione di pubblicità o altro che possa influenzarli sul consumo di alcolici 13
  14. 14. L’ attualità di questo tema è veramente evidente. I giovanisono i più vulnerabili agli effetti fisici e psichici dell’ alcol e idati degli incidenti stradali ne sono la prova. Infatti si è riscontrato che 1 giovane su 4 tra i 16 e 25 anni muore a causa di questa effimera bevanda. Tra il 40 e il 60 % di tutte le morti accidentali sono attribuite all’ alcol. 14
  15. 15. 15

×