Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Lessico

538 views

Published on

Published in: Internet
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Lessico

  1. 1. Io parloIo parlo stranierostraniero Lo sviluppo della competenza lessicale e la sua centralità nell’apprendimento scolastico dall’infanzia all’adolescenza Lucia BigozziLucia Bigozzi Università diUniversità di FirenzeFirenze 1Lucia Bigozzi Firenze 16 ottobre 2012 Sala Luca Giordano Palazzo Medici Riccardi
  2. 2. ConcettoConcetto Conceptus, p.p. concipereConceptus, p.p. concipere SignificatoSignificato p.p. significare signum facerep.p. significare signum facere 2Lucia Bigozzi
  3. 3. Gesto deitticoGesto deittico 3Lucia Bigozzi
  4. 4. 18-20 mesi18-20 mesi 24 mesi24 mesi 3 anni3 anni 4Lucia Bigozzi 50 parole 140 parole 440 parole
  5. 5. ESPLOSIONE DEL LESSICOESPLOSIONE DEL LESSICO  FINE SCUOLE SUPERIORIFINE SCUOLE SUPERIORI  40.000 PAROLE40.000 PAROLE  ADULTO MEDIA CULTURA 60.000ADULTO MEDIA CULTURA 60.000 5Lucia Bigozzi
  6. 6. Cosa intendiamo perCosa intendiamo per competenza lessicale?competenza lessicale? 6Lucia Bigozzi 2009
  7. 7. COMPETENZA LESSICALECOMPETENZA LESSICALE Non solo numero di paroleNon solo numero di parole conosciuteconosciute  qualitàqualità della conoscenzadella conoscenza delle paroledelle parole 7Lucia Bigozzi 2009
  8. 8. Il vocabolario non si sviluppa per accumulazione maIl vocabolario non si sviluppa per accumulazione ma grazie a processi che comprendono:grazie a processi che comprendono: costruzione,costruzione, organizzazione,organizzazione, arricchimento di strutturearricchimento di strutture Perfezionamento progressivo dei significatiPerfezionamento progressivo dei significati delle parole.delle parole. 8Lucia Bigozzi 2009
  9. 9.  Scartiamo un apprendimento perScartiamo un apprendimento per associazioneassociazione  Assumiamo un percorso diAssumiamo un percorso di potenziamento delle regolaritàpotenziamento delle regolarità attraverso le quali l’individuo costruisceattraverso le quali l’individuo costruisce i significati delle parole.i significati delle parole. 9Lucia Bigozzi 2009
  10. 10. l’espansione lessicale avviene seguendol’espansione lessicale avviene seguendo alcunealcune regolarità processualiregolarità processuali che il bambino costruisceche il bambino costruisce che si modificano nel corso dello sviluppoche si modificano nel corso dello sviluppo 10Lucia Bigozzi 2009
  11. 11. categoriecategorie Attributi percettiviAttributi percettivi Funzioni ed azioniFunzioni ed azioni 11Lucia Bigozzi
  12. 12. FARE CATEGORIEFARE CATEGORIE SottoestensioneSottoestensione chiamarechiamare ““ba-bauba-bau”” solosolo il MIO caneil MIO cane SovraestensioneSovraestensione chiamarechiamare ““ba-ba- baubau”” TUTTI gli animaliTUTTI gli animali pelosi a 4 zampe..pelosi a 4 zampe.. 12Lucia Bigozzi
  13. 13. AntonimieAntonimie BelloBello BruttoBrutto 13Lucia Bigozzi
  14. 14. sinonimiesinonimie BelloBello MagnificoMagnifico EleganteElegante SerenoSereno 14Lucia Bigozzi
  15. 15. CONTESTOCONTESTO ““Napoleone, grande generale, era di bassaNapoleone, grande generale, era di bassa statura e non riusciva a prendere un libro chestatura e non riusciva a prendere un libro che era in alto sopra uno scaffale…”era in alto sopra uno scaffale…” COME ERA NAPOLEONE?COME ERA NAPOLEONE? Fino a 7-8 anniFino a 7-8 anni ALTOALTO 15Lucia Bigozzi
  16. 16. E’ POSSIBILE POTENZIARE QUESTIE’ POSSIBILE POTENZIARE QUESTI PROCESSI DI COSTRUZIONE DEIPROCESSI DI COSTRUZIONE DEI SIGNIFICATI?SIGNIFICATI? ABBIAMO COSTRUITO UN PERCORSO CHE E’ STATO SOTTOPOSTO A PROVE EMPIRICHE CHE NE HANNO DIMOSTRATO L’ EFFICACIA 16Lucia Bigozzi
  17. 17. Lessico e ortografiaLessico e ortografia Lucia Bigozzi, Elena Falaschi, Filippo BoschiLucia Bigozzi, Elena Falaschi, Filippo Boschi POTENZIAMENTO DELLAPOTENZIAMENTO DELLA COMPETENZA LESSICALECOMPETENZA LESSICALE 17Lucia Bigozzi
  18. 18. Lessico e ortografiaLessico e ortografia  Schede di esercizioSchede di esercizio  Schede metacognitive di verificaSchede metacognitive di verifica  Schede metacognitive di autocorrezioneSchede metacognitive di autocorrezione consapevolezza e controllo delconsapevolezza e controllo del linguaggiolinguaggio MetacognizioneMetacognizione consapevolezza e controllo del proprioconsapevolezza e controllo del proprio percorso di apprendimentopercorso di apprendimento 18Lucia Bigozzi
  19. 19. Il percorso di potenziamento èIl percorso di potenziamento è EFFICACE SU:EFFICACE SU: Competenza lessicaleCompetenza lessicale SinonimiSinonimi AntonimiAntonimi CategorizzazioniCategorizzazioni FunzionalizzazioniFunzionalizzazioni Il trattamento ha efficacia maggioreIl trattamento ha efficacia maggiore per chi ha un livello iniziale più basso,per chi ha un livello iniziale più basso, per i più giovani,per i più giovani, per le competenze più evolute (sinonimi contestuali)per le competenze più evolute (sinonimi contestuali) DATI DISAGGREGATI PER LA VARIABILE “MAESTRO”DATI DISAGGREGATI PER LA VARIABILE “MAESTRO” 19Lucia Bigozzi
  20. 20. EFFICACE ANCHE SU:EFFICACE ANCHE SU: COMPRENSIONE IN LETTURACOMPRENSIONE IN LETTURA FLUIDITA’ VERBALEFLUIDITA’ VERBALE 20Lucia Bigozzi
  21. 21. ORTOGRAFIAORTOGRAFIA Il trattamento ha un effetto in media di 1 erroreIl trattamento ha un effetto in media di 1 errore in meno ogni 27 parole per gli errori ortograficiin meno ogni 27 parole per gli errori ortografici nella frase.nella frase. Il livello di correttezza ortografica dopo ilIl livello di correttezza ortografica dopo il trattamento dipende dal livello finale ditrattamento dipende dal livello finale di competenza lessicale raggiunta (4.4 errori incompetenza lessicale raggiunta (4.4 errori in meno per ogni punto di competenza lessicalemeno per ogni punto di competenza lessicale raggiunta).raggiunta). 21Lucia Bigozzi
  22. 22. L’effetto del trattamento è tanto maggiore quantoL’effetto del trattamento è tanto maggiore quanto maggiore è il numero di errori iniziali:maggiore è il numero di errori iniziali: 1 errore in meno ogni 66 parole1 errore in meno ogni 66 parole per chi fa pochiper chi fa pochi errori prima del trattamento (errori prima del trattamento (-1-1 deviazionedeviazione standard dalla media di errori ortografici iniziali)standard dalla media di errori ortografici iniziali) 1 errore in meno ogni 18 parole1 errore in meno ogni 18 parole per chi fa tantiper chi fa tanti errori prima del trattamento (errori prima del trattamento (+1+1 deviazionedeviazione standard dalla media)standard dalla media).. 22Lucia Bigozzi
  23. 23. 23Lucia Bigozzi
  24. 24. rappresentazione percettiva zebra rappresentazione ortografica <zebra> procedure di conversione grafema-fonema <z> <e> <b> <r> <a> /dz/ / ε/ /b/ /r/ /a/ lessico ortografico <zebra>  sistema semantico lessico fonologico /’dzεbra/ rappresentazione fonologica /’dzεbra/ risposta stimolo zebra 24Lucia Bigozzi
  25. 25. Si rievocano meglio le parole che sono stateSi rievocano meglio le parole che sono state codificate in base alcodificate in base al significatosignificato (profondamente)(profondamente) rispetto a quelle codificate in base a caratteristicherispetto a quelle codificate in base a caratteristiche grafiche e fonologiche (superficialmente): teoriagrafiche e fonologiche (superficialmente): teoria dei livelli di elaborazione (Craik e Lockart 1972;dei livelli di elaborazione (Craik e Lockart 1972; Craik e Tulving, 1975).Craik e Tulving, 1975). 25Lucia Bigozzi
  26. 26. I bambini sottoposti a trattamento sono in grado diI bambini sottoposti a trattamento sono in grado di avere in memoria unaavere in memoria una corretta rappresentazionecorretta rappresentazione ortograficaortografica della parola di cui possiedono ildella parola di cui possiedono il significatosignificato,, didi vederevedere se la parola è scritta bene e di notare eventualise la parola è scritta bene e di notare eventuali parole “storpie”, cosa che capita a noi adulti quandoparole “storpie”, cosa che capita a noi adulti quando immediatamente notiamo in una parola familiare scrittaimmediatamente notiamo in una parola familiare scritta male qualche cosa che non va bene.male qualche cosa che non va bene. 26Lucia Bigozzi
  27. 27. GIORGIO (9 anni, IV elementare)GIORGIO (9 anni, IV elementare)  padre ingegnere, madre professoressa di storia dell’arte.padre ingegnere, madre professoressa di storia dell’arte.  sorella maggiore di tre anni (relazione serena).sorella maggiore di tre anni (relazione serena).  prematuroprematuro  comparsa del linguaggio intorno ai due anni inseritocomparsa del linguaggio intorno ai due anni inserito normalmente al nido e a scuola dell’infanzianormalmente al nido e a scuola dell’infanzia  impacciato nei movimenti, nel linguaggio, nel disegno.impacciato nei movimenti, nel linguaggio, nel disegno.  alla scuola elementare ha iniziato a mostrare fatica nelalla scuola elementare ha iniziato a mostrare fatica nel seguire il ritmo degli altri nella lettura e nella scrittura.seguire il ritmo degli altri nella lettura e nella scrittura.  QI 136QI 136  Diagnosi di disortografia a 9 anniDiagnosi di disortografia a 9 anni 27Lucia Bigozzi
  28. 28. Giorgio:Giorgio: primaprima 28Lucia Bigozzi
  29. 29. Giorgio:Giorgio: dopodopo 29Lucia Bigozzi
  30. 30. Risultati: GiorgioRisultati: Giorgio ProvaProva T1 (prima)T1 (prima) T2 (dopo)T2 (dopo) Media e d.s.Media e d.s. popolazionepopolazione didi riferimentoriferimento N° erroriN° errori commessi dacommessi da GiorgioGiorgio Media e d.s.Media e d.s. popolazionepopolazione didi riferimentoriferimento N° erroriN° errori commessi dacommessi da GiorgioGiorgio Dettato diDettato di brano (n°brano (n° errori)errori) M = 3.8M = 3.8 (d.s. 4.12)(d.s. 4.12) 1818 (+ 3 d.s.=(+ 3 d.s.= 16.16)16.16) M = 4.52M = 4.52 (d.s. 3.8)(d.s. 3.8) 88 (entro 1 d.s.)(entro 1 d.s.) Dettato diDettato di frasi (n°frasi (n° errori)errori) M = 10.1M = 10.1 (d.s. 8.7)(d.s. 8.7) 2525 (+ 2 d.s. =(+ 2 d.s. = 27.5)27.5) M = 11.75M = 11.75 (d.s. 8.7)(d.s. 8.7) 1818 (entro 1 d.s.)(entro 1 d.s.) 30Lucia Bigozzi
  31. 31. Simone (16 anni, II° anno di scuolaSimone (16 anni, II° anno di scuola superiore)superiore)  Madre casalingaMadre casalinga  Padre medicoPadre medico  figlio unicofiglio unico  iter scolastico regolare,iter scolastico regolare,  problemi di lettura e di scrittura insorti fin dallaproblemi di lettura e di scrittura insorti fin dalla prima classe delle scuole elementariprima classe delle scuole elementari  diagnosi di dislessia e disortografia a 11 annidiagnosi di dislessia e disortografia a 11 anni 31Lucia Bigozzi
  32. 32. PRIMA DOPO 10 errori 1 32Lucia Bigozzi
  33. 33. Risultati: SimoneRisultati: Simone ProvaProva T1 (prima)T1 (prima) T2 (dopo)T2 (dopo) Media e d.s.Media e d.s. popolazionepopolazione didi riferimentoriferimento N° erroriN° errori commessi dacommessi da SimoneSimone Media e d.s.Media e d.s. popolazionepopolazione didi riferimentoriferimento N° erroriN° errori commessi dacommessi da SimoneSimone Dettato di branoDettato di brano (n° errori)(n° errori) M = 3.65M = 3.65 (d.s. 2.8)(d.s. 2.8) III mediaIII media 4040 (+ 13 d.s.=(+ 13 d.s.= 40.05)40.05) M = 3.65M = 3.65 (d.s. 2.8)(d.s. 2.8) III mediaIII media 1414 (+ 4 d.s. =(+ 4 d.s. = 14.85)14.85) Dettato di frasiDettato di frasi (n° errori)(n° errori) M = 8.12M = 8.12 (d.s. 8.86)(d.s. 8.86) V elem.V elem. 2626 (+ 2 d.s. =(+ 2 d.s. = 25.84)25.84) M = 8.12M = 8.12 (d.s. 8.86)(d.s. 8.86) V elem.V elem. 1212 (entro 1 d.s.)(entro 1 d.s.) 33Lucia Bigozzi
  34. 34. Francesco 15 anni II superioreFrancesco 15 anni II superiore Madre casalingaMadre casalinga Padre impiegatoPadre impiegato Figlio unicoFiglio unico istituto tecnicoistituto tecnico diagnosi di dislessia e disortografia in IVdiagnosi di dislessia e disortografia in IV elementare con certificazione di handicapelementare con certificazione di handicap (L. 104/1992).(L. 104/1992). 34Lucia Bigozzi
  35. 35. Risultati FrancescoRisultati Francesco SCRITTURASCRITTURA errorierrori Popolazione diPopolazione di riferimentoriferimento Media e d.s.Media e d.s. FRANCESCOFRANCESCO PRIMAPRIMA FRANCESCOFRANCESCO DOPODOPO ParoleParole Num. ErroriNum. Errori .47.47 (d.s. .82)(d.s. .82) 66 (+ 6(+ 6 d.s.=5.39)d.s.=5.39) 11 Non paroleNon parole Num. ErroriNum. Errori 2.22.2 (d.s. 2.2)(d.s. 2.2) 1010 (+ 3,5(+ 3,5 d.s.=9.9)d.s.=9.9) 22 Parole omofoneParole omofone Num. ErroriNum. Errori .7.7 (d.s. 1)(d.s. 1) 99 (+ 8 d.s=8.7)(+ 8 d.s=8.7) 11 35Lucia Bigozzi
  36. 36. SOGGETTO Bambino di 9 anni V elementare e I media Diagnosi di dislessia lieve e disortografia grave SOGGETTO
  37. 37. Prima e dopo il trattamento rilevazione correttezza ortografica, rapidità e correttezza di lettura METODO – Materiali e Procedura LE PROVE PROVE MT Cornoldi et. al.,1992) Batteria per la Valutazione della Scrittura e Competenza Ortografica (Tressoldi e Cornoldi, 2000) DDE – 2 (Sartori et. al., 2007) MATERIALE E PROCEDURA
  38. 38. Esercizio Metacognitive verifica Metacognitive autocorrezione articolate Le schede 3 sezioni Superamento grammatiche infantili Arricchimento del vocabolario Arricchimento capacità di contesto METODO – Trattamento “Lessico e Ortografia”
  39. 39. RISULTATI
  40. 40. RISULTATI
  41. 41. Prove MT RISULTATI
  42. 42. Matteo dopo il trattamento DISCUSSIONE Compie meno errori ortografici nella scrittura E’ più rapido e corretto nella lettura
  43. 43. DISCUSSIONEDISCUSSIONE Il trattamento “Lessico e Ortografia” Potenziando la competenza lessicale Ottimizza la via lessicale di lettura e scrittura Migliorando lettura e scrittura
  44. 44.  CLASSE PRIMACLASSE PRIMA  Cappuccetto RossoCappuccetto Rosso  1 Una bambina vestita di1 Una bambina vestita di ROSSOROSSO  22 giocavagiocava ALLEGRAALLEGRA con una mantella addosso.con una mantella addosso.  3 La mamma la chiama: “Dai Cappuccetto,3 La mamma la chiama: “Dai Cappuccetto,  44 PORTAPORTA alla nonna questo pacchetto.alla nonna questo pacchetto.  5 Ho messo5 Ho messo FOCACCIA, MIELE E UNA TORTAFOCACCIA, MIELE E UNA TORTA SALATASALATA,,  6 vai dalla nonna che è tanto malata!6 vai dalla nonna che è tanto malata!  7 Ma fai attenzione, non passare dal7 Ma fai attenzione, non passare dal BOSCO,BOSCO,  88 che lì puoi incontrare un tipo un po’che lì puoi incontrare un tipo un po’ LOSCOLOSCO””..  9 La bimba9 La bimba CONTENTACONTENTA prende il cestinoprende il cestino  10 e10 e IMBOCCAIMBOCCA il sentiero cantando pianino.il sentiero cantando pianino.  11 Ma quanti fiori, uccellini, farfalle,11 Ma quanti fiori, uccellini, farfalle,  1212 ALBERI GRANDI, PINI E BETULLE!ALBERI GRANDI, PINI E BETULLE! 44Lucia Bigozzi
  45. 45.  13 Cappuccetto si attarda a raccogliere i13 Cappuccetto si attarda a raccogliere i FIORIFIORI,,  14 indovinate adesso chi14 indovinate adesso chi SPUNTASPUNTA fuori?fuori?  15 E’ proprio il15 E’ proprio il LUPOLUPO che le si avvicinache le si avvicina  16 e le chiede: “Dove vai bella bambina?”16 e le chiede: “Dove vai bella bambina?”  17 “Attraverso il bosco per andare alla17 “Attraverso il bosco per andare alla CASETTACASETTA  18 della mia18 della mia CARACARA nonnina che mi aspetta”.nonnina che mi aspetta”.  19 Lui risponde19 Lui risponde LESTOLESTO:: “Facciamo una gara di velocità?“Facciamo una gara di velocità?  20 Io20 Io PRENDOPRENDO questa strada e tu quel sentiero là”.questa strada e tu quel sentiero là”.  21 Così l’21 Così l’ASTUTOASTUTO lupo corre via velocelupo corre via veloce  22 mentre Cappuccetto pensa: “Non è poi così22 mentre Cappuccetto pensa: “Non è poi così FEROCEFEROCE!”!”  23 Il lupo23 Il lupo IN UNIN UN BALENOBALENO è già dalla nonninaè già dalla nonnina  24 e bussa alla porta facendo una vocina:……..24 e bussa alla porta facendo una vocina:…….. 45Lucia Bigozzi
  46. 46. Rigo 5:Rigo 5: FOCACCIAFOCACCIA - (Vincolo grafo-fonemico)- (Vincolo grafo-fonemico) --  Cappuccetto Rosso porta alla nonna una focaCappuccetto Rosso porta alla nonna una foca cattiva?cattiva? Metti una crocetta.Metti una crocetta.  SISI  NONO  Se hai risposto NO, disegna cosa le porta.Se hai risposto NO, disegna cosa le porta. 46Lucia Bigozzi
  47. 47.  Rigo 14:Rigo 14: SPUNTASPUNTA - (Frequenza d’uso-Significato- (Frequenza d’uso-Significato dominante – Funzionalizzazioni)dominante – Funzionalizzazioni)  Segna con una crocetta le cose che possonoSegna con una crocetta le cose che possono SPUNTARE.SPUNTARE.  Il soleIl sole  Un coloreUn colore  Un quadroUn quadro  Un fioreUn fiore  Un’ideaUn’idea  Una finestraUna finestra  Una matitaUna matita  Un denteUn dente 47Lucia Bigozzi
  48. 48.  Rigo 39:Rigo 39: SVEGLIOSVEGLIO – (Contesto) -– (Contesto) -  Continua le seguenti frasi.Continua le seguenti frasi.  1. Io mi SVEGLIO quando1. Io mi SVEGLIO quando ………………………………………………………………………………………………………… …………………….…………………….  ………………………………………………………………………………………………………… ……………………………………………………………………………………………………..  2. Paolo è un bambino SVEGLIO perché2. Paolo è un bambino SVEGLIO perché ………………………………………………………………………………………………………… ……..……..  ………………………………………………………………………………………………………… ……………………………………………………………………………………………………..  3. Non sono stato SVEGLIO quella volta che3. Non sono stato SVEGLIO quella volta che ………………………………………………………………………………………………………… ……  ………………………………………………………………………………………………………… …………………………………………………………………………………………………….. 48Lucia Bigozzi
  49. 49.  Gruppi sperimentali e gruppi di controllo di IGruppi sperimentali e gruppi di controllo di I elementareelementare  Longitudinale (due anni scolastici)Longitudinale (due anni scolastici)  Rilevazioni in tre tempi (Iniziale, intermedio,Rilevazioni in tre tempi (Iniziale, intermedio, finale)finale) RisultatiRisultati Il gruppo sperimentale è significativamenteIl gruppo sperimentale è significativamente migliore nell’ortografia (p>0.001) nella scritturamigliore nell’ortografia (p>0.001) nella scrittura di parole, sia alla prima che alla secondadi parole, sia alla prima che alla seconda rilevazione.rilevazione. 49Lucia Bigozzi
  50. 50. Riflessioni conclusiveRiflessioni conclusive Importanza di questo studio:Importanza di questo studio: 1.1. Prova empirica di efficaciaProva empirica di efficacia 2.2. Individuate relazioni causali tra lessico eIndividuate relazioni causali tra lessico e ortografiaortografia 3.3. Conferma la validità del lavoro sulConferma la validità del lavoro sul processoprocesso efficacia maggiore ed estesa a tutti queiefficacia maggiore ed estesa a tutti quei prodotti per i quali è necessaria la buonaprodotti per i quali è necessaria la buona efficienza del processo potenziatoefficienza del processo potenziato (comprensione, correttezza e velocità in(comprensione, correttezza e velocità in lettura)lettura) 50Lucia Bigozzi

×