Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Divulgazione con l'editoria digitale

512 views

Published on

Primo degli interventi sulle tecnologie di editoria digitale per la divulgazione scientifica. Caratterizzazione del prospect, elementi di marketing e promozione e poi cenni sull'evoluzione degli oggetti dell'editoria digitale e loro status odierno.

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Divulgazione con l'editoria digitale

  1. 1. Antonio Massara, Informamuse Srl che ci faccio qui, e perché Esperti in tecnologie avanzate per la divulgazione della ricerca e la promozione del patrimonio scientifico museale" Palermo, 5 marzo 2015, Astropa
  2. 2. chi è il mio pubblico?
  3. 3. - studenti - professori - genitori - lettori e appassionati - amministratori pubblici - amministratori privati - politici - finanziatori - turisti?
  4. 4. cadere nel marketing
  5. 5. disintermediazione Un nuovo mondo, cose che funzionano e cose che non funzionano più
  6. 6. Business model gutenberghiano ❖ un autore concepito come un eremita; ❖ un editore, produttore e businessman; ❖ un tipografo; ❖ una galassia di librerie sparse in tutto il mondo; ❖ un popolo di lettori con gli interessi più vari
  7. 7. Business model vecchio museo ❖ un curatore concepito come un eremita; ❖ un museo, produttore e businessman; ❖ un allestitore graphic designer; ❖ qualche giornale a fare promozione; ❖ un popolo di curiosi che chiede “che ci fa qui e perchè"
  8. 8. e poi?
  9. 9. su schermo!
  10. 10. autori? vittorio sgarbi philippe daverio ?
  11. 11. autori? ?
  12. 12. autori? http://www.artspace.com/magazine/ art_101/super_curators Name: Hans Ulrich Obrist Affiliation: Serpentine Gallery in London (Co-Director, Exhibitions and Programs, and Director of International Projects) Known For: Being everywhere at once, writing a Brief History of Curating Name: Okwui Enwezor Affiliation: Haus der Kunst in Munich (Director) Known For: As a writer, critic, and editor, as well as a curator, Enzewor serves on numerous curatorial teams and advisory boards. ……..
  13. 13. la prima conseguenza della disintermediazione: ❖ preminenza dei desideri del Prospect: in cosa crede, cosa gli interessa, come vuole rispondere alla domanda “che ci faccio qui e perché?” Scienza? Filosofia? Misticismo? Arte? ❖ rapporto diretto Autore - Pubblico, veicolato in locale e globale, costante nel tempo, permanente nei modi ❖ riduzione dell’importanza di altri media: scuola, università, stampa, televisione
  14. 14. la seconda conseguenza della disintermediazione: ❖ l’autore deve pubblicare, sempre e costantemente, su diversi media, su diverse dimensioni locali e globali; ❖ funziona meglio una persona fisica rispetto ad un brand ❖ DEVE COLLOQUIARE CON IL SUO PROSPECT
  15. 15. la terza conseguenza della disintermediazione:
  16. 16. the Long Tail
  17. 17. assi ❖ no tempo ❖ miliardi di nicchie ❖ no $ ma influencing
  18. 18. il pastore 3.0 fischia emotoni
  19. 19. emotone ❖ ondata ❖ emozione ❖ istantanea ❖ aggregante ❖ pro tempore cit: Mirko Pallera
  20. 20. emotoneè emozione creativa ❖ in televisione è la vs. faccia ❖ in rete è l’emotone, la vostra creazione (della vs. faccia non importa a nessuno) ❖ l’emotone è CONTENT !
  21. 21. content is king and copywriting is the Prime Minister!
  22. 22. neuroni a specchio e cervello narrativo ❖ riproduco quello che vedo ❖ attribuisco quello che sento ❖ m’invento una storia con quello che vedo e che sento ❖ e in tutto ciò mi diverto un sacco
  23. 23. Elie Wiesel “DIO CREO’ L’UOMO PERCHE’ GLI PIACCIONO LE STORIE”
  24. 24. Agli studenti non piacciono gli spinaci, li mangiano perché diventano forti come Braccio di Ferro.
  25. 25. …. bibliotecari mostreranno anche alcuni strumenti per potere salvare in modo sicuro le ricerche effettuate e poterle consultare da qualunque pc o cellulare: si tratta del social "Bookmarking Delicious" per salvare link, citazioni e riferimenti bibliografici e "Flickr, creative commons", il sito web che permette liberamente l'utilizzo e la condivisione delle immagini, previa citazione dell'autore. Gli studenti, divisi in piccoli gruppi e con l'aiuto dei bibliotecari, cercheranno nel catalogo il tema dell'evento (energia eolica); si andrà, poi, nella biblioteca di Ingegneria per una breve visita e per il ritiro "simbolico" dei libri cercati: per gli studenti sarà l'occasione per conoscere una biblioteca universitaria e il suo funzionamento. …. bla bla bla
  26. 26. … Vuoi fare la tua ricerca su Google? Ti diciamo come trovare storie più interessanti con cui stupire i tuoi compagni e i professori. E’ facile! Basta sapere dove cercare e fare le domande giuste. Puoi anche realizzare la tua ricerca in ebook, con un paio di click in più! E’ una caccia al tesoro! …. emozionale, utile, drammatica
  27. 27. supponiamo che ❖ siate un curatore museale e abbiate un copy, quindi che abbiate già chiaro: ❖ mission e concept ❖ prospect ❖ una storia
  28. 28. vi sarà utile ❖ una headline ❖ una sinossi breve e una lunga ❖ prove (commenti, adesioni, recensioni, “hanno detto che”) ❖ un testo breve (800 battute) ❖ un testo lungo (3000 battute) ❖ immagini e graphic design
  29. 29. vi sarà utile diversificarlo per: ❖ prospect ❖ media
  30. 30. insomma vi serve ❖ un progetto editoriale, multicanale e multicliente che sia coerente con il concept.
  31. 31. il digitale
  32. 32. blog, post, recensione, articolo, commento, like, condivisione, anticipazione, descrizione, proposta, editoriale, riflet, brochure, depliant, sito web, portale, app, smartphone app, computer app, mapp/app, totem, 3d, multivision, slide, video, film, documentario, etc etc etc.
  33. 33. blog, post, recensione, articolo, commento, like, condivisione, anticipazione, descrizione, proposta, editoriale, riflet, brochure, depliant, sito web, portale, app, smartphone app, computer app, mapp/app, totem, 3d, multivision, slide, video, film, documentario, etc etc etc. XDIGRAPH
  34. 34. un particolare tipo di Digraph è l’ebook, ossia un Digraph che imita un libro di carta.
  35. 35. I sistemi per produrre ebook in modo facile stanno proliferando. Ci sono almeno 38 tipi diversi di ebook e solo l’pub 3.0 si avvicina ad uno standard. siamo all’inizio di un lungo percorso
  36. 36. Qualunque programma digitale per l’elaborazione di un ebook prevede una fase finale di MONTAGGIO. Quindi occorre avere il materiale da montare. Ovvero, la Storia.
  37. 37. - Storie e contenuti raccontati per videate - Storie fatte non solo di testo, ma anche di contenuti multimediali (immagini, suono, video, …) - La tipografia con cui si presenta il testo può essere fluida - La struttura del racconto può essere ipertestuale Contenuti per eBooK: cinema + web
  38. 38. Il TESTO sullo schermo RESPIRA!
  39. 39. Le storie VIVONO in modi diversi!
  40. 40. REAGISCONO!
  41. 41. Per non perdersi nella rete dei rimandi ipertestuali o nell’ampia scelta di forme/linguaggi in cui una storia può presentarsi, o nel racconto stesso… Quali bussole usare? 1- Storyconcept 2- Structure 3- Storyboard
  42. 42. Ovviamente è indispensabile… qualcosa da RACCONTARE
  43. 43. 2- Organizziamo la storia secondo una struttura: ovvero lo scheletro del racconto secondo un rapporto delle parti che lo compongono Avvertenza!
 Ricorda che hai a disposizione differenti Media:
 
 parole, immagini che possono essere navigate anche indipendentemente dal testo, 
 suoni, musica, frammenti video e link ipertestuali… 
 Non è necessario 
 che siano tutti presenti all’interno della tua storia
  44. 44. 2 - il viaggio dell’eroe
  45. 45. Un esempio:
 
 Storyboard step 1: schema generale dell’eBook Cover Frontsp. Index Part 1 Part 2 Part 3 Note Coloph.
 
 3- Visualizziamo il flusso delle videate con lo storyboard ©
  46. 46. Part 1 Storyboard dettagliato : sviluppo struttura e layout di una singola sezione Erice Frontesp. Part1 Intro Qualche pag. d’introduzione prima del «sentiero» - Poche parole - Immag a pag. intera Elenco con le «parole chiave» legate al tema «la pietra racconta» Ogni «parola chiave» è raccontata in una pagina con breve testo e foto Pag:1 Pag:1 Pag:x Pag:1 Pag:x
  47. 47. Montaggio : impaginazione e ritmo dei contenuti Parte 1 9 p. in tutto … Link sulle Note Link sul web Link sulle Note

×