Didamat 2014

814 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
814
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
13
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Didamat 2014

  1. 1. V. KANDINSKY LABORATORIO DI DIDATTICA DELLA MATEMATICA Gruppo 2
  2. 2. MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL’INFANZIA DALLA TEORIA … ALLA PRATICA Se faccio, capisco!
  3. 3. LABORATORIO DI DIDATTICA DELLA MATEMATICA ARGOMENTI DELLA PRIMA GIORNATA 1. I RIFERIMENTI TEORICI 2. GLI OBIETTIVI DEL LABORATORIO 3. SE FACCIO, CAPISCO!
  4. 4. LABORATORIO DI DIDATTICA DELLA MATEMATICA 1. I RIFERIMENTI TEORICI
  5. 5. DALLA TEORIA… LE INDICAZIONI NAZIONALI DAL CAMPO D’ESPERIENZA “LA CONOSCENZA DEL MONDO” I bambini esplorano continuamente la realtà, e imparano a riflettere sulle proprie esperienze descrivendole, rappresentandole, riorganizzandole con diversi criteri, pongono così le basi per la successiva elaborazione di concetti scientifici e matematici. La curiosità e le domande sui fenomeni naturali, su se stessi e sugli organismi viventi su storie, fiabe e giochi tradizionali con riferimenti matematici, possono cominciare a trovare risposte guardando sempre meglio i fatti del mondo, cercando di capire come e quando succedono, intervenendo per cambiarli e sperimentando gli effetti dei cambiamenti. I bambini imparano a fare domande, a dare e a chiedere spiegazioni, a lasciarsi convincere dai i punti di vista degli altri, a non scoraggiarsi se le loro idee non risultano appropriate. Possono quindi avviarsi verso un percorso di conoscenza più strutturato, in cui esploreranno le potenzialità del linguaggio per esprimersi e l’uso di simboli per rappresentare significati.
  6. 6. OGGETTI, FENOMENI, VIVENTI I bambini elaborano la prima “organizzazione fisica” del mondo esterno attraverso attività concrete che portano la loro attenzione sui diversi aspetti della realtà. Osservando il proprio movimento e quello degli oggetti, ne colgono la durata e la velocità, imparano a organizzarli nello spazio e nel tempo e sviluppano una prima idea di contemporaneità. Toccando, smontando, costruendo e ricostruendo, affinando i propri gesti, i bambini individuano qualità e proprietà degli oggetti e dei materiali, ne immaginano la struttura e sanno assemblarli in varie costruzioni; riconoscono e danno un nome alle proprietà individuate, si accorgono delle loro eventuali trasformazioni. Cercano di capire come sono fatti e come funzionano macchine e meccanismi che fanno parte della loro esperienza, cercando di capire anche quello che non si vede direttamente.
  7. 7. NUMERO E SPAZIO La familiarità con i numeri può nascere a partire da quelli che si usano nella vita di ogni giorno; poi, ragionando sulle quantità e sulla numerosità, i bambini costruiscono le prime fondamentali competenze sul contare oggetti o eventi, accompagnandole con i gesti dell’indicare, del togliere e dell’aggiungere: si avviano così alla conoscenza del numero e alla struttura delle prime operazioni. Suddividono in parti i materiali e realizzano elementari attività di misura. Gradualmente, avviando i primi processi di astrazione, imparano a rappresentare con simboli semplici i risultati delle loro esperienze. Muovendosi nello spazio, i bambini scelgono ed eseguono i percorsi più idonei per raggiungere una meta scoprendo concetti geometrici come quelli di direzione e di angolo; sanno descrivere le forme di oggetti tridimensionali, riconoscendo le forme geometriche e individuandone le proprietà.
  8. 8. DALLA TEORIA… IL PENSIERO MATEMATICO E I BAMBINI • i bambini amano indagare e scoprire, e il processo della scoperta è per loro fonte di soddisfazioni • un bambino piccolo è capace di cavarsela in situazioni di problem solving • la matematica ha un linguaggio particolare che fornisce ai bambini un metodo ed un linguaggio • per aiutare un bambino a comprendere il linguaggio della matematica occorre usare il suo linguaggio, le sue esperienze, i suoi giochi, gli oggetti di uso quotidiano, le forme della natura
  9. 9. DALLA TEORIA… LA PROTOMATEMATICA Nella scuola dell’infanzia si dovrebbe parlare di PROTOMATEMATICA. Il termine significa letteralmente prima matematica e vuole sottolineare che le attività che si svolgono in questo tipo scuola sono le prime in ordine di tempo, ma non per questo sono le meno importanti. L’espressione protomatematica impedisce di pensare ad attività che anticipino la scuola primaria. Occorre far compiere esperienze che contribuiscano a sviluppare capacità di pensiero: in questo senso la protomatematica ha un suo senso e un suo spazio.
  10. 10. DALLA TEORIA… LA PROTOMATEMATICA E’ importante accostare i bambini alla matematica attraverso l’uso di esperienze concrete, di problem solving, di laboratori e spazi adibiti alla sperimentazione. La matematica deve essere matematica viva perché parla di oggetti, fatti, avvenimenti concreti nel tempo e nello spazio. La matematica è una componente essenziale della formazione della personalità, non è un insieme di regole da imparare a memoria, ma piuttosto un modo di pensare.
  11. 11. DALLA TEORIA… UNA MATEMATICA VIVA Per imparare a pensare occorre fare matematica viva. La matematica viva è una matematica bella che possono imparare anche i bambini se vivono una matematica che risveglia, fortifica il desiderio di ampliare le proprie conoscenze, di assumere su di sé il piacere della sfida, della ricerca di soluzioni, della voglia di mettersi in gioco. E’ importante far sperimentare ai bambini che la matematica può essere fantasia e creatività, che si può fare matematica e imparare cose interessanti anche giocando.
  12. 12. DALLA TEORIA… UNA MATEMATICA REALE Nella scuola non c’è vera matematica se le nozioni non ci portano però a determinate operazioni, quindi possiamo dire che nel corso della scuola dell’infanzia si incontrano: • problemi che introducono il bambino al simbolo (danza, canzone, ricetta, indicazioni); • problemi di logica (regole inventate, giochi in scatola); • problemi di classificazione (collezioni di oggetti, caratteristiche uguali/diverse, insiemi); • problemi di relazioni; • problemi di corrispondenza di termini ed oggetti; • problemi di strutturazione dello spazio (classe, scuola, giardino, strada di casa); • problemi di alternanza e ritmo; • problemi di strutturazione del tempo (il calendario, l’orologio).
  13. 13. DALLA TEORIA… IL GIOCO DELLA MATEMATICA La scuola dell’infanzia è un ambiente educativo di esperienze concrete e di apprendimenti riflessivi che integra le differenti forme del fare, del sentire, del pensare, dell’agire relazionale, dell’esprimere, del comunicare, del gustare il bello e del conferire senso. Richiede flessibilità ed adattabilità alle situazioni, adozione di interazioni sociali cooperative, giocosità ludica, volontà di partecipazione e di comunicazione significative, intraprendenza progettuale e operativa. L’esperienza, l’esplorazione e la ricerca diretta, assumono un ruolo di rilievo ma devono essere inserite in un contesto di apprendimento cooperativo e motivante.
  14. 14. DALLA TEORIA… …L’INTELLIGENZA MATEMATICA MATEMATICA REALE MATEMATICA INNATA SCIENZA COGNITIVA: METACOGNIZIONE INTELLIGENZA MATEMATICA DA 0 A 6 COSTRUTTIVISMO: SE FACCIO, CAPISCO COOPERATIVE LEARNING GIOCO DELLA MATEMATICA INFORMATICA DELLA MENTE
  15. 15. LABORATORIO DI DIDATTICA DELLA MATEMATICA 2. OBIETTIVI DEL LABORATORIO
  16. 16. DALLA TEORIA… OBIETTIVI DEL LABORATORIO • Sperimentare attivita’ di protomatematica • Utilizzare il computer come mezzo ludico • Sviluppare un approccio scientifico – sperimentale • Sviluppare fantasia e creativita’ • Collaborare con i propri compagni • Creare sapere condiviso
  17. 17. LABORATORIO DI DIDATTICA DELLA MATEMATICA 3. SE FACCIO, CAPISCO
  18. 18. DALLA TEORIA… …ALLA PRATICA! IL DIDALAB: come sconfiggere la paura del mostro matematico!
  19. 19. … ALLA PRATICA: IL DIDALAB! ATTIVITA’ DI LABORATORIO PRIMA GIORNATA - COME MI VEDO, COME MI VEDI - BUILD YOUR WILD SELF - MAPPE CONCETTUALI

×