QUANTO   E’ GRANDE IL MONDO ?! Se il nido d’infanzia è un’avventura Un racconto sui nidi comunali  di Piacenza  Comune di ...
Le cose che facciamo con loro
Se lo si fa insieme è più bello
Con  l’acqua,  altre  sorprese :  questo va giù, questo sta su…quello chi lo sa?
Il gioco continua in cortile. Ancora acqua … e giochi di luce
Con i piedi per terra è possibile farsi cullare da un tappeto verde
accarezzare piano dei fiori, con gli occhi e con le mani.
L’AVVENTURA DELL’IMMAGINAZIONE Quando un mondo non basta  se ne inventano degli altri
Si è e si scopre che si può diventare
che anche l’adulto “può diventare”
Piano piano il burattino prende forma e comincia l’intesa
Dopo  che lo si è tenuto a lungo tra le mani gli si presta la parola
Per inventare dei mondi servono anche le storie Si possono costruire insieme a qualcuno che invita a partecipare.
Nel gioco del racconto i paesaggi e la fantasia cambiano e mescolano oggetti anche molto diversi
LE MISURE DEL MONDO Il gioco con le cose, quando suscita dei perché e sollecita delle spiegazioni, si fa ricerca.
Il gioco con le cose quando suscita dei perché e sollecita delle spiegazioni si fa ricerca
 
IMPARARE CON GLI ALTRI E DAGLI ALTRI
Insieme il gioco si fa più interessante. si scopre, si impara, si condivide.
LO SPAZIO DEL RACCONTO
 
 
Progetto formativo e consulenza espositiva Piero Sacchetto, filosofo dell’educazione Marina Maselli, Pedagogista Context L...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Quanto è grande il mondo: le cose che facciamo con loro- 2/2

1,222 views

Published on

La documentazione che presentiamo fa riferimento alla mostra fotografica dedicata ai nidi d'infanzia comunali di Piacenza, allestita presso il Palazzo Farnese nel novembre 2010.
Ci è parso utile proporre una documentazione sintetica , di questa mostra per alcune sue caratteristiche particolari:

E’ nata come risultato concreto di un percorso formativo* rivolto alle educatrici dei nidi comunali di Piacenza sul tema della documentazione educativa. Come era possibile tradurre operativamente, cioè in un prodotto comunicativo definito e rivolto a un pubblico di non addetti ai lavori, almeno alcune delle riflessioni condivise?
La sfida era davvero impegnativa: anni di esperienza, significato di una politica dell’ente locale, qualità pedagogica del servizio, e tanto altro ancora, da raccogliere in una sintesi efficace e soprattutto comprensibile.
Si è lavorato soprattutto sul linguaggio, pensando e toccando con mano che c’è una stretta relazione tra i modi di raccontare le cose e i modi di pensarle; che scavare intorno e dentro alle parole, ripulirle delle incrostazioni di genericità e tecnicismi abusati è una splendida occasione per ripensare il nostro modo di pensare”. Nello specifico “il bambino” e il modo di intendere il nostro rapporto col bambino.
Cosa succede se alle ” formule pedagogiche” sostituiamo pensieri più organizzati e confrontabili?
Di qui un’idea di mostra e una sua realizzazione tra le tante possibili.
Invano si cercherebbero nella mostra, non solo nella sintesi che presentiamo che pure ne riproduce fedelmente il senso e lo spirito, parole come progetto pedagogico, attività, obiettivo, psicomotricità...

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,222
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
194
Actions
Shares
0
Downloads
12
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Quanto è grande il mondo: le cose che facciamo con loro- 2/2

  1. 1. QUANTO E’ GRANDE IL MONDO ?! Se il nido d’infanzia è un’avventura Un racconto sui nidi comunali di Piacenza Comune di Piacenza
  2. 2. Le cose che facciamo con loro
  3. 3. Se lo si fa insieme è più bello
  4. 4. Con l’acqua, altre sorprese : questo va giù, questo sta su…quello chi lo sa?
  5. 5. Il gioco continua in cortile. Ancora acqua … e giochi di luce
  6. 6. Con i piedi per terra è possibile farsi cullare da un tappeto verde
  7. 7. accarezzare piano dei fiori, con gli occhi e con le mani.
  8. 8. L’AVVENTURA DELL’IMMAGINAZIONE Quando un mondo non basta se ne inventano degli altri
  9. 9. Si è e si scopre che si può diventare
  10. 10. che anche l’adulto “può diventare”
  11. 11. Piano piano il burattino prende forma e comincia l’intesa
  12. 12. Dopo che lo si è tenuto a lungo tra le mani gli si presta la parola
  13. 13. Per inventare dei mondi servono anche le storie Si possono costruire insieme a qualcuno che invita a partecipare.
  14. 14. Nel gioco del racconto i paesaggi e la fantasia cambiano e mescolano oggetti anche molto diversi
  15. 15. LE MISURE DEL MONDO Il gioco con le cose, quando suscita dei perché e sollecita delle spiegazioni, si fa ricerca.
  16. 16. Il gioco con le cose quando suscita dei perché e sollecita delle spiegazioni si fa ricerca
  17. 18. IMPARARE CON GLI ALTRI E DAGLI ALTRI
  18. 19. Insieme il gioco si fa più interessante. si scopre, si impara, si condivide.
  19. 20. LO SPAZIO DEL RACCONTO
  20. 23. Progetto formativo e consulenza espositiva Piero Sacchetto, filosofo dell’educazione Marina Maselli, Pedagogista Context L’arpista Domenica Cifariello Grafica e Allestimento Mostra <ul><li>Team di progetto : </li></ul><ul><li>Elisa Danesi, Daniela Giorgi, Anna Modenesi </li></ul><ul><li>del Coordinamento pedagogico del Comune di Piacenza </li></ul><ul><li>Progetto formativo e consulenza espositiva </li></ul><ul><li>Piero Sacchetto, filosofo dell’educazione </li></ul><ul><li>Marina Maselli, Pedagogista Context </li></ul><ul><li>Realizzazione filmati: CINECLUB PIACENZA </li></ul><ul><li>Riprese e montaggio : Antonio Pizzagalli, Renato Bersani </li></ul><ul><li>Si ringraziano per la gentile collaborazione : </li></ul><ul><li>- il dott. Giuseppe Curallo, presidente dell’associazione CINECLUB PIACENZA </li></ul><ul><li>- gli educatori e il personale di servizio dei Nidi d’Infanzia comunali Aquilone Azzurro, Aquilone Giallo, </li></ul><ul><li>Arcobaleno, Astamblam, Girasole, Girotondo, Pettirosso, Pollicino </li></ul><ul><li>gli educatori che hanno prodotto la documentazione fotografica </li></ul><ul><li>gli educatori e i genitori che si sono prestati per la realizzazione delle interviste: Araldi Mirella, </li></ul><ul><li>Bellingeri Gabriella, Capellini Laura Ciavattini Paola,. Cornelli Grazia, Gazzola Monica, Granelli Laura </li></ul><ul><li>Guarini Lidia. Fermi Francesca Malchiodi Luisella, Moles Chiara, Paganini Stefano, Pelati Elena </li></ul><ul><li>Piga Claudia, Stragliati Elena, Zanni Serena, Gostantini Enzo, Harrak Hakima, Rebecchi Nicoletta </li></ul>Grafica e Allestimento Mostra: Studio Etre

×