Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Milano.indicatori.precoci v

905 views

Published on

Published in: Entertainment & Humor
  • If you’re looking for a great essay service then you should check out ⇒ www.WritePaper.info ⇐. A friend of mine asked them to write a whole dissertation for him and he said it turned out great! Afterwards I also ordered an essay from them and I was very happy with the work I got too.
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
  • DOWNLOAD THIS BOOKS INTO AVAILABLE FORMAT (2019 Update) ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... Download Full PDF EBOOK here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... Download Full EPUB Ebook here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... Download Full doc Ebook here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... Download PDF EBOOK here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... Download EPUB Ebook here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... Download doc Ebook here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... ................................................................................................................................... eBook is an electronic version of a traditional print book THIS can be read by using a personal computer or by using an eBook reader. (An eBook reader can be a software application for use on a computer such as Microsoft's free Reader application, or a book-sized computer THIS is used solely as a reading device such as Nuvomedia's Rocket eBook.) Users can purchase an eBook on diskette or CD, but the most popular method of getting an eBook is to purchase a downloadable file of the eBook (or other reading material) from a Web site (such as Barnes and Noble) to be read from the user's computer or reading device. Generally, an eBook can be downloaded in five minutes or less ......................................................................................................................... .............. Browse by Genre Available eBooks .............................................................................................................................. Art, Biography, Business, Chick Lit, Children's, Christian, Classics, Comics, Contemporary, Cookbooks, Manga, Memoir, Music, Mystery, Non Fiction, Paranormal, Philosophy, Poetry, Psychology, Religion, Romance, Science, Science Fiction, Self Help, Suspense, Spirituality, Sports, Thriller, Travel, Young Adult, Crime, Ebooks, Fantasy, Fiction, Graphic Novels, Historical Fiction, History, Horror, Humor And Comedy, ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... .....BEST SELLER FOR EBOOK RECOMMEND............................................................. ......................................................................................................................... Blowout: Corrupted Democracy, Rogue State Russia, and the Richest, Most Destructive Industry on Earth,-- The Ride of a Lifetime: Lessons Learned from 15 Years as CEO of the Walt Disney Company,-- Call Sign Chaos: Learning to Lead,-- StrengthsFinder 2.0,-- Stillness Is the Key,-- She Said: Breaking the Sexual Harassment Story THIS Helped Ignite a Movement,-- Atomic Habits: An Easy & Proven Way to Build Good Habits & Break Bad Ones,-- Everything Is Figureoutable,-- What It Takes: Lessons in the Pursuit of Excellence,-- Rich Dad Poor Dad: What the Rich Teach Their Kids About Money THIS the Poor and Middle Class Do Not!,-- The Total Money Makeover: Classic Edition: A Proven Plan for Financial Fitness,-- Shut Up and Listen!: Hard Business Truths THIS Will Help You Succeed, ......................................................................................................................... .........................................................................................................................
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
  • Be the first to like this

Milano.indicatori.precoci v

  1. 1. Il ritardo di linguaggio Indici fonetici e fonologici Marinella Majorano Dipartimento di Psicologia Università degli Studi di Parma
  2. 2. • Indici fonetici: aspetti fonematici o sistemici (inventario fonetico) • Indici fonologici: aspetti fonotattici o strutturali (struttura sillabica, processi fonologici, regole, templates)
  3. 3. E’ possibile studiare questi indici in età precoce? Stretta continuità tra aspetti fonetici, fonologici e successivo sviluppo lessicale e morfo-sintattico nello sviluppo tipico Teoria motoria Teoria percettiva
  4. 4. Alcuni indicatori precoci delle abilità fonetiche e fonologiche dei bambini possono essere utilizzati per individuare, prima del terzo anno, bambini a rischio di sviluppo del linguaggio
  5. 5. Premesse teoriche: Modelli dello sviluppo fonologico 1) Modello strutturalista di Jakobson (1954): approccio segmentale 2) Modello biologico (Locke, 1983): modello a tre stadi (pragmatico, cognitivo e sistemico) 3)Modelli cognitivisti (Ferguson e Farwell, 1975): approccio “lessicale” (whole- word phonology)
  6. 6. Teoria olistica (Vihman, 2006) 1) Variabilità nella produzione dei segmenti 2) Relazioni tra le produzioni del bambino ed il target adulto 3) Relazione tra le parole prodotte dal bambino (templates) 4) Origine dei patterns del bambino
  7. 7. Modelli sulla relazione tra sviluppo fonologico e lessicale • Fonologia come causa dello sviluppo delle parole (modello universalista) • Fonologia come associata allo sviluppo lessicale (modello rappresentazionale) • Lessico come causa dello sviluppo fonologico (modello lessicale) • Lessico e fonologia come dipendenti da sistemi cognitivi comuni (modello cognitivista)
  8. 8. idem Sillaba o sequenze di sillabe contenenti 2 o più tipi di consonanti BABBLING VARIATO 9-10 mesi Articolazione pienamente temporalizzata con movimenti rapidi di apertura/chiusura bocca Sillaba (cv,vcv,vc) o sequenze di sillabe contenenti un solo tipo di consonante BABBLING CANONICO 5-10 mesi Movimenti lenti di chiusura e apertura Suoni vocalici, nuclei risonanti, babbling marginale ESPANSIONE o VOCALIZZAZIONE 3-8 mesi Limitati movimenti articolatori “Cooing” vocalizzi+ suoni velari PRIMA ARTICOLAZIONE 1-4 mesi Normale fonazioneSuoni quasi vocaliciFONAZIONE0-2 mesi Stadi dello sviluppo preverbale (Oller, 1980)
  9. 9. Stadi dello sviluppo preverbale Altri modelli: Stark (1979): lallazione reduplicata a 6-7 mesi Stoel-Gammon (1989): coesistenza dello stadio di lallazione canonica e variata Kent (1990): no differenza tra stadio di lallazione variata e canonica
  10. 10. Stadi dello sviluppo fonologico • Fase presistematica: prime parole costruite sugli schemi preverbali • Primi segni di organizzazione: templates e regole emergenti in base a cristalizzazione ed espnsione controllata • Emergenza del sistema: aumento dei templates (regole del bambino), patterns • Sistematizzazione del sistema: costruzione di regole fonologiche vere e proprie
  11. 11. Lallazione come indice predittivo dello sviluppo linguistico • Inizialmente Jakobson (1968) aveva ipotizzato che non esistesse continuità tra lallazione e prime parole. • Molti Autori invece hanno indagato gli aspetti di continuità: • Fry(1966): loop di feedback acustico • Oller (1976): corrispondenza tra lallazione e prime parole nella struttura sillabica e nella sequenza di suoni • Vihman, Ferguson e Elbert (1986): differenze individuali nei suoni “maggiormente esercitati” nella lallazione • Stoel-Gammon (2002): continuità tra struttura fonotattica di lallazione e prime parole • McCune e Vihman (2001): numero di schemi motori esercitati nella lallazione come indici predittivi dello sviluppo del vocabolario • Bortolini (2002): ruolo della lallazione come indice predittivo
  12. 12. Ipotesi sulla relazione lallazione-prime parole • Teoria Motoria: Teoria motoria dello sviluppo preverbale (Lenneberg, 1967;MacNeilage, 1979; Liberman, 1980; Locke, 1983); la lallazione è l’output naturale di un apparato motorio immaturo. Nello sviluppo delle prime parole i vincoli motori sono primari seguiti dall’influenza dell’input linguistico dell’ambiente. • Teoria percettiva: L’Articulatory Filter Hypothesis: la lallazione è orientata precocemente verso l’input dell’ambiente (es. Stoel- Gammon, 1984; Vihman e Velleman, 2000). Ruolo di altri aspetti (cognitivi, memoria di lavoro) nello sviluppo del linguaggio insieme alle basi fonetiche e delle strategie individuali (Macken, 1978).
  13. 13. Funzioni della lallazione • L’esercizio accresce il controllo e la precisione con cui il movimento viene eseguito: più spesso il b esegue i movimenti che configurano il tratto vocale per la produzione di particolari suoni e sequenze di suoni, più automatici diventano questi movimenti e quindi più facili da produrre nelle parole (output articolatorio) • Prestare maggiore attenzione alle parole adulte che assomigliano alle proprie produzioni (ex “pa’pa’, papa’, pappa) (sensibilizzazione percettiva) • Udire le proprie vocalizzazioni consente al b. di scoprire le relazioni esistenti tra i movimenti del cavo orale e il segnale acustico che ne deriva (feedback interno) • Le lallazioni sono spesso interpretate dai care-givers come vere e proprie parole e attivano veri e propri dialoghi (feedback esterno)
  14. 14. Indici fonetici e fonologici e ritardo di linguaggio Studi longitudinali • Stoel-Gammon (1984): 2 LT da 9 a 24 mesi. Indici: uso di suoni glottali e vocalizzazioni semplici; strutture sillabiche semplificate e delezione della consonante finale • Scarobough e Dobrich (1990): 4 LT a 30, 36, 42 mesi. Numero totale di consonanti corrette • Whitehurst et al. (1991) : 37 bambini dai 24 ai 36 mesi. Indici: lallazione canonica, vocalizzazioni, no lunghezza e responsività • Williams e Elbert (2003): 5 LT di due età seguiti dai 22 ai 33 mesi e dai 30 ai 42 mesi. Indici: minor inventario, minor numero di consonanti corrette, maggiore sostituzione di suoni gruppo1; gruppo2: aspetti qualitativi (patterns atipici, variabilità fonemica e bassa stimolabilità)
  15. 15. Indici fonetici e fonologici e ritardo di linguaggio Studi trasversali • Paul e Jennings (1992): 28 LT (18-23 mesi e 24-35 mesi). Indici: LMB, l’inventario consonantico, il numero di consonanti corrette. Profilo ritardato piuttosto che atipico. • Rescorla e Ratner (1996): 30 LT. Indici: minor numero di vocalizzazioni, inventario fonetico ridotto e delle strutture sillabiche semplificate. Profilo rallentato. • Pharr, Ratner e Rescorla (2000): 20 LT differenze fonotattiche (cluster e consonante finale) e minor numero di enunciati.
  16. 16. Indici osservativi Indici fonematici • Numero di suoni prodotti (inventario) • Numero di Schemi Motori Vocalici (VMS)
  17. 17. Indici fonotattici • Complessità sillabica della lallazione • Struttura sillabica • Lunghezza sillabica • Variabilità • Stimolabilità • Correttezza • Patterns
  18. 18. Complessità sillabica Valutata in base a tre livelli • Livello I: produzioni contenenti una vocale (es.[o]), una consonante sillabica (es. [m]) o una sillaba contenente uno stop “glottale” (es. [ o]) o una semiconsonante (es. [wu]). • Livello II: produzioni contenenti una vera consonante singola o replicata (es. [ba], [dada]), o due o più consonanti che differiscono solo per il tratto “sonorità” (es. [data]; [paba]) • Livello III: produzioni contenenti due o più consonanti, che differiscono per luogo o modo di articolazione o per entrambi (es.[bati] o [maba]). Livello medio della lallazione (Mean Babbling Level, Stoel-Gammon, 1989). Ottenuto moltiplicando il numero di enunciati di Livello I X 1, il numero di enunciati di Livello II X 2 e il numero di enunciati di Livello III X 3 e dividendo la somma per il numero totale di lallazioni.
  19. 19. Inventario fonetico TDE p*, b*, t*, d, k, m*, n, η, l, w, j, TDV p*, b*, d*, t*, k, n, w TL p*, k, m*, w, LB p*, b*, t*, k, m*, n, w 4 gruppi di bambini: TDE: 10 bambini osservati a 20 mesi TDV: 10 bambini di 16 mesi circa TL: 10 late-talkers a 20 mesi che mantengono il ritardo a 30 mesi LB: 10 late-talkers a 20 mesi che recuperano il ritardo a 30 mesi
  20. 20. Complessità sillabica TDE TDV LB TL % Livello I (M) 57% 39% 75% 81% % Livello II (M) 32% 53% 23% 18% %Livello III (M) 11% 7% 2% 1% Bassa presenza di enunciati “variati” (Livello 3) rispetto alle vocalizzazioni semplici (Livello 1) nei LT
  21. 21. Vocal Motor Schemes p/b t/d k/g m n l n VMS Anna 10 10 10 10 20 20 6 Luca 9 12 14 14 20 18 6 Nicola 13 20 16 16 / / 4 Nina 20 / 20 16 / / 3
  22. 22. Patterns nelle prime 10 parole Anna (10-14 months) Luca (10-14 months) Nicola (10-18 months) Nina (13-20 months) bambola bombø acqua akwa bimba Bø’bε acqua kaka bebè bebε bebè Be’bε casco kak˘o apri api dindon dende bella beja cavallo kaka baubau Ba’ba mamma Mam:a bimba bimba fame ame bimba Bib:o papà Pa’pa cocò Ka’ka mamma mama caffè aE nanna Nan:a mamma mom:a nanna Nan:a ciuccio kuko nonna Nan:a mimì Mi’mi nonna Nen:a mamma mem cavallo Kak:o occhio a'go papà Pa’pa mio mio gallo Kal:o pappa pap:a tata tata scarpa ap:a caffè Ka’kε tata tit:a Vale ae zia ia Proporzione di parole contenenti VMS 8/10 10/10 6/9 8/8
  23. 23. Patterns nella sessione delle 10 parole Anna (18 months) Luca (16 months) Nicola (20 months) Nina (24 months) cadi kadi acqua kakwa apri api ancora koja caffè Ke’kE bella baja attenta tenta bambola bibo cavallo Takal:o bimba bimba bimba bimba bar bae gallo Kal:o bolle bul˘e bravi bai cagnolino bibo gamba gambo casa kaja cadi kadi ciuccio bibo pronta Ot:a cavallo kaw latte At:e cuscino bibo scarpe Pap:e ciuccio Tut:o questa Te:ta latte At:e scotta Kok:a cucchiaio kajo lecca Ek:a sedia dida moto moto scarpe Ap:e tacco Tak:o sedia teja vino awi tutta Tut:a trattore totajo
  24. 24. Nina: patterns 14-24 mesi SELECT ADAPT SELECT ADAPT 14 months (N=2) 22 months (N=5) CH VCV VCV mamma mam apro e..apo scarpa ap˘a CVV CH mio mio mommo mom˘o 16 months (N=2) mimmi mim˘i CVV VV bibi bibi mio mio zia ia 24 months (N=10) 18 months (N=4) CVV VCV CH VV bar bae latte at˘e bimbo bib˘o caffè aE lecca Ek˘a baubau ba˘»ba˘ zia ia scarpe ap˘e 20 mos (N=5) vino awi CH CH CVjV bimbo bib˘o acqua kaka ancora koja ciuccio kuk˘o bibo VCV bambola bibo VCV scarpa ap˘a cuscino bibo apri api ciuccio bibo cagnolino bibo
  25. 25. Conclusioni • Possibilità di osservare anche prima della sistematizzazione del sistema fonologico alcuni indicatori fonemici (numero di suoni e numero di VMS) e fonologici (patterns) del ritardo di linguaggio • Importanza della valutazione di indicatori sia quantitativi (di sistema) che qualitativi (di struttura) anche in età precoce al fine della prevenzione dei disturbi dell’area linguistica

×