Sistema bus AS-Interface 2008/2009

528 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
528
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
5
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Sistema bus AS-Interface 2008/2009

  1. 1. Sistema bus AS-Interface Catalogo 2008/2009 www.ifm-electronic.it Sistemi bus, di identificazione e di comando Sensori di posizione e rilevamento di oggetti Sensori di fluido e sistemi di diagnosi
  2. 2. Controller e AS-i master with CoDeSys - programming The controller e family includes all extended possibilities of AS-interface 2.1. Slaves with analogue profiles 7.3 or 7.4 are detected automatically and the data exchange is carried out immediately. The software modules are not required. Additional features like slave-related peripheral fault and message error counters enable fast diagnosis during commissioning as well as during operation. All functions can be activated via the integrated display by means of simple menu selection. Slaves can be commissioned without addressing unit by means of the "easy start-up" function. If the programming software is used all func- tions are also conveniently available via a standard PC. Applications for the controller e as a stand-alone version are small to medium-sized automation projects, e.g. fill- ing systems, conveyor lines, packaging machines, spe- cial machines, operational data logging, or building system automation. Single or dual AS-i master 2.1 with integrated plc. Extended address mode and indication of peripheral fault. Simple connection of analogue participants without function block. Multifunction display for operation, diagnosis and commissioning. 128 kwords program memory, programmable to IEC 61131-3. Special features of the units: For more explanations see the technical glossary chapter starting on page 256 Accessories and connectors Type Description Order no. Programming cable RS-232C for Controller e E70320 CD CoDeSys version 2.3 programming- and diagnostic software GER and GB AC0340 Further connectors are available starting on page 179Further accessories are available starting on page 197 Display controller e Controller e AS-i master with integrated plc Number of AS-i masters Programming/ visualisation interface 1 Programming/ data interface 2 Fieldbus interface Current consump- tion from 24 V DC [mA] Total current con- sumption from AS-i [mA] Draw- ing no. Order no. 1 RS-232 C Ethernet CAA Modbus / TCP < 400 < 10 3 AC1353 2 RS-232 C Ethernet CAA Modbus / TCP < 400 < 10 3 AC1354 You can find scale drawings from page 224 Controllers / Gateways, network extension Controllers / Gateways For industrial applications 42 Controller / Gateways Page For industrial applications SmartLink 40 - 41 Controller e stand-alone 42 - 43 Controller e field bus 44 - 45 Controller software 46 - 47 Network extension For industrial applications Repeater 48 - 49 Bus termination 50 - 51 Tuner / Diagnosis 52 - 53 Controllers / Gateways General Information ListofarticlesControllers/ Gateways, network extension Powersupplies andearth faultmonitors I/Omodulesfor controlcabinets I/Omodulesfor fieldapplications SafetyatWorkAS-isensors, pneumatic andactuator solutions Connection technology AccessoriesTechnical information and customerservice 43 Block diagram electrical separation LCD display 128 x 64 AS-i master 1 AS-i master 2 (optional) Ethernet 100 Mbits/s (optional) RS-232 operating buttons 24V 5V CPU 512kwords flash 128kwords S RAM You can download the current version of the device manual free of charge from www.ifm-electronic.com In alto Livello capitolo principale Livello sottocapitolo per es. Prodotto Nome gruppo di prodotti Ripetizione sottocapitolo Figura del tipo di apparecchio 2 3 4 5 6 1 1 2 3 4 5 6 In basso 11 12 13 14 A sinistra Caratteristiche particolari degli apparecchi Accessori raccomandati e connettori Descrizione del prodotto Riferementi ad ulteriori informazioni 12 13 14 11 15 16 17 A destra Dati tecnici Capitolo principale attuale Diagramma a blocchi, Schemi elettrici degli apparecchi e dati tecnici comuni 16 17 15 In modo semplice verso il prodotto desiderato 10 Sottocapitolo attuale Condizioni ambientali attuali Freccia = voi siete qui Altri sottocapitoli 8 9 10 7 7 8 9 Iv_it 22.09.2007 11:57 Uhr Seite 2**admin **AP_2:private:tmp:501:TemporaryItems:
  3. 3. Informazioni generali ElencoarticoliController/ Gateways, prolungamenti delcavo Alimentatori econtrollori didispersione aterra ModuliI/O Armadio elettrico ModuliI/O Applicazione dicampo SafetyatWorkSensoriAS-i, soluzioni pneumatichee diazionamento Tecnologiadi collegamento AccessoriInformazioni tecnichee assistenza clienti 3 Informazioni generali Indicazioni e spiegazioni Elenco articoli N° d’ordine in ordine alfanumerico Controller / Gateway, prolungamenti del cavo Controller / Gateway, prolungamenti del cavo Alimentatori e controllori di dispersione a terra Alimentatori, controllori di dispersione a terra Moduli I/O Armadio elettrico SmartLine Soluzioni con moduli a scheda Sensori AS-i, soluzioni pneumatiche e di azionamento Sensori AS-i, AirBox, comandi valvole, partenze motore, identificazione a radiofrequenza Moduli I/O Applicazione di campo ProcessLine, CompactLine, moduli universali, ClassicLine, basi di montaggio per moduli Safety at Work Monitor di sicurezza, slave di sicurezza, sensori elettronici di sicurezza Tecnologia di collegamento Gamma di prodotti ifm Accessori Accessori sistemi bus Informazioni tecniche e assistenza clienti Disegni Glossario Centri ifm per informazioni ed ordini L’elenco delle abbreviazioni è contenuto nell’ultima pagina di copertina. 5 - 21 23 - 26 29 - 53 55 - 69 71 - 83 145 - 177 85 - 125 127 - 143 179 - 194 197 - 220 223 - 254 256 - 268 272 - 279 Iv_it 22.09.2007 11:57 Uhr Seite 3**admin **AP_2:private:tmp:501:TemporaryItems:
  4. 4. Iv_it 22.09.2007 11:57 Uhr Seite 4**admin **AP_2:private:tmp:501:TemporaryItems:
  5. 5. Indicazioni e spiegazioni Introduzione generale 6 - 21 Informazioni generali 5 Informazioni generali ElencoarticoliController/ Gateways, prolungamenti delcavo Alimentatori econtrollori didispersione aterra ModuliI/O Armadio elettrico ModuliI/O Applicazione dicampo SafetyatWorkSensoriAS-i, soluzioni pneumatichee diazionamento Tecnologiadi collegamento AccessoriInformazioni tecnichee assistenza clienti AI_it_ZT 22.09.2007 11:57 Uhr Seite 5**admin **Raid_1:I:IFM:IFM#0708-2178 ASi-Katalog:Italienisch:
  6. 6. Visitate il nostro sito web: www.ifm-electronic.it Condizioni ambientali, omologazioni e norme Informazioni generali Indicazioni e spiegazioni 6 Per applicazioni industriali Le applicazioni industriali richiedono apparecchiature elettroniche robuste e semplici con un alto standard tecnologico. La ifm produce sensori e dispositivi elettronici di analisi secondo norme qualitative ampiamente al di sopra della media. I materiali di produzione utilizzati vengono sot- toposti a test rigorosi e pertanto selezionati per la massima stabilità a lungo termine in applicazioni universali. Il risultato di questa filosofia di produzione si dimostra nell’ottimale capacità operativa e nell’affidabilità di tutti i prodotti utilizzati in appli- cazioni industriali. Per aree igieniche ed umide In tutti i settori della tecnica di processo, soprattutto per l’industria alimentare e far- maceutica, devono essere rispettate disposizioni particolari. Qui è richiesto l’uso di materiali speciali per i componenti utilizzati. Un aspetto importante per i sensori in questi impianti è una lunga durata con buona resistenza anche nel caso di operazioni di pulizia frequenti e aggressive. I sensori della ifm tengono conto di tali esigenze e lo dimostrano utilizzando acciaio inossidabile, contatti placcati oro e plastiche selezionate. Per aree a rischio di esplosione Sensori ed amplificatori di misura ai sensi della 94/9/CE (ATEX): In atmosfera potenzialmente esplosiva (ATEX) sono utilizzabili sia i sensori induttivi che capacitivi. I requisiti delle disposizioni applicabili all’installazione devono essere assolu- tamente rispettati da parte dell’utente. I sensori a sicurezza intrinseca possono essere messi in funzione solo con amplificatori adatti dotati di attestato di certificazione CE. Allo stesso modo esistono requisiti speciali per il cablaggio dei sensori, che devono essere necessariamente rispettati. L’utente se ne assume la responsabilità. Tenete pres- enti anche l’attestato di certificazione CE, le istruzioni per l’uso e la scheda tecnica. Per settori d’impiego sicuri Nella tecnica di automazione industriale le zone rilevanti per la sicurezza sono salva- guardate per proteggere le persone. Le apparecchiature sviluppate in merito corri- spondono alle norme attuali EN 954-1 e IEC 61508. Finora i sensori per la sicurezza dovevano essere cablati separatamente. Con lo sviluppo di Safety at Work è possibile trasferire segnali rilevanti per la sicurezza e segnali “standard” mediante un sistema bus inserito, in questo caso AS-Interface. AI_it_Sb 22.09.2007 12:42 Uhr Seite 6**admin **AP_2:private:tmp:501:TemporaryItems:
  7. 7. Indicazioni e spiegazioni 7 Visitate il nostro sito web: www.ifm-electronic.it Informazioni generali ElencoarticoliController/ Gateways, prolungamenti delcavo Alimentatori econtrollori didispersione aterra ModuliI/O Armadio elettrico ModuliI/O Applicazione dicampo SafetyatWorkSensoriAS-i, soluzioni pneumatichee diazionamento Tecnologiadi collegamento AccessoriInformazioni tecnichee assistenza clienti Ecolab La ditta Ecolab, ex Henkel ecolab, è leader del mercato nel settore di detergenti indu- striali. In un laboratorio di prova i fabbricanti di prodotti per l’industria alimentare possono far testare i loro prodotti in merito alla resistenza ai detergenti. La ifm ha ricevuto certificati di prova ecolab per sensori e componenti AS-i. Antideflagrante Le apparecchiature delle categorie 1 e 2 sono collaudate da un ente di controllo euro- peo autorizzato (per es. PTB, EXAM). Esse sono omologate per l’impiego in aree a rischio di esplosione. Con il contrassegno CE il costruttore documenta che le apparecchiature da lui ven- dute rispecchiano le direttive europee per determinati dispositivi elettrici. CE Le apparecchiature dotate di tali contrassegni soddisfano i requisiti della UL (Under- writers Laboratories Inc.) e della CSA (Canadian Standards Association). Questa omo- logazione costituisce, in molti casi, il presupposto per accedere al mercato nordame- ricano. La cULs è un’omologazione riassuntiva corrispondente ai requisiti delle singole omologazioni CSA e UL. UL / CSA o cULus / c usLR AI_it_Sb 22.09.2007 12:42 Uhr Seite 7**admin **AP_2:private:tmp:501:TemporaryItems:
  8. 8. Visitate il nostro sito web: www.ifm-electronic.it Introduzione generale Informazioni generali Indicazioni e spiegazioni 8 AS-Interface (AS-i) L’interfaccia attuatore-sensore (AS-i) pone nuovi criteri tecnologici nella concezione di impianti e sistemi di automazione. Ne risultano vantaggi economici sia per il costruttore che per l’utente in merito alla progettazione, messa in esercizio e manu- tenzione della propria macchina. Al contrario dei bus di campo tradizionali, AS-i ha una struttura capillare e può essere integrato direttamente all’interno dei sensori di prossimità. Con AS-i si riducono drasticamente i costi di cablaggio poiché non è più necessario il tradizionale cablaggio parallelo di ogni singolo sensore e attuatore al sistema di co- mando. Con ciò l’utente si risparmia perfino una moltitudine di morsetti, cassette di distribuzione, schede input / output e fasci di cavi. Varie possibilità di collegamento Mediante le sue connessioni di campo, AS-i permette di collegare in modo conve- niente le apparecchiature convenzionali. Per ogni linea AS-i è possibile collegare fino a 248 sensori binari e 186 attuatori. Anche i sensori con capacità bus possono essere integrati nel sistema in qualsiasi momento. Questi sensori con AS-Interface integrato forniscono più informazioni al sistema di comando senza bisogno di un cablaggio supplementare. Per questo, nel caso di questa nuovissima generazione di sensori, si parla anche di sensori intelligenti. Alimentazione e dati tramite un unico cavo Sia l’alimentazione di tensione che la comunicazione di dati di tutti i sensori avviene, di regola, tramite un cavo AS-i (giallo), mediante il quale è possibile alimentare, in alcune unità, anche gli attuatori. Qualora siano necessarie correnti di uscita più ele- vate o un arresto di emergenza, gli attuatori vengono alimentati tramite un secondo cavo piatto nero con corrente ausiliaria separata di 24 V. AS-i nella piramide dell’automazione AS-Interface è pensato per il livello più basso della gerarchia della tecnica di auto- mazione. È posizionato perciò sotto i bus di campo. I vantaggi di AS-i si notano in merito a semplicità, rapidità, cablaggio veloce, rapporto prezzo / prestazione, special- mente se usato come bus di alimentazione per i bus di campo. Questi assicurano invece una trasmissione temporale non critica dei dati al sistema di comando host su distanze più lunghe. AS-i è concepito per il livello base di bus di campo, ossia per il collegamento diretto di sensori ed attuatori. WAN, Internet TCP/IP LAN, H1, Ethernet, Profinet Interbus, DeviceNet, Modbus, Profibus, CAN Interfaccia AS Visualiz- zazione Comando Elaborazione Input / output Collegamento in rete Negli stabilimenti della Ford a Düren (Germania) AS-i controlla il proces- so di produzione su una giuntatrice per bulloni. Valvole e sensori di prossimità sono collegati mediante i moduli classici. Requisiti particolari sono presentati dall’installazione del cavo AS-i come cavo flessibile. Il risparmio dei costi rispetto al cablag- gio convenzionale: circa 25%. AI_it_Sb 22.09.2007 12:43 Uhr Seite 8**admin **AP_2:private:tmp:501:TemporaryItems:
  9. 9. Informazioni generali ElencoarticoliController/ Gateways, prolungamenti delcavo Alimentatori econtrollori didispersione aterra ModuliI/O Armadio elettrico ModuliI/O Applicazione dicampo SafetyatWorkSensoriAS-i, soluzioni pneumatichee diazionamento Tecnologiadi collegamento AccessoriInformazioni tecnichee assistenza clienti Visitate il nostro sito web: www.ifm-electronic.it Presso la Deutsche Shell AG nello sta- bilimento di Gras- brook (Germania) sono stati collegati in rete, tramite AS- Interface, ben oltre 2.000 attuatori. Indicazioni e spiegazioni 9 Master Master come parte centrale Il funzionamento AS-i, ossia la comunicazione con gli slave, viene continuamente controllato e comandato nel master. Allo stesso tempo, tramite un’interfaccia, ven- gono fornite le informazioni binarie degli attuatori e dei sensori al sistema di controllo superiore (PLC, PC, CN). La programmazione resta invariata così come potranno es- sere utilizzati, come sempre, i programmi già esistenti. Anche qui si nota di nuovo la concezione pratica di AS-i. L’utente non si accorge che il sistema AS-i mette a dispo- sizione i segnali periferici invece del modulo I/O. Queste funzioni di management si svolgono direttamente nel livello hardware del master, senza che l’utente abbia spese eccedenti, a livello tecnico, per la commutazione o programmazione. Sistema a master unico AS-i ammette esattamente un master per ogni sistema. Questo master interroga tutte le unità in modo ciclico. La sua posizione nell’albero AS-i è quindi irrilevante poiché ogni unità ha il suo indirizzo individuale. Questo indirizzo è salvato, con preci- sione, in una EEPROM in ogni slave. Il sistema a master unico garantisce tempi di ciclo costanti e definiti. Essi dipendono dal numero delle unità e corrispondono, con mas- sima espansione, a 5 o 10 millisecondi. A seconda dell’applicazione ci sono diverse possibilità per realizzare il collegamento del sistema di controllo superiore (host) all’interfaccia attuatore-sensore. Master PLC Con la scheda del master PLC AS-i, la CPU di controllo può accedere direttamente alla periferica AS-i. La comunicazione tra master AS-i e CPU avviene di regola tramite il bus interno del PLC, mediante il quale si esegue uno scambio di dati anche tra altre connessioni, quali per esempio i moduli di input / output. Ciò garantisce un rapido scambio di dati e compatibilità con i programmi del PLC disponibili. L’utente può quindi continuare ad usare il suo software esistente. Gateway per sistemi superiori AS-i, come interfaccia sensore-attuatore, è concepito per unità binarie. Perciò esisto- no specifici dispositivi di accoppiamento (cosiddetti gateway) per sistemi bus superio- ri (per esempio Profibus DP), progettati specificatamente per quantità di dati più grandi. Il gateway è costituito, da un lato, da un master AS-i che genera il colle- gamento con AS-i e, dall’altro, da un collegamento con il sistema superiore al quale vengono trasmessi i dati AS-i. A livello tecnico del programma, il master AS-i viene considerato come un’unità del bus sovrapposto. Esempi di gateway sono la serie Controller e. Master del PC Il modulo del master AS-i per il PC offre la piena funzionalità del PC stesso (visualiz- zazione, controllo di processo, raccolta dati) in combinazione con l’interfaccia attua- tore-sensore. Nella sua versione adatta all’industria e a causa del calo dei prezzi, il PC trova un vasto impiego nella tecnica di automazione specifica dell’impianto. Qui è possibile integrare i vantaggi di AS-i direttamente nel sistema. L’utente può eseguire la programmazione in una lingua standard e in collegamento con il driver AS-i speci- fico, responsabile per una comunicazione con la scheda del master. AI_it_Sb 22.09.2007 12:43 Uhr Seite 9**admin **AP_2:private:tmp:501:TemporaryItems:
  10. 10. Visitate il nostro sito web: www.ifm-electronic.it Introduzione generale Informazioni generali Indicazioni e spiegazioni 10 M0 scambio di dati ciclico, solo dati binari, nessuna modalità di indirizzamento esteso M1 come M0, in più dati analogici e parametri AS-i aciclici M2 scambio di dati ciclico e parametri AS-i aciclici M3 come M1, completato con modalità di indirizzamento esteso (62 slave), protocolli analogici S-7.3.x e S-7.4.x M4 come M3, completato con protocolli di dati per la trasmissione di byte Profilo Funzionalità Topologia (disposizione dei collegamenti) struttura ad albero, linea, linea con derivazioni, anello, stella Mezzo linea a due fili non schermata (per es. H05VV-F2 x 1,5; cavo piatto AS-i) Segnali dati ed energia tramite un cavo, max. 8 A Lunghezza del cavo 100 m, possibile estensione tramite ripetitore Numero degli slave per linea fino a 62 slave Dati utili per slave dati di 4 bit (ciclici), parametri di 4 bit (aciclici), > 4 bit con protocolli di dati (multiplex) Numero di I/O binari (ciclico) 124 I/O (slave unici), 248 I + 186 O (slave A/B) Elaborazione di valori analogici 31 x 4 canali possibili tramite profilo slave S 7.3 Numero di I/O analogici (aciclico) 124 word Trasmissione dei dati, parametrizzazione vari byte, unidirezionali/bidirezionali Numero dei master / linee arbitrario tramite multimaster, controller o gateway Tempo di ciclo 5...10 ms Metodo d’accesso interrogazione ciclica, sistema a master unico Indirizzamento indirizzo fisso ed inequivocabile nello slave Procedura di controllo errori identificazione e ripetizione di telegrammi anomali Dati di riferimento AS-i Grazie alla trasmis- sione di dati sicura e non schermata, AS-Interface può inoltrare segnali persino ai collettori ad anello. Profili del master Per i master AS-i sono definiti diversi profili che ne contraddistinguono l’efficienza. Con l’ulteriore sviluppo della funzionalità degli slave, anche le “nuove” funzioni sono state integrate nei profili del master. La tabella seguente mostra la compatibilità tra master e slave. I profili del master emergono dalla scheda tecnica. AI_it_Sb 22.09.2007 12:43 Uhr Seite 10**admin **AP_2:private:tmp:501:TemporaryItems:
  11. 11. Gli addetti hanno riconosciuto da tempo i vantaggi dell’automazione decentralizzata. Se pochi anni fa la tendenza era ancora quella verso sistemi di controllo sempre più grandi e sempre più efficienti, che controllavano in modo centralizzato un impianto, si tende ora verso soluzioni ripartite. Le funzioni importanti vengono immediatamen- te elaborate sul posto, in un sistema di controllo piccolo e decentralizzato. Soltanto poche informazioni importanti vengono trasmesse ad un PLC centrale. I vantaggi di tali soluzioni sono evidenti: Programmi più brevi e chiari, quindi attivazione più semplice dei rami di un impianto; Tempi di inattività ridotti poiché, in caso di guasto delle singole stazioni, l’impianto continua a funzionare in modo limitato; Collegamenti cavo più corti, scambio di dati tra i sistemi di controllo mediante sistemi bus; Montaggio e possibilità di ampliamento più semplici e veloci; Progettazione e programmazione generali tramite uno standard comune dell’“Automation Alliance”. Considerata la sua semplice struttura, AS-i è predestinato per essere impiegato tra sensori / attuatori e sistemi di controllo decentralizzati. Indicazioni e spiegazioni 11 Visitate il nostro sito web: www.ifm-electronic.it Informazioni generali ElencoarticoliController/ Gateways, prolungamenti delcavo Alimentatori econtrollori didispersione aterra ModuliI/O Armadio elettrico ModuliI/O Applicazione dicampo SafetyatWorkSensoriAS-i, soluzioni pneumatichee diazionamento Tecnologiadi collegamento AccessoriInformazioni tecnichee assistenza clienti Collegamento in rete decentrato con AS-i Livello bus remoto Livello bus di campo (Gateway, SPS) Livello AS-i Sensori/ Azionatori Livello di direzione / comando Livello di controllo S S S S S S S S S S S S S S S S S SS S S S Interconnessione decentralizzata con AS-i. Possibilità di indirizzamento degli slave Accanto al classico metodo di indirizzamento sperimentato (off line) degli slave AS-i, esistono altre tecniche che permettono di indirizzare i dispositivi solo dopo il mon- taggio: 1. tramite una presa meccanica di indirizzamento o 2. tramite interfaccia di indirizzamento a infrarossi. In questo modo tutti i componenti AS-i possono essere, meccanicamente, preinstal- lati senza particolari conoscenze preliminari. In seguito è possibile effettuare l’indiriz- zamento, come descritto nella documentazione. Con l’unità di indi- rizzamento è possi- bile indirizzare gli slave semplicemen- te tramite cavo. Automazione decentralizzata AI_it_Sb 22.09.2007 12:43 Uhr Seite 11**admin **AP_2:private:tmp:501:TemporaryItems:
  12. 12. Visitate il nostro sito web: www.ifm-electronic.it L’AS-International Association ha aggiornato, nel 1999, lo standard industriale speri- mentato AS-Interface con alcune importanti caratteristiche. Queste integrazioni ven- gono designate come versione 2.1. Come già la denominazione lascia supporre, si tratta qui di un’integrazione con compatibilità discendente. Per l’utente ciò significa che gli investimenti fatti sono sicuri poiché tutti gli slave AS-i esistenti possono esse- re utilizzati anche con la versione 2.1. La struttura fisica del bus e il protocollo sono rimasti quindi invariati dal 1992. Alla fine del 2004 è stato anche approvato un aggiornamento AS-i 3.0 con compatibilità decrescente che descrive una nuova gene- razione di slave con trasmissione seriale dei dati ed altre applicazioni speciali. La spe- cifica AS-i 3.0 contiene tutte le specifiche esistenti (2.0 e 2.1). Gli aggiornamenti più importanti della versione 2.1: Possibilità di diagnosi dettagliate, bit d’errore della periferia “Plug & Play” anche per unità analogiche Aumento del numero di unità da 31 a 62 Codice ID ampliato nello slave Gli aggiornamenti più importanti della versione 3.0: Protocollo asincrono, seriale Slave A/B con 4 ingressi e 4 uscite Vari slave in un’unità Possibilità di parametrizzazione Per sfruttare queste nuove possibilità è necessario un master adeguatamente attrez- zato. Presso la ifm è il caso del Controller e. Gli slave devono supportare ugualmente questa funzione. Trovate informazioni precise alle pagine del prodotto. Introduzione generale Informazioni generali Indicazioni e spiegazioni 12 Struttura basilare del sistema La configurazione minima di un sistema AS-i è composta dal master, un alimentatore AS-i e dagli slave. Se necessario l’utente può inoltre collegare monitor di sicurezza, ripetitore, controllori di dispersione a terra o altri mezzi di diagnosi alla rete AS-i. Sensori Moduli AS-i Alimentatore AS-i + controller e Sistema bus di campo Cavo piatto AS-i Struttura basilare di un sistema AS-i. AS-Interface, versione 2.1 AI_it_Sb 22.09.2007 12:43 Uhr Seite 12**admin **AP_2:private:tmp:501:TemporaryItems:
  13. 13. Informazioni generali ElencoarticoliController/ Gateways, prolungamenti delcavo Alimentatori econtrollori didispersione aterra ModuliI/O Armadio elettrico ModuliI/O Applicazione dicampo SafetyatWorkSensoriAS-i, soluzioni pneumatichee diazionamento Tecnologiadi collegamento AccessoriInformazioni tecnichee assistenza clienti Visitate il nostro sito web: www.ifm-electronic.it Indicazioni e spiegazioni 13 Errore di periferica Il master distingue errori di comunicazione e di periferica. Questi ultimi, per esempio, vengono visualizzati sul modulo con un LED rosso. Come errore di periferia può esse- re ad esempio considerato un cortocircuito nel cavo del sensore. In più, nel master, viene creata automaticamente una lista, la LFS (List of Faulted Slaves), così che è pos- sibile valutare l’errore anche mediante il programma dell’utente. Il vantaggio è una localizzazione esatta degli errori ed una semplice manutenzione dell’impianto. Lo slave segnala errori di comunicazione mediante il LED Fault rosso – per esempio, se lo slave non è stato indirizzato. Slave analogici Finora erano necessari moduli software nel programma applicativo per permettere lo scambio dei dati, ad esempio, di segnali analogici a 12 bit mediante il canale dati AS- i a 4 bit. Ciò richiedeva quindi alcune conoscenze specifiche e un software speciale per l’ambiente di controllo utilizzato. Un altro svantaggio era il rallentamento della trasmissione dei dati dovuto al tempo di ciclo del PLC. Questi motivi e, non per ultimo, anche la richiesta di molti clienti hanno indotto AS- International ad affidare ad un gruppo di lavoro l’incarico di semplificare l’integrazio- ne di slave analogici. Il risultato è ora disponibile nella versione 2.1. Anche per le unità analogiche è permesso un vero e proprio “plug & play”. 62 unità sull’AS-i Fin da subito due slave possono dividersi un indirizzo. Ciò si riconosce dal codice ID “A”. Per i cosiddetti slave A e B, gli indirizzi corrispondono, per esempio, a 10A e 10B. Nel primo ciclo AS-i sono interrogati tutti gli slave A, nel successivo tutti gli slave B. Per selezionare gli slave B viene utilizzato il 4o bit di dati così che sono tecnica- mente possibili le seguenti configurazioni di slave A e B: 4DI, 2DI / 2DO, 3DI / 1DO, 1DI / 3DO, 4DI / 3DO. Inoltre possono essere usati “slave unici” nel campo d’indirizzamento da 1 a 31. Uno slave della versione 2.1 può essere programmato dall’utente, mediante l’unità d’indi- rizzamento portatile, come slave A, B o slave unico. La selezione dello slave viene ese- guita dal master mediante un bit (select) di uscita. Gli slave della versione 2.1 con modalità d’indirizzamento esteso possono comunicare, se programmati come slave A, anche con master precedenti della versione 2.0. Codice ID esteso I profili slave disponibili, costituiti da codice ID e configurazione I/O, rimangono inva- riati. Vi si sono aggiunti due nuovi codici: il codice ID_1 e il codice ID_2. Inoltre sono a disposizione due registri a 4 bit. Nel codice ID viene per esempio codificato se si tratta di uno slave A/B oppure di un modulo analogico. Il registro ID_1 è utilizzabile in modo specifico per il cliente; qui l’utente può per esempio codificare la corrente degli starter del motore così che, nel caso di uno scam- bio, possono essere sostituite soltanto unità uguali. Il codice ID_2 ha diversi significati a seconda del profilo dello slave. Esempio per codice ID_2 per slave analogici – – 0 0 slave ad una via – – 0 1 slave a due vie – – 1 0 slave a quattro vie – – 1 1 slave a quattro vie (per slave senza codice ID esteso) – 0 – – trasparente scambio di dati – 1 – – trasmissione di valori analogici 0 – – – slave di uscita 1 – – – slave di ingresso Bit 3 Bit 2 Bit 1 Bit 0 Significato AI_it_Sb 22.09.2007 12:43 Uhr Seite 13**admin **AP_2:private:tmp:501:TemporaryItems:
  14. 14. Visitate il nostro sito web: www.ifm-electronic.it Configurazione I/O (per codice ID = 0): E = input A = output B = bidirezionale Bin HEX Dec occupato D0 D1 D2 D3 0000 0 0 • E E E E 0001 1 1 • E E E A 0010 2 2 • E E E B 0011 3 3 • E E A A 0100 4 4 • E E B B 0101 5 5 • E A A A 0110 6 6 • E B B B 0111 7 7 • B B B B 1000 8 8 • A A A A 1001 9 9 • A A A E 1010 A 10 • A A A B 1011 B 11 • A A E E 1100 C 12 • A A B B 1101 D 13 • A E E E 1110 E 14 • A B B B 1111 F 15 – – – – – Introduzione generale Informazioni generali Indicazioni e spiegazioni 14 Profili degli slave AS-i I profili determinano principalmente la compatibilità dei componenti AS-i. Il profilo è composto da due cifre, divise da un punto. La prima cifra indica la configurazione I/O, la seconda invece il codice d’identificazione (codice ID). Il profilo così composto deve essere immesso nella scheda tecnica. Sia la configurazione che il codice ID sono memorizzati, in modo permanente, nello slave da parte del costruttore che, per questo, ha rispettivamente 4 bit a disposizio- ne. Questi bit possono essere letti mediante comandi corrispondenti. Naturalmente sarebbe immaginabile assegnare tutte le 16 combinazioni possibili. Tuttavia, per far sì che il sistema AS-i rimanga aperto anche in futuro ad ulteriori svi- luppi, le combinazioni sono usate con moderazione. È importante che, definendo le informazioni, non vengano limitati il metodo di rile- vamento o il principio di azione. In questo modo è in qualsiasi momento possibile sostituire, per esempio, un sensore di prossimità induttivo con una fotocellula. La configurazione I/O descrive la direzione dei bit di dati come ingresso o uscita, ossia in modo bidirezionale. I profili risultano dalla configurazione I/O (1a posizione) e dal codice ID (2a posizione). Essi integrano inoltre la configurazione I/O con contenuti definiti dei dati ed even- tualmente bit di parametri. Il contenuto dei profili viene stabilito, se necessario, dall’associazione AS-i. Così esiste per esempio un profilo del sensore standard (S-1.1) o un profilo di valori analogici S-7.3. Con l’introduzione di AS-Interface 2.1, il profilo è stato ampliato con una terza cifra, il codice ID_2. Esso indica, ad esempio, se uno slave supporta l’errore di periferica. I profili AS-i 2.1 e 3.0 del tipo S-7.3.E servono al master come supporto di unità con struttura simile in caso di sostituzione. Essi possono essere letti anche con l’unità di indirizzamento. È possibile trovare i profili attuali nel sito Internet ufficiale di AS-International: http://www.as-interface.net. Codice ID Il codice ID indica se uno slave non ha profili (F Hex), se ci sono moduli di periferica decentralizzati (0 Hex) oppure sensori, attuatori o moduli intelligenti definiti (1 Hex). Bin HEX Dec occupato 0000 0 0 • 0001 1 1 • 0010 2 2 • 0011 3 3 • 0100 4 4 • 0101 5 5 0110 6 6 0111 7 7 1000 8 8 1001 9 9 1010 A 10 1011 B 11 1100 C 12 1101 D 13 1110 E 14 1111 F 15 • AI_it_Sb 22.09.2007 12:43 Uhr Seite 14**admin **AP_2:private:tmp:501:TemporaryItems:
  15. 15. Informazioni generali ElencoarticoliController/ Gateways, prolungamenti delcavo Alimentatori econtrollori didispersione aterra ModuliI/O Armadio elettrico ModuliI/O Applicazione dicampo SafetyatWorkSensoriAS-i, soluzioni pneumatichee diazionamento Tecnologiadi collegamento AccessoriInformazioni tecnichee assistenza clienti Visitate il nostro sito web: www.ifm-electronic.it Indicazioni e spiegazioni 15 AS-i come sistema pratico Nel caso di AS-Interface esistono vari modi per conseguire lo scopo desiderato. Da un lato ci sono i classici moduli I/O come per altri sistemi bus, con la differenza tuttavia che AS-i, grazie alla sua struttura divisibile per 4, lavora in blocchi decisamente più piccoli. Ciò offre la possibilità di installare un sistema realmente decentralizzato nel quale la connessione del bus arriva al sensore e non viceversa. D’altro canto è possibile l’integrazione diretta della connessione AS-i nel sensore o attuatore. Questo è sicuramente il futuro. Così, sulla macchina sono installati soltanto il cavo del bus, qui cavo piatto AS-i, e il conduttore elettrico, per es. corrente trifase da 400 V ed eventualmente aria compressa. Questa installazione dinamica si presta soprattutto per la costruzione di macchine speciali e per la tecnica dei trasporti indu- striali poiché è drasticamente ridotto il numero degli armadi elettrici e non è necessa- rio riservare degli spazi. Modulo AS-i attivo per il collegamento di 4 sensori binari D0 – D3: Bit di dati P0 – P3: Bit di parametri (non utilizzati) P0 P1 P2 P3 AS-i + – D0 D1 D2 D3 Slave Diagramma schematico di sensore intelligente Sensore Slave D0 D1 D2 D3 P0 P1 P2 P3 Segnale di commutazione Pre-guasto Pronto Test Selezione distanza di rilevamento Carcassa sensore D0 – D3: Bit di dati P0 – P3: Bit di parametri Diagramma schematico di un sensore intelligente. Modulo AS-i attivo per il collegamento di quattro sensori binari. Nel centro logistico della ifm ad Essen, Germania, tutti i sensori nel sistema di trasporto sono collegati, tramite AS-i, con il siste- ma di controllo superiore. AI_it_Sb 22.09.2007 12:43 Uhr Seite 15**admin **AP_2:private:tmp:501:TemporaryItems:
  16. 16. Visitate il nostro sito web: www.ifm-electronic.it Introduzione generale Informazioni generali Indicazioni e spiegazioni 16 AS-i PowerSwitch M AS-i nella tecnica dei trasporti industriali Master AS-i M M M M PLCAS-i PWR PS MPS PS AS-i AirBox Sensori del magnete collegamento ad altre parti dell’impianto380 V~ AS-i 380 V~ AS-i nella tecnica dei trasporti indu- striali. Il telegramma AS-i Il master AS-i utilizza un semplicissimo telegramma per comunicare con gli slave con- nessi. Grazie ad un overhead limitato al necessario, AS-i raggiunge tempi di ciclo brevi, ad esempio 5 millisecondi per 248 ingressi ed uscite da interrogare. Il tele- gramma AS-i è ripetuto 31 volte per ciclo, 62 volte nella modalità estesa. Chiamata master: Risposta slave: ST SB A4 A3 A2 A1 A0 I4 I3 I2 I1 I0 PB EB ST I3 I2 I1 I0 PB EB A4...A0 = indirizzo dello slave I4...I0 = parte informativa ST = bit di start SB = bit di comando PB = bit di controllo EB = bit finale AI_it_Sb 22.09.2007 12:43 Uhr Seite 16**admin **AP_2:private:tmp:501:TemporaryItems:
  17. 17. Indicazioni e spiegazioni 17 Visitate il nostro sito web: www.ifm-electronic.it Informazioni generali ElencoarticoliController/ Gateways, prolungamenti delcavo Alimentatori econtrollori didispersione aterra ModuliI/O Armadio elettrico ModuliI/O Applicazione dicampo SafetyatWorkSensoriAS-i, soluzioni pneumatichee diazionamento Tecnologiadi collegamento AccessoriInformazioni tecnichee assistenza clienti Slave1A Slave1A Slave 31A Slave 31B Risposte dello slave al master (trasmissione delle informazioni di ingresso) Chiamate del master allo slave (trasmissione delle informazioni di uscita) Slave 31A Slave 31B Slave1B Controller AS-i Master Slave1B Ciclo AS-i con slave A/B. Il concetto del cavo piatto AS-i AS-i è l’unico sistema bus che è stato sviluppato per una linea a due fili non scher- mata. Con il cavo piatto giallo standard, l’installazione si esegue senza interruzione e cablaggio del cavo. Diramazioni e derivazioni sono possibili in ogni punto, anche a posteriori. Un cavo piatto AS-i invece di tanti cavi paralleli. In una birreria l’interface serve per trasmet- tere i segnali del sensore al sistema di controllo supe- riore. Tecnica di montaggio rapido: grazie a questa tecnica è garantito un montaggio rapido, senza uten- sili e, allo stesso tempo, estrema- mente sicuro. AI_it_Sb 22.09.2007 12:43 Uhr Seite 17**admin **AP_2:private:tmp:501:TemporaryItems:
  18. 18. Visitate il nostro sito web: www.ifm-electronic.it Per la pianificazione e progettazione di impianti con AS-i devono essere osservate le seguenti condizioni: Indirizzi degli slave da 1...31 per ogni master Più slave dovuti ad altre reti AS-i o gateway del bus di campo (per es. Controller e) Lunghezza del cavo 100 metri, altri 100 metri con ripetitore I dispositivi binari possono “condividere” un indirizzo, 1A...31A e 1B...31B; ne risultano fino a 248 ingressi e 186 uscite per ogni master Fino a 4 canali analogici per ogni slave, ingressi o uscite Eventualmente devono essere lasciati liberi degli indirizzi per i monitor di sicurezza Uno o due sensori di sicurezza (per es. arresto di emergenza) per ogni slave, secondo la categoria Tempo di ciclo 5 ms per indirizzi unici, 10 ms per indirizzo A più B Sensori intelligenti in punti con maggiore necessità di diagnosi Nella pagina successiva trovate una formula empirica per il calcolo della potenza del- l’alimentatore. Introduzione generale Informazioni generali Indicazioni e spiegazioni 18 Progettazione, pianificazione, documentazione Safety at Work è concepito per applicazioni rivolte alla sicurezza. Qui un pulsante per l’arresto di emer- genza cablato con AS-Interface. L2 L3 PE N L1 Alimentatore AS-i AC1216 S AS-i 24V CC Alimentatore 24 V CC DN2012 Controller AS-i AC1353 AC 2410 AS-i 24V DC AC 2412 Esempio di una documentazione di impianto. AI_it_Sb 22.09.2007 12:43 Uhr Seite 18**admin **AP_2:private:tmp:501:TemporaryItems:
  19. 19. Alimentatore AS-i Per l’alimentazione di tensione deve essere utilizzato un alimentatore AS-i speciale. Al contrario degli alimentatori tradizionali, esso comprende la funzione necessaria per il disaccoppiamento di dati. La ifm propone questi dispositivi in varie classi di potenza. La potenza necessaria può essere determinata come segue: I AS-i totale = numero degli slave x corrente assorbita per slave (norm. 35 mA) + numero degli ingressi del modulo x corrente di ingresso max. (norm. 5 mA) + numero dei sensori x corrente assorbita individuale (per es. 10 mA / sensore induttivo, 35 mA / fotocellula) + corrente per parte analogica del master (norm. 60 mA) + 10% di margine di sicurezza (per es. per riscaldamento) Nelle schede del prodotto è indicata la corrente assorbita di ogni slave: Indicazioni e spiegazioni 19 Visitate il nostro sito web: www.ifm-electronic.it Informazioni generali ElencoarticoliController/ Gateways, prolungamenti delcavo Alimentatori econtrollori didispersione aterra ModuliI/O Armadio elettrico ModuliI/O Applicazione dicampo SafetyatWorkSensoriAS-i, soluzioni pneumatichee diazionamento Tecnologiadi collegamento AccessoriInformazioni tecnichee assistenza clienti In 4 fasi verso la rete AS-i Fase 1: Selezione degli alimentatori adeguati. La portata di corrente degli alimentatori è ugualmente indicata nelle schede del prodotto: Di seguito un esempio di calcolo per determinare l’alimentatore adatto: (25 moduli 4 I/4 O, per ogni modulo due sensori induttivi e due fotocellule) I AS-i tot = (25 x 35 mA) + (25 x 4 x 5 mA) + (25 x 2 x 10 mA) + (25 x 2 x 35 mA) I AS-i tot = 3625 mA x 1,10 = 3,987 A -> alimentatore AS-i selezionato: 4A. Oppure adoperate la formula empirica: I AS-i tot ≈numero moduli x 150 mA Alimentatore da 24 V per l’alimentazione degli attuatori Gli attuatori sono alimentati con corrente mediante un alimentatore separato da 24 V (cavo ausiliario nero). Per calcolare la potenza necessaria dell’alimentatore devono essere semplicemente sommati i valori della corrente assorbita degli attuatori. Somma delle correnti di consumo (attuatori): (per esempio 10 valvole da 5 watt, 5 valvole da 3 watt, 10 lampade da 45 mA) I 24 V tot = 10 x 5 W / 24 V + 5 x 3 W / 24 V + 10 x 0,045 A = 3,16 A -> alimentatore da 24 V selezionato: 4A. Numero ingressi Numero uscite Tensione di ingresso da AS-i Tensione di uscita secon- do PELV Corrente di ingres- so max. / modulo [mA] Corrente di uscita tot. / canale [A] Profilo AS-i S - Corrente assorbita totale da AS-i [mA] Tavola n. N. d’ordine 4 DI – sì – 200 – 0.A.E <250 1 AC2250 4 DI 4 DOT sì sì 200 1 (4) 7.0.E <250 1 AC2251 Corrente di uscita 1 [A] Tensione di uscita 1 AS-i [V] Corrente di uscita 2 [A] Tensione di uscita 2 [V] Tensione di uscita 2 AS-i [V] Tensione nominale [V] Tavola n. N. d’ordine Alimentatori switching AS-i 4 28,5...31,6 DC 4 – 28,5...31,6 DC 115 / 230 AC 4 AC1224 2,8 28,5...31,6 DC 6 24 DC – 115 / 230 AC 8 AC1209 AI_it_Sb 22.09.2007 12:43 Uhr Seite 19**admin **AP_2:private:tmp:501:TemporaryItems:
  20. 20. Visitate il nostro sito web: www.ifm-electronic.it Introduzione generale Informazioni generali Indicazioni e spiegazioni 20 Gli indirizzi vengono assegnati al meglio con l’unità di indirizzamento portatile AC 1144. L’ordine dei dispositivi sul cavo AS-i non dipende dall’assegnazione dell’in- dirizzo. Tuttavia, per semplificare la ricerca degli errori, gli indirizzi dovrebbero avere un nesso logico spaziale (unità funzionali). Normalmente l’indirizzamento avviene prima del montaggio. Gli slave AS-i (moduli, componenti intelligenti) ricevono un indirizzo da 1 a 31 (ossia da 1A a 31A e da 1B a 31B nella modalità di indirizzamento esteso). Il master AS-i non ha alcun indirizzo. Durante l’indirizzamento occorre procedere con particolare attenzione al fine di evitare indirizzamenti doppi. Sostanzialmente ci sono quattro possibilità di indirizzamento degli slave: 1. Basi di montaggio con presa di indirizzamento (e moduli SmartLine) Questa tecnica è adatta per l’indirizzamento dopo il montaggio dei moduli. In segui- to, anche qualora il cavo giallo sia sotto tensione, un cavo di indirizzamento viene inserito nella presa di indirizzamento che interrompe la connessione degli slave AS-i al master e crea un collegamento diretto verso l’unità di indirizzamento. 2. Indirizzamento a raggi infrarossi È possibile indirizzare alcuni moduli tramite uno speciale adattatore ad infrarossi, senza neanche smontare gli slave. Per questo, però, occorre disinserire il master por- tandolo in modalità off-line così che non si verifichino scambi di dati sul bus. Ciò può succedere interrompendo il collegamento tra master e linea AS-i oppure inserendo il ponte di indirizzamento all’alimentatore AS-i in posizione “IR Addr. on”. 3. Indirizzamento “classico” prima del montaggio Nel caso di questo metodo tradizionale tutti gli slave vengono indirizzati prima del montaggio con l’unità di indirizzamento portatile AC1144, etichettati e quindi mon- tati secondo il piano dell’impianto. Questo metodo richiede una particolare attenzio- ne poiché il luogo di montaggio dei moduli nella rete AS-i deve essere obbligatoria- mente rispettato. 4. Indirizzamento con Controller e della ifm Gli slave possono essere indirizzati anche direttamente dal Controller. La procedura precisa è descritta nelle istruzioni per l’uso del Controller. Fase 2: Indirizzamento degli slave. Dopo aver montato i moduli, vengono collegati il cavo AS-i (cavo piatto giallo) e il cavo da 24 V (cavo piatto nero). Per i moduli in armadi elettrici si esegue il fissaggio ai rispettivi morsetti mentre, per i moduli da campo, il cavo piatto viene semplicemen- te inserito nella cavità corrispondente nella base di montaggio. Inserendo il cavo nei moduli occorre fare attenzione al suo posizionamento corretto (codifica meccanica) così che, in seguito, tutto funzioni perfettamente. Comunque, nessun componente può essere di regola danneggiato in caso di inversione di polarità. Fase 3: Montaggio e installazione Suggerimento: il cavo piatto dovrebbe essere prima cablato in campo e poi inserito nell’armadio elettrico in modo che sia nella giusta posizione rispetto ai moduli! AI_it_Sb 22.09.2007 12:43 Uhr Seite 20**admin **AP_2:private:tmp:501:TemporaryItems:
  21. 21. Nell’armadio elettrico il cavo AS-i giallo dovrebbe essere installato senza interruzione fino all’alimentatore AS-i. Il master viene collegato in parallelo (blu = AS-i –, marrone = AS-i +). Se nell’armadio elettrico devono essere usati altri moduli di ingresso / uscita, si consiglia un cablaggio separato (derivazione) partendo dall’alimentatore AS-i. Attenzione: i poli AS-i negativi o positivi non devono essere collegati a terra in nessun punto. Solo la connessione shield / GND sull’alimentatore AS-i deve essere collegata a terra! I potenziali di ingresso e uscita sono riferiti al rispettivo modu- lo AS-i. Non è permesso mischiare potenziali di riferimento per vari moduli. Indicazioni e spiegazioni 21 Visitate il nostro sito web: www.ifm-electronic.it Informazioni generali ElencoarticoliController/ Gateways, prolungamenti delcavo Alimentatori econtrollori didispersione aterra ModuliI/O Armadio elettrico ModuliI/O Applicazione dicampo SafetyatWorkSensoriAS-i, soluzioni pneumatichee diazionamento Tecnologiadi collegamento AccessoriInformazioni tecnichee assistenza clienti Nel caso delle basi di montaggio il cavo deve essere inserito nelle guide con particola- re attenzione in modo da assicurarne un buon contatto. Le guide sono codificate con gli stessi colori del cavo piatto (giallo = AS-i, nero = 24 V DC). Colori dei conduttori Cavo AS-i giallo: A+ polo positivo AS-i marrone A– polo negativo AS-i blu Cavo nero di tensione ausiliare: E+ polo positivo da 24 V marrone E– polo negativo da 24 V blu Dopo che tutti gli slave sono stati collegati ed indirizzati correttamente, si esegue l’ul- tima fase. Al master deve essere comunicato quali slave devono essere disponibili per un sistema pronto per il funzionamento (lista degli slave progettati, LPS). Ciò avviene tramite la configurazione automatica (sul master del PLC, per esempio, premendo semplicemente i tasti; nel caso di Controller della ifm comodamente mediante il menu). In questa occasione il master AS-i passa brevemente alla modalità di proget- tazione, legge la progettazione attuale di tutti gli slave collegati e la memorizza in modo permanente. Modalità di progettazione = il master comunica con tutti gli slave, per esempio durante la messa in funzione. Gli slave assenti non vengono visualizzati. Modalità operativa normale = il master comunica solo con gli slave dall’LPS. Gli slave assenti vengono indicati. Ecco, questo è tutto! Fase 4: Configurazione automatica del master ! AI_it_Sb 22.09.2007 12:43 Uhr Seite 21**admin **AP_2:private:tmp:501:TemporaryItems:
  22. 22. AI_it_Sb 22.09.2007 12:43 Uhr Seite 22**admin **AP_2:private:tmp:501:TemporaryItems:
  23. 23. N° d’ordine in ordine alfanumerico Sistemi bus 24 - 26 Elenco articoli 23 Informazioni generali ElencoarticoliController/ Gateways, prolungamenti delcavo Alimentatori econtrollori didispersione aterra ModuliI/O Armadio elettrico ModuliI/O Applicazione dicampo SafetyatWorkSensoriAS-i, soluzioni pneumatichee diazionamento Tecnologiadi collegamento AccessoriInformazioni tecnichee assistenza clienti Av_it_ZT 22.09.2007 11:58 Uhr Seite 23**admin **Raid_1:I:IFM:IFM#0708-2178 ASi-Katalog:Italienisch:
  24. 24. Nº d’ordine Pagina AC001S 135 AC002S 135 AC003S 135 AC004S 135 AC005A 123 AC005S 139 AC006S 139 AC007A 123 AC008A 123 AC009S 137 AC010S 139 AC0115 220 AC0116 220 AC011S 139 AC014A 123 AC015S 141 AC016S 139 AC0340 47 AC0346 47 AC0347 47 AC1144 210 AC1145 53 AC1146 53 AC1147 51 AC1150 175 AC1151 175 AC115S 220 AC116S 220 AC1207 65 AC1209 65 AC1212 65 AC1216 65 AC1218 65 AC1223 65 AC1224 65 AC1226 65 AC1307 45 AC1308 45 AC1314 45 AC1317 45 AC1321 45 AC1322 45 AC1326 41 AC1335 41 AC1345 45 AC1346 45 AC1353 43 AC1354 43 AC2018 117 AC2026 117 Nº d’ordine Pagina AC2032 109 AC2035 109 AC2086 117 AC2087 117 AC2088 117 AC2211 69 AC2212 69 AC2216 81 AC2217 81 AC2218 81 AC2219 81 AC2220 81 AC2225 49 AC2250 79 AC2251 79 AC2252 79 AC2254 79 AC2255 79 AC2256 79 AC2257 79 AC2258 79 AC2259 79 AC2264 79 AC2315 171 AC2316 171 AC2317 171 AC2410 107 AC2411 107 AC2412 107 AC2413 107 AC2417 107 AC2451 107 AC2452 107 AC2457 107 AC2458 107 AC2459 107 AC2463 107 AC2464 107 AC2465 107 AC2466 107 AC2480 107 AC2516 119 AC2517 119 AC2518 119 AC2519 119 AC2520 119 AC2616 111 AC2617 111 AC2618 111 AC2619 111 Nº d’ordine Pagina AC2620 111 AC2709 83 AC2726 83 AC2728 83 AC2729 83 AC2730 83 AC2731 83 AC2900 105 AC2904 105 AC2910 105 AC3000 213 AC315A 171 AC316A 171 AC317A 171 AC4000 213 AC4001 213 AC4002 213 AC4003 213 AC4004 213 AC4006 213 AC4007 213 AC4008 213 AC5000 125, 211 AC5003 125, 211 AC5005 205 AC5007 125, 212 AC5010 125, 211 AC5011 125, 211 AC5014 125, 211 AC5015 125, 211 AC5020 211 AC5021 212 AC5022 211 AC5023 212 AC5031 212 AC5200 113 AC5203 115 AC5204 115 AC5205 113 AC5208 113 AC5209 113 AC5210 115 AC5211 113 AC5212 113 AC5213 113 AC5214 115 AC5215 115 AC5222 121 AC5223 121 AC5227 167 Elenco articoli N° d’ordine in ordine alfanumerico Sistemi bus 24 Visitate il nostro sito web: www.ifm-electronic.it Av_it_Bas 22.09.2007 11:59 Uhr Seite 24**admin **AP_2:private:tmp:501:TemporaryItems:
  25. 25. Nº d’ordine Pagina AC5228 167 AC5243 167 AC5246 169 AC5249 169 AC5251 169 AC5253 169 AC5270 169 AC5271 169 DN1020 67 DN1021 67 DN1022 67 DN2011 67 DN2012 67 DN2013 67 DN2014 67 DN2021 67 DN2032 67 DN2033 67 DN2034 67 DN2035 67 DN2036 67 DN2112 67 DN2134 67 DTA100 177 DTA101 177 DTA300 177 E10077 164 E10661 170 E10662 182 E10663 182 E10700 182 E10701 182 E10702 182 E10703 182 E10730 176 E10735 162 E10736 162 E10737 162 E10773 182 E10800 182 E10802 206 E10803 206 E10817 170 E10818 170 E10844 170 E10845 170 E10881 191 E10882 191 E10899 182 E11047 162 Nº d’ordine Pagina E11048 162 E11049 162 E11121 176 E11122 176 E11202 186 E11203 186 E11204 187 E11205 187 E11210 188 E11211 188 E11212 188 E11213 188 E11319 186 E11320 186 E11321 186 E11322 186 E11323 186 E11324 186 E11325 186 E11326 186 E11327 186 E11328 186 E11329 186 E11330 186 E11331 186 E11332 186 E11333 186 E11334 186 E11335 186 E11336 186 E11337 187 E11338 187 E11339 187 E11376 187 E11377 187 E11378 187 E11379 187 E11380 187 E11381 187 E11382 187 E11383 187 E11384 187 E11385 187 E11386 187 E11387 187 E11388 187 E11389 187 E11390 187 E11416 192 E11417 193 Nº d’ordine Pagina E11418 193 E11419 193 E11420 193 E11421 193 E11422 193 E11423 193 E11424 193 E11425 193 E11426 193 E11427 193 E11428 193 E11429 193 E11430 193 E11431 193 E11432 193 E11433 193 E11434 193 E11435 193 E11436 194 E11437 194 E11438 194 E11439 194 E11440 194 E11441 188 E11442 188 E11445 188 E11446 188 E11447 188 E11450 188 E11504 184 E11505 184 E11506 184 E11507 184 E11508 183 E11509 183 E11510 183 E11569 142 E11642 192 E11643 192 E11644 192 E17320 170 E17327 170 E17328 170 E7001S 208 E7002S 208 E7003S 208 E7004S 209 E7005S 209 E7006S 82 E70062 214 N° d’ordine in ordine alfanumerico 25 Visitate il nostro sito web: www.ifm-electronic.it Informazioni generali ElencoarticoliController/ Gateways, prolungamenti delcavo Alimentatori econtrollori didispersione aterra ModuliI/O Armadio elettrico ModuliI/O Applicazione dicampo SafetyatWorkSensoriAS-i, soluzioni pneumatichee diazionamento Tecnologiadi collegamento AccessoriInformazioni tecnichee assistenza clienti Av_it_Bas 22.09.2007 11:59 Uhr Seite 25**admin **AP_2:private:tmp:501:TemporaryItems:
  26. 26. Nº d’ordine Pagina E70067 215 E70096 205 E70098 205 E70099 205 E70113 214 E70123 210 E70188 204 E70189 191 E70200 204 E70203 170 E70204 191 E70211 210 E70213 210 E70230 202 E70231 202 E70232 202 E70233 202 E70236 202 E70237 202 E70271 205 E70297 207 E70299 214 E7030S 208 E70320 211 E70351 212 E70353 212 E70354 105, 204 E70377 105, 205 E70381 204 E70399 214 E70413 215 E70454 105, 204 E73004 206 E7354A 122 E7377A 122 E7454A 122 E75227 216 E75228 216 E75232 216 E79995 206 E79998 206 E80301 218 E80302 218 E80304 176 E80311 218 E80312 218 E80317 219 E80318 219 E80319 219 E80320 219 Nº d’ordine Pagina EVC001 182 EVC002 182 EVC003 182 EVC004 182 EVC005 182 EVC006 182 EVC007 182 EVC008 182 EVC009 182 EVC010 190 EVC011 190 EVC012 190 EVC013 190 EVC014 190 EVC015 191 EVC016 191 EVC017 191 EVC018 191 EVC019 191 EVC020 192 EVC021 192 EVC022 192 EVC023 192 EVC024 192 EVC025 191 EVC026 191 EVC027 191 EVC028 191 EVC029 191 EVC030 191 EVC031 191 EVC032 191 EVC033 191 EVC034 191 EVC035 192 EVC036 192 EVC037 192 EVC038 192 EVC039 192 EVC040 190 EVC041 190 EVC042 190 EVC043 190 EVC044 190 EVC045 190 EVC046 190 EVC047 190 EVC048 190 EVC049 190 EVC050 190 Nº d’ordine Pagina EVC051 190 EVC052 190 EVC053 190 EVC054 190 EVC060 192 EVC061 192 EVC062 192 EVC063 192 EVC064 192 EVC076 184 EVC077 184 EVC078 184 EVC079 184 EVC080 184 EVC081 184 GG505S 143 GI505S 143 GM504S 143 GM505S 143 IFC247 163 IFC248 163 IGC234 163 IGC235 163 IIC220 163 IIC221 163 IM5118 163 PPA020 165 PPA024 165 PPA060 165 ZB0032 173 ZB0033 173 ZB0034 173 ZB0035 173 ZB0036 173 ZB0037 173 ZB0039 173 ZB0040 173 Elenco articoli N° d’ordine in ordine alfanumerico Sistemi bus 26 Visitate il nostro sito web: www.ifm-electronic.it Av_it_Bas 22.09.2007 11:59 Uhr Seite 26**admin **AP_2:private:tmp:501:TemporaryItems:
  27. 27. N° d’ordine in ordine alfanumerico 27 Informazioni generali ElencoarticoliController/ Gateways, prolungamenti delcavo Alimentatori econtrollori didispersione aterra ModuliI/O Armadio elettrico ModuliI/O Applicazione dicampo SafetyatWorkSensoriAS-i, soluzioni pneumatichee diazionamento Tecnologiadi collegamento AccessoriInformazioni tecnichee assistenza clienti Av_it_Bas 22.09.2007 11:59 Uhr Seite 27**admin **AP_2:private:tmp:501:TemporaryItems:
  28. 28. Av_it_Bas 22.09.2007 11:59 Uhr Seite 28**admin **AP_2:private:tmp:501:TemporaryItems:
  29. 29. Informazioni generali ElencoarticoliController/ Gateways, prolungamenti delcavo Alimentatori econtrollori didispersione aterra ModuliI/O Armadio elettrico ModuliI/O Applicazione dicampo SafetyatWorkSensoriAS-i, soluzioni pneumatichee diazionamento Tecnologiadi collegamento AccessoriInformazioni tecnichee assistenza clienti Controller / Gateway, prolungamenti del cavo 29 Controller / Gateway per applicazioni industriali Prolungamenti del cavo per applicazioni industriali SmartLink Controller e, autonomo Controller e, bus di campo Software del Controller Ripetitore Terminazione del bus Sintonizzatore / Diagnosi 40 - 41 42 - 43 44 - 45 46 - 47 48 - 49 50 - 51 52 - 53 Impiego universale Controller / Gateway, prolungamenti del cavo Descrizione del sistema Panoramica del sistema 30 - 37 38 - 39 CGL_it_ZT 22.09.2007 12:07 Uhr Seite 29**admin **Raid_1:I:IFM:IFM#0708-2178 ASi-Katalog:Italienisch:
  30. 30. Visitate il nostro sito web: www.ifm-electronic.it Il master, come suggerisce il nome, adempie la funzione più importante in ogni rete AS-Interface. Esso è responsabile del controllo di tutta la comunicazione. AS-i è un sistema a master unico. Ciò significa che è permesso al massimo un master allo stes- so tempo. Il master regola lo scambio ciclico dei dati con gli slave collegati, controlla le risposte e mette i dati a disposizione dell’host. Quest’ultimo è costituito per lo più da un PLC o sistema di controllo equivalente, nel quale vengono elaborati i dati AS-i. Descrizione del sistema Controller / Gateway, prolungamenti del cavo Controller / Gateway, prolungamenti del cavo 30 Controller / Gateway · Introduzione Controller AS-i, gateway, master e ripetitore sono i componenti elementari delle reti AS-i. Questi componenti si trovano, il più delle volte, nell’armadio elettrico e garanti- scono la comunicazione di dati, l’estensione e l’alimentazione di corrente degli slave collegati nonché dei sensori e degli attuatori. Master AS-i I gateway AS-i, detti anche accoppiatori, creano una connessione tra l’AS-Interface ed un sistema bus sovrapposto. Ciò permette di combinare uno con l’altro i vantaggi di entrambi i sistemi. I vantaggi di AS-i come bus del primo livello di automazione sono la facilità d’uso, la rapida trasmissione dei dati, i costi bassi e la tecnologia di montaggio rapido. Tramite gateway del bus di campo, ad esempio per il Profibus DP, è possibile collega- re ad una centrale di comando varie installazioni AS-i su distanze più grandi, per es. in un capannone di montaggio. Dato che il bus di campo è il più delle volte di gran lunga più lento, è spesso richiesto un preprocesso decentralizzato dei dati nel gate- way. Qui la ifm electronic offre la famiglia di Controller AS-i come gateway con PLC integrato. Gateway Nella famiglia di Controller e della ifm, i componenti master AS-i, sistema di con- trollo ed interfaccia del bus di campo o seriale sono integrati in un’unica unità. Da questo alto grado d’integrazione risultano tempi di ciclo particolarmente brevi tra master AS-i e PLC. Lo slave del bus di campo, montato come opzione, si lascia confi- gurare in modo tale che solo i dati AS-i necessari vengono trasmessi al fine di non caricare inutilmente il bus di campo. Insieme ai dati AS-i, parametri e messaggi d’errore, anche tutti i valori analogici possono essere gradualmente trasmessi tramite un canale di comando. Famiglia di Controller WAN, Internet TCP/IP LAN, H1, Ethernet, Profinet Interbus, DeviceNet, Modbus, Profibus, CAN Interfaccia AS Visualiz- zazione Comando Elaborazione Input / output Collegamento in rete La piramide di automazione. Famiglia di Controller e. CGL_it_Sb 22.09.2007 12:07 Uhr Seite 30**admin **Raid_1:I:IFM:IFM#0708-2178 ASi-Katalog:Italienisch:
  31. 31. Informazioni generali ElencoarticoliController/ Gateways, prolungamenti delcavo Alimentatori econtrollori didispersione aterra ModuliI/O Armadio elettrico ModuliI/O Applicazione dicampo SafetyatWorkSensoriAS-i, soluzioni pneumatichee diazionamento Tecnologiadi collegamento AccessoriInformazioni tecnichee assistenza clienti Visitate il nostro sito web: www.ifm-electronic.it A seconda del sistema di controllo usato ci sono master AS-i di diverse ver- sioni: master come scheda ad innesto per PC master come scheda ad innesto per PLC master come gateway del bus di campo master con PLC integrato Controller / Gateway, prolungamenti del cavo 31 Struttura del master AS-i Il master AS-i è costituito fondamentalmente da quattro livelli (si veda la figura “Struttura del master AS-i”). Il livello di trasmissione più basso comprende la parte analogica, responsabile della qualità dei telegrammi di dati e della forma dell’impulso sul cavo giallo. Questa parte analogica viene alimentata con corrente dal cavo AS-i. La corrente è considerata nel calcolo totale dell’alimentazione di corrente AS-i. Il livello di trasmissione è responsabile dello scambio di telegrammi singoli con gli slave. Il master interroga ciclicamente tutti gli slave AS-i con sequenza dell’indirizzo crescente. Ciò dura 5 ms per 31 slave oppure al massimo 10 ms per 62 slave. Questa sequenza delle chiamate non può essere modificata dall’utente. Tramite il livello master i dati, per lo più in un’area di memoria comune (DP-RAM), sono direttamente a disposizione del programmatore. Normalmente non sono neces- sarie altre chiamate software o blocchi funzionali. Adeguamento al comando Funzioni master Controllo sequenziale Indirizzamento automatico Trasmissione telegramma Sicurezza dati Ricevitore / Trasmettitore Monitoraggio tensione Livello master Livello controllo sequenziale Livello trasmissione Fisica trasmissione Controllo (Host) Conduttore interfaccia AS PLC M AS-i S R S S S S M PC ad es. Profibus-DP, M PC M AS-i master con PLC integratoMasterGateway (accoppiatore)PLC Master AS-i S R S S S S AS-i S R S S S S AS-i S R S S S S per PC ad es. Controller AS-i DeviceNet, CAN con master AS-i Struttura del master AS-i. Esempi di master AS-i Diverse versioni di master. CGL_it_Sb 22.09.2007 12:07 Uhr Seite 31**admin **Raid_1:I:IFM:IFM#0708-2178 ASi-Katalog:Italienisch:
  32. 32. Visitate il nostro sito web: www.ifm-electronic.it Descrizione del sistema Controller / Gateway, prolungamenti del cavo Controller / Gateway, prolungamenti del cavo 32 Master secondo la specifica AS-i 2.1 Accanto ai master sperimentati ai sensi della specifica AS-i 2.0, esistono ora altri master, per esempio la famiglia di Controller e, con AS-i 2.1. La caratteristica comu- ne più importante delle due varianti è la loro piena compatibilità. Nella versione 2.1 sono state implementate nuove funzioni AS-i che possono però essere utilizzate solo con slave 2.1. Tutti gli slave 2.0 possono funzionare perfettamente su master 2.1. Nel caso contrario, è valida la limitazione secondo cui la vera e propria comunicazione di dati è compatibile solo in modo decrescente. Tutte le altre funzioni non possono tuttavia essere analizzate dal master 2.0. La correlazione è illustrata nella tabella seguente. Il profilo slave nella specifica AS-i 2.0 era costituito da 2 posizioni (ad esempio S-7.0); queste sono state integrate nella 2.1 con altri codici ID (ad esempio S-7.A.E). Anche questi ultimi possono essere analizzati soltanto da master 2.1. Negli slave più vecchi la terza posizione “mancante” viene riempita con il valore “F”(hex). Compatibilità tra master e slave. Messa in funzione del master Il sistema AS-i è progettato come un sistema autoconfigurante; esso può essere quin- di messo in funzione senza software. Siccome la quantità di dati per ogni slave AS-i è fissata su 4 bit, il master può leggere una rete collegata e salvarla permanente- mente come configurazione nominale (LPS, list of projected slaves). Ciò può avvenire completamente senza software. Per questo, su molti master, si trova solo un pulsante “Config all” o un pratico display con il quale si possono indirizzare anche gli slave. 2.0 slave senza modalità di indirizzamento esteso 31 slave 31 slave 2.0 slave analogici con profilo S-7.1 o S-7.2 con blocco funzionale con blocco funzionale 2.1 + 3.0 slave senza modalità di indirizzamento esteso 31 slave 31 slave 2.1 + 3.0 slave con modalità di indirizzamento esteso 31 slave (slave A) 62 slave (slave A e B) 2.1 + 3.0 errore di periferica non analizzato sì 2.1 + 3.0 slave analogici con profilo S-7.3.x o S-7.4.x possibilmente con blocco funzionale direttamente collegabile, senza blocco funzionale Specifica slave AS-i Funzione Master 2.0 Profili M0, M1, M2 Master 2.1 Profilo M3 31 slave con blocco funzionale 31 slave 62 slave sì direttamente collegabile, senza blocco funzionale 3.0 slave con funzioni speciali, per es. trasmissione seriale di dati possibilmente con blocco funzionale possibilmente con blocco funzionale direttamente collegabile, senza blocco funzionale Master 3.0 Profilo M4 CGL_it_Sb 22.09.2007 12:07 Uhr Seite 32**admin **Raid_1:I:IFM:IFM#0708-2178 ASi-Katalog:Italienisch:
  33. 33. Controller / Gateway, prolungamenti del cavo 33 Visitate il nostro sito web: www.ifm-electronic.it Informazioni generali ElencoarticoliController/ Gateways, prolungamenti delcavo Alimentatori econtrollori didispersione aterra ModuliI/O Armadio elettrico ModuliI/O Applicazione dicampo SafetyatWorkSensoriAS-i, soluzioni pneumatichee diazionamento Tecnologiadi collegamento AccessoriInformazioni tecnichee assistenza clienti Diagnosi Per la diagnostica AS-i estesa, la famiglia di Controller e ha un display grafico con quattro pulsanti di comando. Inoltre sono integrati alcuni strumenti supplementari. Di conseguenza è possibile eseguire la diagnosi locale sull’impianto, in aggiunta all’a- nalisi centralizzata dei messaggi d’errore, mediante il bus di campo nella centrale di comando. Sul display vengono visualizzati: elenchi degli slave (slave riconosciuti, progettati, attivati) errori di periferica errori di configurazione errori di telegramma slave safety indirizzi degli slave Il display grafico del Controller e. Una diagnostica dettagliata del bus AS-i è possibile anche con un’unità esterna, il tester eAS-i. Quest’unità è ottimizzata specialmente per le necessità del personale adetto all’assistenza, alla messa in funzione e alla manutenzione. Essa viene collega- ta in parallelo al cavo del bus, senza interrompere la produzione. Mediante il soft- ware fornito è possibile valutare la qualità dei telegrammi di dati di tutti gli slave col- legati su un PC o notebook connesso. Il rapporto tra tutti i telegrammi e il numero dei telegrammi ripetuti è rappresentato in modo chiaro. È possibile verificare i risultati, come per esempio per la messa a terra di convertitori, direttamente con il bus in funzione. Schemata “Software del tester eAS-i”. CGL_it_Sb 22.09.2007 12:07 Uhr Seite 33**admin **Raid_1:I:IFM:IFM#0708-2178 ASi-Katalog:Italienisch:
  34. 34. Visitate il nostro sito web: www.ifm-electronic.it Descrizione del sistema Controller / Gateway, prolungamenti del cavo Controller / Gateway, prolungamenti del cavo 34 Il classico bus AS-i è concepito per una lunghezza del cavo di 100 metri. Utenti esper- ti hanno osservato che spesso anche sistemi con 130 metri e oltre funzionano senza problemi. Siccome AS-i ha una tipologia libera, non esistono regole d’installazione universali per questi 100 più “x” metri. Spesso i cavi lunghi e non terminati possono causare riflessioni che sovrappongono i telegrammi AS-i e provocano anomalie e ripetizioni del telegramma. Come rimedio e per un prolungamento di altri 100 metri ci sono varie soluzioni pos- sibili: 1. Il termination plug (terminazione del bus) all’estremità del cavo lungo riduce le riflessioni; in caso di poche unità è consigliato alla fine del cavo dove il calo di tensio- ne con carico annesso è maggiore. Un effetto supplementare della terminazione del bus è il miglioramento della qualità dei telegrammi AS-i in caso di cavi lunghi e utiliz- zando componenti Safety at Work. 2. I ripetitori dell’AS-Interface servono per prolungare i cavi di altri 100 metri. Il numero delle possibili unità resta invariato. Ogni ripetitore ha una separazione galva- nica che divide la rete in due segmenti. Ogni segmento ha una propria alimentazione di tensione. Il segmento del master può quindi essere alimentato mediante l’alimen- tatore AS-i 1 e il settore dietro il ripetitore tramite l’alimentatore AS-i 2. In questo modo è possibile aumentare la corrente totale per ogni rete AS-i e migliorare la cadu- ta di tensione. Un ripetitore può essere utilizzato anche per motivi di sicurezza. Esso viene infatti anche impiegato per garantire che un cortocircuito sul circuito secondario non abbia influssi su quello primario. Così le reti AS-i possono essere suddivise in settori separati galvanicamente. Ogni ripetitore ha un tempo interno di propagazione del segnale che si somma per il circuito in serie. Perciò ci sono delle limitazioni nel numero dei ripetitori utilizzabili (si veda tabella). 3. Con master doppi al centro della macchina è possibile installare, in direzioni opposte, rispettivamente 100 metri di cavo AS-i. Si possono quindi coprire distanze di 200 metri. Un effetto supplementare è la duplicazione delle unità AS-i collegabili. Prolungamenti del cavo · Introduzione Ci sono diverse possibilità per prolungare il cavo AS-i. I cento metri specificati pos- sono essere prolungati, in caso estremo, fino a 600 metri. La tabella seguente illustra le varie possibilità e le differenze del prolungamento del cavo. Prolungamenti del cavo a confronto * Formula: (costi dell’unità / numero max. slave) Ripetitore Master doppi 100 m 100 m sì sì sì sì non critico non critico 62 124 6,2 (4) 2,8 (2) max. 2 ripetitori in fila e max. 1 ripetitore per Safety at Work master al centro Termination plug (terminazione del bus) Sintonizzatore 100 m 100...150 m no no no no critico critico 62 62 0,95 (1) 6,13 (3) controllare corrente totale da AS-i e qualità del telegramma controllare corrente totale da AS-i e qualità del telegramma Misura Prolungamento di Alimentatore supplementare = più corrente da AS-i Separazione galvanica Calo di tensione Numero slave max. Costi / Profitti * per slave (classificazione) Osservazione CGL_it_Sb 22.09.2007 12:07 Uhr Seite 34**admin **Raid_1:I:IFM:IFM#0708-2178 ASi-Katalog:Italienisch:
  35. 35. Controller / Gateway, prolungamenti del cavo 35 Visitate il nostro sito web: www.ifm-electronic.it Informazioni generali ElencoarticoliController/ Gateways, prolungamenti delcavo Alimentatori econtrollori didispersione aterra ModuliI/O Armadio elettrico ModuliI/O Applicazione dicampo SafetyatWorkSensoriAS-i, soluzioni pneumatichee diazionamento Tecnologiadi collegamento AccessoriInformazioni tecnichee assistenza clienti I ripetitori AS-i possono essere utilizzati in armadi elettrici locali per il prolungamento del cavo e l’aumento della corrente totale. Una connessione parallela di alimentatori AS-i senza ripetitore è impossibile. È possibile connettere fino a due ripetitori in serie. Esempio AS-i 1: Prolungamento del cavo con ripetitore Ripetitore AS-i + alimentatore AS-i 100m 100m 100m Controllere AS-i + alimentatore AS-i Al posto dei ripetitori è possibile montare un master AS-i doppio al centro e andare con una linea per 100 metri in una direzione mentre con l’altra linea, sempre per 100 metri, nella direzione opposta. Un altro vantaggio è il numero doppio degli slave rispetto alla soluzione con un master. Esempio AS-i 2: Prolungamento del cavo con master doppi Doppio master AS-i + 2 alimentatori AS-i 100m 100m CGL_it_Sb 22.09.2007 12:07 Uhr Seite 35**admin **Raid_1:I:IFM:IFM#0708-2178 ASi-Katalog:Italienisch:
  36. 36. Visitate il nostro sito web: www.ifm-electronic.it Descrizione del sistema Controller / Gateway, prolungamenti del cavo Controller / Gateway, prolungamenti del cavo 36 Anche la terminazione del bus raddoppia, nel migliore dei casi, il cavo bus AS-i. Tut- tavia il numero dei telegrammi ripetuti prima e dopo il montaggio della terminazione del bus deve essere controllato con un’unità di servizio appropriata oppure mediante il display del Controller e. Solo così è possibile documentare un miglioramento della qualità di trasmissione. Esempio AS-i 3: Prolungamento del cavo con termination plug Master AS-i + Alimentatore AS-i 200m Terminator AS-i La lunghezza massima del bus è raggiunta con 2 ripetitori e 3 termination plug. Delle limitazioni possono risultare dal tipo di prolungamento del cavo e dalla topologia. La configurazione di cui sopra per il prolungamento del cavo non è adatta per applica- zioni Safety at Work! Esempio AS-i 4: Massimo prolungamento possibile del cavo con ripetitore e terminazione del bus 200m 200m200m 600m Master AS-i + Alimentatore AS-i Ripetitore AS-i + Alimentatore AS-i Ripetitore AS-i + Alimentatore AS-i Terminator AS-i CGL_it_Sb 22.09.2007 12:07 Uhr Seite 36**admin **Raid_1:I:IFM:IFM#0708-2178 ASi-Katalog:Italienisch:
  37. 37. Controller / Gateway, prolungamenti del cavo 37 Visitate il nostro sito web: www.ifm-electronic.it Informazioni generali ElencoarticoliController/ Gateways, prolungamenti delcavo Alimentatori econtrollori didispersione aterra ModuliI/O Armadio elettrico ModuliI/O Applicazione dicampo SafetyatWorkSensoriAS-i, soluzioni pneumatichee diazionamento Tecnologiadi collegamento AccessoriInformazioni tecnichee assistenza clienti Per l’assistenza, la ricerca di errori e la messa in funzione sono a disposizione efficien- ti unità di analisi e servizio. Messa in funzione Con l’unità di indirizzamento AS-i possono essere eseguite le operazioni per la messa in funzione. Se è collegato soltanto uno slave, questo viene alimentato dall’u- nità. Accanto alla funzione più importante, quella di indirizzamento, è possibile leg- gere i profili AS-i e gli ingressi digitali e scrivere i parametri e le uscite. L’unità di indi- rizzamento può essere azionata anche su un sistema AS-i con vari slave. Lo slave da verificare può quindi essere selezionato. Per l’alimentazione va usato un alimentatore AS-i. Durante la fase di prova non deve essere messo in funzione nessun altro master. Assistenza, manutenzione Con l’unità di analisi, tester eASi, è possibile analizzare una linea AS-i completa, senza arrestare l’impianto. L’unità viene collegata in parallelo al cavo giallo e può registrare tutti i telegrammi AS-i per un certo periodo. Diagnosi costante Per la diagnosi AS-i continua durante il funzionamento sono adatti i master con menu del display (Controller e, e SmartLink) della ifm electronic. Queste unità fun- zionano come sistemi di controllo autonomi o gateway ed hanno contatori di errori del telegramma individuali per ogni slave. La diagnosi ampliata degli slave AS-i di sicurezza indica lo stato di tutte le unità del bus secondo la specifica Safety at Work. Anche il sintonizzatore AS-i nel corpo ClassiLine può rimanere permanentemente nell’impianto. Esso ha due funzioni base. La prima funzione permette di impostare un’ottimale resistenza terminale per il prolungamento del cavo di altri 100 metri, simile al termination plug passivo. La seconda funzione è la diagnosi ed analisi bus dei telegrammi. La qualità della comunicazione dei dati viene continuamente visualiz- zata mediante tre LED colorati (rosso / giallo / verde) come per un semaforo. Il peggior stato misurato resta memorizzato fino a che non si esegue un ripristino manuale. Unità di servizio Introduzione Display del Controller e. Sintonizzatore AS-i. Unità di indirizza- mento. Tester eAS-i. CGL_it_Sb 22.09.2007 12:07 Uhr Seite 37**admin **Raid_1:I:IFM:IFM#0708-2178 ASi-Katalog:Italienisch:
  38. 38. Campo d’impiego Per applicazioni industriali Panoramica del sistema Controller / Gateway, prolungamenti del cavo Controller / Gateway, prolungamenti del cavo 38 Controller e Controller e Controller e – Impiego come sistema di controllo autonomo Controller e – Impiego come gateway del bus di campo con preprocessamento Download tramite RS-232 C o Ethernet – – –– 46 Software Software di sistema per Controller ifm Tipo Interfacce Memoria programma Campo d’impiego Numero master AS-i Pagina Armadio elettrico Campo Profibus DP – • 1 o 2– 40 SmartLink SmartLink – Impiego come gateway del bus di campo Profibus DP 128 kwords • 1 o 2– 44 DeviceNet 128 kwords • 1 o 2– 44 CANopen 128 kwords • 1 o 2– 44 Ethernet IP 128 kwords • 1 o 2– 44 RS-232 C 128 kwords • 1 o 2– 42 Ethernet-CAA Modbus / TCP 128 kwords • 1 o 2– 42 CGL_it_Su 22.09.2007 12:08 Uhr Seite 38**admin **Raid_1:I:IFM:IFM#0708-2178 ASi-Katalog:Italienisch:
  39. 39. Informazioni generali ElencoarticoliController/ Gateways, prolungamenti delcavo Alimentatori econtrollori didispersione aterra ModuliI/O Armadio elettrico ModuliI/O Applicazione dicampo SafetyatWorkSensoriAS-i, soluzioni pneumatichee diazionamento Tecnologiadi collegamento AccessoriInformazioni tecnichee assistenza clienti Tipo Interfacce Memoria programma Campo d’impiego Numero master AS-i Campo d’impiego Pagina Armadio elettrico Campo Controller / Gateway, prolungamenti del cavo 39 2 x AS-i separati galvanicamente Ripetitore IP 20 – • – 1 x AS-i Terminazione del bus – – – – 48 • 50 2 x AS-i Sintonizzatore – – –• 52 1 x AS-i 1 x RS-232 C Tester eAS-i – – –– 52 Prolungamento del cavo, miglioramento del segnale, diagnosi Per applicazioni industriali CGL_it_Su 22.09.2007 12:08 Uhr Seite 39**admin **Raid_1:I:IFM:IFM#0708-2178 ASi-Katalog:Italienisch:
  40. 40. SmartLink Alta funzionalità a basso prezzo Un completamento per il livello più basso è rappresentato dai gateway SmartLink che hanno le stesse dotazioni di diagnosi e di master AS-i come la serie Controller e, ma lavorano senza funzione PLC come semplici gateway verso il bus di campo superiore. Non ha luogo nessun pretrattamento dei dati. I dati AS-i vengono scambiati in entrambe le direzioni con il Profibus e si trovano nello stesso spazio d’indirizzi come nel Controller e. Tutte le impostazioni vengono effettuate tramite il file GSD nel configuratore del Profibus e quindi non sono necessarie né un’interfaccia seriale né un software separato. Il display viene comandato in modo intuitivo con i quattro pulsanti di coman- do. È possibile controllare online lo stato di tutti i dati AS-i; i dati analogici vengono visualizzati direttamente come valori decimali. Durante messa in funzione le unità AS-i possono essere indirizzate per mezzo del display. In caso di assistenza sono disponibili contatori di errori dei telegrammi. È anche integrata una diagnosi di slave Safety at Work. Naturalmente è possibile collegare fino a 62 slave A/B per ogni master. SmartLink DP AS-i – Profibus AS-i-Gateway con display e diagnosi. Master AS-i con supporto Safety at Work, protocolli analogici e di dati. Slave Profibus DP, integrato con file GSD, senza programmazione. Contatore di errori telegrammi integrato, indicazione degli ingressi e delle uscite. Montaggio robusto su guida DIN, corpo metallico. Accessori e connettori Tipo Descrizione N° d´ordine Alimentatori per reti AS-i, 2,8 A AC1216 Alimentatori per reti AS-i, 4 A, controllore di dispersione a terra integrato AC1224 Alimentatori per reti AS-i, 8 A AC1218 Connettore Combicon con morsetti a vite a 4 poli E70230 Ulteriori connettori e ripartitori a partire da pagina 179Ulteriori accessori a partire da pagina 197 Controller / Gateway, prolungamenti del cavo Controller / Gateway Per applicazioni industriali 40 Controller / Gateway Pagina Per applicazioni industriali SmartLink 40 - 41 Controller e autonomo 42 - 43 Controller e bus di campo 44 - 45 Software del Controller 46 - 47 Prolunga- menti del cavo Per applicazioni industriali Ripetitore 48 - 49 CGL_it_Ps 22.09.2007 12:09 Uhr Seite 40**admin **AP_2:private:tmp:501:TemporaryItems:
  41. 41. Display AC1335 SmartLink AS-Interface 1 o 2 master AS-i, alimentazione da AS-i o 24 V Numero master AS-i Interfaccia 1 visualizzazione / programmazione Interfaccia 2 dati / programmazione Interfaccia bus di campo Corrente assorbita 24 V DC [mA] Corrente assorbita totale da AS-i [mA] Disegno nº Nº d’ordine SmartLink · 1 slave Profibus DP · Alimentazione da AS-i 1 – – Profibus-DP – < 200 1 AC1335 AS-i / gateway Profibus DP · 1 slave Profibus DP · Alimentazione 24 V 2 – – Profibus-DP < 400 < 10 2 AC1326 Dati tecnici comuni AC1335 Profibus DP per gateway AS-Interface Definizione dei dati tramite file GSD Display grafico a LCD, illuminato 1 o 2 master AS-i integrati 4 pulsanti di comando, 4 LED Temperatura ambiente: 0...60° C Montaggio robusto su guida DIN Tensione di esercizio AS-i: 26,5...31,6 V DC Corpo: alluminio / acciaio Morsetti a vite Combicon Disegni a partire da pagina 224 Terminazione del bus 50 - 51 Sintonizzatore / Diagnosi 52 - 53 Controller / Gateway 41 Diagramma a blocchi AC1335 Separazione di potenziale Display LCD 128 x 64 Pulsanti di comando CPU Flash S-RAM Master AS-i AS-i + AS-i - Profibus-DP Alimentazione FE GND È possibile scaricare il file GSD attuale al sito www.ifm-electronic.com. Informazioni generali ElencoarticoliController/ Gateways, prolungamenti delcavo Alimentatori econtrollori didispersione aterra ModuliI/O Armadio elettrico ModuliI/O Applicazione dicampo SafetyatWorkSensoriAS-i, soluzioni pneumatichee diazionamento Tecnologiadi collegamento AccessoriInformazioni tecnichee assistenza clienti CGL_it_Ps 22.09.2007 12:09 Uhr Seite 41**admin **AP_2:private:tmp:501:TemporaryItems:
  42. 42. Controller e Master AS-i con programmazione CoDeSys La serie Controller e padroneggia tutte le possibilità estese del- l’AS-Interface 2.1. Gli slave con i profili analogici 7.3 o 7.4 ven- gono riconosciuti automaticamente e lo scambio di dati avvie- ne immediatamente. I moduli software finora comuni non sono necessari. Ulteriori caratteristiche, come contatore di errori di periferia relativo allo slave e contatore di errori telegrammi, permettono una rapida diagnosi sia durante la messa in funzione che durante il normale funzionamento. Tutte le funzioni possono essere richiamate con una semplice selezione di menu tramite il display integrato. Con l’aiuto della funzione “Easy-start-up” è possibile mettere in funzione slave senza unità di indirizza- mento. Impiegando il software di programmazione tutte le funzioni sono anche comodamente disponibili tramite un PC standard. I settori d’impiego per il Controller e nella versione autonoma sono progetti di automazione industriali piccoli e medi, per esempio impianti di riempimento, nastri trasportatori, macchi- ne per l’imballaggio, macchine speciali, raccolta dati di produ- zione o automazione di edifici. Master AS-i 2.1 semplice o doppio con PLC integrato. Campo di indirizzamento esteso e indicazione di errori di periferia. Facile collegamento di unità analo- giche senza blocco funzionale. Display multifunzionale per comando, diagnosi e messa in funzione. Memoria programma di 128 kword, program. conformemente a IEC 61131-3. Accessori e connettori Tipo Descrizione N° d´ordine Cavo di programmazione RS-232C per Controller e E70320 CD CoDeSys 2.3 software di programmazione tedesco / inglese AC0340 Ulteriori connettori e ripartitori a partire da pagina 179Ulteriori accessori a partire da pagina 197 Controller / Gateway, prolungamenti del cavo Controller / Gateway Per applicazioni industriali 42 Controller / Gateway Pagina Per applicazioni industriali SmartLink 40 - 41 Controller e autonomo 42 - 43 Controller e bus di campo 44 - 45 Software del Controller 46 - 47 Prolunga- menti del cavo Per applicazioni industriali Ripetitore 48 - 49 CGL_it_Ps 22.09.2007 12:09 Uhr Seite 42**admin **AP_2:private:tmp:501:TemporaryItems:
  43. 43. Display Controller e Controller e autonomo Master AS-i con PLC integrato Numero master AS-i Interfaccia 1 visualizzazione / programmazione Interfaccia 2 dati / programmazione Interfaccia bus di campo Corrente assorbita 24 V DC [mA] Corrente assorbita totale da AS-i [mA] Disegno nº Nº d’ordine 1 RS-232 C Ethernet CAA Modbus / TCP < 400 < 10 3 AC1353 2 RS-232 C Ethernet CAA Modbus / TCP < 400 < 10 3 AC1354 Disegni a partire da pagina 224 Terminazione del bus 50 - 51 Sintonizzatore / Diagnosi 52 - 53 Controller / Gateway 43 Diagramma a blocchi Separazione di potenziale Display LCD 128 x 64 AS-i master 1 AS-i master 2 (opzionale) Ethernet 100 Mbit/s (opzionale) RS-232 Pulsanti di comando 24V 5V CPU Flash 512 k Word Flash 128k Word È possibile scaricare gratuitamente la versione attuale del manuale dell’apparecchio al sito www.ifm-electronic.com. Informazioni generali ElencoarticoliController/ Gateways, prolungamenti delcavo Alimentatori econtrollori didispersione aterra ModuliI/O Armadio elettrico ModuliI/O Applicazione dicampo SafetyatWorkSensoriAS-i, soluzioni pneumatichee diazionamento Tecnologiadi collegamento AccessoriInformazioni tecnichee assistenza clienti CGL_it_Ps 22.09.2007 12:09 Uhr Seite 43**admin **AP_2:private:tmp:501:TemporaryItems:
  44. 44. Controller e Gateway AS-i con funzionalità estesa La serie Controller e padroneggia tutte le possibilità estese del- l’AS-Interface 2.1. Gli slave con i profili analogici 7.3 o 7.4 ven- gono riconosciuti automaticamente e lo scambio di dati avvie- ne immediatamente. I moduli software finora comuni non sono più necessari. Ulteriori caratteristiche, come contatore di errori di periferia relativo allo slave e contatore di errori telegrammi, permettono una rapida diagnosi. Tutte le funzioni possono essere richiama- te con una semplice selezione di menu tramite il display inte- grato. Con l’aiuto della funzione “Easy-start-up” è possibile mettere in funzione slave senza unità di indirizzamento. Impiegando il software di programmazione tutte le funzioni sono comodamente disponibili tramite un PC standard. I settori d’impiego per il Controller e come gateway del bus di campo sono per esempio impianti di riempimento, nastri tra- sportatori, macchine per l’imballaggio, macchine speciali, rac- colta dati di produzione o automazione di edifici. Le interfacce del bus di campo permettono un accesso ai dati strutturato sugli ingressi e le uscite digitali e analogici del sistema AS-i collegato, nonché una diagnosi completa del sistema fino al monitoraggio della periferia di ogni singolo slave. Master AS-i 2.1 semplice o doppio con PLC integrato. Campo di indirizzamento esteso e indicazione di errori di periferia. Facile collegamento di unità analogiche senza blocco funzionale. Display multifunzionale per comando, diagnosi e messa in funzione. Interfaccia Profibus DP, DeviceNet, CANopen o Ethernet / IP. Accessori e connettori Tipo Descrizione N° d´ordine Cavo di programmazione RS-232C per Controller e E70320 CD CoDeSys 2.3 software di programmazione tedesco / inglese AC0340 Ulteriori connettori e ripartitori a partire da pagina 179Ulteriori accessori a partire da pagina 197 Controller / Gateway, prolungamenti del cavo Controller / Gateway Per applicazioni industriali 44 Controller / Gateway Pagina Per applicazioni industriali SmartLink 40 - 41 Controller e autonomo 42 - 43 Controller e bus di campo 44 - 45 Software del Controller 46 - 47 Prolunga- menti del cavo Per applicazioni industriali Ripetitore 48 - 49 CGL_it_Ps 22.09.2007 12:09 Uhr Seite 44**admin **AP_2:private:tmp:501:TemporaryItems:
  45. 45. Display Controller e Controller e come gateway Profibus-DP, DeviceNet, CANopen o Ethernet IP Master AS-i con PLC integrato Numero master AS-i Interfaccia 1 visualizzazione / programmazione Interfaccia 2 dati / programmazione Interfaccia bus di campo Corrente assorbita 24 V DC [mA] Corrente assorbita totale da AS-i [mA] Disegno nº Nº d’ordine 1 RS-232 C – Profibus-DP < 500 < 10 2 AC1345 2 RS-232 C – Profibus-DP < 500 < 10 2 AC1346 1 RS-232 C – DeviceNet < 500 < 10 4 AC1308 2 RS-232 C – DeviceNet < 500 < 10 4 AC1314 1 RS-232 C – CANopen < 500 < 10 4 AC1321 2 RS-232 C – CANopen < 500 < 10 4 AC1322 1 RS-232 C – Ethernet / IP < 400 < 10 5 AC1307 2 RS-232 C – Ethernet / IP < 400 < 10 5 AC1317 Disegni a partire da pagina 224 Terminazione del bus 50 - 51 Sintonizzatore / Diagnosi 52 - 53 Controller / Gateway 45 Diagramma a blocchi Separazione di potenziale Display LCD 128 x 64 AS-i Master 1 AS-i Master 2 (opzionale) RS-232 Pulsanti di comando 24V 5V CPU Flash 512k Word S RAM 128k Word Interfaccia del bus di campo È possibile scaricare gratuitamente la versione attuale del manuale dell’apparecchio nonché il file GDS/EDS al sito www.ifm-electronic.com. Informazioni generali ElencoarticoliController/ Gateways, prolungamenti delcavo Alimentatori econtrollori didispersione aterra ModuliI/O Armadio elettrico ModuliI/O Applicazione dicampo SafetyatWorkSensoriAS-i, soluzioni pneumatichee diazionamento Tecnologiadi collegamento AccessoriInformazioni tecnichee assistenza clienti CGL_it_Ps 22.09.2007 12:09 Uhr Seite 45**admin **AP_2:private:tmp:501:TemporaryItems:
  46. 46. CoDeSys Software di programmazione per controller AS-i Il software “CoDeSys for Automation Alliance” si ricollega al suo predecessore di successo “ecolog asi”. Con la partecipa- zione all’Automation Alliance, costituita da ditte leader nel set- tore dell’automazione, viene creato un software di program- mazione e configurazione continuo che riunirà, in un unico strumento, progetti con hardware indipendente dal produtto- re. Come piattaforma di comando per la serie Controller e della ifm viene introdotta, naturalmente accanto alla programma- zione conforme a IEC 61131-3, una nuova struttura di confi- gurazione per AS-i. Analogamente alla gestione risorse di Win- dows, vengono qui rappresentati in modo schematico tutti gli slave riconosciuti e progettati. Facendo clic su “Slave” si apre una finestra con tutte le indicazioni di stato, i parametri e i valori binari e analogici rilevanti e con il profilo AS-i. Con un ulteriore clic è possibile impostare i bit di uscita o scrivere i valori analogici. Alla documentazione dell’impianto è possibile aggiungere ulteriori apparecchi come master, alimentatori, controllori di dispersione a terra o ripetitori. Software “CoDeSys for Automation Alliance”. Sistema di programmazione e configu- razione conformemente a IEC 61131-3. 5 linguaggi di programmazione: LD, FBD, IL, ST, SFC. Strumento di messa in funzione, diagnosi e assistenza. Visualizzazione integrata con gestione libera. Accessori e connettori Tipo Descrizione N° d´ordine Cavo di programmazione RS-232C per Controller e E70320 Ulteriori connettori e ripartitori a partire da pagina 179Ulteriori accessori a partire da pagina 197 Controller / Gateway, prolungamenti del cavo Controller / Gateway Per applicazioni industriali 46 Controller / Gateway Pagina Per applicazioni industriali SmartLink 40 - 41 Controller e autonomo 42 - 43 Controller e bus di campo 44 - 45 Software del Controller 46 - 47 Prolunga- menti del cavo Per applicazioni industriali Ripetitore 48 - 49 CGL_it_Ps 22.09.2007 12:09 Uhr Seite 46**admin **AP_2:private:tmp:501:TemporaryItems:
  47. 47. AC0340: il CD contiene il manuale del Controller e e la documentazione CoDeSys in formato pdf. È possibile scaricare gratuitamente le versioni attuali del manuale dell’apparecchio / del manuale software al sito www.ifm-electronic.com. CoDeSys for Automation-Alliance Software di programmazione e di diagnosi e documentazione per Controller e Versione Lingua Usato per Controller e Usato per Controller, SmartLogic Interfaccia PC Volume fornitura Server OPC Nº d’ordine 2.3 tedesco / inglese si – RS-232C / Ethernet CD si AC0340 2.3 tedesco si – – Manuale – AC0346 2.3 inglese si – – Manuale – AC0347 Disegni a partire da pagina 224 Terminazione del bus 50 - 51 Sintonizzatore / Diagnosi 52 - 53 Controller / Gateway 47 Screenshot Informazioni generali ElencoarticoliController/ Gateways, prolungamenti delcavo Alimentatori econtrollori didispersione aterra ModuliI/O Armadio elettrico ModuliI/O Applicazione dicampo SafetyatWorkSensoriAS-i, soluzioni pneumatichee diazionamento Tecnologiadi collegamento AccessoriInformazioni tecnichee assistenza clienti CGL_it_Ps 22.09.2007 12:09 Uhr Seite 47**admin **AP_2:private:tmp:501:TemporaryItems:
  48. 48. Ripetitore Grandi distanze – nessun problema grazie ai ripetitori I ripetitori AS-i vengono impiegati per prolungare di altri 100 metri la lunghezza standard del cavo di 100 metri. Nel calcolo della lunghezza del cavo AS-i si deve tener conto della somma del cavo piatto giallo e di tutte le derivazioni collegate diretta- mente tramite prese del cavo piatto o moduli passivi del grup- po di distribuzione. Conta anche il cavo AS-i, per esempio per il collegamento di slave, nell’armadio elettrico. Perciò, se possi- bile, non dovrebbero essere creati “anelli di riserva”. Per AS-i sono possibili, senza riserve, successive estensioni. In un sistema possono essere collegati diversi ripetitori, tuttavia solo due possono essere posti uno di seguito all’altro. Nell’im- piego di componenti Safety at Work dietro al ripetitore è ammissibile al massimo un unico ripetitore fra l’unità Safety e il master oppure il monitor. Naturalmente possono essere mon- tati nel sistema più ripetitori a stella a partire dal master. I ripetitori sono disponibili come moduli SmartLine per il mon- taggio nell’armadio elettrico. È necessario un alimentatore AS-i addizionale, dal momento che i ripetitori sono realizzati con separazione galvanica. Ripetitore per il prolungamento del cavo. Estensione di una rete AS-i di altri 100 metri. Separazione galvanica, perciò neces- sario ulteriore alimentatore AS-i. Aumento della sicurezza dell’impianto tramite separazione in segmenti. Per l’impiego universale: armadio elettrico o modulo da campo. Accessori e connettori Tipo Descrizione N° d´ordine Connettore Combicon, collegamento autodenndante, 4 poli E70236 Connettore Combicon con morsetti a vite, 4 poli E70230 Connettore Combicon con gabbia a molla, 4 poli E70232 Ulteriori connettori e ripartitori a partire da pagina 179Ulteriori accessori a partire da pagina 197 Controller / Gateway, prolungamenti del cavo Prolungamenti del cavo Per applicazioni industriali 48 Controller / Gateway Pagina Per applicazioni industriali SmartLink 40 - 41 Controller e autonomo 42 - 43 Controller e bus di campo 44 - 45 Software del Controller 46 - 47 Prolunga- menti del cavo Per applicazioni industriali Ripetitore 48 - 49 CGL_it_Ps 22.09.2007 12:09 Uhr Seite 48**admin **AP_2:private:tmp:501:TemporaryItems:
  49. 49. Ordinare connettori Combicon separatamente! Vista frontale AC2225 Ripetitore per il prolungamento del cavo. Tensione nominale [V] Monitoraggio sottotensione Collegamento AS-i Separazione galvanica Indirizzamento slave Corrente assorbita totale da AS-i [mA] Disegno nº Nº d’ordine 26,5...31,6 DC no terminali si no 2 x 60 1 AC2225 Disegni a partire da pagina 225 Terminazione del bus 50 - 51 Sintonizzatore / Diagnosi 52 - 53 Prolungamenti del cavo 49 Diagramma a blocchi AC2225 AS-i 2 - AS-i 2 + AS-i 1 - AS-i 1+ Circuitodiprotezione Separa- zione galvanica Funzione ripetitore Unità di trasmis- sione / ricezione Circuitodiprotezione Separa- zione galvanica Unità di trasmis- sione / ricezione Attiva- zione LED Attiva- zione LED Fault PWR Fault PWR Informazioni generali ElencoarticoliController/ Gateways, prolungamenti delcavo Alimentatori econtrollori didispersione aterra ModuliI/O Armadio elettrico ModuliI/O Applicazione dicampo SafetyatWorkSensoriAS-i, soluzioni pneumatichee diazionamento Tecnologiadi collegamento AccessoriInformazioni tecnichee assistenza clienti CGL_it_Ps 22.09.2007 12:09 Uhr Seite 49**admin **AP_2:private:tmp:501:TemporaryItems:
  50. 50. Terminazione del bus Trasmissione sicura dei dati su cavo lungo AS-i è semplice da usare. Questo principio è stato rispettato anche per la terminazione del bus che può essere montata ovunque la comunicazione AS-i venga disturbata da riflessioni. Le riflessioni possono verificarsi se il cavo giallo AS-i è molto più lungo di 100 metri. Per evitare tali riflessioni è possibile impiegare una terminazione del bus. La posizione di montag- gio ottimale è il punto più lontano dall'alimentatore AS-i. Con la terminazione del bus è possibile collegare lunghezze del cavo fino a 200 metri. Per controllare la qualità del segnale prima e dopo il montaggio della terminazione del bus esistono due possibilità: 1. tramite il menu di diagnosi sul Controller e, dove tutti i tele- grammi di ripetizione vengono analizzati e rappresentati sepa- ratamente per ogni slave; 2. con il tester eASi, un’unità di servizio che viene collegata parallelamente al cavo AS-i e che analizza i telegrammi anomali per mezzo di PC e software. Terminazione del bus AS-i. Impiego all’estremità del bus. Aumenta la lunghezza del cavo di altri 100 metri. Miglioramento dei telegrammi AS-i con la riduzione delle riflessioni. 1 terminazione del bus possibile per ogni master / ripetitore. Accessori e connettori Tipo Descrizione N° d´ordine Derivazione per cavo piatto, connettore M12 E70096 Derivazione per cavo piatto, connettore M12 AC5005 Ulteriori connettori e ripartitori a partire da pagina 179Ulteriori accessori a partire da pagina 197 Controller / Gateway, prolungamenti del cavo Prolungamenti del cavo Per applicazioni industriali 50 Controller / Gateway Pagina Per applicazioni industriali SmartLink 40 - 41 Controller e autonomo 42 - 43 Controller e bus di campo 44 - 45 Software del Controller 46 - 47 Prolunga- menti del cavo Per applicazioni industriali Ripetitore 48 - 49 CGL_it_Ps 22.09.2007 12:09 Uhr Seite 50**admin **AP_2:private:tmp:501:TemporaryItems:
  51. 51. Termination AS-i Terminazione del bus per reti AS-i Tensione nominale [V] Monitoraggio sottotensione Collegamento AS-i Separazione galvanica Indirizzamento slave Corrente assorbita totale da AS-i [mA] Disegno nº Nº d’ordine 26,5...31,6 DC si M12 no no < 10 – AC1147 Disegni a partire da pagina 225 Terminazione del bus 50 - 51 Sintonizzatore / Diagnosi 52 - 53 Prolungamenti del cavo 51 Esempio di applicazione P S S S M R P S S M = Master AS-i, p. es. Controller e, SmartLink P = Alimentatore AS-i R = Ripetitore AS-i S = Slave AS-i, p. es. AirBox = Terminazione del bus AS-i 200 m 200 m Diagramma a blocchi AS-i - AS-i + Impedenza terminale Circuitodiprotezione Compa- ratore di tensione Attivazione LED gn ye Informazioni generali ElencoarticoliController/ Gateways, prolungamenti delcavo Alimentatori econtrollori didispersione aterra ModuliI/O Armadio elettrico ModuliI/O Applicazione dicampo SafetyatWorkSensoriAS-i, soluzioni pneumatichee diazionamento Tecnologiadi collegamento AccessoriInformazioni tecnichee assistenza clienti CGL_it_Ps 22.09.2007 12:09 Uhr Seite 51**admin **AP_2:private:tmp:501:TemporaryItems:
  52. 52. Sintonizzatore Cavo lungo e diagnosi permanente del bus Con il sintonizzatore AS-i nel modulo ClassicLine è ora disponi- bile un’unità di servizio nel ben sperimentato corpo da campo. Il microprocessore integrato analizza i telegrammi del bus e mostra continuamente, con i tre LED a semaforo, se il numero di ripetizioni dei telegrammi si trova nell’intervallo buono, medio o critico. Ciò rispecchia la qualità della comunicazione dell’AS-Interface. Se le ripetizioni dei telegrammi derivano da riflessioni, per esempio in caso di cavo del bus troppo lungo, il sintonizzatore può adattare alla rete la sua terminazione del bus variabile, fino a quando la comunicazione è di nuovo nell’intervallo buono. Il numero dei telegrammi di ripetizione dovrebbe esse- re controllato per sicurezza con il tester eAS-i o direttamente sul Controller e o sul display di diagnosi SmartLink. Ciò assicu- ra che la causa dei telegrammi anomali sia stata veramente eliminata e che non vi sia un altro motivo, come per esempio l’irradiazione CEM di un convertitore di frequenza. Sintonizzatore AS-i nel modulo Classic- Line, tester eAS-i per la diagnosi del bus. Tre LED di diagnosi per la valutazione della qualità dei telegrammi AS-i. Microprocessore per l’adattamento della terminazione del bus alla rete AS-i. Strumenti di servizio per l’eliminazione di riflessioni in linee AS-i lunghe. Accessori e connettori Tipo Descrizione N° d´ordine Base di montaggio cavo piatto AC5000 Base di montaggio cavo piatto con presa d’indirizzamento AC5010 Derivazione 2 poli, per il collegamento delle unità direttamente al cavo piatto AS-i E70098 Ulteriori connettori e ripartitori a partire da pagina 179Ulteriori accessori a partire da pagina 197 Controller / Gateway, prolungamenti del cavo Prolungamenti del cavo Per applicazioni industriali 52 Controller / Gateway Pagina Per applicazioni industriali SmartLink 40 - 41 Controller e autonomo 42 - 43 Controller e bus di campo 44 - 45 Software del Controller 46 - 47 Prolunga- menti del cavo Per applicazioni industriali Ripetitore 48 - 49 CGL_it_Ps 22.09.2007 12:09 Uhr Seite 52**admin **AP_2:private:tmp:501:TemporaryItems:
  53. 53. AC1146: Ordinare la base di montaggio AC5000 separatamente! Vista frontale tester eAS-i Vista frontale sintonizzatore AS-i Sintonizzatore AS-i – il modulo di diagnosi per cavi lunghi Tester eAS-i – l’analizzatore di bus Tensione nominale [V] Monitoraggio sottotensione Collegamento AS-i Separazione galvanica Indirizzamento slave Corrente assorbita totale da AS-i [mA] Disegno nº Nº d’ordine Tester eASi · Diagnosi locale della rete AS-i 26,5...31,6 DC si terminali si no < 70 2 AC1145 Sintonizzatore AS-i Modulo diagnostico 26,5...31,6 DC si EMS no no < 60 3 AC1146 Disegni a partire da pagina 225 Terminazione del bus 50 - 51 Sintonizzatore / Diagnosi 52 - 53 Prolungamenti del cavo 53 Diagnosi PC con tester eAS-i Informazioni generali ElencoarticoliController/ Gateways, prolungamenti delcavo Alimentatori econtrollori didispersione aterra ModuliI/O Armadio elettrico ModuliI/O Applicazione dicampo SafetyatWorkSensoriAS-i, soluzioni pneumatichee diazionamento Tecnologiadi collegamento AccessoriInformazioni tecnichee assistenza clienti CGL_it_Ps 22.09.2007 12:09 Uhr Seite 53**admin **AP_2:private:tmp:501:TemporaryItems:
  54. 54. CGL_it_Ps 22.09.2007 12:09 Uhr Seite 54**admin **AP_2:private:tmp:501:TemporaryItems:

×