I disturbi dell’
apprendimento

Susi Cazzaniga – Germana Englaro
Servizio Disturbi dell’Apprendimento
Università degli Stu...
Nella categoria
disturbi
specifici dell’apprendimento (learning
disabilities) rientrano tipologie
estremamente diverse di ...
Per esempio, non è un DSA il
caso in cui la difficoltà è
causata essenzialmente da
uno svantaggio socioculturale.
Ma lo sv...
Definizione (National Joint Commettee
on Learning Disabilities – 1988)

…si riferisce a un gruppo eterogeneo di disordini ...
Considerazioni a partire
dalla definizione









i DSA non sono dovuti ad handicap o fattori esterni
l’intelligen...
Lettura
Con il termine LETTURA si possono si intendono,
generalmente, almeno due cose:
LETTURA STRUMENTALE

COMPRENSIONE

Capacità...
Quindi si può:
1. leggere bene ma non capire cosa si sta leggendo
2. capire un testo anche se si legge molto stentatamente...
Se i palloncini scoppiassero, il suono non raggiungerebbe più
la sua meta, perché il tutto verrebbe a trovarsi troppo lont...
Disturbo Specifico
di Lettura
lettura strumentale

LA
Definizione di DISLESSIA
Il disturbo comprende una specifica e
significativa compromissione nello
sviluppo delle capacità ...
Prerequisiti
della
lettura
Il Linguaggio e la Lettura


Studi longitudinali hanno dimostrato che dei bambini
che nei primi anni di vita hanno incont...
Competenze Fonologiche






Consapevolezza Fonologica: riconoscimento
di suoni associati ad una lettera (per esempio
i...
Capacità di analisi visiva
del testo


Analisi e memorizzazione visiva delle forme
(es. confusione tra “b” e “d” o “p” e ...
MODELLO
NEUROPSICOLOGIC
O
modello a due vie
(Coltheart, 1978;1981)
PAROLA SCRITTA
on
a f
Vi

ica
og
ol

Lettura delle
non-parole

Lessico di entrata visiva
Via lessicale semantica

Sistema ...
Via lessicale semantica


Accesso, oltre che alla forma
fonologica della parola, anche al suo
significato

1. Riconoscime...
Via lessicale non
semantica


Accesso alla forma fonologica della
parola, senza quello al suo significato

1. Riconoscime...
Via fonologica


La lettura avviene attraverso il
recupero di ogni fonema associato al
grafema

1. Identificazione dei gr...
PAROLA SCRITTA
on
a f
Vi

ica
og
ol

Lettura delle
non-parole

Lessico di entrata visiva
Sistema semantico
Lessico di usci...
Dislessia Fonologica


Dovuta ad un danno della via Fonologica



Buona capacità di lettura di parole



Incapacità di ...
PAROLA SCRITTA
on
a f
Vi

ica
og
ol

Lettura delle
non-parole

Lessico di entrata visiva
Sistema semantico
Lessico di usci...
Dislessia superficiale


Dovuta ad una lesione della via Semantico Lessicale.



Buona capacità di lettura di parole reg...
Modello Evolutivo
Uta Frith (1985)
Modello Evolutivo
(Frith, 1985)
Il bambino riconosce alcune parole
per la presenza di alcuni indizi.

Stadio
Logografico

...
Modello Evolutivo
(Orsolini, 2005)
Lettura da
indizi fonetici

Strategia pre-alfabetica: il suono associato ad
alcune lett...
Integrando il modello
neuropsicologico e quello
evolutivo...



arresto allo stadio logografico o alfabetico:
dislessia ...
Alcune prove per
l’identificazione della dislessia
 Prove

MT di CORRETTEZZA E
RAPIDITA’

 Prova

di LETTURA DI PAROLE

...
Prove MT di correttezza e
rapidità (Cornoldi e Colpo, 1998;
1995)


La prova consiste in una lettura di un brano.



Le ...
Calcolo del punteggio
di velocità
Si divide il numero complessivo di secondi
per il numero di sillabe di cui è composto il...
Calcolo del punteggio
di correttezza



1.

2.

Si segnano sul protocollo dell’operatore il
numero di errori che il bamb...
Le fasce di prestazione


Le fasce di prestazione sono 4:

Criterio Completamente Raggiunto (CCR),
2. Prestazione Suffici...
Disturbo Specifico
di Lettura
comprensione
Comprensione del testo
Comprendere un testo: risultato di un’attività
che prevede livelli multipli di rappresentazione
del...
Comprendere un testo
non significa solo
mantenere delle
informazioni
Comprendere un testo significa:
 considerare la rela...
Comprensione del testo
 Aspetti

coinvolti nella comprensione:

– fare inferenze;
– individuare le incongruenze all’inter...
Nella comprensione sono
implicate varie aree di competenza











individuare personaggi, luoghi e tempi
ind...
Un esempio: la sensibilità al testo















Orientarsi nella scelta dei testi

in base agli scopi del let...
Prove MT di Comprensione
 Lettura

di un brano

 Risposta

a domande relative al brano.

I

brani vanno dalla I element...
Correzione delle prove MT
di comprensione.
 Somma

delle risposte corrette

 Confronto

con le fasce di prestazione
Lettura to
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Lettura to

311 views

Published on

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
311
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
4
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Lettura to

  1. 1. I disturbi dell’ apprendimento Susi Cazzaniga – Germana Englaro Servizio Disturbi dell’Apprendimento Università degli Studi di Padova Torino, 20-21-22 marzo 2006
  2. 2. Nella categoria disturbi specifici dell’apprendimento (learning disabilities) rientrano tipologie estremamente diverse di disabilità. Difficile definire le caratteristiche comuni, più semplice identificare i fattori di esclusione.
  3. 3. Per esempio, non è un DSA il caso in cui la difficoltà è causata essenzialmente da uno svantaggio socioculturale. Ma lo svantaggio socioculturale può aggravare un quadro di disturbo.
  4. 4. Definizione (National Joint Commettee on Learning Disabilities – 1988) …si riferisce a un gruppo eterogeneo di disordini che si manifestano con significative difficoltà nell’acquisizione e uso di abilità di comprensione del linguaggio orale, espressione linguistica, lettura, scrittura, ragionamento o matematica. Questi disordini sono intrinseci all’individuo, presumibilmente legati a disfunzioni del sistema nervoso centrale e possono essere presenti lungo l’intero arco di vita.  Problemi relativi all’autoregolazione del comportamento, alla percezione e interazione sociale possono essere associati al DSA, ma non costituiscono, per se stessi, DSA.  Benché possano verificarsi in concomitanza di altre condizioni di handicap o con influenze esterne come le differenze culturali, l’insegnamento insufficiente o inappropriato, i DSA non sono il risultato di queste condizioni o influenze. 
  5. 5. Considerazioni a partire dalla definizione       i DSA non sono dovuti ad handicap o fattori esterni l’intelligenza del bambino con DSA è molto superiore alla resa scolastica offerta potrebbe esserci uno sviluppo neurologico atipico interazione sociale = capacità del bambino di stare insieme ad altri bambini e di scambiare messaggi percezione sociale = capacità di capire cosa gli altri pensano o desiderano, di comprendere messaggi non verbalizzati autoregolazione  capacità di controllare autonomamente il proprio comportamento, tenendo conto dei segnali che arrivano dall’esterno
  6. 6. Lettura
  7. 7. Con il termine LETTURA si possono si intendono, generalmente, almeno due cose: LETTURA STRUMENTALE COMPRENSIONE Capacità di riconoscere e denominare velocemente e correttamente le parole di un testo Capacità si rappresentarsi il contenuto di quello che si sta leggendo
  8. 8. Quindi si può: 1. leggere bene ma non capire cosa si sta leggendo 2. capire un testo anche se si legge molto stentatamente Proviamo a fare un esempio
  9. 9. Se i palloncini scoppiassero, il suono non raggiungerebbe più la sua meta, perché il tutto verrebbe a trovarsi troppo lontano dal piano giusto. Anche una finestra chiusa impedirebbe al suono di arrivare, poiché la maggior parte degli edifici tende ad essere ben isolata. Dato che l’intera operazione dipende da un flusso continuo di elettricità, se il cavo si rompesse questo anche creerebbe dei problemi. Naturalmente l’individuo potrebbe urlare, ma la voce umana non arriva così lontano. Un ulteriore problema è che una corda dello strumento potrebbe rompersi. Se ciò succedesse non ci sarebbe più accompagnamento del messaggio. È chiaro che la situazione migliore richiederebbe una minore distanza. Allora ci sarebbero meno problemi potenziali. Meglio di tutto sarebbe se ci fosse contatto faccia a faccia. Bransford e Johnson (1973).
  10. 10. Disturbo Specifico di Lettura lettura strumentale LA
  11. 11. Definizione di DISLESSIA Il disturbo comprende una specifica e significativa compromissione nello sviluppo delle capacità di lettura che non è solamente spiegata dall’età mentale, da problemi di acutezza visiva o da inadeguata istruzione scolastica. (ICD-10)
  12. 12. Prerequisiti della lettura
  13. 13. Il Linguaggio e la Lettura  Studi longitudinali hanno dimostrato che dei bambini che nei primi anni di vita hanno incontrato difficoltà nell’uso e nella comprensione del linguaggio, in assenza di problemi più generali come handicap, circa la metà ha poi avuto un problema specifico di apprendimento.  Abilità fonologiche (analisi dei suoni linguistici), morfosintattiche (riconoscimento delle forme della parola nella frase) e semantico-lessicali (non comprensione del significato delle parole) in particolare hanno condotto a difficoltà nell’ambito della lettura.
  14. 14. Competenze Fonologiche    Consapevolezza Fonologica: riconoscimento di suoni associati ad una lettera (per esempio individuare parole che iniziano con la stessa lettera) Memoria Fonologica a breve termine: ripetizione di suoni linguistici (ripetizione di parole e non parole) Velocità di articolazione dei suoni, per esempio la denominazione veloce di lettere
  15. 15. Capacità di analisi visiva del testo  Analisi e memorizzazione visiva delle forme (es. confusione tra “b” e “d” o “p” e “q”)  Analisi seriale visiva: difficoltà nel discriminare le parole all’interno di un testo  Integrazione visivo-uditiva: difficoltà a passare da una rappresentazione visiva a una uditiva della parola e viceversa (ad es. ricerca di lettere scritte in modo diverso)
  16. 16. MODELLO NEUROPSICOLOGIC O modello a due vie (Coltheart, 1978;1981)
  17. 17. PAROLA SCRITTA on a f Vi ica og ol Lettura delle non-parole Lessico di entrata visiva Via lessicale semantica Sistema semantico Lessico di uscita fonologico Buffer fonemico PAROLA LETTA Via lessic ale Via lessic ale non sema ntica non sema ntica Conversione Grafema -fonema Sistema di analisi visiva
  18. 18. Via lessicale semantica  Accesso, oltre che alla forma fonologica della parola, anche al suo significato 1. Riconoscimento di alcuni dei grafemi che costituiscono la parola Lessico di entrata visiva 2. Recupero del significato della parola Sistema semantico 3. Recupero del suono associato alla parola Lessico di uscita fonologico
  19. 19. Via lessicale non semantica  Accesso alla forma fonologica della parola, senza quello al suo significato 1. Riconoscimento di alcuni dei grafemi che costituiscono la parola Lessico di entrata visiva 2. Collegamento ai rispettivi fonemi Lessico di uscita fonologico
  20. 20. Via fonologica  La lettura avviene attraverso il recupero di ogni fonema associato al grafema 1. Identificazione dei grafemi Sistema di analisi visiva 2. Recupero del suono associato alla parola Buffer fonemico
  21. 21. PAROLA SCRITTA on a f Vi ica og ol Lettura delle non-parole Lessico di entrata visiva Sistema semantico Lessico di uscita fonologico Buffer fonemico PAROLA LETTA Via sema ntica Via sema ntica Conversione Grafema -fonema Sistema di analisi visiva
  22. 22. Dislessia Fonologica  Dovuta ad un danno della via Fonologica  Buona capacità di lettura di parole  Incapacità di leggere le parole nuove  Incapacità di leggere le NON PAROLE
  23. 23. PAROLA SCRITTA on a f Vi ica og ol Lettura delle non-parole Lessico di entrata visiva Sistema semantico Lessico di uscita fonologico Buffer fonemico PAROLA LETTA Via sema ntica Via sema ntica Conversione Grafema -fonema Sistema di analisi visiva
  24. 24. Dislessia superficiale  Dovuta ad una lesione della via Semantico Lessicale.  Buona capacità di lettura di parole regolari e non parole;  Incapacità di leggere le parole irregolari: ad esempio ancòra e àncora  Difficoltà nella discriminazione di parole OMOFONE NON OMOGRAFE, ad esempio “l’ago” e “lago”.
  25. 25. Modello Evolutivo Uta Frith (1985)
  26. 26. Modello Evolutivo (Frith, 1985) Il bambino riconosce alcune parole per la presenza di alcuni indizi. Stadio Logografico Il bambino legge utilizzando le regole di conversione grafemafonema. Stadio Alfabetico Il bambino impara le regole ortografiche e sintattiche. Unità di lettura è la sillaba. Stadio Ortografico Formazione del magazzino lessicale. Il bambino inizia la leggere con la via semantico-lessicale Stadio Lessicale
  27. 27. Modello Evolutivo (Orsolini, 2005) Lettura da indizi fonetici Strategia pre-alfabetica: il suono associato ad alcune lettere conosciute è utilizzato per ipotizzare la lettura della parola. Stagione  [sto] [sogatto] Lettura fonologica Conversione grafema-fonema con carico della ML fonologica e conseguente difficoltà di fusione. iniziale Spada  [s] [p] [a] [d] [a] non la sa fondere Lettura fonologica Aggregazione di fonemi in unità più ampie (es.: sillabe). Uccello  [u] [ce] [lo] intermedia Lettura fonologica Il bambino legge la parola intera ma in modo non avanzata fluido e armonioso. Tavolo  ta:volo Lettura lessicale Accesso diretto al magazzino lessicale favorito dalla frequenza d’uso delle parole. Tavolo  tavolo
  28. 28. Integrando il modello neuropsicologico e quello evolutivo...   arresto allo stadio logografico o alfabetico: dislessia fonologica e superficiale. arresto allo stadio ortografico: dislessia superficiale (Tressoldi, 1991)  un bambino impara a leggere prima attraverso la via Fonologica e poi attraverso la via Semantico-Lessicale (Cornoldi,1999)
  29. 29. Alcune prove per l’identificazione della dislessia  Prove MT di CORRETTEZZA E RAPIDITA’  Prova di LETTURA DI PAROLE  Prova di LETTURA DI NON PAROLE  PR-CR2
  30. 30. Prove MT di correttezza e rapidità (Cornoldi e Colpo, 1998; 1995)  La prova consiste in una lettura di un brano.  Le prove vanno dalla I elementare alla III media.  Per ogni anno esistono tre prove: ingresso, intermedia e finale  La correzione prevede due punteggi: uno di correttezza e uno di velocità
  31. 31. Calcolo del punteggio di velocità Si divide il numero complessivo di secondi per il numero di sillabe di cui è composto il brano. Ad es. 4’ = 240” , sillabe brano = 146 240:146 = 1.64  per leggere una sillaba il bambino impiega in media 1,64 secondi, ossia 164 centesimi di secondi. [Oppure 146 sill.:240” = 0.61 sill/sec.]   Si confronta il punteggio ottenuto con le fasce di prestazioni riportate sul manuale.
  32. 32. Calcolo del punteggio di correttezza   1. 2. Si segnano sul protocollo dell’operatore il numero di errori che il bambino compie e si calcola la somma. Gli errori possono essere di due tipi: Un punto: inesatta lettura della sillaba, omissione o aggiunta di sillaba o parola, quando il bambino modifica il significato della parola. Mezzo punto: spostamento di accento, grave esitazione, tutti gli errori da un punto che però il bambino autocorregge.
  33. 33. Le fasce di prestazione  Le fasce di prestazione sono 4: Criterio Completamente Raggiunto (CCR), 2. Prestazione Sufficiente (PS), 3. Richiesta di Attenzione (RA), 4. Richiesto di Intervento Immediato (RII). 1.
  34. 34. Disturbo Specifico di Lettura comprensione
  35. 35. Comprensione del testo Comprendere un testo: risultato di un’attività che prevede livelli multipli di rappresentazione del testo  non semplicemente legando il significato di una frase a quello della successiva, ma integrando le informazioni contenute nel testo all’interno delle strutture di conoscenza possedute dal lettore.
  36. 36. Comprendere un testo non significa solo mantenere delle informazioni Comprendere un testo significa:  considerare la relazione fra parole, frasi e periodi che si susseguono  costruire una coerente e significativa rappresentazione del contenuto, integrando le informazioni nuove con quelle vecchie  aggiornare la rappresentazione del testo in caso di informazioni in contraddizione
  37. 37. Comprensione del testo  Aspetti coinvolti nella comprensione: – fare inferenze; – individuare le incongruenze all’interno del testo; – crearsi una rappresentazione del testo; – di monitorare il livello di comprensione.
  38. 38. Nella comprensione sono implicate varie aree di competenza           individuare personaggi, luoghi e tempi individuare fatti e sequenze comprendere la struttura sintattica saper effettuare dei collegamenti fare inferenze essere sensibili al testo individuare la gerarchia del testo inserire il testo all’interno dei propri modelli mentali mostrare flessibilità individuare errori e incongruenze
  39. 39. Un esempio: la sensibilità al testo           Orientarsi nella scelta dei testi in base agli scopi del lettore, in base al grado di difficoltà e di impegno richiesto, in base alle caratteristiche dei generi letterari specifici Individuare le caratteristiche principali di diversi generi letterari fiaba, articolo di giornale, lettera, poesia Individuare informazioni differente genere importanti in testi di testo narrativo; testo storico; testo geografico; cronaca Utilizzare il titolo prevedere, sulla base del titolo, il tipo di testo, il contenuto a alcune caratteristiche Giudicare la difficoltà di un testo individuare gli elementi che rendono difficile un testo: confronto fra brani
  40. 40. Prove MT di Comprensione  Lettura di un brano  Risposta a domande relative al brano. I brani vanno dalla I elementare alla III media.  Per ogni anno scolastico ci sono 3 prove: ingresso, intermedia e finale.  Prove di approfondimento.
  41. 41. Correzione delle prove MT di comprensione.  Somma delle risposte corrette  Confronto con le fasce di prestazione

×