Campagna web marketing

489 views

Published on

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
489
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
6
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Campagna web marketing

  1. 1. (Ipotetica)CAMPAGNA IMMATRICOLAZIONE E ISCRIZIONE UNIBA
  2. 2. • Si è ipotizzato che Uniba abbia deciso di realizzare una campagna di marketing in vista del nuovo Anno accademico• Non abbiamo ipotizzato limiti di spesa pensando ad un periodo di “vacche grasse”• Target – giovani neo diplomati, ma anche universitari già iscritti ad Uniba ma non solo• No limitazioni geografiche: la campagna è sul web• Il taglio dato alla campagna dimostra che l’università è come un’azienda, perciò in concorrenza con altre sedi: deve attrarre il maggior numero di persone
  3. 3. • 3 fasi• Periodo: fine luglio – settembre • Web  Siti (sito della campagna, sito Uniba)  Social Network (Fb, Twitter, Youtube)  Pubblicità a pagamento (Adwords)
  4. 4. • PRIMA FASE: preliminare – creazione sito web specifico della campagna come punto di arrivo dei vari messaggi pubblicitari. Il sito non farà riferimento all’università, pur mantenendo la sua specificità territoriale ( www.70100.it)• Il sito avrà aspetto minimale e crescerà man mano che campagna avanza, avvalendosi del contributo degli utenti e creando una sorta di community
  5. 5. • START: QUARTA SETTIMANA DI LUGLIO - PRIMA DI AGOSTO fine esami di stato si inizia a pensare ad iscrizione all’università  si punta sugli indecisi – il percorso tende a rafforzare l’immagine dell’università
  6. 6.  MODALITA’ MESSAGGIO VIRALE “OSCURO” nel quale si lanciano una serie di slogan ad effetto relativi a tematiche e fatti recenti della società italianaLe ipotesi:4. l’Italia è un paese per vecchi5. I giovani non hanno futuro6. I giovani? Tutti “bamboccioni”7. I giovani? Tutti degli sfigati8. Posto fisso? Che monotonia…
  7. 7. Ipotesi di banner pubblicitari:
  8. 8.  Come detto, i messaggi virali porterebbero al sito web “di riferimento”, vale a dire il punto di arrivo, il catalizzatore della curiosità suscitata nei fruitori del messaggio. Un riferimento localizzato (come ad esempio il codice 70100, genericamente “compreso” dai baresi) potrebbe fidelizzare il target, anche se qualsiasi utente del Web potrebbe continuare a seguire la campagna
  9. 9.  Il sito resterebbe minimale (ad esempio, uno degli sfondi usati o il font dei messaggi) e crescerebbe di giorno in giorno con il contributo degli utenti. Ad esempio, si può chiedere loro la registrazione (utile per mandare comunicazioni successive) e concedere uno spazio (ad es., un fumetto) in cui possono lasciare commenti, impressioni, opinioni a proposito di questo sito/idea
  10. 10.  SECONDA FASE: 2°-3° settimana di agosto Promo “semioscuro”: i messaggi iniziano a rivolgersi più direttamente al target, attraverso l’associazione di immagini (soggetti) e parole-chiave Si sceglie la “risposta” ai messaggi precedenti in modo da chiarire meglio i contenuti
  11. 11.  Esempio: sfondi colorati usati in precedenza ma oltre al messaggio c’è una persona o un gruppo di persone  un ragazzo  una ragazza  un gruppo  un ragazzo straniero  un giovane professionista (ricercatore/professore)
  12. 12.  ESEMPI: L’Italia un paese per vecchi? E noi ripartiamo dai giovani! I giovani non hanno futuro? Il futuro lo costruisco ORA I Giovani? Tutti degli sfigati! Sfigati è un termine che non devo imparare Il gruppo: I giovani? Tutti bamboccioni! La nostra ambizione: sfatare i luoghi comuni Il giovane prof/ricercatore: Posto fisso? Che monotonia… Vuol dire che mi impegnerò per meritarmi la riconferma!
  13. 13.  La pubblicità, a seconda del mezzo scelto, può ovviamente variare: ◦ Statica come banner da cliccare ◦ Video (su youtube, ad esempio) in cui i personaggi enunciano i messaggi e le relative risposte, oppure attraverso interviste fatte alla gente comune ◦ Animazione (flash sui siti o anche una “semplice” gif animata con il doppio messaggio prima dopo)
  14. 14.  TERZA FASE: DIFFUSIONE MASSICCIA DEL BRAND (fine agosto in poi) In questa fase si svela il “marchio” Uniba attraverso la presenza dei soggetti utilizzati nella fase precedente Si enunciano tutti i punti di forza dell’Università (offerta formativa, dati relativi agli anni precedenti, ecc.) Il rimando è al portale Uniba.it
  15. 15.  Oltre al marchio e ai riferimenti alla fase precedente si aggiungono nuovi slogan: UNIBA: la tua scelta, il tuo futuro UNIBA: il tuo futuro è oggi UNIBA: formazione, informazione, professione Tutti semanticamente correlati alle parole- chiave precedenti per dare continuità al messaggio
  16. 16.  Si può introdurre anche un riferimento ad un premio in base ad un contest Occhio al premio! Uniba ricompensa realmente la tua voglia di fare Ad esempio, un concorso creativo multidisciplinare (arti grafiche/scrittura/ecc.) Tema: L’università di domani Contenuti da caricare sul sito (anche quello utilizzato per il viral) o sui social network
  17. 17.  I contenuti sul sito possono essere votati dalla community I tre progetti finalisti (uno dal sito, due tra i più votati sui social – Youtube e FB ad esempio attraverso il sistema dei like) sono poi giudicati da una commissione “vera” (universitaria, ad esempio) e in palio si può offrire il pagamento di X anni all’università (ad esempio 3 anni) e via via a scalare (per il secondo classificato, ad esempio, il pagamento della prima rata)
  18. 18.  Online Social media o Creazione di una fan page FB o un gruppo o Account Twitter con hashtag specifico o Account Youtube o Profilo Google Plus (solo per nerd) Pubblicità ◦ Google Ad ◦ Pubblicità su portali locali (banner specifici)
  19. 19.  Ricerca utenti: si può utilizzare la base di dati già disponibile grazie ai social (ad esempio, le pagine ufficiali e non delle scuole superiori) Si sfrutta il passaparola online derivante da questi strumenti Utilizzo non statico degli strumenti: le pagine sono continuamente aggiornate e fanno sempre riferimento al sito “madre”, e nelle prime fasi sono usate anche come agitprop attraverso condivisione di link relativi alle tematiche della società e dell’attualità
  20. 20.  La campagna ha come obiettivo la diffusione dell’istituzione universitaria, ma mira anche a condurre a sé nuovi iscritti nonché a fidelizzare i vecchi attraverso la forza del marchio Vuol dare un’immagine innovativa e vicina agli interessi del target Vuol proporre qualcosa di nuovo
  21. 21. THANKS FOR YOUR ATTENTION QUESTIONS?

×