Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
COMUNICARE

atto implicito della
natura dell’uomo
ESSERE
PENSANTE
ESSERE SOCIALE
COMUNICAZIONE
CELEBRE
MODELLO
Codifica

(JACOBSON)

Decodifica
Messaggio

Contesto
Emittente

Canale

Ricevente
CANALE DELLA COMUNICAZIONE
mezzo fisico-ambientale che rende
possibile la trasmissione del
messaggio
LINGUAGGIO
parole

parole
pronunciate

scritte

REGOLE
GRAMMATICALI
SEMANTICHE
SINTATTICHE
SEGNALI INVIATI
ATTRAVERSO
IL LINGUAGGIO DEL CORPO
indicatore dell’intenzione e
del senso
intensità
sonora
pause, lentezza,
velocità
caratteristiche individuali della
voce
La comunicazione
interpersonale
La comunicazione interpersonale risponde ad
un’ampia serie di motivazioni
Bisogni di tipo ...
La comunicazione
È un elemento costitutivo della trama dei rapporti tra le
persone;
è definita in base a due caratteristic...
Ruolo dell’intenzionalità
nella comunicazione
Intenzioni riguardanti il contenuto comunicativo
si possono distinguere 3 di...
Modello tradizionale

Emittente-messaggio-ricevente
Modello lineare: la comunicazione è considerata come
un atto compiuto ...
Concetto di rumore
Qualsiasi elemento che interferisce con la comunicazione

Esterno:
Esterno:
fattori contestuali
fattori...
Modello interattivo
Introduce il concetto
di feedback:
la risposta del
ricevente comunica
all’emittente se
il messaggio è
...
contesto
Il contesto, inteso non solo
come ambiente fisico ma come
storia personale
dei due interlocutori,
il loro backgro...
Il ruolo del contesto negli
scambi comunicativi
Per spiegare il comportamento sociale ( e comunicativo) è necessario
anali...
Contesti della comunicazione
Contesto totale: intero sistema di coordinate
dell’emittente a cui si riferisce l’espressione...
Funzioni del contesto
Determina la scelta di una parola:
impone dei limiti alle possibilità
di interpretazione. Attrae uno...
Sottolinea il carattere “dialogico” delle interazioni
comunicative: l’emittente è contemporaneamente
(e non in momenti div...
Può essere definita come la
“teoria dell’uso dell’atto linguistico”
si analizzano gli effetti pragmatici,
cioè comportamen...
Scuola di Palo Alto:
assiomi della comunicazione
Non si può non comunicare
qualsiasi comportamento, le parole o i silenzi,...
Scuola di Palo Alto:
assiomi della comunicazione
Gli esseri umani comunicano
sia con il modulo numerico
(uso di parole)
Si...
La teoria degli atti
linguistici
Austin sostiene che “parlare è agire”:
i fenomeni linguistici sono considerati
dal punto ...
Chi parla deve
Chi parla deve
credere che
credere che
Chi parla deve
Chi parla deve
l’ascoltatore non
non
l’ascoltatore
cr...
Tipi di atti

che vengono eseguiti contemporaneamente
durante la comunicazione
Atto locutorio
(enunciare una frase dotata
...
competenza comunicativa
Intesa come capacità di produrre e capire messaggi
che ci pongano in relazione con altri parlanti....
Funzioni della comunicazione
Funzione referenziale
( scambio verbale di informazioni)

Funzione espressiva
(esprime le rel...
La conversazione
Definita come un’attività sociale regolata, guidata da scopi
e basata sul principio della cooperazione
il...
Condizioni per il verificarsi
della conversazione
A parli a B e

B parli ad A

A ha uno scopo per raggiungere il quale è n...
Dire e non dire: il presupposto
e l’implicito
Negli scambi conversazionali ci sono elementi non
comunicati esplicitamente,...
Presupposizioni semantiche
e pragmatiche
Presupposizioni semantiche: elementi iscritti nelle rappresentazioni
semantiche d...
Le barriere alla comunicazione
Consigliare
eludere

Etichettare
contestare
ordinare
esigere

Giudicare
interpretare
indaga...
Perdite di carico della
comunicazione
Pensiero
( intendo dire 10 cose)

ascolto
(l’interlocutore
ne sente 5)

emissione
(r...
Comunicazione
Comunicazione
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Comunicazione

646 views

Published on

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Comunicazione

  1. 1. COMUNICARE atto implicito della natura dell’uomo ESSERE PENSANTE ESSERE SOCIALE
  2. 2. COMUNICAZIONE CELEBRE MODELLO Codifica (JACOBSON) Decodifica Messaggio Contesto Emittente Canale Ricevente
  3. 3. CANALE DELLA COMUNICAZIONE mezzo fisico-ambientale che rende possibile la trasmissione del messaggio
  4. 4. LINGUAGGIO parole parole pronunciate scritte REGOLE GRAMMATICALI SEMANTICHE SINTATTICHE
  5. 5. SEGNALI INVIATI ATTRAVERSO IL LINGUAGGIO DEL CORPO
  6. 6. indicatore dell’intenzione e del senso intensità sonora pause, lentezza, velocità caratteristiche individuali della voce
  7. 7. La comunicazione interpersonale La comunicazione interpersonale risponde ad un’ampia serie di motivazioni Bisogni di tipo fisico: la sua presenza o assenza può Bisogni di tipo fisico: la sua presenza o assenza può incidere sul benessere fisico (psicosomatica) incidere sul benessere fisico (psicosomatica) Bisogni sociali:senso si appartenenza coinvolgimento Bisogni sociali:senso si appartenenza eecoinvolgimento controllo influenza sulle persone, affiliazione controllo eeinfluenza sulle persone, affiliazione Bisogni di tipo pratico: chiedere un’informazione, Bisogni di tipo pratico: chiedere un’informazione, dare consigli, ottenere qualcosa dare consigli, ottenere qualcosa
  8. 8. La comunicazione È un elemento costitutivo della trama dei rapporti tra le persone; è definita in base a due caratteristiche fondamentali: L’aspetto processuale: coinvolgimento di più soggetti in una serie di eventi, implica •relazione tra gli interlocutori •condivisione dei significati Il grado di intenzionalità intenzione dell’emittente di realizzare un atto comunicativo implica •consapevolezza e •volontarietà
  9. 9. Ruolo dell’intenzionalità nella comunicazione Intenzioni riguardanti il contenuto comunicativo si possono distinguere 3 dimensioni di tale contenuto Espressiva:l’emittente vuole inviare informazioni circa la sua identità, le sue emozioni, i suoi desideri, ecc. Evocativa: intenzione di influenzare l’altro attraverso la comunicazione di eventi specifici o attraverso tentativi di modificare i pensieri, le credenze e i comportamenti Obbligo: quando un atto comunicativo crea un obbligo sociale e impegna a delle conseguenze es. sono le 5…..
  10. 10. Modello tradizionale Emittente-messaggio-ricevente Modello lineare: la comunicazione è considerata come un atto compiuto da qualcuno verso un altro individuo Emittente: codifica il messaggio Messaggio:trasmesso attraverso un canale Ricevente: decodifica
  11. 11. Concetto di rumore Qualsiasi elemento che interferisce con la comunicazione Esterno: Esterno: fattori contestuali fattori contestuali Fisiologico: Fisiologico: fattori biologici fattori biologici Psicologico: Psicologico: condizioni condizioni che possono inibire che possono inibire la comunicazione la comunicazione efficace efficace
  12. 12. Modello interattivo Introduce il concetto di feedback: la risposta del ricevente comunica all’emittente se il messaggio è stato accuratamente recepito L’emittente può diventare ricevente durante la conversazione. Se le immagini mentali dei due partner dell’interazione coincidono la comunicazione è stata efficace
  13. 13. contesto Il contesto, inteso non solo come ambiente fisico ma come storia personale dei due interlocutori, il loro background di conoscenze comuni, rende possibile la comprensione reciproca. Secondo il modello interattivo: comunicazione = scambio di atti linguistici che hanno un inizio e una fine in momenti precisi. Enfatizza la produzione di atti come azioni di singole persone
  14. 14. Il ruolo del contesto negli scambi comunicativi Per spiegare il comportamento sociale ( e comunicativo) è necessario analizzare la situazione in cui si svolge l’incontro sociale. Il segno ha potenzialmente nuclei significativi diversi, ma il contesto ne delimita i significati. c a r a tte r is tic h e c h e d e fin is c o n o u n a s itu a z io n e scena: c o n t e s t o in c u i s i s v o lg e l 'a t t o c o m u n i c a t i v o s e ttin g :lu o g o e te m p o . l 'a m b i e n t e s p e c i f i c o ( p u b b lic o o fo r m a le p r iv a t o o in fo r m a le ) scopo: in flu e n z a il t ip o d i a t t i v i t à e l 'a r g o m e n t o p a r te c ip a n ti: e m it t e n t e e r ic e v e n t e p a r te c ip a n ti s in g o li in d iv id u i in q u a n t o t a li e in q u a n t o m e m b r i d i u n a c a t e g o r ia s o c ia le r e la z io n e tr a p a r te c ip a n ti d i t ip o in t e r p e r s o n a le d e fin it e in b a s e a l r u o lo e a lle c a t e g o r ie s o c ia li
  15. 15. Contesti della comunicazione Contesto totale: intero sistema di coordinate dell’emittente a cui si riferisce l’espressione prodotta Contesto implicito:tutto ciò che il ricevente conosce a proposito dell’emittente Contesto esplicito:il contesto linguistico, la concatenazione lineare delle parole verbale fonema-parola parola-frase extralinguistico gestualità mimica
  16. 16. Funzioni del contesto Determina la scelta di una parola: impone dei limiti alle possibilità di interpretazione. Attrae uno dei significati, scegliendo tra quelli possibili, in funzione alle esigenze. Individualizza il senso: contribuisce alla sua precisazione funzioni Può creare il significato di una parola, nei casi in cui solo il contesto ne rende possibile la corretta interpretazione Può trasformare un significato e orientare la parola verso un significato errato
  17. 17. Sottolinea il carattere “dialogico” delle interazioni comunicative: l’emittente è contemporaneamente (e non in momenti diversi) ricevente. emittente ricevente messaggio Riceve feedback e adatta feedback
  18. 18. Può essere definita come la “teoria dell’uso dell’atto linguistico” si analizzano gli effetti pragmatici, cioè comportamentali, della comunicazione. Interesse non solo per gli effetti della comunicazione sul ricevente, ma anche per gli effetti delle reazioni del ricevente sull’emittente.
  19. 19. Scuola di Palo Alto: assiomi della comunicazione Non si può non comunicare qualsiasi comportamento, le parole o i silenzi, l’attività o l’inattività costituiscono un atto comunicativo. Ogni comunicazione ha un duplice aspetto: contenuto (informazione, notizia) e relazione (indicazione sulle modalità di assunzione del messaggio). la natura di una relazione dipende dalla punteggiatura delle sequenze gli scambi comunicativi non sono organizzati come sequenze ininterrotte ma seguono una sintassi
  20. 20. Scuola di Palo Alto: assiomi della comunicazione Gli esseri umani comunicano sia con il modulo numerico (uso di parole) Sia con il modulo analogico (che implica la comunicazione non verbale) Tutti gli scambi comunicativi sono simmetrici o complementari: riconoscimento delle reciproche competenze; differenze di status (da superiore a inferiore)
  21. 21. La teoria degli atti linguistici Austin sostiene che “parlare è agire”: i fenomeni linguistici sono considerati dal punto di vista pragmatico e cioè non per “dire qualcosa” ma per “fare qualcosa” Degli atti linguistici Degli atti linguistici performativi si può performativi si può dire se sono dire se sono giusti o sbagliati giusti o sbagliati Perché un atto Perché un atto performativo sia performativo sia “riuscito”(giusto) sono “riuscito”(giusto) sono necessarie 4 necessarie 4 condizioni condizioni
  22. 22. Chi parla deve Chi parla deve credere che credere che Chi parla deve Chi parla deve l’ascoltatore non non l’ascoltatore credere che credere che sappia cosa gli cosa gli sappia ciò che dice ciò che dice sta per dire e sta per dire e sia vero sia vero gli interessi gli interessi saperlo saperlo condizioni Per una promessa Per una promessa è necessario è necessario che il parlante che il parlante si assuma si assuma un impegno un impegno Le funzioni Le funzioni istituzionali limitano istituzionali limitano l’estensione l’estensione degli atti degli atti linguistici linguistici
  23. 23. Tipi di atti che vengono eseguiti contemporaneamente durante la comunicazione Atto locutorio (enunciare una frase dotata di significato) Atto perlocutorio (effetti che la frase produce sui sentimenti, pensieri e azioni dell’ascoltatore) Atto illocutorio (indica la “forza” dell’affermazione: promessa, l’offerta, la minaccia, ecc.)
  24. 24. competenza comunicativa Intesa come capacità di produrre e capire messaggi che ci pongano in relazione con altri parlanti. Competenza linguistica (capacità di produrre e interpretare segni verbali) Competenza paralinguistica (enfasi, intercalare, esclamazioni, silenzi, borbottii) Competenza socio-culturale (ricezione: attenzione e decodifica; invio: espressione di opinioni, sentimenti,ecc) Competenze intraindividuali automonitoraggio dei propri comportamenti comunicativi, dei sentimenti e delle intenzioni sottostanti)
  25. 25. Funzioni della comunicazione Funzione referenziale ( scambio verbale di informazioni) Funzione espressiva (esprime le relazioni tra chi parla e chi ascolta: status sociale e potere, ostilità o affettività) Funzione di controllo (conseguimento di un obiettivo attraverso un uso strumentale del proprio e altrui comportamento). Regolazione del comportamento degli altri: forma diretta (comandi, ordini, divieti) Autoregolazione forma indiretta (occorre, bisognerebbe,ecc.) (controllo dell’impressione che vogliamo dare di noi stessi in funzione della simmetria o della complementarietà)
  26. 26. La conversazione Definita come un’attività sociale regolata, guidata da scopi e basata sul principio della cooperazione il principio di cooperazione si traduce nell’osservanza di alcune “massime” Quantità:a) dà un contributo informativo quanto richiesto b) non dare un contributo più informativo di quanto richiesto Qualità: a) non dire ciò che ritieni essere falso b) non dire ciò per cui non hai prove adeguate Relazione: sii pertinente Modo:a) evita le oscurità di espressione e le ambiguità b) evita la prolissità
  27. 27. Condizioni per il verificarsi della conversazione A parli a B e B parli ad A A ha uno scopo per raggiungere il quale è necessaria la partecipazione di B; A produce il segnale perché B sappia quale è questo scopo Due frasi debbono avere uno scopo in comune es. coppia di frasi domanda-risposta Comunanza di scopi: B si prefigge uno scopo che è anche lo scopo di A; proprio in quanto B sa che tale scopo è quello di A Se gli interlocutori hanno scopi opposti: si tende alla realizzazione di uno scopo più obiettivo (stabilire la verità) al di sopra degli scopi di parte (sostenere tesi opposte)
  28. 28. Dire e non dire: il presupposto e l’implicito Negli scambi conversazionali ci sono elementi non comunicati esplicitamente, ma suggeriti insinuati Lasciati intendere presupposti Procedure interpretative reciprocità delle aspettative: A presuppone che B assegni lo stesso significato forme normali: A presuppone che esista un sistema comune di segnali e regole e che ogni comunicazione sia inserita in un corpus di conoscenze comuni
  29. 29. Presupposizioni semantiche e pragmatiche Presupposizioni semantiche: elementi iscritti nelle rappresentazioni semantiche di un termine Presupposizioni pragmatiche: forme di implicito non codificate nel lessico (decodificate per inferenza) X è ritornato in prigione Verrò da te anche Martedì Non ho più problemi economici Ha mal di pancia, non vorrà andare a scuola... A dice a B: C si trova bene con il nuovo lavoro. Non è ancora finito in prigione
  30. 30. Le barriere alla comunicazione Consigliare eludere Etichettare contestare ordinare esigere Giudicare interpretare indagare Deridere rimproverare minacciare
  31. 31. Perdite di carico della comunicazione Pensiero ( intendo dire 10 cose) ascolto (l’interlocutore ne sente 5) emissione (riesco a dirne 7) comprensione (ne capisce 3…. Ma è convinto di averne capite 10)

×