Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
RODARI 2.0 
inventiamo fantastiche storie collaborando nel “cloud” 
ISTRUZIONI PER L'USO 
Indicazioni didattiche e tecnich...
INTRODUZIONE 
Prima di iniziare le attività di scrittura creativa, si illustri brevemente agli studenti, 
organizzati per ...
ATTIVITA' 1 
IL BINOMIO FANTASTICO 
1.1NOTE DIDATTICHE 
Si introduce brevemente la tecnica del binimio fantastico, utilizz...
Proseguire con la lettura della storia rodariana, nata dal binomio STRADA e 
CIOCCOLATA: 
Tre fratellini di Barletta una v...
ATTIVITA' 2 
LE CARTE DI PROPP 
2.1NOTE DIDATTICHE 
“ I bambini amano mescolare le carte, improvvisandosi delle regole: es...
Impostare ogni riga con un colore, una dimensione e un colore carattere. 
Nella colonna A scrivere gli incipit. Selezionar...
Attività n.3 
IL PREFISSO FANTASTICO 
3.1 NOTE DIDATTICHE 
“ Dicesi prefisso fantastico qualsiasi prefisso capace di lanci...
Attività n.4 
L'ERRORE CREATIVO 
“ In ogni errore giace la possibilità di una storia. 
Un “libbro” con due “B” sarà soltan...
Attività n.5 
INSALATA DI AGGETTIVI QUALIFICATIVI 
5.1 NOTE DIDATTICHE 
In questa attività si giocherà con un altro caso p...
Attività n.6 
A SBAGLIARE LE STORIE 
6.1 NOTE DIDATTICHE 
“ C'era una volta una bambina che si chiamava Cappuccetto Giallo...
6.2NOTE TECNICHE 
Simile all’esercizio 5, ma con una colonna in più. 
Sarà poi possibile decidere se riordinare una o due ...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Rodari 2.0 istruzioni per l'uso

4,340 views

Published on

Tablet School 3 - ImparaDigitale Milano 15 Novembre 2014

Published in: Education

Rodari 2.0 istruzioni per l'uso

  1. 1. RODARI 2.0 inventiamo fantastiche storie collaborando nel “cloud” ISTRUZIONI PER L'USO Indicazioni didattiche e tecniche per realizzare un laboratorio di scrittura creativa, collaborativa sul cloud, ispirata al testo “La grammatica della fantasia” di Gianni Rodari a cura di Stefania Bassi e Marina Lodigiani 1
  2. 2. INTRODUZIONE Prima di iniziare le attività di scrittura creativa, si illustri brevemente agli studenti, organizzati per coppie di lavoro, lo strumento che verrà utilizzato: un foglio di calcolo condiviso tra tutti i device, sul quale sarà possibile scrivere in contemporanea; per evitare sovrapposizioni durante la scrittura, a ciascun gruppo verrà assegnato un colore che, in ogni esercizio creativo, distinguerà le caselle in cui digitare. Questo laboratorio di scrittura collaborativa e creativa utilizza DRIVE, un'applicazione di Google, che offre gratuitamente uno spazio di archiviazione di documenti online. Attraverso l'accesso con un account Google, si possono creare file di diverso genere e accederevi da qualunque device collegato in rete. Drive permette anche di lavorare a distanza e contemporaneamente sullo stesso documento con più persone. Per poter utilizzare il servizio è necessaria la registrazione e la creazione di un account personale. Google non permette ad una singola persona di registrarsi più volte, ma offre alla scuola un servizio esclusivo che permette ad ogni studente di avere il proprio account e tutti i servizi ad esso correlati, tra cui google drive che verrà utilizzato in questo laboratorio. Maggiori informazioni https://www.google.com/work/apps/education/ Le attività di scrittura collaborativa può essere eseguita da pc o da tablet. Per una migliore gestione degli esercizi consigliamo di utilizzare diversi fogli all’interno di un unico file. Per aggiungere un foglio: tasto + in basso a sinistra Per rinominare il foglio: tasto destro sul nome del foglio (generalmente foglio1, foglio2…), rinomina. N.B. Se non diversamente specificato, tutte le parti in grigio e corsivo sono tratte da G.Rodari, La grammatica della fantasia, Introduzione all'arte di inventare storie, Einaudi Ragazzi, 2010 2
  3. 3. ATTIVITA' 1 IL BINOMIO FANTASTICO 1.1NOTE DIDATTICHE Si introduce brevemente la tecnica del binimio fantastico, utilizzata moltissimo da Rodari nell'invenzione delle sue storie. “ Occorre una certa distanza tra le due parole, occorre che l’una sia sufficientemente estranea all’altra, e il loro accostamento discretamente insolito, perché l’immaginazione sia costretta a mettersi in moto per istruire tra loro una parentela, per costruire un insieme fantastico in cui i due elementi estranei possano convivere. (…) Nel binomio fantastico le due parole non sono prese nel loro significato quotidiano, ma liberate dalle catene verbali di cui fanno parte quotidianamente. Esse sono estraniate, spaesate, gettate l’una contro l’altra in un cielo mai visto prima. ” 3
  4. 4. Proseguire con la lettura della storia rodariana, nata dal binomio STRADA e CIOCCOLATA: Tre fratellini di Barletta una volta, camminando per la campagna, trovarono una strada liscia liscia e tutta marrone. “Che sarà?” disse il primo. “Legno non è,” disse il secondo. “Non è carbone,” disse il terzo. Per saperne di più si inginocchiarono tutti e tre e diedero una leccatina. Era cioccolato, era una strada di cioccolato. Cominciarono a mangiarne un pezzetto, poi un altro pezzetto, venne la sera e i tre fratellini erano ancora lì che mangiavano la strada di ciccolato, fin che non ce ne fu più neanche un quadratino. Non c’era più né il cioccolato né la strada. “Dove siamo?” domandò il primo. “Non siamo a Bari,” disse il secondo. “Non siamo a Molfetta,” disse il terzo. Non sapevano proprio come fare. Per fortuna ecco arrivare dai campi un contadino col suo carretto. “Vi porto a casa io,” disse il contadino. E li portò fino a Barletta, fin sulla porta di casa. Nello smontare dal carretto si accorsero che era fatto tutto di biscotto. Senza dire né uno né due cominciarono a mangiarselo, e non lasciarono né le ruote né le stanghe. Tre fratellini così fortunati, a Barletta, non c’erano mai stati prima e chissà quando ci saranno un’altra volta. G.Rodari, Favole al telefono, Einaudi Ragazzi, 2010 Si inizia l'attività: ogni coppia di alunni dovrà scrivere una parola a piacere nella casella contraddistinta dal colore assegnato inizialmente. Dopo che tutti avranno scritto le parole, si leggeranno i binomi così formati e, collettivamente si sceglieranno i due ritenuti più interessanti per lo sviluppo successivo di una storia. 1.2 NOTE TECNICHE Impostare in dieci caselle dieci colori diversi. Si consiglia di formattare le celle in modo da permettere agli studenti di scrivere senza doversi preoccupare di dimensione e colore testo. (Ad esempio impostare per tutte le celle una dimensione carattere adeguata e il colore del testo nero per le caselle con colori chiari e bianco per quelle con colori scuri) 4
  5. 5. ATTIVITA' 2 LE CARTE DI PROPP 2.1NOTE DIDATTICHE “ I bambini amano mescolare le carte, improvvisandosi delle regole: estrarne tre a caso e costruirci una storia completa; partire dall'ultima carta della serie; dividersi il mazzo, tra due gruppi, e comporre due storie a gara. Spesso basta una carta a suggerire una favola. ” Questa attività è ispirata alle famose Carte di Propp, citate spesso ne “La grammatica della fantasia”, con particolare riferimento alla struttura generale delle carte: 1. Equilibrio iniziale, al quale corrisponde “C'era una volta” 2. Rottura dell'equilibrio iniziale, al quale corrisponde “Un brutto giorno” 3. Peripezie dell'eroe, al quale corrisponde “Allora...” 4. Ristabilimento dell'equilibrio, al quale corrisponde “Fortunatamente” ed “Infine” Si propone agli alunni di sviluppare sinteticamente la trama dei due binomi scelti nella precedente attività: la scrittura procederà con modalità “a staffetta”. Cominceranno a scrivere solo i gruppi con il colore corrispondente alla riga “C'era una volta”; apparsa sul foglio la prima frase, comincerann a digitare gli alunni del secondo gruppo, scrivendo una frase in corrispondenza della riga “Un brutto giorno” e così via. A conclusione dell'attività, lettura delle due storie e breve commento sull'esperienza. 2.2NOTE TECNICHE 5
  6. 6. Impostare ogni riga con un colore, una dimensione e un colore carattere. Nella colonna A scrivere gli incipit. Selezionare le celle successive (6 o 7) di ogni colore ed unirle per permettere agli studenti di avere spazio sufficiente per completare la frase. 6
  7. 7. Attività n.3 IL PREFISSO FANTASTICO 3.1 NOTE DIDATTICHE “ Dicesi prefisso fantastico qualsiasi prefisso capace di lanciare una parola vecchia in una favola nuova. Ecco la parola "ombrello". Il prefisso "anti" sarà sufficiente a darci un "anti-ombrello". Immaginarne gli usi. Si prenda una lettera qualunque, ad esempio la lettera "S", e la si collochi davanti a qualsiasi parola. A un certo punto, si otterrà una parola fantastica producente, ossia piena di favola come un uovo è pieno del suo pulcino. Per esempio la parola "s-temperino": essa indicherà, ovviamente, il contrario del temperino. Invece che a temperare le matite servirà ad allungarle, quando sono state troppo temperate. Sua utilità nelle scuole. Proteste dei cartolai, eccetera. ” Si introduce sinteticamente la tecnica creativa del prefisso fantastico, che può essere considerato un caso particolare di binomio fantastico, formato da un prefisso associato in maniera dissonante ad una parola: es. il mini-ippopotamo, lo s-cannone,etc. Prima dell'inizio dell'attività, si chieda agli alunni di elencare diversi prefissi: super, bi, tri,s-, anti, mega, maxi, mini, super, etc. Si invitano poi gli alunni a scrivere una qualsiasi parola nella seconda colonna, sempre nella casella corrispondente al loro colore. Successivamente il gruppo lavorerà nella prima colonna, in corrispondenza della parola scritta da un altro gruppo, per abbinarvi un prefisso che generi l'effetto “fantastico” . Seguirà breve discussione sui binomi con maggiore potenziale creativo. 7
  8. 8. Attività n.4 L'ERRORE CREATIVO “ In ogni errore giace la possibilità di una storia. Un “libbro” con due “B” sarà soltanto un libro più pesante degli altri, o un libro sbagliato, o un libro specialissimo? Una “rivoltela” con una sola “L” sparerà pallottole, piumini o violette?[…] Acqua e “acua” (senza la Q) rimangono parenti strettissimi: il significato del secondo si può soltanto desumere dal significato del primo. È una malattia del primo significato. Ciò risultata chiaro dall’esempio “cuore” e “quore”: il “quore”è senz’ombra di dubbio un cuore malato. Ha bisogno di vitamina C. ” 4.1 NOTE DIDATTICHE Inizialmente ciascun gruppo dovrà scrivere una parola qualsiasi nella prima colonna. Successivamente il gruppo lavorerà nella colonna adiacente, in corrispondenza della parola scritta da un altro gruppo, introducendo un errore “creativo” e annotando un breve sviluppo fantastico. 4.2 NOTE TECNICHE Una colonna di celle ognuna di un colore diverso per la parola corretta. Nelle due celle adiacenti, per la parola con errore creativo, utilizzare un colore diverso. 8
  9. 9. Attività n.5 INSALATA DI AGGETTIVI QUALIFICATIVI 5.1 NOTE DIDATTICHE In questa attività si giocherà con un altro caso particolare di binomio fantastico formato, questa volta, da un soggetto e da un aggettivo qualificativo. Inizialmente ciascun gruppo dovrà scrivere nella riga contraddistinta dal proprio colore, un soggetto e un aggettivo che descriva il primo in maniera didascalica. L'elemento fantastico sarà poi introdotto dall'insegnante che, riordinando la colonna degli aggettivi in ordine alfabetico, creerà dei binomi più o meno fantastici. Seguirà discussione sulle accoppiate ritenute maggiormente riuscite dal punto di vista fantastico. 5.2 NOTE TECNICHE Preparare una serie di celle adiacenti con lo stesso colore, sempre formattando dimensione e colore del testo. Una volta che gli alunni hanno inserito gli elementi, selezionate tutta la colonna degli aggettivi e utilizzando la specifica funzione, riordinatela dalla A alla Z. (Selezionare le celle contententi le parole- Cliccare sul menù dati - Scegliere ordina intervallo. Dalla finestra che si apre è possibile scegliere A-->Z o viceversa) 9
  10. 10. Attività n.6 A SBAGLIARE LE STORIE 6.1 NOTE DIDATTICHE “ C'era una volta una bambina che si chiamava Cappuccetto Giallo. - No, Rosso! - Ah, sì, Cappuccetto Rosso. La sua mamma la chiamò e le disse: Senti, Cappuccetto Verde... - Ma no, Rosso! - Ah, sì , Rosso. Vai dalla Zia Diomira a portarle questa buccia di patata. - No: vai dalla nonna a portarle questa focaccia. - Va bene. La bambina andò nel bosco e incontrò una giraffa. - Che confusione! Incontrò un lupo, non una giraffa. - E il lupo le domandò: Quanto fa sei per otto? - Nente affatto. Il lupo le chiese: Dove vai? - Hai ragione. E Cappuccetto Nero rispose... - Era Cappuccetto Rosso, Rosso, Rosso! ” Si chiede agli alunni di compilare le caselle corrispondenti a CHI- COSA FA- DOVE, senza lavorare di fantasia, ma scegliendo uno sviluppo prevedibile del soggetto scelto (es. Babbo Natale- vola con le renne- nel cielo stellato). La nota imprevista, lo spunto comico e creativo, viene introdotto dall'insegnante che, impostando le colonne in ordine alfabetico, destruttura in maniera imprevedibile le frasi. Seguirà breve discussione sulle frasi ritenute maggiormente promettenti dal punto di vista fantastico. 10
  11. 11. 6.2NOTE TECNICHE Simile all’esercizio 5, ma con una colonna in più. Sarà poi possibile decidere se riordinare una o due colonne (la procedura di riordino deve essere eseguita prima su una colonna poi sull’altra). BIBLIOGRAFIA G.Rodari La grammatica della fantasia Introduzione all'arte di inventare storie Einaudi Ragazzi, 2010 G.Rodari I cinque libri Storie fantastiche, favole, filastrocche Einaudi Tascabili, 2005 11

×