1
TECNICHE DI OSSERVAZIONE DEL
COMPORTAMENTO INFANTILE
Prof. Paola Perucchini
p.perucchini@uniroma3.it
Orario lezioni: gio...
2
Testi di riferimento
Camaioni, Aureli Perucchini, Osservare e valutare
il comportamento infantile, il Mulino
Vinter, Cip...
3
Esame
Relazione sull’esercitazione condotto durante il
corso, che consiste nell’applicazione di due
strumenti:
Scale di ...
4
Luigia Camaioni, Tiziana Aureli e Paola Perucchini
OSSERVARE E VALUTARE IL COMPORTAMENTO INFANTILE
Capitolo 1
L’osservaz...
5
Camaioni, Aureli, Perucchini, Il Mulino, 2004
Capitolo 1. L’osservazione come metodo d’indagine in psicologia dello svil...
6
Camaioni, Aureli, Perucchini, Il Mulino, 2004
Capitolo 1. L’osservazione come metodo d’indagine in psicologia dello svil...
7
Qualità dell’osservazioneQualità dell’osservazione
OsservazioneOsservazione
scientificascientifica
Coincide con ilCoinci...
8
Camaioni, Aureli, Perucchini, Il Mulino, 2004
Capitolo 1. L’osservazione come metodo d’indagine in psicologia dello svil...
9
Camaioni, Aureli, Perucchini, Il Mulino, 2004
Capitolo 1. L’osservazione come metodo d’indagine in psicologia dello svil...
10
Camaioni, Aureli, Perucchini, Il Mulino, 2004
Capitolo 1. L’osservazione come metodo d’indagine in psicologia dello svi...
11
Camaioni, Aureli, Perucchini, Il Mulino, 2004
Capitolo 1. L’osservazione come metodo d’indagine in psicologia dello svi...
12
Camaioni, Aureli, Perucchini, Il Mulino, 2004
Capitolo 1. L’osservazione come metodo d’indagine in psicologia dello svi...
13
Camaioni, Aureli, Perucchini, Il Mulino, 2004
Capitolo 1. L’osservazione come metodo d’indagine in psicologia dello svi...
14
Camaioni, Aureli, Perucchini, Il Mulino, 2004
Capitolo 1. L’osservazione come metodo d’indagine in psicologia dello svi...
15
Camaioni, Aureli, Perucchini, Il Mulino, 2004
Capitolo 1. L’osservazione come metodo d’indagine in psicologia dello svi...
16
Camaioni, Aureli, Perucchini, Il Mulino, 2004
Capitolo 1. L’osservazione come metodo d’indagine in psicologia dello svi...
17
Camaioni, Aureli, Perucchini, Il Mulino, 2004
Capitolo 1. L’osservazione come metodo d’indagine in psicologia dello svi...
18
Camaioni, Aureli, Perucchini, Il Mulino, 2004
Capitolo 1. L’osservazione come metodo d’indagine in psicologia dello svi...
Luigia Camaioni, Tiziana Aureli e Paola Perucchini
OSSERVARE E VALUTARE IL COMPORTAMENTO INFANTILE
Capitolo 2
L’osservazio...
L’osservazione come fonte di datiL’osservazione come fonte di dati
Uno dei possibili modi per ottenere informazioni sul fe...
Qualità dell’osservazioneQualità dell’osservazione
OsservazioneOsservazione
scientificascientifica
Coincide con ilCoincide...
Criteri dell’osservazione scientificaCriteri dell’osservazione scientifica
Selettiva
Rileva determinate
caratteristiche
de...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

6e7e98ce c26a-4258-9aa3-764d8a5c7a73 (1)

504 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
504
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
5
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

6e7e98ce c26a-4258-9aa3-764d8a5c7a73 (1)

  1. 1. 1 TECNICHE DI OSSERVAZIONE DEL COMPORTAMENTO INFANTILE Prof. Paola Perucchini p.perucchini@uniroma3.it Orario lezioni: giovedì 16-19 venerdì 14-17 13 e 14 dicembre 10 e 11 gennaio 25 e 26 gennaio 21 e 22 febbraio 7 e 8 marzo 14 e 15 marzo
  2. 2. 2 Testi di riferimento Camaioni, Aureli Perucchini, Osservare e valutare il comportamento infantile, il Mulino Vinter, Cipriani, Bruni, Lo sviluppo sensomotorio del lattante, Nuova Italia Scientifica Camaioni et al., Manuale del Questionario sullo Sviluppo Comunicativo e Linguistico nel Secondo Anno di Vita, Organizzazioni Speciali TECNICHE DI OSSERVAZIONE DEL COMPORTAMENTO INFANTILE
  3. 3. 3 Esame Relazione sull’esercitazione condotto durante il corso, che consiste nell’applicazione di due strumenti: Scale di Uzgiris e Hunt Questionario sullo Sviluppo Comunicativo e Linguistico nel Secondo Anno di Vita - QSCL TECNICHE DI OSSERVAZIONE DEL COMPORTAMENTO INFANTILE
  4. 4. 4 Luigia Camaioni, Tiziana Aureli e Paola Perucchini OSSERVARE E VALUTARE IL COMPORTAMENTO INFANTILE Capitolo 1 L’osservazione come metodo d’indagine in psicologia dello sviluppo
  5. 5. 5 Camaioni, Aureli, Perucchini, Il Mulino, 2004 Capitolo 1. L’osservazione come metodo d’indagine in psicologia dello sviluppo MITIMITI • OsservareOsservare non ènon è registrare fedelmente eregistrare fedelmente e direttamente la realtàdirettamente la realtà • OsservareOsservare non ènon è “guardare”. L’osservazione si“guardare”. L’osservazione si fonda sempre su un’ipotesi o su una curiositàfonda sempre su un’ipotesi o su una curiosità • OsservareOsservare non ènon è interpretare. L’osservazioneinterpretare. L’osservazione rappresenta un momento intermedio tra larappresenta un momento intermedio tra la percezione del fenomeno e la sua interpretazionepercezione del fenomeno e la sua interpretazione Miti e realtà sull’osservazioneMiti e realtà sull’osservazione
  6. 6. 6 Camaioni, Aureli, Perucchini, Il Mulino, 2004 Capitolo 1. L’osservazione come metodo d’indagine in psicologia dello sviluppo REALTREALTÀÀ • L’osservazione può diventare “obiettiva” maL’osservazione può diventare “obiettiva” ma rimane costantemente esposta ai rischi dellarimane costantemente esposta ai rischi della “soggettività”“soggettività” • ÈÈ impossibile stabilire confini netti tra “chiimpossibile stabilire confini netti tra “chi osserva” e “chi viene osservato”osserva” e “chi viene osservato” • Osservare significa selezionare unOsservare significa selezionare un comportamento degno di interesse e raccoglierecomportamento degno di interesse e raccogliere informazioniinformazioni accurateaccurate ee completecomplete su di essosu di esso Miti e realtà sull’osservazioneMiti e realtà sull’osservazione
  7. 7. 7 Qualità dell’osservazioneQualità dell’osservazione OsservazioneOsservazione scientificascientifica Coincide con ilCoincide con il ““guardare”guardare” un fenomenoun fenomeno in modoin modo sistematicosistematico Obiettività dei datiObiettività dei dati ValiditàValidità AffidabilitàAffidabilità Camaioni, Aureli, Perucchini, Il Mulino, 2004 Capitolo 2. L’osservazione nella pratica
  8. 8. 8 Camaioni, Aureli, Perucchini, Il Mulino, 2004 Capitolo 1. L’osservazione come metodo d’indagine in psicologia dello sviluppo Uno dei possibiliUno dei possibili modi per otteneremodi per ottenere informazioni sulinformazioni sul fenomenofenomeno o problemao problema indagatoindagato L’osservazione come fonte di datiL’osservazione come fonte di dati ResocontoResoconto Schema di codificaSchema di codifica Scale di valutazioneScale di valutazione Questionari e intervisteQuestionari e interviste Q-SORTQ-SORT
  9. 9. 9 Camaioni, Aureli, Perucchini, Il Mulino, 2004 Capitolo 1. L’osservazione come metodo d’indagine in psicologia dello sviluppo REALTREALTÀÀ L’osservazione èL’osservazione è un’attivitàun’attività complessa ecomplessa e impegnativa cheimpegnativa che richiede:richiede: Miti e realtà sull’osservazioneMiti e realtà sull’osservazione Tempo e distensioneTempo e distensione Libertà intellettualeLibertà intellettuale Assenza di pregiudizi eAssenza di pregiudizi e preconcettipreconcetti Consapevolezza di séConsapevolezza di sé Capacità di nonCapacità di non coinvolgersi (distacco)coinvolgersi (distacco) Capacità di sospendereCapacità di sospendere il giudizioil giudizio
  10. 10. 10 Camaioni, Aureli, Perucchini, Il Mulino, 2004 Capitolo 1. L’osservazione come metodo d’indagine in psicologia dello sviluppo Bambino/i Genitore/Famiglia Prospettiva evolutiva Letteratura rilevante Prospettiva sulla politica sociale Cultura classe età razza genere Prospettiva sistemica Prospettiva sull’attaccamento Prospettiva psicodinamica Interazione nel contesto Prospettiva cognitiva Fonte: Greig e Taylor, 1999 L’osservatore comprende il materialeL’osservatore comprende il materiale osservato attraverso diverse prospettiveosservato attraverso diverse prospettive
  11. 11. 11 Camaioni, Aureli, Perucchini, Il Mulino, 2004 Capitolo 1. L’osservazione come metodo d’indagine in psicologia dello sviluppo MetodoMetodo osservativoosservativo MetodoMetodo sperimentalesperimentale Le variabili indipendentiLe variabili indipendenti non vengono controllatenon vengono controllate mediante manipolazionemediante manipolazione Le variabili indipendentiLe variabili indipendenti vengono controllatevengono controllate mediante manipolazionemediante manipolazione Vengono considerate leVengono considerate le relazioni cherelazioni che esistonoesistono tra due o più variabilitra due o più variabili Vengono considerate leVengono considerate le relazioni cherelazioni che potrebberopotrebbero esistereesistere tra due o piùtra due o più variabilivariabili Non vengonoNon vengono necessariamentenecessariamente formulate ipotesiformulate ipotesi alternativealternative Vengono formulateVengono formulate ipotesi alternative, unaipotesi alternative, una delle quali deve esseredelle quali deve essere falsificata dai risultatifalsificata dai risultati
  12. 12. 12 Camaioni, Aureli, Perucchini, Il Mulino, 2004 Capitolo 1. L’osservazione come metodo d’indagine in psicologia dello sviluppo TIPO DI RILEVAZIONE Osservazione Altro a. 2, 3, 5 b. 4 c. 1 d. Osservativo Sperimentale TIPO DI METODO Esercizio D’OdoricoEsercizio D’Odorico
  13. 13. 13 Camaioni, Aureli, Perucchini, Il Mulino, 2004 Capitolo 1. L’osservazione come metodo d’indagine in psicologia dello sviluppo TIPO DI AMBIENTE Naturale Artificiale 1. Studio sul campo non strutturato 2. Studio in laboratorio non strutturato 3. Studio sul campo strutturato 4. Studio in laboratorio strutturato Non strutturato Strutturato TIPO DI SITUAZIONE Fonte: Bayley, 1982 Tipologia degli studi osservativiTipologia degli studi osservativi
  14. 14. 14 Camaioni, Aureli, Perucchini, Il Mulino, 2004 Capitolo 1. L’osservazione come metodo d’indagine in psicologia dello sviluppo TIPO DI AMBIENTE Naturale Artificiale 1. AQS 2. Studio del gioco tra pari 3. Studio gioco tra pari con particolari materiali 4. Strange Situation Non strutturato Strutturato TIPO DI SITUAZIONE Fonte: Bayley, 1982 Tipologia degli studi osservativiTipologia degli studi osservativi
  15. 15. 15 Camaioni, Aureli, Perucchini, Il Mulino, 2004 Capitolo 1. L’osservazione come metodo d’indagine in psicologia dello sviluppo OsservazioneOsservazione in condizioniin condizioni naturalinaturali OsservazioneOsservazione quasiquasi sperimentalesperimentale OsservazioneOsservazione in laboratorioin laboratorio MINIMOMINIMO MEDIOMEDIO MASSIMOMASSIMO Controllo sulle condizioni di osservazioneControllo sulle condizioni di osservazione
  16. 16. 16 Camaioni, Aureli, Perucchini, Il Mulino, 2004 Capitolo 1. L’osservazione come metodo d’indagine in psicologia dello sviluppo EtologicaEtologica PartecipantePartecipante L’osservazione etnograficaL’osservazione etnografica L’”infant observation”L’”infant observation” ControllataControllata L’osservazione quasi sperimentale (Piaget)L’osservazione quasi sperimentale (Piaget) L’osservazione “target child”L’osservazione “target child” L’osservazione in laboratorio (“Strange Situation”)L’osservazione in laboratorio (“Strange Situation”) Diversi tipi di osservazioneDiversi tipi di osservazione
  17. 17. 17 Camaioni, Aureli, Perucchini, Il Mulino, 2004 Capitolo 1. L’osservazione come metodo d’indagine in psicologia dello sviluppo CONSENSO INFORMATOCONSENSO INFORMATO RISERVATEZZARISERVATEZZA Aspetti eticiAspetti etici Libertà di partecipare alla ricerca Anonimato Libertà di ritirarsi dalla ricerca Conoscenza del proprio ruolo Non riconoscibilità Tutela della persona
  18. 18. 18 Camaioni, Aureli, Perucchini, Il Mulino, 2004 Capitolo 1. L’osservazione come metodo d’indagine in psicologia dello sviluppo Formazione delloFormazione dello psicologopsicologo EducazioneEducazione Attività clinicaAttività clinica Ambiti di utilizzo dell’osservazioneAmbiti di utilizzo dell’osservazione Acquisire un abito mentale obiettivo e critico Rinunciare a preconcetti e pregiudizi Addestramento lungo e difficile Distinguere l’osservazione dall’interpretazione Essere consapevoli di errori, stereotipi e distorsioni Migliorare la qualità dell’insegnamento
  19. 19. Luigia Camaioni, Tiziana Aureli e Paola Perucchini OSSERVARE E VALUTARE IL COMPORTAMENTO INFANTILE Capitolo 2 L’osservazione nella pratica
  20. 20. L’osservazione come fonte di datiL’osservazione come fonte di dati Uno dei possibili modi per ottenere informazioni sul fenomenoUno dei possibili modi per ottenere informazioni sul fenomeno o problema indagatoo problema indagato Aspetti da considerareAspetti da considerare Qualità dell’osservatore Qualità dell’osservazione Distorsioni e correttivi Camaioni, Aureli, Perucchini, Il Mulino, 2004 Capitolo 2. L’osservazione nella pratica
  21. 21. Qualità dell’osservazioneQualità dell’osservazione OsservazioneOsservazione scientificascientifica Coincide con ilCoincide con il ““guardare”guardare” un fenomenoun fenomeno in modoin modo sistematicosistematico Obiettività dei datiObiettività dei dati ValiditàValidità AffidabilitàAffidabilità Camaioni, Aureli, Perucchini, Il Mulino, 2004 Capitolo 2. L’osservazione nella pratica
  22. 22. Criteri dell’osservazione scientificaCriteri dell’osservazione scientifica Selettiva Rileva determinate caratteristiche del fenomeno osservato Controllabile Può essere valutata da chiunque esamina i suoi prodotti Documentabile Fornisce materiale che attesta la sua utilizzazione Camaioni, Aureli, Perucchini, Il Mulino, 2004 Capitolo 2. L’osservazione nella pratica Pianificata È realizzata in modi non casuali rispetto a chi, dove e quando osservare

×