Obiettivi di apprendimento generali del corso:
Apprendere le funzioni della relazione assistenziale,
svolta dall’infermier...
RICHIAMO AL CONTRATTO
FORMATIVO
ALLA FINE DEL CORSO LO STUDENTE DOVRA’ DIMOSTRARE DI
CONOSCERE: ( in questa unità *)
♣ I C...
ORIENTAMENTI TEORICI DELLA RELAZIONE
INFERMIERE-PAZIENTE :

 Carl Rogers
 R.Carkuff
H.Peplau
 I.King
CARL ROGERS – APPR. UMANISTICO
Fornisce la definizione di RELAZIONE D’AIUTO
coerente con il mandato professionale:
‘Situaz...
CONTRIBUTI DEL MODELLO
ROGERSIANO ALLA PROFESSIONE





Non esiste ‘l’esperto’
bensì il facilitatore
Non esiste interve...
TRADOTTO IN AMBITO APPLICATIVO,
COMPORTA CHE ATTRAVERSO LA
RELAZIONE:






Il paziente può diventare
consapevole della...
ATTEGGIAMENTI DI BASE
(sec.c.Rogers)




Sincerità
Cordialità
Empatia (comprensione profonda)

A cui si aggiungono
 Co...
R.CARKHUFF


Quali sono le metodologie più efficaci per comunicare?



Come deve porsi colui che aiuta?

L’infermieristi...
ABILITA’ FONDAMENTALI



ASCOLTARE (tipi di
ascolto)
RIFORMULARE (anche
rispecchiare; chiarificare)




PERSONALIZZARE...
DEFINISCE I DUE TIPI DI RELAZIONE
INFORMALE
 Estemporanea
 Legata agli episodi
 Richiede competenze di
base


FORMALE
...
I.KING APP.SISTEMICO
(TEORIA DEL RAGGIUNGIMENTO DELL’OBIETTIVO)
DEFINISCE LO SCOPO
Aiutare gli individui a mantenere il lo...
Esempio di problema infermieristico:
-incapacità di soddisfare le necessità legate alle
ADL
- incapacità a svolgere le fun...
L’interazione rappresenta un processo di
percezione e comunicazione tra personaambiente, persona-persona,
rappresentato da...
H.PEPLAU APPROCCIO PSICODINAMICO









IL NURSING E’ UN PROCESSO TERAPUTICO
INTERPERSONALE CHE FUNZIONA IN
COOPER...
H.PEPLAU APPROCCIO PSICODINAMICO







L’INFERMIERE UTIZZA 5 RUOLI:
INSEGNANTE: trasmette conoscenze, rispetto al p...
H.PEPLAU APPROCCIO PSICODINAMICO


IL NURSING E’ UNO STRUMENTO EDUCATIVO
CHE FAVORISCE LA MATURAZIONE
DELL’INDIVIDUO (fas...
PEPLAU DESCRIVE 4 ESPERIENZE
CHE PRODUCONO UNA ENERGIA CHE
VA TRASFORMATA IN AZIONE:






I BISOGNI
LA FRUSTRAZIONE
I...
ESEMPI DI DIAGNOSI
INFERMIERISTICHE






COPING COMPROMESSO DELLA FAMIGLIA …
COPING INEFFICACE DELLA PERSONA
GESTION...
LA COMPETENZA RELAZIONALE …



NON SI BASA SOLO SU ABILITA’ COGNITIVE E
TECNICHE, MA ORIGINA DALLA CAPACITA’ DI
INVESTIRE...
DALLA PERCEZIONE DELL’ALTRO,
ALL’ADOZIONE DI PARADIGMI
D’INTERVENTO RELAZIONALI

MODELLO BIOMEDICO
MODELLO OLISTICO
RIFERIMENTO CONCETTUALE
BIOMEDICO
Concetto di salute

Concetto di
malattia

Intervento
auspicato

Salute come
buon
funzion...
CONSEGUENZE:

SPIEGA I FENOMENI MICRO (fico-chimici) CONNESSI
ALLA MALATTIA
NON SPIEGA I FENOMENI PSICO-SOCIALI CONNESSI
A...
RIFERIMENTO CONCETTUALE
OLISTICO
Concetto di salute

Concetto di
malattia

Intervento
auspicato

Salute come
processo vers...
CONSEGUENZE:

SPIEGA I FENOMENI MACRO (psico-sociali)
CONNESSI ALLA MALATTIA, AL DOLORE (vedi), ALL’
HANDICAP…
Un esempio:...
Un esempio:

IL RUOLO DEL MALATO sec. T. PARSON
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Modellirelazion eunit 4

462 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
462
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
6
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • {"10":"perché NON SI RICORRE ALLE TEORIE PSICODINMCIHE\n"}
  • Modellirelazion eunit 4

    1. 1. Obiettivi di apprendimento generali del corso: Apprendere le funzioni della relazione assistenziale, svolta dall’infermiere e la natura della relazione complementare, all’interno dell’èquipe  • • • • • CONTENUTI: (in questa unità *) Il profilo e le competenze dell’infermiere Il ruolo dell’infermiere all’interno dell’èquipe sanitaria La natura della relazione infermiere- medico e altri operatori La competenza comunicativa in ambito sanitario Gli elementi caratterizzanti la relazione d’aiuto *
    2. 2. RICHIAMO AL CONTRATTO FORMATIVO ALLA FINE DEL CORSO LO STUDENTE DOVRA’ DIMOSTRARE DI CONOSCERE: ( in questa unità *) ♣ I CONCETTI FONDAMENTALI DEL PROFILO PROFESSIONALE E IL CODICE DEONTOLOGICO ♣ LA RICADUTA DEL MODELLO FORMATIVO DEL MEDICO E DELL’INFERMIERE NELLA RELAZIONE CON L’ASSISTITO ♣ IL RUOLO DELLA CORPOREITA’ VISSUTA NELLA RELAZIONE INFERMIERE – PAZIENTE ♣ LE REGOLE CHE GOVERNANO LA RELAZIONE DI COMPLEMENTARIETA’ IN AMBITO SANITARIO ♣ LE FUNZIONI DELL’EQUIPE SANITARIA PLURIPROFESSIONALE E IL RUOLO CHE IN ESSA SVOLGE L’INFERMIERE ♣ GLI ELEMENTI CARATTERIZZANTI LA RELAZIONE D’AIUTO FORNITA DALL’INFERMIERE * 
    3. 3. ORIENTAMENTI TEORICI DELLA RELAZIONE INFERMIERE-PAZIENTE :  Carl Rogers  R.Carkuff H.Peplau  I.King
    4. 4. CARL ROGERS – APPR. UMANISTICO Fornisce la definizione di RELAZIONE D’AIUTO coerente con il mandato professionale: ‘Situazione in cui uno dei due partecipanti cerca di favorire, in una o ambedue le parti, una maggior valorizzazione delle risorse personali del soggetto, ed una maggior possibilità di espressione’ 
    5. 5. CONTRIBUTI DEL MODELLO ROGERSIANO ALLA PROFESSIONE    Non esiste ‘l’esperto’ bensì il facilitatore Non esiste intervento terapeutico se manca il coinvolgimento dell’altro… È l’interessato che modifica i propri comportamenti disfunzionali …    Abile non è colui che sa usate tecniche, ma colui che potenzia le doti umane L’interevento d’aiuto non è improvvisabile, ma si raggiunge e perfeziona attraverso la ricerca, lo studio, l’impegno La realtà personale e quella professionale sono un tutt’uno …
    6. 6. TRADOTTO IN AMBITO APPLICATIVO, COMPORTA CHE ATTRAVERSO LA RELAZIONE:    Il paziente può diventare consapevole della natura del problema Contattare in sé la strategie per trovare le soluzioni La qualità della relazione interpersonale costituisce un meta-apprendimento che potrà utilizzare in futuro   La qualità della relazione è data dalla capacità dell’infermiere (helper) di comunicare in modo efficace (congruenza CV – CNV) … …cui vanno aggiunti gli atteggiamenti di base…
    7. 7. ATTEGGIAMENTI DI BASE (sec.c.Rogers)    Sincerità Cordialità Empatia (comprensione profonda) A cui si aggiungono  Concretezza  Immediatezza  Sensibilità al confronto
    8. 8. R.CARKHUFF  Quali sono le metodologie più efficaci per comunicare?  Come deve porsi colui che aiuta? L’infermieristica attinge a queste abilità di counselling per arricchire il proprio bagaglio professionale
    9. 9. ABILITA’ FONDAMENTALI   ASCOLTARE (tipi di ascolto) RIFORMULARE (anche rispecchiare; chiarificare)   PERSONALIZZARE IL PROBLEMA ATTUARE IL PROBLEM SOLVING
    10. 10. DEFINISCE I DUE TIPI DI RELAZIONE INFORMALE  Estemporanea  Legata agli episodi  Richiede competenze di base  FORMALE  Strutturata (fasi)  Legata alle dinamiche  Competenze avanzate  PER LA GESTIONE DEI PROCESSI INTERIORIE DELLE DINAMICHE LEGATE ALL’EVENTO SALUTE-MALATTIA , SI RICORRE AD ALTRE TEORIE SISTEMICHE, UMANISTICHE E PSICODINAMICHE
    11. 11. I.KING APP.SISTEMICO (TEORIA DEL RAGGIUNGIMENTO DELL’OBIETTIVO) DEFINISCE LO SCOPO Aiutare gli individui a mantenere il loro stato di salute…interagendo con il loro ambiente in maniera da condurli all’auto realizzazione …(quando non possono più farlo da soli)  IL CAMPO Del nursing è rappresentato dalla promozione, mantenimento e ripristino della salute…  LA FUNZIONE DELL’I. Assume e interpreta le informazioni in modo da utilizzarle nel processo infermieristico per pianificare, attuare e valutare l’assistenza… 
    12. 12. Esempio di problema infermieristico: -incapacità di soddisfare le necessità legate alle ADL - incapacità a svolgere le funzioni di ruolo Servendomi della relazione: a) Come posso aiutarlo a preservare la salute residua? b) Come posso adattare le ADL affinché potenzi la sua autonomia? c) Come posso agire favorendo un adattamento dei ruoli?
    13. 13. L’interazione rappresenta un processo di percezione e comunicazione tra personaambiente, persona-persona, rappresentato da CV e CNV, orientati al conseguimento di un obiettivo (questo modello apre al concetto di contratto – patto infermiere-paziente)
    14. 14. H.PEPLAU APPROCCIO PSICODINAMICO       IL NURSING E’ UN PROCESSO TERAPUTICO INTERPERSONALE CHE FUNZIONA IN COOPERAZIONE CON ALTRI SISTEMI UMANI … SI SVILUPPA IN 4 FASI: ORIENTAMENTO: aiuta a riconoscere il problema e a identificare l’aiuto di cui ha bisogno IDENTIFICAZIONE: favorisce l’esplorazione dei sentimenti e riorienta rispetto al problema ( evenienze: autonomo, interdipendente, passivo, dipendente) UTILIZZAZIONE: vantaggio concreto del rapporto terapeutico RISOLUZIONE: conclusione e chiusura del rapporto
    15. 15. H.PEPLAU APPROCCIO PSICODINAMICO       L’INFERMIERE UTIZZA 5 RUOLI: INSEGNANTE: trasmette conoscenze, rispetto al problema ‘ESPERTO ’: fornisce informazioni specifiche che aiutano alla comprensione del problema LEADER: guida nella situazione di difficoltà SOSTITUTO:assume la funzione di sostituto rispetto alle proiezioni transferali del paziente CONSULENTE: aiuta fornendo abilità, azioni …a riconoscere, affrontare e accettare i problemi (cambiamento del punto di vista)
    16. 16. H.PEPLAU APPROCCIO PSICODINAMICO  IL NURSING E’ UNO STRUMENTO EDUCATIVO CHE FAVORISCE LA MATURAZIONE DELL’INDIVIDUO (fasi del ciclo della vita – H.S.Sullivan, E.Erikson)  L’INFERMIERE NEL RAPPORTO PORTA SE STESSO, QUINDI MASSIMA ATTENZIONE ALLA CONSAPEVOLEZZA DEL SE’
    17. 17. PEPLAU DESCRIVE 4 ESPERIENZE CHE PRODUCONO UNA ENERGIA CHE VA TRASFORMATA IN AZIONE:     I BISOGNI LA FRUSTRAZIONE IL CONFLITTO L’ANSIA Questo orienta l’attenzione dell’infermiere verso condizioni suscettibili di intervento …
    18. 18. ESEMPI DI DIAGNOSI INFERMIERISTICHE      COPING COMPROMESSO DELLA FAMIGLIA … COPING INEFFICACE DELLA PERSONA GESTIONE INEFFICACE DEL REGIME TERAPEUTICO … COMUNICAZIONE DISFUNZIONALE … COMPROMISSIONE DELLE INTERAZIONI SOCIALI
    19. 19. LA COMPETENZA RELAZIONALE …  NON SI BASA SOLO SU ABILITA’ COGNITIVE E TECNICHE, MA ORIGINA DALLA CAPACITA’ DI INVESTIRE SE STESSO NELLA RELAZIONE PERCEPENDO, RISPONDENDO E APPREZZANDO L’UNICITA’ DELL’INDIVIDUO CHE SI INCONTRA LA COMPETENZA E’ ALLORA UNA FORMA D’ARTE, PERFEZIONATA ATTRAVERSO CONTINUI SCAMBI CON L’AMBIENTE INTERIORE ED ESTERIORE
    20. 20. DALLA PERCEZIONE DELL’ALTRO, ALL’ADOZIONE DI PARADIGMI D’INTERVENTO RELAZIONALI MODELLO BIOMEDICO MODELLO OLISTICO
    21. 21. RIFERIMENTO CONCETTUALE BIOMEDICO Concetto di salute Concetto di malattia Intervento auspicato Salute come buon funzionamento di organi e apparati Alterazione dell’integrità degli organi/apparati Riparazione, sostituzione, ablazione dell’organo responsabile
    22. 22. CONSEGUENZE: SPIEGA I FENOMENI MICRO (fico-chimici) CONNESSI ALLA MALATTIA NON SPIEGA I FENOMENI PSICO-SOCIALI CONNESSI ALLA MALATTIA, AL DOLORE, ALL’ HANDICAP
    23. 23. RIFERIMENTO CONCETTUALE OLISTICO Concetto di salute Concetto di malattia Intervento auspicato Salute come processo verso il massimo potenziale della qualità di vita Disadattamento alle variazionirichieste dell’ambiente di vita Aiutare a mantenere l’equilibrio, acquisire consapevolezza delle cause che hanno prodotto lo squilibrio, attivare le risorse per ripristinare la salute
    24. 24. CONSEGUENZE: SPIEGA I FENOMENI MACRO (psico-sociali) CONNESSI ALLA MALATTIA, AL DOLORE (vedi), ALL’ HANDICAP… Un esempio: IL RUOLO DEL MALATO SEC. T. PARSON
    25. 25. Un esempio: IL RUOLO DEL MALATO sec. T. PARSON

    ×