Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
Considerazioni generali
La scuola deve favorire l’attitudine a
sperimentare, a interrogarsi, a legare il sapere al
dubbio, a sviluppare l’integraz...
“Presupposto di un efficace
insegnamento/apprendimento delle scienze è
un’interazione diretta degli alunni con gli oggetti...
"Gli studenti non possono imparare
tutto ciò di cui avranno bisogno in età
adulta. Ciò che devono acquisire sono i
requisi...
L’istruzione scientifica
dovrebbe, quindi, permettere agli
studenti di:
1.acquisire le principali linee di pensiero
per ca...
2. capire, in modo elementare, ciò che la
scienza è, "come funziona”, quali sono i
suoi punti di forza e i limiti, per ren...
3. sviluppare la capacità di comunicare
esperienze e idee nella scienza per
esprimere pensieri e idee, condividerli e
dife...
4. essere in grado di continuare ad
apprendere. Più che l'accumulazione
delle conoscenze teoriche, che si
possono facilmen...
Gli studi che dimostrano l’efficacia di questo approccio sono
tanti ma il cambiamento richiede quasi una rivoluzione. Dive...
Sitografia
www.anisn.it
www.lamap.fr
www.fibonacci‐project.eu).
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

IBSE e curricolo Considerazioni generali

469 views

Published on

IBSE e Curricolo Considerazioni generali

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

IBSE e curricolo Considerazioni generali

  1. 1. Considerazioni generali
  2. 2. La scuola deve favorire l’attitudine a sperimentare, a interrogarsi, a legare il sapere al dubbio, a sviluppare l’integrazione tra sapere particolare, contesto globale e vissuto quotidiano e a stimolare la capacità di porsi domande ed individuare strategie per risolvere problemi. Sollecitazioni simili sono fornite anche dalle Nuove Indicazioni per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione che evidenziano l’esigenza di “ripensare l’esperienza del fare scuola” e sono per molti aspetti perfettamente in linea anche con lo sviluppo delle competenze funzionali richieste nelle indagini OCSE-PISA.
  3. 3. “Presupposto di un efficace insegnamento/apprendimento delle scienze è un’interazione diretta degli alunni con gli oggetti e le idee coinvolti nell’osservazione e nello studio, che ha bisogno […] di tempi e modalità di lavoro che diano ampio margine alla discussione e al confronto. […] Particolare cura dovrà essere dedicata all’acquisizione di linguaggi e strumenti appropriati, funzionali a dare adeguata forma al pensiero scientifico e necessari per descrivere, argomentare, organizzare, rendere operanti conoscenze e competenze” Anche per quanto riguarda l’organizzazione dei contenuti disciplinari, è necessario selezionare “… alcuni temi (campi di esperienza) sui quali lavorare a scuola in modo diretto e progressivamente approfondito …”; “ i contenuti specifici […] vanno intesi come esempi di scelte possibili...”
  4. 4. "Gli studenti non possono imparare tutto ciò di cui avranno bisogno in età adulta. Ciò che devono acquisire sono i requisiti per un apprendimento di successo nel futuro”.
  5. 5. L’istruzione scientifica dovrebbe, quindi, permettere agli studenti di: 1.acquisire le principali linee di pensiero per capire gli aspetti del mondo che li circonda, essere in grado di effettuare scelte e prendere decisioni che riguardano la loro salute e la loro relazione con l’ambiente;
  6. 6. 2. capire, in modo elementare, ciò che la scienza è, "come funziona”, quali sono i suoi punti di forza e i limiti, per rendersi conto che i principi e le teorie avanzate per spiegare i fenomeni sono temporanei e riconoscere l'influenza della pseudo‐scienza che spesso offrono pubblicità e media;
  7. 7. 3. sviluppare la capacità di comunicare esperienze e idee nella scienza per esprimere pensieri e idee, condividerli e difenderli attraverso la discussione e l’argomentazione;
  8. 8. 4. essere in grado di continuare ad apprendere. Più che l'accumulazione delle conoscenze teoriche, che si possono facilmente recuperare tramite le fonti di informazione ampiamente disponibili oggi, ciò che è realmente necessario sono le “competenze necessarie per accedere a queste fonti, selezionare le informazioni pertinenti e dar loro un significato.”
  9. 9. Gli studi che dimostrano l’efficacia di questo approccio sono tanti ma il cambiamento richiede quasi una rivoluzione. Diversi fattori limitano la diffusione di un approccio di questo tipo alla scuola e non ultimo il molto tempo necessario a pianificare e poi a implementare le attività in classe, specie se confrontato con il tempo a disposizione in relazione al curricolo, alle dimensioni numeriche sempre maggiori delle classi e alla mancanza di laboratori e attrezzature. La rivoluzione metodologica necessaria a diffondere questo approccio nella scuola ha quindi bisogno di insegnanti che progettino in un ambiente di condivisione e cooperazione professionale, senza il quale tutti i tentativi fatti corrono il rischio di rimanere casi isolati di buone pratiche, che però non porteranno a nessun cambiamento significativo nel mondo della scuola.
  10. 10. Sitografia www.anisn.it www.lamap.fr www.fibonacci‐project.eu).

×