Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Compito di realtà 9 giugno

230 views

Published on

il giornalino scolastico

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Compito di realtà 9 giugno

  1. 1. Compito di Realtà: il giornalino scolastico Progetto «Competenze in Rete» a.s. 2015/2016 Istituto Scuole Pie Napoletane – Napoli Proff. Carrieri Manuela Sara, Paparo Anna, Zani Carla.
  2. 2. Come considero l’esperienza del Giornalino Scolastico, rispetto alla certificazione delle competenze? COMPETENZE Abilità osservabili 1) Comunicazione nella lingua madre e nella lingua straniera • Saper scrivere un articolo di giornale • Saper leggere informazioni selezionando fonti e notizie 2) Competenze digitali • Utilizzare la lingua straniera nell’uso delle tecnologie; • Saper approfondire informazioni che si ritengono rilevanti; • Saper dare rilievo grafico al testo. 3) Consapevolezza ed espressione culturale • Saper confrontare gli aspetti culturali di popoli diversi; • Rispettare le idee altrui ed esprimersi in modo corretto e rispettoso, con toni pacati e mostrare capacità di ascolto. 4) Imparare ad imparare • È autonomo nel procurarsi informazioni • Sa attuare procedure organizzative; • Sa chiedere/ dare aiuto • Rispetta i tempi di consegna 5) Competenze sociali e civiche e spirito imprenditoriale • Leale e rispettoso; disponibile al confronto con coetanei e adulti; • Riconosce i propri limiti e potenzialità. - Compito complesso: necessita di conoscenze pluridisciplinari e coinvolge gruppi eterogenei di alunni; - Prevede una divisione dei compiti e dei ruoli all’interno dei gruppi, per permettere agli alunni di sviluppare ognuno le proprie competenze e capacità; - L’insegnante osserva il lavoro durante lo svolgimento per valutare in che misura si stanno sviluppando le competenze oggetto d’esame; - L’allievo è invitato all’autovalutazione del suo percorso formativo.
  3. 3. Iter formativo del compito di realtà Cosa fa l’insegnante? Fase 1 - presentazione Informa sulle tematiche da affrontare e accoglie e modera idee (brainstorming; mappe concettuali; stimola curiosità e verifica comprensione) Fase 2 – motivazione e coinvolgimento Divide il lavoro per gruppi e predispone materiali reperibili, dando indicazioni in merito. Fase 3 – analisi dei documenti Supervisore; osservatore; facilitatore. Fase 4 – realizzazione del giornalino Osserva le abilità attivate nei singoli e nei gruppi. Interviene se necessario Fase 5 – correzione dei testi prodotti Stimola autovalutazione e osserva i criteri oggettivi rilevabili e valutabili Fase 6 - impaginazione Guida nella raccolta degli articoli e nella realizzazione grafica Cosa fanno gli alunni? Fase 1 - presentazione Partecipano, intervengo, riflettono, sollevano domande, proposte e stimolano curiosità Fase 2 – motivazione e coinvolgimento Organizzano lavoro; dividono i compiti all’interno del gruppo. Esplicitano timori, richieste, inclinazioni, capacità comunicative e persuasive. Fase 3 – analisi dei documenti Leggono, selezionano, approfondiscono in gruppo e singolarmente. Fase 4 – realizzazione del giornalino Mostrano capacità organizzative, qualità di leader, capacità di ascolto, abilità nel rispettare tempi di consegna. Fase 5 – correzione dei testi prodotti Attivano autovalutazione e autocritica. Riconoscono limiti e potenzialità. Fase 6 - impaginazione Collaborano con coetanei e adulti; dimostrano competenze digitali e imprenditoriali.
  4. 4. Il problema della Valutazione delle competenze Relazione individuale dello studente • Descrivi il percorso generale dell’attività • Indica come avete svolto il compito e cosa hai fatto tu • Indica quali crisi hai dovuto affrontare e come le hai risolte • Cosa hai imparato da questo compito? • Cosa devi ancora imparare? • Come valuti il lavoro da te svolto? • La valutazione delle competenze si basa su criteri osservabili non sempre oggettivi; • L’acquisizione di una competenza non sempre corrisponde ad uno stesso livello di acquisizione delle conoscenze necessarie per attivarla; • È necessario compilare rubriche e relazioni in itinere per valutare in modo completo e soddisfacente; • L’alunno è chiamato a autovalutarsi per rendersi partecipe dell’iter formativo.

×