Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

sv.linguaggio

644 views

Published on

Published in: Internet
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

sv.linguaggio

  1. 1. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia Lo Sviluppo del Linguaggio (e della Comunicazione)
  2. 2. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia GLI AMBITI CLASSICI DELLO SVILUPPO SV. FISICO-CEREBRALE SV. SENSORIALE-PERCETTIVO SV. MOTORIO SVILUPPO COGNITIVO SV. EMOTIVO-RELAZIONALE SV. SOCIALE SV. MORALE SVILUPPO COMUNICATIVO E LINGUISTICO
  3. 3. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia Il linguaggio è un sistema comunicativo molto complesso, e di conseguenza è complesso il suo studio, e in particolare lo studio del suo sviluppo. Molteplicità dei livelli di analisi Molteplicità di proprietà e funzioni LA COMPLESSITA’ DEL LINGUAGGIO
  4. 4. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia >>> Pragmatica! >>> Semantica! >>> Fonologia!Suono! Significato! Contesto! Lessico (le categorie di parole)! Morfologia! ! Sintassi! Grammatica! (forma + combinazione delle parole) Conversazione! Funzioni comunicative! Discorso! I LIVELLI DI ANALISI DEL LINGUAGGIO! La composizione e le funzioni del linguaggio!
  5. 5. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia Creatività/Produttività! Chi parla una lingua può produrre un numero infinito di messaggi combinando tra loro un numero finito di unità base di quella lingua.! Arbitrarietà! La relazione tra suoni e significati è arbitraria: il significato non può essere ricavato dalla forma del suono, pertanto deve essere appreso e trasmesso culturalmente.! LE PROPRIETA’ DEL LINGUAGGIO! Referenzialità! I segni linguistici si riferiscono ad oggetti ed eventi esterni al linguaggio stesso. ! Autoreferenzialità! Il linguaggio è un codice (sistema di segni) che rimanda a se stesso, è autonomo e autosufficiente (può spiegare i propri significati attraverso espressioni linguistiche complesse).!
  6. 6. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia Lo sviluppo del linguaggio ! Il linguaggio è una capacità unicamente umana che corrisponde alla più straordinaria conquista del bambino nei primi anni di vita.! Le domande: ! • Quando e come i bambini imparano a segmentare il flusso continuo di suoni e a produrre correttamente i suoni corrispondenti alle parole?! • Come fanno a capire che i suoni si riferiscono ad aspetti della realtà! • Quando e come imparano le parole e i modi per combinarle in sequenze per poter generare frasi nuove ! Ø  Complessità! Ø  Precocità dell’acquisizione! Ø  Spontaneità dell’acquisizione! Ø  Il fatto che è presente solo! nell’uomo ! Rendono lo sv. linguistico un ambito privilegiato per la controversia natura/ cultura! Gli approcci allo studio dello sv. del linguaggio!
  7. 7. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia Lo sviluppo del linguaggio ! Lo sviluppo fonologico >>> produzione dei suoni linguistici
 Pianto >> vocalizzazioni >> parole! Lo sviluppo lessicale >>> produzione delle parole e costruzione 
 ! ! ! del vocabolario
 Protoparole >> parole >> esplosione del vocabolario ! Lo sviluppo morfosintattico >>> costruzione delle frasi
 Uso dei suffissi e prefissi (singolare/plurale, maschile/femminile, coniugazione verbi)
 Combinazioni di parole secondo le regole della propria lingua!
  8. 8. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia Lo sviluppo del linguaggio ! La competenza linguistica:
 !La capacità di trasmettere contenuti di conoscenza sufficientemente differenziati e articolati, di produrre messaggi in funzione dei propri scopi comunicativi! La competenza comunicativa:
 !La capacità di utilizzare le modalità comunicative e linguistiche più appropriate agli obiettivi del parlante, alle caratteristiche dell’interlocutore, al contesto sociale e al contenuto della comunicazione per realizzare i propri intenti conoscitivi e sociali.! si sviluppa prima di! Capacità comunicativa Linguaggio
  9. 9. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia Dipende dallo sviluppo cognitivo Dipende dallo sviluppo sociale Acquisizione del linguaggio Dipende da predisposizioni biologiche Dipende dall’acquisizione di conoscenze condivise dalla cultura di appartenenza Acquisizione del linguaggio Le questioni centrali per lo sviluppo del linguaggio (1) !
  10. 10. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia Ø Quali sono i prerequisiti cognitivi che consentono l’apprendimento del linguaggio?
 Cognizione >> Linguaggio! Ø In che modo il linguaggio influisce sul pensiero, sulle capacità cognitive e comunicative? Il linguaggio consente la formazione di livelli di conoscenza e di adattamento all’ambiente specifici?
 Linguaggio >> Cognizione! Il rapporto tra linguaggio e pensiero è bidirezionale:! Le questioni centrali per lo sviluppo del linguaggio (2) !
  11. 11. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia Le questioni centrali per lo sviluppo del linguaggio (3) ! Ø  Complessità! Ø  Precocità dell’acquisizione! Ø  Spontaneità dell’acquisizione! Ø  Il fatto che è presente solo! nell’uomo ! Rendono lo sv. linguistico un ambito privilegiato per la controversia natura/cultura! ! Nell’architettura neuro-cognitiva dell’essere umano esiste un’intrinseca capacità di produrre e di comprendere il codice linguistico?! ! Approccio associazionista! Approccio innatista! Approccio costruttivista!
  12. 12. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia Le posizioni classiche sullo sviluppo del linguaggio! v Approccio associazionista (Skinner, anni ‘50).! !Il linguaggio è appreso grazie ai medesimi meccanismi che presiedono !ad ogni altra forma di apprendimento (imitazione, rinforzo).! v Approccio innatista (Noam Chomsky, posizione attuale).! !Tutti i linguaggi umani sono caratterizzati da regole specifiche e comuni !(verbo, oggetto, soggetto; parole costruite combinando i suoni e parole !combinate in frasi).! !Principi universali innati che diventano attivi quando maturano i circuiti !cerebrali ad essi corrispondenti! !+! !Parametri con range di valori possibili prefissati tra cui il bambino sceglie.! ! !E’ la Teoria della modularità >> il linguaggio viene acquisito e mantenuto !grazie ad una speciale “facoltà” che è indipendente dalle altre !facoltà ! !della mente e del cervello.! ! !>> Discontinuità filogenetica: il linguaggio è il risultato di un’improvvisa !mutazione che ha portato all’emergere di una nuova abilità complessa.!
  13. 13. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia ü Perché si impara a parlare in maniera rapida ü Perché le tappe dello sviluppo linguistico sono le stesse in tutte le culture e le classi sociali ü Perché il bambino è in grado di produrre e capire espressioni mai sentite in precedenza (creatività) ü Perché il linguaggio che il bambino produce è più ricco di quello a cui è stato esposto La teoria di Chomsky spiega Le posizioni classiche sullo sviluppo del linguaggio!
  14. 14. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia Le posizioni classiche sullo sviluppo del linguaggio! Approccio costruttivista (cognitivo-funzionalista) (Elisabeth Bates, anni ‘90, oggi).! Le abilità e le conoscenze linguistiche si sviluppano grazie all’integrazione e ricombinazione di sistemi neurali e mentali diversi, che esistono anche in altre specie e che svolgono anche funzioni non linguistiche. ! ! Il linguaggio è acquisito e mantenuto attraverso processi mentali/neurali che condivide con altri domini percettivi, cognitivi e affettivi.! ! >> continuità filogenetica: il linguaggio si è evoluto gradualmente da abilità preesistenti. Le componenti del linguaggio sono presenti nei primati non umani.!
  15. 15. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia Le fasi dello sviluppo comunicativo e linguistico! 1° anno >> COMUNICAZIONE prelinguistica --> linguistica 2° anno >> comprensione e produzione delle prime PAROLE 3°-4° anno >> dalle parole alle FRASI: l’acquisizione della GRAMMATICA e la competenza linguistica Età scolare >>la consapevolezza METALINGUISTICA e la competenza comunicativa
  16. 16. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia Non si può parlare di sviluppo del linguaggio senza inserirlo all’interno di una più ampia CAPACITA’ COMUNICATIVA Lo sviluppo comunicativo pre-linguistico precede e prepara la comparsa del linguaggio, attraverso l’evoluzione dei suoni che il bambino produce spontaneamente in suoni dotati di significati = parole l’evoluzione di espressioni e gesti comunicativi Dalla comunicazione prelinguistica alle parole!
  17. 17. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia l primi mezzi di comunicazione non verbale! L’espressione facciale delle emozioni: il SORRISO! I suoni non-comunicativi:! il PIANTO,! le VOCALIZZAZIONI! I gesti:! INDICAZIONE e SGUARDO!
  18. 18. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia Il sorriso Endogeno (riflesso) Esogeno Selettivo, Strumentale l primi mezzi di comunicazione non verbale: le espressioni emotive! tempo!nascita! 2 mesi! 3 mesi!
  19. 19. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 0-1 mese Suoni di natura vegetativa •  Pianto (emissione vocale inarticolata; di fame, di dolore, di irritazione) •  Sbadigli, ruttini, gorgoglii 2-6 mesi Vocalizzazioni Si inseriscono tra i turni verbali del genitore (proto-conversazioni) 6-7 mesi Lallazione canonica Il bambino produce sequenze consonante- vocale con le stesse caratteristiche delle sillabe, ripetute più volte (i.e. baba gaga) Prime emissioni vocali articolate. NESSUNA INTENZIONALITA’ COMUNICATIVA L’intenzionalità comunicativa si verifica quando l’emissione di un messaggio è finallizzato al raggiungimento di un obiettivo, e controllato. l primi mezzi di comunicazione non verbale: i suoni non linguistici! Le tappe dello sviluppo fonologico!
  20. 20. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 2287 ms! 507 ms! l primi mezzi di comunicazione non verbale: lo sguardo e l’attenzione condivisa! Dalla nascita e nei primi mesi di vita gli OCCHI sono la porzione del volto che attrae maggiormente l’attenzione dei bambini.! Grazie a questa sensibilità si costruiscono le interazioni DIADICHE (interazioni faccia-a- faccia): il comune oggetto d’attenzione è l’altro.!
  21. 21. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia Successivamente (5 mesi) il gesto dell’indicazione (pointing) viene usato insieme allo sguardo per dirigere l’attenzione dell’interlocutore verso un oggetto di interesse comune. --> nascono le interazioni triadiche (adulto + bambino + oggetto): il focus dell’attenzione congiunta è il mondo esterno l primi mezzi di comunicazione non verbale: l’indicazione e l’attenzione condivisa! Nasce l’intenzionalità comunicativa
  22. 22. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia Rispetto ad altre azioni i gesti comunicativi vengono prodotti a distanza e non implicano nessun contatto con il destinatario della comunicazione. Sono sempre accompagnati dallo sguardo che viene rivolto alternativamente verso il bersaglio e verso il destinatario. l gesti e l’emergere dell’ intenzionalità comunicativa! Manifestano un’intenzionalità comunicativa. Ne esistono di diversi tipi, di complessità crescente
  23. 23. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia I gesti comunicativi (+ sguardo)! Gesti DEITTICI, o performativi (dai 6.8 mesi) Esprimono un’intenzione comunicativa e si riferiscono ad un oggetto-evento che si può individuare osservando il contesto (es.: stendere le braccia in alto; aprire e chiudere ritmicamente il palmo della mano; indicare) Sono utilizzati con finalità comunicative di complessità crescente: Gesti RICHIESTIVI Gesti DICHIARATIVI 8-9 mesi Il b. chiede l’intervento dell’adulto per raggiungere uno scopo 10-12 mesi Il b. chiede l’attenzione dell’adulto per condividere l’interesse per un aspetto della realtà (indicazione + vocalizzazione/ espressione facciale che fa da commento)
  24. 24. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia I gesti comunicativi (+ sguardo)! Forme di comunicazione RICHIESTIVE Mirano a influenzare il COMPORTAMENTO degli altri (l’adulto deve fare qualcosa) Forme di comunicazione DICHIARATIVE Mirano a influenzare gli STATI MENTALI degli altri (l’adulto deve condividere con il bambino l’interesse per qualcosa) L’uso delle forme richiestive è possibile, oltre che nell’infante umano, anche in altre specie animali e nei bambini autistici. L’uso delle forme dichiarative richiede una prospettiva RAPPRESENTAZIONALE
  25. 25. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia I gesti comunicativi (+ sguardo)! Gesti REFERENZIALI, o rappresentativi Esprimono un’intenzione comunicativa e rappresentano un referente specifico. Il loro significato cioè non varia in funzione del contesto. (es.: salutare con la mano, fare no con la testa, nominare un oggetto attraverso i gesti) • Hanno origine sociale, nascono all’interno di routine sociali o di giochi con l’adulto e vengono appresi per imitazione.! • Fanno da ponte per l’apprendimento del linguaggio perché hanno natura convenzionale, ma hanno portata esplicativa limitata per la loro natura iconica.!
  26. 26. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia La nascita dell’INTENZIONALITA’ COMUNICATIVA! L’intenzionalità comunicativa si verifica quando l’emissione di un messaggio è finalizzato e controllato. Come si sviluppa l’intenzionalità comunicativa? 0-8 mesi Preintenzionale Il bambino cerca di afferrare un oggetto senza mai guardare la mamma 8-12 mesi Intenzionale Il bambino indica un oggetto guardando il padre ed emettendo dei suoni 12+ Linguistica La bambini dice ripetutamente “cotto”, per ottenere dalla mamma un biscotto
  27. 27. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia La nascita dell’INTENZIONALITA’ COMUNICATIVA! L’intenzionalità comunicativa è resa possibile da: Abilità cognitive (Piaget) Distinzione mezzi-fini (sviluppo sell’intelligenza sensomotoria, 8-12 mesi) Dalle forme richiestive alle forme dichiarative. Abilità sociali (Bates) Consapevolezza dell’efficacia dei propri segnali comunicativi. Ruolo dell’adulto che interpreta i segnali (“come se”) e attribuisce loro un significato condiviso.
  28. 28. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia Dai gesti comunicativi alle prime parole! I gesti vengono progressivamente sostituiti dalle parole. All’aumentare del vocabolario diminuisce il numero di gesti prodotti, fino a quasi scomparire quando il bambino possiede un vocabolario di circa 50 parole. Relazione tra repertorio gestuale e vocale nello sviluppo Periodo in cui il bambino usa gesti referenziali Comparsa delle prime parole Periodo in cui il vocabolario raggiunge le 50 parole Diminuzione dell’uso di gesti referenziali
  29. 29. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 0-1 mese Suoni di natura vegetativa •  Pianto (emissione vocale inarticolata; di fame, di dolore, di irritazione) •  Sbadigli, ruttini, gorgoglii 2-6 mesi Vocalizzazioni Si inseriscono tra i turni verbali del genitore (proto-conversazioni) 6-7 mesi Lallazione canonica Il bambino produce sequenze consonante- vocale con le stesse caratteristiche delle sillabe, ripetute più volte (baba, gaga) Prime emissioni vocali articolate. 10-12 mesi Lallazione variata Il bambino produce sequenze sillabiche complesse, variate (i.e. baga). Primi suoni con caratteristiche analoghe a quelle della lingua di appartenenza. Le tappe dello sviluppo fonologico! Dai suoni non linguistici alle prime parole!
  30. 30. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia lallazione tatata parola tata = bambino Dai suoni non linguistici alle prime parole! Le ricerche più recenti evidenziano come il bambino !utilizzi, nel formare le prime parole, le sequenze!fonetiche già sperimentate nella lallazione, e sottolineano una CONTINUITA’ tra la produzione dei primi suoni! e le prime “vere” parole.! am am = quando la mamma porta da mangiare PROTOPAROLE (12 mesi)
  31. 31. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia Lo sviluppo lessicale! Compaiono in media tra gli 11 e i 13 mesi ! (circa 10 parole a 12 mesi).! Fase del lessico emergente 12-16 mesi circa L’ampiezza del vocabolario si attesta in media sulle 50 parole 17-24 mesi circa Brusca impennata nell’accrescimento di nuove parole: 5-40 parole alla settimana. Compaiono le parole-contenuto (verbi, aggettivi), parole-funzione (pronomi,articoli…) Fase della! esplosione! del vocabolario!
  32. 32. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia Le prime parole: la fase del LESSICO EMERGENTE! ! Ø Le prime 50 parole si riferiscono a persone e oggetti familiari, azioni abituali, servono a interagire con le altre persone (ciao, no, bravo).! Ø Sono NOMI concreti, riferiti ad elementi dell’ambiente di facile individuazione (no articoli, pronomi).! Ø Sono legate a specifici contesti e sono parte integrante delle azioni in corso. Riferite a oggetti specifici e usate per commentare o descrivere quello che sta succedendo.! Hanno carattere NON-REFERENZIALE.!
  33. 33. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia Le prime parole: la fase del LESSICO EMERGENTE! Ø Le prime parole vengono apprese in contesti interattivi, in cui l’adulto fornisce indizi contestuali che aiutano il bambino a individuare le corrispondenze tra elementi linguistici e non linguistici (ARBITRARIETA’ del linguaggio).! Ø Vengono apprese in modo indiretto, attraverso la semplice esposizione a interazioni comunicative tra parlanti attraverso le quali il bambino inferisce la relazione tra nome e oggetto. ! !
  34. 34. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia Il significato delle prime parole! Il bambino costruisce il significato delle parole sulla base delle somiglianze percettive tra gli oggetti o eventi Clark 1973 Nelson 1974 Il bambino categorizza all’inizio le somiglianze funzionali, cioè l’uso degli oggetti e le loro proprietà dinamiche. Ipotesi del NUCLEO FUNZIONALE Due diverse teorie sulla costruzione del significato delle prime parole:
  35. 35. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia Il significato delle prime parole! Le prime parole denotano un livello di categorizzazione DI BASE! “gatto”! “animale”! “siamese”! “cane”! “bassoto”! E’ il livello che corrisponde alle differenze percettive più evidenti!
  36. 36. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia Errore di sottoestensione Il bambino chiama “bambola” esclusivamente la sua bambola preferita Errore di sovraestensione Il bambino chiama “cane” qualsiasi animale a quattro zampe Errore di sovrapposizione Il bambino usa “aprire” per riferirsi non soltanto all’azione di aprire una porta, ma anche all’azione di accendere la luce Errori tipici nelle prime fasi dello sviluppo lessicale Si verifica più spesso nella produzione: espediente per compensare la limitatezza del lessico. Legato ad un uso non-referenziale, contestualizzato delle parole.
  37. 37. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia Nella fase dell’esplosione del vocabolario (18 mesi) compare l’uso referenziale delle parole: vengono estese ad esemplari diversi di una stessa categoria.! ! Il linguaggio si DECONTESTUALIZZA: si sgancia dal contesto extra-linguistico da cui ha avuto origine. ! Viene raggiunta la proprietà della arbitrarietà.! ! In parallelo gli ambiti di attribuzione categoriale di una parola si restringono progressivamente ai referenti adeguati! ! Es: “cane” per tutti quadrupedi --> “cane” solo per i cani.! ! L’esplosione del vocabolario!
  38. 38. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia Lo sviluppo della grammatica! Grammatica= morfologia + sintassi! Morfologia: studia l’acquisizione dei suffissi e dei prefissi che servono a:! - formare il singolare/plurale oppure il maschile/femminile dei nomi, aggettivi;! - coniugare i verbi oppure gli articoli;! - derivare un nome dall’altro (forno- fornaio) studia in che modo il bambino apprende a costruire combinazioni di parole che rispettino le regole della propria lingua (es. la posizione degli aggettivi nella lingua inglese vs italiana)! Sintassi:
  39. 39. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia Lo sviluppo della grammatica! Verso i 18 mesi, quando il repertorio lessicale ha raggiunto le 100 parole, compaiono le prime combinazioni di due-tre parole.! Linguaggio telegrafico; fase presintattica: ! inizialmente sono parole-contenuto giustapposte, senza intonazione comune e prive di parole-funzione. ! Sono guidate da relazioni semantiche (es: i componenti dell’azione: agente-azione-oggetto)! !
  40. 40. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia Lo sviluppo della grammatica! Esempi di linguaggio telegrafico! Relazione! Enunciato! Situazione! Agente-azione! Azione-oggetto! Azione-recipiente! Agente-oggetto! Rifiuto! Richiesta! Non-esistenza! Uomo-piange! Un omino giocattolo è appena caduto dal tavolo! Dà-palla! La mamma dà al bambino la palla che tiene in mano! Dà-mamma! Il b. dà la palla alla m.! Mamma-palla! Il b. dà la palla alla m.! No-sapone! Dà-palla! Più-papà! Il b. rifiuta di lavarsi! Il b. indica una palla! Il p. è appena uscito!
  41. 41. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia Morfologia verbale Morfologia nominale 3 anni in produzione 7 anni in comprensione 3 anni Accordo tra soggetto e verbo (persona e numero) es.: il gatto insegue i cani La mela mangia la bambina Forme del genere (m/f) e del numero (singolare/plurale) relative ai nomi Morfologia pronominale 3-4 anni Pronomi personali (io/tu,me/ te-->noi/voi/essi) Es. di errori: mangio io? Il cacciavite di me Lo sviluppo morfo-sintattico! Lo sviluppo della grammatica!
  42. 42. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia L’età prescolare: il linguaggio narrativo! In età prescolare il linguaggio è usato a scopo narrativo: linguaggio narrativo.! •  Prolungamento dell’intersoggettività basato sulla condivisione mentale, anziché fisica.! ! •  Consente la formazione di unità rappresentazionali più ampie di quelle possibili in precedenza attraverso i sensi.! ! •  Obbliga il pensiero ad una scansione più analitica dell’esperienza. Da una rappresentazione parallela a una rappresentazione seriale.! ! •  LIMITE: è ancora un linguaggio soggettivistico, psicologico, non logico.!
  43. 43. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia L’età scolare: lo sviluppo della pragmatica! La pragmatica si riferisce alla capacità di comunicare in modo efficace: adattare lo stile della conversazione in funzione dell’interlocutore, e di tenere conto del punto di vista dell’interlocutore e dei suoi bisogni comunicativi.! ! Si sviluppa pienamente in età scolare (entro gli 8-9 anni).! ! !
  44. 44. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia Gli usi del linguaggio: lo sviluppo della pragmatica! Piaget: tra i 2 e i 7 anni il linguaggio è egocentrico: i bambini non compiono sforzi per comprendere ed essere compresi, per spiegare il proprio punto di vista e comprendere quello degli altri.! Già a 3 anni adattano il proprio stile conversazionale in funzione dell’età dell’interlocutore:! Disconferme, dimostrazioni --> verso i + piccoli! Conferme, chiarificazioni --> verso i coetanei! In realtà… !
  45. 45. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia In età prescolare, fino a circa 8 anni, i bambini comunicano efficacemente quando il referente da descrivere è semplice o familiare ma falliscono quando il referente è complesso, insolito, ambiguo:! Es: descrizione ad un adulto/coetaneo di una figura che l’interlocutore non può vedere! Gli usi del linguaggio: lo sviluppo della pragmatica! Figure senza senso che differiscono per un dettaglio! Oggetti ambigui!
  46. 46. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia Nell’età scolare il bambino diventa capace di trattare le forme del linguaggio come oggetto di analisi, considerarle per se stesse piuttosto che come veicolo di significati. ! Verbi che si riferiscono a stati mentali 3 anni termini emotivi 4 anni termini cognitivi Triste, contento, buono,cattivo Credere,pensare,immaginare,fare finta Pregare, maledire, promettere, ordinare Parole, frasi, sillabe, lettere Verbi che si riferiscono ad atti linguistici Termini con cui ci si riferisce a parti o unità del codice linguistico La consapevolezza meta-linguistica!
  47. 47. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia Le differenze individuali nello sviluppo linguistico! Differenze nel RITMO di ACQUISIZIONE! Tutti i bambini condividono medesime “tappe evolutive”, ma le raggiungono attraverso un ritmo e strategie differenti.! Media Età di comparsa delle prime parole 13 mesi 8 mesi Ampiezza del vocabolario a 20 mesi 18 mesi Minimo Massimo 50 parole 22 parole 628 parole Comprensione di parole a 8 -10 mesi Comprensione di parole a 17 - 18 mesi Età di comparsa delle prime frasi 30 parole 215 20 mesi nessuna 22 14 mesi 200 398 24 mesi
  48. 48. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia Le differenze individuali nello sviluppo linguistico! Differenze nello STILE DI ACQUISIZIONE! Esistono diversi stili individuali attraverso i quali i bambini imparano a parlare. ! Referenziale Vocabolario composto in maggioranza da nomi A 2,5 anni: Sviluppo lessicale più rapidoKatherine Nelson (1973) ha analizzato le prime 50 parole Espressivo Vocabolario composto in maggioranza da pronomi, nomi propri,formule per regolare l’interazione sociale (non si tocca, vai via, cosa fai?) A 2,5 anni: Sviluppo sintattico più rapido
  49. 49. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia Le differenze individuali nello sviluppo linguistico! Differenze nello STILE DI ACQUISIZIONE! Gli stili referenziale ed espressivo sono manifestazione di diversi “Stili Cognitivi”, che si riflettono in un diverso modo di usare il linguaggio ---> stili nella pragmatica del linguaggio.! STILE referenziale STILE espressivo •  Orientamento verso gli oggetti •  Uso prevalente di intenzione dichiarativa •  Scarsa varietà di atti linguistici •  Approccio riflessivo alla soluzione di problemi •  Orientamento verso le persone •  Uso prevalente di intenzione richiestiva •  Alta varietà di atti linguistici •  Approccio impulsivo alla soluzione di problemi
  50. 50. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia Le differenze individuali nello sviluppo linguistico! Diversi fattori concorrono a determinare le differenze individuali nell’acquisizione del linguaggio:! Interazione madre-bambino (var. contestuali)! ! STILE referenziale STILE espressivo Le madri fanno commenti nominano gli oggetti e li commentano ! Le mamme coinvolgono i bambini in giochi e routine! Variabili socio-demografiche (var. contestuali)! ! • Genere femminile! • Primogenito! • Livello socioeconomico elevato ! Caratteristiche temperamentali (var. individuali)! Riflessivi! Impulsivi! • Genere maschile • Secondogenito • Livello socio-economico

×