Sviluppo Turistico della Valle Olona

Esame di: “TURISMO, PATRIMONIO
ECOLOGICO E SVILUPPO LOCALE”
Máster Ordenación y Gest...
INDICE:

1. Ambito e risorse turistiche della Valle Olona
a. Patrimonio culturale
b. Patrimonio industriale
c. Patrimonio ...
“Il mercato del cicloturismo in Europa centro-meridionale è stimato
intorno a € ~2 miliardi, di cui il 20% in Italia; si t...
1. Ambito e risorse turistiche della Valle Olona
I 14 comuni dell’ambito Valle Olona si relazionano intensamente con la st...
e testimoniato dalla mappa itineraria di Carlo Borromeo del 1538. Nell’immagine il
fiume Olona è disegnato come una linea ...
di risorse idriche. La valle del fiume Olona è riconosciuta dalla letteratura come una
delle zone incubatrici del processo...
molto più integrata rispetto a quando l’unica fonte di vita del territorio era
l’agricoltura (Corna Pellegrini, 1969).
I c...
Come si è suggerito nei paragrafi anteriori, la presenza di molta superficie boschiva e la
scarsa fertilità del terreno, f...
impiegati nella sanità il 3,25%, nell’istruzione lo 0,15% nell’hotelleria e ristorazione
solamente il 2,60%.

Fonte: Elabo...
Il Patrimonio Culturale
Indubbiamente il più importante patrimonio culturale del territorio preso in
considerazione è il p...
Patrimonio Industriale
Se il patrimonio culturale della Valle Olona è abbastanza ricco, il patrimonio industriale
in quest...
Patrimonio Naturale
Nonostante il grande impatto che ha avuto lo sviluppo industriale sul territorio della
Valle Olona, qu...
2. Il prodotto turistico
La “Ciclopedonale della Valle Olona”
Dal 2010 si è conclusa la “Pista Ciclopedonale della Valle O...
I monumenti
Il parco archeologico di Castelseprio-Torba sicuramente è il patrimonio più conosciuto
della Valle Olona. Qui ...
Trasporti
Nella Valle Olona, anche senza arrivare ad avere espressioni di congestionamento del
traffico come occorre nell’...
La presenza dell’Aeroporto di Malpensa a 20-25 km di distanza dall’ambito, fa si che
questa zona sia ottimamente connessa ...
Fonte: Elaborazione propria
3. La domanda turistica potenziale
Nonostante la presenza sul territorio di un alto livello, sia qualitativamente sia
quan...
4. La diffusione della Valle Olona come destino turistico
Come si è già commentato, il limite principale dell’ambito di st...
Ambito

Visione

Segmento di

Missione

Mercato

Target

Concorrenza

Risanamento
dell’ambiente

Impiegare i vari

natural...
5. La preparazione del destino turistico
“Per cicloturismo, o turismo in bicicletta, intendiamo viaggi itineranti o gite
g...
Oltre ad iniziare con la diffusione della nuova immagine della Valle Olona e a
perfezionare la già buona connessione dell’...
La pista ciclopedonale della Valle Olona deve continuare a mantenere le ottime
condizioni e la buona segnaletica descritta...
Azioni
generali

Azioni concrete
Mantenimento generale della qualità
ambientale.
Protezione, pulizia e sistemazione dei
pa...
collegamento con la Pista Ciclabile

Privati, Fondazione Cariplo,

VENTO (Venezia-Torino)

Ecomuseo e altre associazioni.
...
Incorporazione nel progetto di
svilupppo turistico di tutti gli attori
locali, comprese le associazioni.

Comuni della Val...
6. Bibliografía
•

Cillo, G., Il cicloturismo: strumento di marketing territoriale nel distretto
sportivo d'eccellenza per...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Sviluppo turistico della valle olona

1,185 views

Published on

Un ottimo lavoro capace di dimostrare il potenziale della Valle Olona. Grazie ad Alberto Pala

Published in: Travel, Sports
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,185
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
394
Actions
Shares
0
Downloads
12
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Sviluppo turistico della valle olona

  1. 1. Sviluppo Turistico della Valle Olona Esame di: “TURISMO, PATRIMONIO ECOLOGICO E SVILUPPO LOCALE” Máster Ordenación y Gestión del Desarrollo Territorial y Local [ 2012 / 2013 ] Professori: Alfonso Fernández Tabales Enrique Santos Pavón Autore: Alberto Pala
  2. 2. INDICE: 1. Ambito e risorse turistiche della Valle Olona a. Patrimonio culturale b. Patrimonio industriale c. Patrimonio naturale 2. Il prodotto turistico a. La “Ciclopedonale della Valle Olona” b. I monumenti c. Alloggio e Ristorazione d. Trasporti e. Castellanza: porta d’entrata della Valle Olona 3. La domanda turistica potenziale 4. La diffusione della Valle Olona come destino turistico 5. La preparazione del destino turistico 6. Bibliografia
  3. 3. “Il mercato del cicloturismo in Europa centro-meridionale è stimato intorno a € ~2 miliardi, di cui il 20% in Italia; si tratta dunque di un’area di forza nella quale sarebbe necessario consolidare la posizione di leadership con investimenti specifici”, (Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento per gli Affari Regionali, il Turismo e lo Sport, 2013).
  4. 4. 1. Ambito e risorse turistiche della Valle Olona I 14 comuni dell’ambito Valle Olona si relazionano intensamente con la storia della Provincia e di tutto il nord d’Italia. Precisamente, quest’area si situa nella parte meridionale della provincia di Varese, in Lombardia. Una provincia ubicata tra Milano e la Svizzera, in uno spazio prealpino con un’abbondante presenza di acqua e, per questo, storicamente molto antropizzato grazie alla sua grande capacità produttiva. L’idrografia è legata alla formazione della frangia Prealpina nella quale è inclusa tutta la Provincia. Le varie glaciazioni e le fusioni successive formarono uno strato di materiali di deposito dalle Alpi fino alla Pianura Padana e il fiume Po. Oggi questi giacimenti appaiono come materiali di argilla e ghiaia di color rossiccio. Tutta questa fascia ondulata si caratterizza per una scarsa fertilità agricola (Magini, 2004). L’ampia estensione dei boschi, fatto eccezionale nella fascia delle Prealpi, oggi giorno lascia spazio ad aree residenziali. Nelle terrazze intermedie e più elevate della valle, i paesi trovarono oltre che un terreno abbastanza fertile anche una grande disponibilità di acqua, per questo motivo lo sviluppo residenziale abbandonò le difficili condizioni del fondovalle e si fomentò in queste zone più favorevoli. La Valle Olona si può dividere morfologicamente in due aree: quella che va da Vedano Olona fino a Cairate, comprendente Lozza, Castiglione Olona, Gornate Olona, Castelseprio, Lonate Ceppino, che è l’ambito più settentrionale, e la zona più a sud che va da Fagnano Olona fino Castellanza e che comprende Gorla Maggiore, Gorla Minore, Solbiate Olona, Olgiate Olona e Marnate. Nella parte settentrionale troviamo una valle del tipo morenico, mentre che verso sud la valle si trasforma man mano in una pianura secca (Corna Pellegrini, 1969). La decisione di concretare quest’ambito nei 14 comuni nominati deriva oltre che dalle caratteristiche fisiche similari del territorio, anche a causa di altre caratteristiche. Questo territorio si può considerare come un’unica entità per molteplici fattori antropici. Di particolare importanza furono: l’inizio dell’espansione industriale, i processi di urbanizzazione moderna che portarono ad avere degli aspetti demografici, sociali ed economici omogenei, oltre alla comune convergenza o gravitazione di una parte di abitanti verso altri nuclei centrali (Varese e Milano) (Corna Pellegrini, 1969). Anche storicamente la Valle Olona fu identificata come un’entità unica di 12 municipi, ovvero la linea naturale della valle che va da Castiglione Olona fino a Castellanza, che è l’ultimo comune varesino prima della provincia di Milano. Quanto detto è rappresentato
  5. 5. e testimoniato dalla mappa itineraria di Carlo Borromeo del 1538. Nell’immagine il fiume Olona è disegnato come una linea che divide il paesaggio in due fasce d’insediamento opposte, dove si notano le pianure, le penisole moreniche e le aree boschive (Introini e Zibetti, 1998). L’itinerario di Carlo Borromeo identifica la Valle Olona senza tenere in conto Vedano Olona e Lozza, i due municipi più settentrionali dell’ambito considerato come “Valle Olona”. Fonte: www.valleolona.it L’incidenza del settore industriale nell’economia della Provincia di Varese, è senza dubbi superiore, non solo alla media italiana, bensì anche alla media della Lombardia, in altre parole la regione più industriale del paese. La Provincia comunque ha avuto una crescita economica in linea con quella della regione Lombarda ed è importante segnalare come questo territorio è una grande area esportatrice. Ciò si deve alla vicinanza della Svizzera e della presenza dell’hub Malpensa, un aeroporto d’importanza nazionale e internazionale. L’ambito Valle Olona può essere considerato un piccolo esempio della situazione di tutta la frangia prealpina del nord d’Italia. Una zona molto florida economicamente, sopratutto industrialmente e dove vi è un’abbondante presenza
  6. 6. di risorse idriche. La valle del fiume Olona è riconosciuta dalla letteratura come una delle zone incubatrici del processo d’industrializzazione d’Italia duranti i primi anni dell’800. Lungo il corso d’acqua, la popolazione ha potuto beneficiarsi di due fattori intrinseci della zona: la forza motrice del fiume e l’imprenditorialità della gente. Per questo, in molti testi si può incontrare la definizione di “Olona fiume di civiltà”. Le acque sono state necessarie per lo sviluppo, sopratutto, dell’industria tessile, delle fabbriche di cotone e seta, tessiture, tintorie e candeggi. È una valle ricca di storia, nella quale, oltre alla prosperità della rivoluzione industriale, si sono vissute altre rilevanti tappe della storia. Per le caratteristiche idrografiche e morfologiche descritte, la Valle Olona è stata dall’”età del ferro” una zona molto fiorente e per questo si può trovare un notevole patrimonio industriale e storico-culturale. Il fiume Olona è l’asse principale dell’ambito considerato in questo studio, nasce nelle Prealpi a 548 metri d’altezza nel monte Rasa, si sviluppa sinuosamente per 71 km, scavando la valle e attraversando la pianura settentrionale milanese, fino a confluire nel fiume Lambro. L’Olona, dopo la seconda guerra mondiale e con il boom economico italiano, è stato uno dei fiumi più contaminati del nord d’Italia. Dagli anni settanta, però, con la crisi delle manifatture e grazie alle prime opere di risanamento si sono rivelate delle importanti migliorie della qualità dell’acqua (sopratutto al nord) e un nuovo interesse ambientale verso il territorio. Il fiume che in passato fu la risorsa principale per l’attività manifatturiera, oggi può essere il protagonista di uno sviluppo compatibile con l’ambiente e infocato verso l’attrazione turistica dei comuni della valle. Nella valle troviamo 14 comuni: Castiglione Olona, Lozza, Vedano Olona, Castelseprio, Cairate, Gorla Maggiore, Gorla Minore, Solbiate Olona, Marnate, Olgiate Olona, Lonate Ceppino, Fagnano Olona, Gornate Olona e Castellanza. Questi comuni nell’insieme formano una regione che è chiamata Valle Olona o Ambito del Medio Olona. I 14 comuni considerati racchiudono una popolazione totale di 97.529 abitanti che si distribuiscono in una superficie di 85,48 km2. L’insieme dei comuni crea un sistema omogeneo di nuclei urbani che distano tra di loro 2-3 chilometri. Tutti loro sono uniti linearmente da nord a sud dal fiume Olona che rappresenta l’asse più importante del territorio. Un comportamento particolare della Valle Olona è la complementarietà che esiste tra i differenti insediamenti, attuando come diversi quartieri di un’unica città. Le ottime connessioni tra i vari paesi sono il risultato di un’ordinazione territoriale
  7. 7. molto più integrata rispetto a quando l’unica fonte di vita del territorio era l’agricoltura (Corna Pellegrini, 1969). I comuni dell’ambito si caratterizzano per una media dinamicità verso i fattori economici e d’insediamento (Corna Pellegrini, 1969). Nel 2001 (ISTAT), il tasso di disoccupazione nella Valle Olona fu del 4,3% contro l’11,6 % dell’Italia, il 4,7% della Lombardia e il 4,9% della Provincia di Varese. La valle sia per quanto riguarda il tasso di disoccupazione, disoccupazione giovanile, occupazione e di attività ha percentuali migliori rispetto alla Provincia, alla Regione e con certa differenza allo Stato. Fino all’anno 2010, tutti i comuni, tranne Castellanza, avevano un’evoluzione demográfica progressivamente positiva. Questo fenomeno è strettamente relazionato con le attività economiche nel territorio. Fonte: Elaborazione propria con dati ISTAT
  8. 8. Come si è suggerito nei paragrafi anteriori, la presenza di molta superficie boschiva e la scarsa fertilità del terreno, fece sì che l’agricoltura non abbia mai avuto un ruolo importante in questo territorio. In questo momento, lo sviluppo agricolo più comune è quello di piccole imprese in aree inferiori a 6 ettari. La maggior parte sono piccoli proprietari agricoli che si dedicano al settore primario in una forma part-time. D’altra parte, le attività industriali in Valle Olona non solamente un interesse locale, poiché la storia dell’industria in questa zona è stata una delle più significative di tutta Italia (Corna Pellegrini, 1969). Storicamente, l’attività industriale che ha avuto maggior esito in relazione con il fiume Olona fu il settore tessile. Le industrie di cotone, in particolare, approfittarono del territorio per sviluppare le proprie attività, incentivando agli inizi del ‘900 la costruzione di una nuova infrastruttura. La ferrovia della Valmorea, inaugurata nel 1904, connetteva tra di loro tutti i comuni della Valle e collegava questo territorio con la Svizzera. Il suo percorso è parallelo al fiume Olona e si convertì in un asse strutturale e articolante tanto importante quanto il fiume stesso. Come si può dedurre dal grafico che segue, l’attività industriale attualmente è quella che prevale chiaramente su tutte le atre attività produttive nell’ambito. Secondo il censo del 2001, il 59% dei lavoratori nella Valle Olona erano impiegati nell’industria (ISTAT, 2001). Se in precedenza il settore tessile e, in particolare il cotone era il prodotto più lavorato, adesso le industrie della zona si dedicano principalmente al trattamento di prodotti chimici, plastici e della carta. Il settore della plastica ha creato un cluster di piccole e medie imprese nella valle e sopratutto intorno a Castiglione Olona, arrivando a denominarsi plastic valley. Il cambio dei prodotti trattati fa si che abbia aumentato il numero d’imprese con Rischio di Incidente Rilevante (RIR). Il territorio gioca anche una funzione residenziale per una parte della popolazione che porta in Valle Olona i suoi ingressi dalle aree esterne all’ambito. Le specializzazioni che si sviluppano nella valle si relazionano unicamente con il settore industriale, mentre che i professionali del settore terziario producono spostamenti pendolari verso Milano, Varese o la Svizzera. L’aumento demografico del 9,17% che si è prodotto fino al 2010 nel territorio è stato favorito non solo per la disponibilità di lavoro nell’industria, ma anche per le condizioni di vita favorevoli e di occupazione nel settore dell’edilizia. Le attività del settore terziario in questo territorio non hanno percentuali di occupazione molto alte, gli impiegati nel commercio sono il 13,27%, i professionisti il 6,79%, gli
  9. 9. impiegati nella sanità il 3,25%, nell’istruzione lo 0,15% nell’hotelleria e ristorazione solamente il 2,60%. Fonte: Elaborazione propria con dati ISTAT I servizi generali sono più concentrati a Castellanza, dove si trova la sede dell’università LIUC, i distretti di educazione superiore e gli unici ospedali dell’ambito. Per questo, con l’eccezione di Castellanza, si può considerare che il settore terziario in quest’area ha quasi esclusivamente una funzione locale e non rappresentano se non straordinariamente (Castellanza) un servizio per i territori esterni. È sorprendente la mancanza assoluta di fattori riguardanti lo sviluppo turistico in Valle Olona, quando in gran parte dell’Europa il turismo rurale è cresciuto come fattore diversificante d’ingresso economico e come ottimizzatore delle potenziali risorse endogene (García, 1996). In quest’area varesina, lo sviluppo turistico non si è considerato sino ad ora come un’opportunità per ampliare la diversificazione economica del territorio, nonostante il ricco patrimonio culturale, naturale e industriale presente nei limiti amministrativi dei 14 comuni.
  10. 10. Il Patrimonio Culturale Indubbiamente il più importante patrimonio culturale del territorio preso in considerazione è il parco archeologico di Castelseprio-Torba, che conserva una parte dell’insediamento fortificato tardo-romano e che fu riutilizzato dai Longobardi. Il complesso fu dichiarato, in compartecipazione con altri siti archeologici italiani, Patrimonio Mondiale Unesco nel 2011 come testimonianza del passaggio Longobardo in Italia. Nel recinto si trovano le costruzioni militari (Castrum), la Basilica di San Giovanni Evangelista, la Chiesa di San Paolo, la cascina di San Giovanni e la zona anticamente abitata. Fuori dalle mura c’è la Chiesa di Santa Maria Foris Portas con i suoi affreschi del VI secolo e il Monastero di Torba che è l’unico elemento situato fuori dai limiti amministrativi di Castelseprio. Questo edificio del V secolo si ubica nella frazione di Torba che appartiene amministrativamente a Gornate Olona. Oltre a questo patrimonio d’interesse internazionale, nella Valle Olona, si trovano altre testimonianze storiche. Come spesso accade, i monumenti archeologici più numerosi sono quelli religiosi. Risaltano, tra le decine di luoghi di culto di alto valore storicoarchitettonico e le varie chiese patronali, il Monastero di Cairate, la Collegiata di Castiglione Olona, il Santuario della Madonnetta di Gornate Olona e la Chiesa di San Michele nella frazione di Gornate Superiore (Castiglione Olona). Nei comuni della Valle Olona, però, si conservano anche molti resti della storica prosperità di questo territorio, esempi sono: il Castello Visconteo di Fagnano Olona, la Villa Carminati Brambilla di Castellanza, la Villa Greppi Gonzaga di Olgiate Olona e la Torre Colombera di Gorla Maggiore. Anche nei comuni ci sono alcuni borghi incantevoli come per esempio il centro storico di Lozza, di Caronno Corbellaro, di Gornate Superiore o di Castiglione Olona. Quest’ultimo è descritto, per il celebre scrittore Gabriele D’Annunzio, come “L’isola di Toscana in Lombardia”, contrapponendo la fama turistica toscana con il ruolo industriale della regione lombarda.
  11. 11. Patrimonio Industriale Se il patrimonio culturale della Valle Olona è abbastanza ricco, il patrimonio industriale in questo territorio è anch’esso quantitativamente molto elevato. Ciò è dovuto al forte sviluppo economico che è avvenuto dal ‘700 lungo le sponde del fiume Olona. Per questo motivo ancora oggi possiamo trovare molti mulini e cascine costruite prima della rivoluzione industriale quando ancora l’agricoltura aveva un ruolo importante sul territorio. Nel ‘800-900 le infrastrutture nella regione si moltiplicano esponenzialmente e oggi possiamo apprezzare sia patrimoni industriali conservati e valorizzati, sia beni industriali dismessi e abbandonati. Esempi molto positivi sono la valorizzazione dell’antica linea ferroviaria della Valmorea con i suoi caselli e l’ex cotonificio Cantoni di Castellanza, oggi sede dell’università LIUC. Vi sono molti altri beni di archeologia industriale che sono in attesa di un nuovo destino, ma che nonostante ciò non sono di minor interesse estetico e culturale. Numerose sono le aziende che si dedicarono all’elaborazione del cotone (Cotonificio Ponti di Solbiate Olona, Cotonificio Enrico Candiani di Fagnano Olona, Cotonificio Schoch/Milani di Castiglione Olona e Cotonificio Luigi Candiani di Olgiate Olona), della carta (Cartiera Vita & Mayer di Cairate e Cartiera Crespi di Castiglione Olona) e della plastica (Mazzuchelli di Castiglione Olona). Di notevole interesse sono i mulini (alcuni solo resti) che percorrono tutta il fondovalle dell’Olona. Le testimonianze più interessanti sono indubbiamente il Mulino Taglioretti di Lonate Ceppino, il Mulino Bosetti/Solmoiraghi di Fagnano Olona e il Mulino del Sasso di Olgiate Olona. Spesso i mulini erano usati approfittando della forza del corso d’acqua per macinare il grano. Un cereale che era prodotto nelle superfici pianeggianti in cima alla valle. Così che, in queste posizioni strategiche, ancora oggi possiamo apprezzare le cascine e i vari patrimoni rurali della Valle Olona. A Castelseprio si ubicano la Cascina Ronchè e la Cascina Brughiera, a Vedano Olona la Cascina Ronco, a Gornate Superiore, frazione di Castiglione Olona, si situa la magnifica Cascina Colombera, molte altre si conservano lungo tutto questo territorio anticamente rurale.
  12. 12. Patrimonio Naturale Nonostante il grande impatto che ha avuto lo sviluppo industriale sul territorio della Valle Olona, qui si trovano ancora molte superfici boschive. Anche se drasticamente diminuita, l’agricoltura sopratutto nei paesi più settentrionali non è del tutto scomparsa e i boschi di tutta la valle sono ancora molte volte i protagonisti dei paesaggi. Queste superfici “verdi” sono state regolate attraverso la formazione di Parchi Locali di Interesse Sovracomunale (PLIS). I quattro PLIS della Valle Olona sono il RTO (RileTenore-Olona) che si estende tra i torrenti Rile e Tenore e il fiume Olona, il PLIS del Medio Olona, il PLIS Bosco del Rugareto che comprende la zona semi-naturale del sud della valle e il PLIS Parco dell’Altomilanese. Nei confini amministrativi di Vedano Olona s’immette una porzione del Parco Regionale Pineta, in questo comune perciò vi è una connessione naturale tra l’asse dell’Olona e il grande parco che interessa la provincia di Varese e di Como. Anche il fiume Olona con tutti gli altri elementi idrografici della zona è sicuramente un patrimonio naturale di alto valore. Lungo il percorso del fiume si possono apprezzare meandri, pianure alluvionali e anche piccoli salti d’acqua e le “Gonfolite e Forre dell’Olona” un importante monumento naturale.
  13. 13. 2. Il prodotto turistico La “Ciclopedonale della Valle Olona” Dal 2010 si è conclusa la “Pista Ciclopedonale della Valle Olona”, è una greenway che riutilizza un lungo pezzo del tracciato della ferrovia della Valmorea e che corre parallela e a poca distanza dalla riva del fiume Olona. È un’infrastruttura che facilita il collegamento sostenibile tra tutti i paesi della valle e tra la valle e l’alto milanese. Precisamente il percorso terminato parte da Castellanza e arriva a Castiglione Olona, in altre parole circa 20 km di tracciato sommerso in un paesaggio boschivo da cui si può apprezzare sia molto patrimonio culturale, sia altrettanto patrimonio industriale. Il progetto generale vuole riqualificare l’intero tracciato ferroviario, ovvero da Castellanza a Mendrisio (Svizzera), forse in un futuro si terminerà questa interessante proposta, però nonostante tutto, ora si è riusciti a connettere l’hinterland milanese con la Valle Olona. Il percorso della ciclopedonale è in ottime condizioni, con una buona segnaletica che indica il percorso originale, mentre che gli itinerari alternativi e d’interesse culturale e i sentieri tra i parchi PLIS sono indicati discretamente. In alcuni punti è ancora osservabile l’antica linea ferroviaria della Valmorea che si conserva come rappresentazione del luogo, così come i vari caselli, alcuni vagoni e altri elementi ferroviari che valorizzano la pista ricordando l’identità territoriale. L’acceso alla greenway è facilitato in decine di punti. Bisogna considerare però che l’infrastruttura si trova interamente nel fondovalle e che i centri abitati normalmente sono situati in cima ai rilievi. Così che, anche se il dislivello non è eccessivo, la connessione tra i paesi della Valle Olona e la ciclopedonale deve essere migliorata con un riguardo verso i vari nodi strategici, come ad esempio il parco archeologico di Castelseprio, il monastero di Cairate, etc. Fortunatamente la pista inizia nella località di Castellanza, dove vi è una stazione ferroviaria e dove si trova anche un ampio parcheggio per le automobili al lato dell’accesso alla greenway. Anche i comuni di Vedano Olona e Castiglione Olona sono dotati di una stazione ferroviaria, però queste sono ubicate abbastanza lontano e non sono ottimamente connesse con il percorso ciclopedonale.
  14. 14. I monumenti Il parco archeologico di Castelseprio-Torba sicuramente è il patrimonio più conosciuto della Valle Olona. Qui vi è la possibilità di visitare il luogo solo o accompagnato da una guida. La segnaletica è molto efficiente con delle ottime spiegazioni dei patrimoni osservati e della biodiversità presente nel parco naturale che circonda il sito Unesco. Nonostante la presenza di spazi ricreativi, fonti d’acqua, servizi igienici e parcheggi, la visita è totalmente gratuita. Attualmente l’utilizzo turistico del luogo è minimo, le visite si limitano a scolaresche, appassionati di archeologia durante i fine settimana e popolazione locale in cerca di svago in un ambito di alto valore naturalistico e culturale. Anche i numerosi altri monumenti culturali della valle sono normalmente ben conservati e consentono una visita gratuita. Un’eccezione è il Monastero di Torba (anch’esso incluso nel patrimonio Unesco con Castelseprio) che offre l’entrata al sito a 5 euro e a 2,50 euro per i bambini. Ciò è possibile poiché l’edificio è di proprietà del FAI (Fondo Ambientale Italiano). Questo ente valorizza e pubblicizza in maniera ottimale il bene culturale a disposizione, riuscendo anche a installare al suo interno un ristorante e una sala espositiva. Alloggio e Ristorazione Nella regione della Valle Olona vi sono 266 imprese che si dedicano all’accoglienza turistica e ristorazione (SISEL 2001). Di questi ben 69 si situano dentro i confini amministrativi di Castellanza. I dati del SISEL (2011) mostrano come nella Valle Olona siano presenti un totale di 25 hotel i quali offrono un totale di 1.334 posti letto. I dati non rappresentano, però, la situazione reale, poiché solamente nei quattro comuni (Castellanza, Solbiate Olona, Olgiate Olona e Fagnano Olona) più vicini all’autostrada e perciò meglio comunicati con Milano, si ubicano 16 hotel con 1.270 posti letto. Negli altri 10 comuni settentrionali solamente troviamo 9 hotel con una disponibilità totale di 64 letti. Inoltre vi sono paesi rappresentativi come Castelseprio nella quale non vi è la possibilità di alloggiare.
  15. 15. Trasporti Nella Valle Olona, anche senza arrivare ad avere espressioni di congestionamento del traffico come occorre nell’hinterland milanese, la mobilità del territorio è un fenomeno molto importante ed è necessario considerare sia i flussi di entrata, sia quelli d’uscita. Con rispetto ai movimenti di transito, essenzialmente la direttrice Milano-Varese è quella più frequentata e risulta impossibile distinguere questi flussi di larga scala con quelli puramente locali. La Valle Olona è perfettamente connessa sia con tutta la provincia di Varese sia a livello globale. Uscite dell’autostrada A8 Milano-Varese o “Autostrada dei Laghi” si trovano a Castellanza e a Solbiate Olona e comunque tutti i comuni del territorio preso in considerazione sono molto vicini ad un accesso a questa infrastruttura. Infatti, la direzione dell’A8 è approssimativamente parallela al fiume Olona e dunque alla Valle. A questo sistema di mobilità longitudinale si intrecciano delle connessione est-ovest che incrociano il fiume e attraversano la valle. La maggior parte di queste strade sono molto suggestive però sono di limitata importanza e spesso di difficile transitabilità per la sinuosità del tracciato. Il passaggio da un lato all’altro della valle per il trasporto pesante è garantito soprattutto attraverso alcuni viadotti, di cui il più importante è quello situato nel comune di Cairate. Un’altra via di comunicazione molto significativa è la “Varesina”, una strada provinciale che segue la direzione nord-sud connettendo Varese con Milano e inserendosi, a Vedano Olona e a Castiglione Olona, nei territori della Valle Olona. La direttrice nord-sud è anche quella che segue la rete ferroviaria nella provincia di Varese gestita dall’impresa privata LeNord. La Valle Olona è interessata dal tracciato, attraverso le stazioni di Castellanza, Vedano Olona e Castiglione Olona, ovvero, l’estremo settentrionale e meridionale dell’ambito considerato. Oltre a Castiglione Olona che condivide la stazione con Venegono Superiore (lo scalo si trova nei confini amministrativi di Venegono Superiore) e si situa sul tracciato Varese-Milano, gli altri due paesi si possono considerare come le porte d’entrata della valle. Vedano Olona è l’accesso settentrionale e la sua stazione si colloca anch’essa sul percorso VareseMilano, mentre che Castellanza è la porta sud e la sua stazione ferroviaria si ubica nella direttrice est-nordovest, sul tracciato Milano-Saronno-Novara.
  16. 16. La presenza dell’Aeroporto di Malpensa a 20-25 km di distanza dall’ambito, fa si che questa zona sia ottimamente connessa anche alla rete globale, poiché Malpensa è il secondo aeroporto con più traffico passeggeri d’Italia. Interesante è l’iniziativa adottata dall’amministrazione di Castellanza che offre il servizio “Castellanza Punto Bici”, un noleggio gratuito di biciclette. Con questo progetto si può noleggiare, con l’unico requisito di presentare un documento valido italiano o straniero, una bicicletta dalle 7:30 per un tempo illimitato fino alle 19:30. Castellanza: porta d’entrata della Valle Olona Come sintetizzato nei paragrafi precedenti, Castellanza è il comune più meridionale dell’ambito, si può affermare che anche se appartiene alla Valle Olona è anche un paese metropolitano milanese, in cui le dinamiche della capitale lombarda influenzano la sua esistenza. È l’unico paese della valle che può vantare nei suoi confini amministrativi una stazione ferroviaria, un’entrata all’autostrada, un servizio di bike-sharing e un accesso diretto alla pista ciclopedonale della Valle Olona. Tutto ciò fa si che il comune si converti nella porta d’accesso alla valle.
  17. 17. Fonte: Elaborazione propria
  18. 18. 3. La domanda turistica potenziale Nonostante la presenza sul territorio di un alto livello, sia qualitativamente sia quantitativamente, di patrimonio no vi è molta domanda turistica nella Valle Olona. 2 Popolazione Valle Olona Superficie 2 Km Beni culturali vincolati Km /Beni culturali vincolati Abitanti/Beni culturali vincolati Sti Unesco 98.065 87 60 1,44 1.634,42 1 2 Km /Unesco Abitanti/Unesco 86,54 98.065 Varese 876.960 1.202 610 1,97 1.437,64 4 300,40 219.240 Lombardia 9.794.525 23.868 10.161 2,35 963,93 9 2.652,02 1.088.281 Fonte: Elaborazione propria Ciò è dovuto quasi sicuramente alla scarsa publicizzazione della regione e alla tradizionale idea negativa che questa zona offre poca qualità di vita e che l’industria assoggetta la natura. Non è realistico per questo motivo pensare di posizionare la Valle Olona nel mercato turistico internazionale, sarebbe più sensato e consono avere un obiettivo regionale da ottenere a lungo termine. Inizialmente la domanda turistica dovrebbe essere rappresentata da tutta la popolazione della città metropolitana di Milano e da turisti che stanno già visitando altre bellezze della Lombardia o Expo 2015. Il capoluogo di regione con tutto il suo hinterland somma un totale di 4,1 milioni di persone. Una popolazione che risiede quotidianamente in un ambito urbano o periurbano, dove la qualità di vita (sopratutto per quanto riguarda l’ambiente e l’inquinamento) è scarsa e che abitualmente il fine settimana vuole allontanarsi dalla stressante quotidianità. Così che sono molto frequenti le escursioni familiari fuori dalla metropoli nel week-end. Il target specifico deve essere infocato sulla popolazione che ha una disponibilità economica medio-alta, che possa permettersi di uscire dalla città una giornata o il fine settimana. È una popolazione capace di garantire a tutta la famiglia un dispendio minimo che includa i trasporti, il vitto e alloggio e le entrate nei monumenti o la pratica di attività d’interesse.
  19. 19. 4. La diffusione della Valle Olona come destino turistico Come si è già commentato, il limite principale dell’ambito di studio è la cattiva fama che ha ereditato dal suo passato moderno, dove la crescita economica ha limitato la qualità ambientale e la valorizzazione culturale. Però, oggigiorno, con il nuovo ruolo delle scienze umane e la diffusione del desiderio di qualità ambientale, il territorio della Valle Olona ha cambiato la sua immagine e questo messaggio deve diffondersi con maggior forza e con più efficacia. Ciò che manca è “autostima” nel territorio stesso e nei suoi abitanti. Nella Valle Olona non vi è fiducia sul fatto che questo luogo possa svilupparsi come meta turistica anche di piccolo rango. Queste argomentazioni sono molto importanti poiché per fomentare un’immagine turistica positiva della valle è necessaria anche la partecipazione popolare, ciò per evitare un rifiuto posteriore e perché gli abitanti fanno parte dell’immagine del territorio riflessa all’esterno. La pubblicità deve tenere in conto del target del destino turistico, così che questa dovrebbe essere una divulgazione locale e focalizzata alla classe medio-alta che vive nel milanese o che visita Expo 2015. I nodi strategici dei trasporti pubblici e i centri di scambio intermodale di trasporto del milanese sono dei punti interessanti per intraprendere la diffusione del prodotto turistico. Oltre a ciò si deve avviare una massiccia informazione del progetto in internet e nelle reti sociali e fomentare una stretta cooperazione con il dipartimento turistico della Provincia di Varese (vareselandoftourism) e della regione Lombardia. La Valle Olona però deve competere con vari destini turistici che hanno lo stesso target di visitatori. La stessa Provincia di Varese offre escursioni giornaliere con mete i vari laghi, fiumi e parchi del territorio, oltre che a un ricco patrimonio culturale e ad altri 3 patrimoni Unesco. Anche la vicina Provincia di Como ha un territorio similare a quello di Varese e questo fa si che sia un’ulteriore competitrice. Un’altra categoria che compete con la Valle Olona nell’attrazione turistica sono i capoluoghi di provincia come le città di Varese, Como, Lecco, Lugano (Svizzera), Brescia e Bergamo.
  20. 20. Ambito Visione Segmento di Missione Mercato Target Concorrenza Risanamento dell’ambiente Impiegare i vari naturale, Valle Olona patrimoni riqualificazione dei beni industriali e diversificazione economica per detenere il capitale per favorire uno sviluppo turistico sostenibile. La popolazione Turismo del fine settimana che risiede nel nord d’Italia e i e turisti escursioni di visitano breve istanza. che regione Expo 2015. umano qualificato. la Altri corridoi ecologici (Ticino), città e paesi con eredità culturale e gli importanti monumenti naturali e culturali della regione. La Valle Olona con la sua proposta turistica dovrebbe distaccare la dinamicità dell’esperienza che si vuole proporre. In specifico quest’ambito può offrire un itinerario cicloturistico, un percorso sulla pista ciclopedonale, dove si possa apprezzare in poco tempo tutto il ricco patrimonio dei 14 comuni. I punti forti della proposta turistica potrebbero essere: • Il facile accesso a Castellanza • Un itinerario cicloturistico di 20 km lungo la ciclopedonale della Valle Olona, ripercorrendo le tracce dell’antica ferrovia della Valmorea • Il ricco e vario patrimonio culturale, industriale e naturale del territorio • Il patrimonio mondiale Unesco di Castelseprio-Torba • Il centro storico di Catiglione Olona e Caronno Corbellaro • Un amplissimo catalogo di monumenti religiosi
  21. 21. 5. La preparazione del destino turistico “Per cicloturismo, o turismo in bicicletta, intendiamo viaggi itineranti o gite giornaliere, senza motivazioni agonistiche, lungo percorsi prevalentemente facili, su strade a scarso traffico o riservate alle biciclette (ciclopiste). Il cicloturismo è un modo per avvicinare ed incontrare luoghi e persone. E’ una proposta turistica che offre un contatto diretto con l’ambiente circostante, la sua cultura e la sua tradizione, ad una velocità a misura d’uomo che consente di “vivere” i percorsi, sostandovi per visita, ristoro, ospitalità. E’ un turismo che oltre ad essere in maniera caratteristica lento, risulta anche sostenibile consentendo di poter fruire ed al tempo stesso preservare l’ambiente, l’attrattiva principale del turismo stesso. Ovviamente il territorio che sceglie di proporsi ai cicloturisti deve impegnarsi a realizzare un prodotto che risulti appetibile. Perché ciò possa realizzarsi, sono necessari una serie di interventi: 1. bisogna offrire al turista in bicicletta la possibilità di venire in contatto e di fruire di un significativo ambiente naturale e di una cultura locale vitale fatta di manufatti, attività, prodotti, manifestazioni, eventi, ecc. 2. è necessario che sul territorio sia presente una rete di percorsi cicloturistici appositamente realizzati o che sfruttino la viabilità secondaria esistente, facilitando gli spostamenti “lenti” e che questa rete sia supportata da una cartografia e da una cartellonistica apposita. 3. è necessaria sopratutto una rete di imprese, pubbliche e private, in sinergia, per il successo dell’iniziativa. Dalla creazione dei percorsi alla promozione e offerta dei servizi, che coordinando l’informazione, la logistica in senso lato (dalla manutenzione e cartellonistica, alla gestione del vitto e dell’alloggio), l’organizzazione di attività di accompagnamento, di gioco, sportive, enogastronomiche, culturali, ecc. Si tratta di un’offerta turistica che non si pone in competizione con quella tradizionale, al contrario, la completa, qualificando l’intero prodotto turistico” (Cillo, 2010, pp. 2223).
  22. 22. Oltre ad iniziare con la diffusione della nuova immagine della Valle Olona e a perfezionare la già buona connessione dell’ambito con la città metropolitana di Milano, è necessario preparare il territorio all’accoglienza turistica del nuovo pubblico desiderato. La formula più semplice è la creazione di pacchetti turistici, dove nel caso della Valle Olona si potrebbe includere: • Noleggio biciclette e contrattazione guida • Itinerario cicloturistico per la ciclopedonale con spiegazione dei patrimoni individuati • Visita al parco archeologico di Castelseprio-Torba e/o di altri monumenti d’interesse • Visita al centro storico di Castiglione Olona e/o di altri centri d’interesse. • Riconoscimento dell’archeologia industriale della valle, valorizzando i mulini e le industrie che hanno avuto un grande impatto sul territorio. • Alloggio e pranzo/cena tradizionale lombardo • Eventuale viaggio di ritorno a Castellanza con bus attrezzato Però, la regione per competere nel mercato turistico lombardo deve essere pronta a offrire un buon prodotto anche prescindendo dal pacchetto turistico. Così che Castellanza deve sviluppare la sua immagine di porta d’accesso della valle della stessa forma che anticamente era la stazione di partenza della Valmorea. Una proposta interessante sarebbe quella di creare un centro d’interpretazione (può essere un casello, dei vagoni del treno, etc.) che oltre ad introdurre il visitatore nel territorio serva come punto di ricezione turistica. In questo comune, inoltre, sarebbe produttivo incrementare l’offerta di noleggio bici e la possibilità di contrattazione di guide turistiche che accompagnino l’escursione anche per tutta la giornata. Una buona proposta sarebbe quella di preparare delle mappe illustrate, didattiche e turistiche, per aiutare i visitatori nell’interpretazione del territorio. Ciò fa sì che il turista possa mantenere il controllo della sua visita, in un’esperienza dinamica e interattiva dove l’ospite si rende protagonista cercando, compiacendo e arricchendosi della visita dei vari patrimoni culturali, industriali o naturali. Sulla stampa si potrebbero anche indicare e raccomandare ristoranti, bar e trattorie, oltre che agli abituali servizi necessari per un turista.
  23. 23. La pista ciclopedonale della Valle Olona deve continuare a mantenere le ottime condizioni e la buona segnaletica descritta nel secondo paragrafo. Si potrebbero aggiungere nuove zone di fermata e di riposo con i servizi necessari. È indispensabile migliorare le connessioni tra la pista e Castelseprio, incrementando la sicurezza dei ciclisti e dei pedoni e creando delle rampe appianate che affrontino il dislivello. Il parco archeologico di Castelseprio-Torba, avendo ottenuto il prestigioso riconoscimento dell’Unesco solamente nel 2011, si trova in perfetto stato. Vi è stata una grande valorizzazione dei monumenti e di tutto il parco aggiungendo vari servizi al visitatore. Per questo bene di grande interesse si potrebbe pensare di iniziare a far pagare un biglietto per la visita del patrimonio o per lo meno trovare qualche tipo di accordo con le imprese private relazionate con il turismo. Per fomentare e diffondere in tutto il territorio i benefici economici del turismo si potrebbero creare gruppi d’interesse comprendente attori privati (hotel, ristorazione, noleggio bici, etc.) e pubblici (patrimoni). Con formule di marketing come sconti, servizi addizionali, fidelizzazione del cliente e quanto altro, si deve riuscire a incentivare il consumo del prodotto turistico in tutti i comuni del territorio. Per promozionare, far conoscere la regione e attrarre nuovi visitatori sarebbe utile organizzare eventi e varie attività. Bisogna avere particolare attenzione alla qualità dell’esperienza offerta al turista poiché questo si trasforma lui stesso in mezzo di comunicazione raccontando i momenti vissuti nella Valle Olona. L’esperienza che un visitatore deve descrivere al suo intorno sociale, deve avere anche connessioni con problemi sociali, per questo è importante diffondere l’idea che si sta praticando un turismo sostenibile e che si sta utilizzando risorse locali. Il pensiero che la visita ha contribuito alla conservazione dei patrimoni autoctoni culturali e naturali. Ciò che un turista deve percepire è la sensazione di star passando una giornata salutale sia per l’attività fisica praticata sia per le condizioni ambientali favorevoli. Si deve far in modo che l’ospite intenda la qualità dei momenti vissuti, dall’esposizione e interpretazione dei patrimoni fino alla degustazione dei prodotti tipici regionali. La qualità deve distinguere la Valle Olona, questo è necessario per riconvertire la sua antica immagine sfavorevole in una percezione positiva.
  24. 24. Azioni generali Azioni concrete Mantenimento generale della qualità ambientale. Protezione, pulizia e sistemazione dei parchi. Conservazione dei monumenti d’interesse culturale. Risanamento del fiume Olona e delle Landscape Strategy aree industriali abbandonate. Attori implicati Tutti i comuni della Valle Olona, Provincia di Varese, Regione Lombardia. PLIS RTO, PLIS Medio Olona, PLIS Bosco del Rugareto, PLIS Parco Alto Milanese, Parco Pineta. Comuni della Valle Olona, Provincia di Varese, FAI, Regione Lombardia, Attori Privati. Regione Lombardia, Contratto di Fiume, Consorzio del Fiume Olona, Attori Privati. Miglioramento dell’accesibilità e della Comuni della Valle Olona, segnletica alla Ciclopedonale della Provincia di Varese, , Ecomuseo e Valle Olona. altre associazioni. Aumento delle infrastrutture Provincia di Varese, Comuni della turistiche. Valle Olona, Attori Privati. Creazione di itinerari turistici e di ozio specifici (culturali, naturali, industriali, etc.) o misti. Provincia di Varese, PLIS, Parco Pineta, Comuni della Valle Olona, Attori Privati, Ecomuseo e altre associazioni. Regione Lombardia, Provincia di Creazione del corridoio ecologico della Valle Olona. Varese, PLIS, Parco Pineta, Comuni della Valle Olona, Attori Privati, Ecomuseo e altre associazioni. Allungamento della Ciclopedonale Regione Lombardia, Provincia di della Valle Olona fino a Rho-Pero Varese, PLIS, Parco Pineta, (Expo 2015) formando un Comuni della Valle Olona, Attori
  25. 25. collegamento con la Pista Ciclabile Privati, Fondazione Cariplo, VENTO (Venezia-Torino) Ecomuseo e altre associazioni. Estensione della Ciclopedonale della Valle Olona verso Nord lungo il tracciato della Valmorea fino a Mendrisio. Allestimento di Castellanza come porta d’accesso alla Valle Olona: fomentare offerta bike-shating e guide turistiche e creazione punto d’informazione. Regione Lombardia, Provincia di Varese, PLIS, Parco Pineta, Comuni della Valle Olona, Attori Privati, Ecomuseo e altre associazioni. Comune Castellanza, Attori Privati, Ecomuseo e altre associazioni. Promozione del Patrimonio Mondiale Comuni della Valle Olona, FAI, Unesco Castelseprio-Torba e di tutto il Provincia di Varese, Ecomuseo e patrimonio culturale della Valle. altre associazioni. Promozione dell’antica ferrovia della Infrastructure Projects Valmorea. LeNord, Provincia di Varese, Agenzia del Turismo, Ecomuseo e altre associazioni. Comuni della Valle Olona, Promozione della pista Ciclopedonale Provincia di Varese, Agenzia del della Valle Olona. Turismo, Ecomuseo e altre associazioni. Sviluppo di un Brand, uno slogan e altra pubblicità per la Valle Olona. Camera di Commercio di Varese, Provincia di Varese, Agenzia del Turismo. Administrative and Regione Lombardia, Comuni della industriali abbandonate. Organisational Riqualificazione delle installazioni Valle Olona, Attori Privati. Riconoscimento della Valle Olona come ambito unico. Comuni della Valle Olona. Promozione della partecipazione Comuni della Valle Olona, popolare. Ecomuseo e altre associazioni.
  26. 26. Incorporazione nel progetto di svilupppo turistico di tutti gli attori locali, comprese le associazioni. Comuni della Valle Olona, Ecomuseo e altre associazioni. Comuni della Valle Olona, Attrazione degli investitori dell’EXPO 2015 di Milano. Provincia di Varese, Regione Lombardia, Camera di Commercio di Varese, Attori Privati, Ecomuseo e altre associazioni. Provincia di Varese, Regione vetrina per pubblicizzare la Valle Lombardia, Camera di Commercio Olona. City’s Behaviour Impiegare l’EXPO 2015 di Milano come di Varese. Comuni della Valle Olona, Networking e eventi utili alla creazione Provincia di Varese, Camera di di reti di cooperazione. Commercio di Varese, Attori Privati. Creazione di progetti innovativi che ottengano finanziamenti da parte della Provincia di Varese, della Regione Lombardia, dall’Unione Europea, etc. Conservazione e fomento degli eventi enogastronomici, sportivi, folcloristici e culturali presenti nel territorio. Comuni della Valle Olona, PLIS, Parco Pineta, Camera di Commercio di Varese, Attori Privati, Università LIUC, Ecomuseo e altre associazioni. Provincia di Varese, PLIS, Parco Pineta, Comuni della Valle Olona, Attori Privati, Ecomuseo e altre associazioni.
  27. 27. 6. Bibliografía • Cillo, G., Il cicloturismo: strumento di marketing territoriale nel distretto sportivo d'eccellenza per una logica di sviluppo locale, Tesi Finale del Master in Strategia e Pianificazione delle Organizzazioni e degli Eventi Sportivi, 2010. • Corna Pellegrini, G., Studi e osservazioni geografiche sulla regione-città: La media Valle d’Olona, Ed. Vita e Pensiero, Milano, 1969. • García Cuesta, J.L., El Turismo Rural Como Factor Diversificador De Rentas En La Tradicional Economía Agraria, en Estudios Turísticos, No. 132, pp. 47-61, 1996. • Introini, V., Zibetti, P., Il Medio Olona: lineamenti di morfologia paesistica, Macchione Editore, Varese, 1998. • Magini, G., La Valle del fiume Olona, Lombardia NordOvest , Camera di Commercio di Varese, Vol. 3, pp. 15-46, 2004. • Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento per gli Affari Regionali, il Turismo e lo Sport, Turismo Italia 2020: Leadership, Lavoro, Sud, Piano Strategico per lo Sviluppo del Turismo in Italia, Roma 18 Gennaio 2013.

×