Presentazione per

«La governance dei progetti agili:
esperienze a confronto»
Pascal Jansen – pascal.jansen@inspearit.com
...
Agenda
Due parole su inspearit
I benifici dell’agilità nel settore ICT

Riscontro dalla pratica
Conclusioni

2
Agenda
Due parole su inspearit
I benifici dell’agilità nel settore ICT

Riscontro dalla pratica
Conclusioni

3
Eccellenza nell’ingegneria di Sistema, del
Software e nell’erogazione Servizio dal 1989
170 consulenti
Francia, Paesi Bass...
“Aligning for Customer Value”

5
Agenda
Due parole su inspearit
I benifici dell’agilità nel settore ICT

Riscontro dalla pratica
Conclusioni

6
L’importanza del ciclo di vita incrementale

A

B

7
I benefici dell’agilità nel settore ICT
Business Value
Design to
Value: l’80%
del valore è
«good
enough»

Sviluppo
increme...
Agenda
Due parole su inspearit
I benifici dell’agilità nel settore ICT

Riscontro dalla pratica
Conclusioni

9
Un vero cambiamento di paradigma per il
project management
Approccio traditionale

Approcio agile

10
Penny game: un modo convincente per
simulare l'impatto potenziale

11
Cambiamenti sono tollerati fin quando
possibile: il valore per il cliente è centrale
Opzione #1
”Change for free” finché l...
Un ciclo di vita più agile riduce il debito tecnico:
incrementi più piccoli e più utili prima

Source: Standish Group Stud...
Le domande che ci si pone frequentemente
Applicabilità?
Sviluppo con ambienti distribuiti?
Sviluppo esternalizzato?
Svilup...
Gli ingredienti da non sottovalutare per
introdurre un tale approccio

User
Client
IT

Maint

Mgmt

Una gestione
più fluid...
L'importanza del commitment, della
presenza congiunta di chi decide e di chi fa
Workshop
e UAT
Business

Business

Busines...
Disciplina ed efficienza nella gestione
dello scope
Workshop

Product
owner
Business
Analyst

Business

Incontri regolari
...
L'importanza della gestione dell’impatto
organizzativa
Definire un meccanismo
di gestione della
transizione all’agile

Ste...
Uso del visual management

19
L’importanza delle nuove dinamiche
Pratiche

Benefici

Quando

Ruoli specifici (Product
Owner, Scrum Master, Team)

Proces...
Nuove pratiche per la gestione dei requisiti
User Stories
“As [role]

Product Backlog

I need to do [ action]
in order to ...
Nuovi indicatori per il monitoraggio
On Quality ?

Dashboard della
Software Factory

On Performance ?
 Velocity Chart

L...
Nuove pratiche per le WBS di progetto

Focus sul ciclo di vita

Sprint 1

Sprint 1

Sprint 1

Sprint 2

Sprint 2

Sprint 2...
La “vita” nello sprint
Stand-up Meeting (ogni giorno)

Planning

Meeting

Meeting

Product
Realisat
ion

Backlog

Grooming...
Non dimenticare l’adeguatezza degli ambienti
e degli strumenti di sviluppo e integrazione
Continuous Integration, Delivery...
Esempio di continuous inspection

26
Agenda
Due parole su inspearit
I benifici dell’agilità nel settore ICT

Riscontro dalla pratica
Conclusioni

27
Conclusioni
Dosare gli ingredienti agile in base alle esigenze del contesto
Usare il ROI come driver della trasformazione
...
29
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

La governance de iprogetti agili

305 views

Published on

La governance dei progetti agili

Published in: Business, Technology
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
305
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
16
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

La governance de iprogetti agili

  1. 1. Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen – pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013
  2. 2. Agenda Due parole su inspearit I benifici dell’agilità nel settore ICT Riscontro dalla pratica Conclusioni 2
  3. 3. Agenda Due parole su inspearit I benifici dell’agilità nel settore ICT Riscontro dalla pratica Conclusioni 3
  4. 4. Eccellenza nell’ingegneria di Sistema, del Software e nell’erogazione Servizio dal 1989 170 consulenti Francia, Paesi Bassi, Italia Singapore, Hong Kong, Shanghai Partner qualificati in UK, Spagna, Germania e USA 23% 23% 54% Media età: 42 anni Popolazione femminile: 17% 15% dei ricavi 80 corsi, in-house & iscrizioni open 1500 studenti all’anno 4 PHD/equivalente Master/equivalente Bachelor/equivalente
  5. 5. “Aligning for Customer Value” 5
  6. 6. Agenda Due parole su inspearit I benifici dell’agilità nel settore ICT Riscontro dalla pratica Conclusioni 6
  7. 7. L’importanza del ciclo di vita incrementale A B 7
  8. 8. I benefici dell’agilità nel settore ICT Business Value Design to Value: l’80% del valore è «good enough» Sviluppo incrementale « Feature Driven » Sviluppo tradizionale « Blackbox » 100 % 80 % Massimizzare il lavoro «non fatto» 60 % 40 % 20 % Tempo e costi risparmiati Time & Cost Lo sviluppo tradizionale misura l’avanzamento rispetto alla trasformazione successiva di documenti (da requisito in specifica in disegno): soltanto l’ultima trasformazione genera il prodotto software Adottare uno sviluppo incrementale «Feature Driven» permette di misurare l’avanzamento in prodotto software funzionante, con il vantaggio di potersi fermare prima della fine del progetto quando l’80% del valore è stato creato, massimizzando il lavoro «non fatto» 8
  9. 9. Agenda Due parole su inspearit I benifici dell’agilità nel settore ICT Riscontro dalla pratica Conclusioni 9
  10. 10. Un vero cambiamento di paradigma per il project management Approccio traditionale Approcio agile 10
  11. 11. Penny game: un modo convincente per simulare l'impatto potenziale 11
  12. 12. Cambiamenti sono tollerati fin quando possibile: il valore per il cliente è centrale Opzione #1 ”Change for free” finché lo scope complessivo rimane invariato Mi necessità subito! ROI Opzione #2 ”Early termination” Il cliente può concludere il progetto prima quando il ROI minimo è raggiungibile La priorità aumenta! Si può farne a meno! Fine del progetto! ROI cutoff Time 12
  13. 13. Un ciclo di vita più agile riduce il debito tecnico: incrementi più piccoli e più utili prima Source: Standish Group Study Reported at XP2002 Source: Vrije Universiteit prof. dr. Chris Verhoef 13
  14. 14. Le domande che ci si pone frequentemente Applicabilità? Sviluppo con ambienti distribuiti? Sviluppo esternalizzato? Sviluppo di componenti riusabili? Team di dimensioni elevate? Software safety-critical? Software complesso di dimensione elevata? Completezza? Esiste una metodologie? Degli best practice? Quali strumenti? Cosa succede con l’assicurazione qualità? E la gestione del change infrastrutturale? Una moda o una soluzione reale? 14
  15. 15. Gli ingredienti da non sottovalutare per introdurre un tale approccio User Client IT Maint Mgmt Una gestione più fluida del change Un vero commitment Una diversa strategia di sviluppo Una diversa dinamica del team PM Archi Client Oper L’agilità del business Uso del visual management Dev Test User Un’ architettura flessibile Ent. Archi Nuove pratiche di ingegneria Integ QA/QC Adeguati ambienti di sviluppo e di integrazione Una nuova cultura, un “mindset” 15 CM
  16. 16. L'importanza del commitment, della presenza congiunta di chi decide e di chi fa Workshop e UAT Business Business Business Business Business Product owner Il “product owner” è il collegamento tra utenti e team Business Business Analyst Analyst Dev. Dev. Team 1 Dev. Business Analyst Dev. Dev. Scrum di scrum Iniziare con un solo team Stabilire il gruppo di utenti chiave Dev. Business Analyst Dev. Dev. Attivare bene il ruolo del product owner è vitale Team 2 Aggiungere gradualmente 16 Successivi team
  17. 17. Disciplina ed efficienza nella gestione dello scope Workshop Product owner Business Analyst Business Incontri regolari Dev. Product owner Business Analyst Dalla visione Product box Product tree Story mapping Il backlog necessità di una prima revisione globale per omogenizzare la granularità Al backlog Il backlog è revisionato ogni settimana per mantenerlo allineato 17 alla visione Al backlog grooming
  18. 18. L'importanza della gestione dell’impatto organizzativa Definire un meccanismo di gestione della transizione all’agile Steering committee Interagire frequentemente con gli architetti Architects and committees Business Business Analyst Analyst Other not agile teams Definire meccanismi di sincronizzazione Business Change mngt Dev. Dev. Dev. Team 1 Environment teams Coinvolgere la gestione del cambiamento nelle demo Business Analyst Dev. Dev. Dev. Scrum di scrum Delivery teams Business Analyst Dev. repositories Dev. QA Team 2 Qualification Iniziare subito a deliverare 18 Gestire subito i rischi di AQ Maintenance
  19. 19. Uso del visual management 19
  20. 20. L’importanza delle nuove dinamiche Pratiche Benefici Quando Ruoli specifici (Product Owner, Scrum Master, Team) Processi di decision making più rapidi Aumento dell’autonomia e della delega Dall’inizio Sprint (iterazioni) brevi con relativi rituali Visibilità nel progresso, feedback loop immediato Dall’inizio Rilasci frequenti Visibilità nel progresso, feedback loop immediato Anticipare l’intercezione dei difetti Appena possibile Gestione dei Backlog Gestione delle priorità e del valore creato Flessibilità Dall’inizio Team Room, scrum board Aumento della comunicazione e della visibilità Dall’inizio Definizione del concetto di “Done” KPI Agile Visibilità sul progresso, sulla qualità Graduale adozione Build & Test: Anticipare l’intercezione dei difetti Graduale adozione Test Driven Development Continuous Inspection Continuous Integration Department / name 20
  21. 21. Nuove pratiche per la gestione dei requisiti User Stories “As [role] Product Backlog I need to do [ action] in order to [objective] SCRUM Team Stima in Story Points Story Mapping 21
  22. 22. Nuovi indicatori per il monitoraggio On Quality ? Dashboard della Software Factory On Performance ?  Velocity Chart La quantità di lavoro (in points) deliverato per iterazione La Velocity è utilizzato per fare il forecast di scope , tempi e budget On Scope ? Product Burn-Chart Quantità di features completati Cockpit Are we doing well ? On Budget ? Budget Burn-Chart Ore burnt + stima af finire 22 2 2
  23. 23. Nuove pratiche per le WBS di progetto Focus sul ciclo di vita Sprint 1 Sprint 1 Sprint 1 Sprint 2 Sprint 2 Sprint 2 Project Start Sprint N System Tests Final UAT Design -> Build -> Test SprintContinuous UAT 3 Sprint N Design -> Build -> Test Project Continuous UAT Sprint 3 Sprint N Start Design -> Build -> Test Project Continuous UAT Start Sprint 3 System End Development Release 1 Productio End Tests Development Final UAT Release 1 System Tests UAT End Final Development Release 1 Productio n End Test n Release 1 Production End Test Release 1 End Test Release 1 Release 1 Delivery 23 Release N Delivery Release 2 Delivery
  24. 24. La “vita” nello sprint Stand-up Meeting (ogni giorno) Planning Meeting Meeting Product Realisat ion Backlog Grooming What Product Realisat ion Demo Meeting Duration Retrosp ective Meeting When Scope Meeting Who Planning Stories decomposition in technical tasks 1 hour 1st day (Tuesday) Team, SM, PO Stand-up Tasks and stories progress 15 minutes Daily basis (before lunch) Team, SM, PO Backlog Grooming Epics are decomposed to smaller size, then estimated 2/4 hours 5th day (Monday) Team, SM, PO Demo Demonstration of what was developed. Feedback gathering 2 hours 10th day (Monday) Team, SM, PO Any other stakeholder Retrospective Reflections on how the process can be improved 2 hours 10th day (Monday) Team, SM, PO Scope Stories selection to be developed the next sprint 1 hour 10th day (Monday) Team, SM, PO 24
  25. 25. Non dimenticare l’adeguatezza degli ambienti e degli strumenti di sviluppo e integrazione Continuous Integration, Delivery, Test Automation Un « Broken Build » crea uno stato di emergenza 25
  26. 26. Esempio di continuous inspection 26
  27. 27. Agenda Due parole su inspearit I benifici dell’agilità nel settore ICT Riscontro dalla pratica Conclusioni 27
  28. 28. Conclusioni Dosare gli ingredienti agile in base alle esigenze del contesto Usare il ROI come driver della trasformazione Feedback loop continui in base ai risultati No «one-size-fits all» Supporto continuo e comunicazione: coach, coach, coach… 28
  29. 29. 29

×