Gli informagiovani sui social media

420 views

Published on

Tra i corsi di comunicazione e web marketing che ho tenuto presso la pubblica amministrazione, pubblico qua quello che ho tenuto nella scorsa estate per gli informagiovani della Provincia di Brescia.

Maggiori informazioni presso frazamp@gmail.com

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
420
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
21
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Gli informagiovani sui social media

  1. 1. Comunicare in maniera efficace Una presentazione dedicata agli operatori della Pubblica amministrazione In particolare degli informagiovani Di Francesco Zambelli
  2. 5. La PA usa internet... <ul>Secondo le linee guida del Ministero per la Pubblica amministrazione e Innovazione: L’esigenza di fornire informazioni corrette, puntuali e sempre aggiornate, nonché di erogare servizi sempre più fruibili a cittadini e imprese attraverso il canale web sono tra gli obiettivi principali di una amministrazione pubblica di qualità </ul>
  3. 6. Gli informagiovani usano internet... <ul>Perché i giovani passano il loro tempo su internet Perché i giovani si informano su internet Perché non ci sono altri modi per avere uno sportello aperto 24 ore 7 giorni </ul>
  4. 7. Considerazioni generali <ul>Andiamo a vedere alcune “regole” che si applicano alla comunicazione della Pubblica amministrazione e alla comunicazione su Internet in generale, prima di entrare nello specifico degli informagiovani. </ul>
  5. 8. Scrivere SEMPRE le informazioni essenziali Ogni volta che dobbiamo scrivere un testo, vale la famosa regola del giornalismo anglosassone: Bisogna fornire sempre le informazioni che derivano dalle risposte alle cosiddette 5W: Who? (chi?); what? (che cosa?); when? (quando?); where? (dove?); why? (perché/come?)
  6. 9. Scrivere testi per lettori frettolosi Chi naviga su Internet spesso passa da una pagina all'altra velocemente, e deve poter capire altrettanto velocemente se è arrivato alla pagina che cercava.
  7. 10. Presentare SUBITO le informazioni essenziali
  8. 11. Scrivere testi comprensibili Frasi brevi, non più di 20/25 parole. Ogni frase concentrata su una informazione. Non si devono mischiare le informazioni diverse Evitare il gerundio Scrivere in forma attiva Es: non “ l'imposta deve essere pagata da ”, ma “ i cittadini devono pagare l'imposta ”
  9. 12. Scrivere testi comprensibili per tutti Il destinatario del nostro messaggio può essere una persona di qualsiasi età, sesso, grado di istruzione: il nostro messaggio deve essere compreso da tutti. Anche dagli stranieri
  10. 13. Scrivere testi facilmente identificabili Fornire informazioni ordinate : prima le informazioni principali, in evidenza fin dal titolo. Il titolo deve essere il più preciso possibile. Nella prima parte del testo, bisogna essere chiari e generici. Solo più avanti, quando chi legge ha capito se l'argomento è quello che cercava, si può essere specifici e usare termini tecnici. Se possibile, meglio scrivere per punti . GENERALE PARTICOLARE
  11. 14. Scrivere frasi semplici Una frase è semplice se contiene una sola proposizione con soggetto , verbo e qualche complemento . Se ci sono proposizioni, meglio creare frasi coordinate che subordinate. Gli incisi non devono mai separare gli elementi soggetto, predicato verbale e complemento nella frase. Per gestire una frase che si trova tra un soggetto e un verbo si può: - eliminare completamente la frase e trasformarla in un periodo separato; - trasformare la frase in una frase introdotta da “se” o “quando”; - spostare la frase alla fine del periodo.
  12. 15. Scrivere frasi chiare Nella redazione dei testi è meglio preferire le congiunzioni più usate nella lingua parlata (se, anche se, perché, quando, ecc.) che reggono l’indicativo. Cercare di evitare le congiunzioni di tono più elevato (a condizione che, qualora, ove, purché, benché, dal momento che, affinché, ecc.) che richiedono invece l’uso del congiuntivo.
  13. 16. Usare un linguaggio comune Spiegare sempre sigle e acronimi la prima volta che compaiono in un testo. Non c'è una regola sull'uso delle maiuscole nelle sigle e acronimi, ma la tendenza attuale è quella di scrivere soltanto la prima lettera maiuscola. Ad esempio Bot, Csm, Enea, Usl, Confesercenti, Confindustria, ecc
  14. 17. Scrivere frasi chiare Privilegiare i verbi rispetto ai sostantivi, sono più forti ed efficaci. Quando trasformiamo un verbo in sostantivo (tipico del linguaggio burocratico) rendiamo necessario l'uso di un altro verbo nella frase, e quindi togliamo forza. Per il nostro sito necessitiamo invece una scrittura incisiva, sintetica e diretta. Ad esempio anziché “a fini di programmazione e monitoraggio” utilizzare “per programmare e controllare”.
  15. 18. E alla fine... RILEGGIAMO!
  16. 19. Contenuti * rendere immediatamente chiaro di cosa si parla * cominciare dalle conclusioni per scendere via via verso i dettagli (ordine della piramide invertita) * evidenziare il contenuto della pagina tramite testi brevi scanditi da titoli e sottotitoli chiari * utilizzare sempre la stessa struttura perchè l'utente possa orientarsi e ritrovarsi * utilizzare tutte le potenzialità dell'ipertesto per organizzare le informazioni in modo da fornire al navigatore subito quello che vuole sapere prima, indicando chiaramente come procedere in profondità per trovare ciò che si vuole sapere dopo. * evitare di fare pagine troppo lunghe Da www.regione.emilia-romagna.it/wcm/LineeGuida/sezioni/redattori/contenuti.htm
  17. 20. La giusta comunicazione: <ul>Testo + Immagine </ul>
  18. 21. Prima di passare al prossimo argomento... <ul>Ci sono domande </ul>
  19. 22. Per capire l'importanza dell'informagiovani... <ul><li>Guardiamo dove il nostro Comune ha messo le informazioni sul sito internet! </li></ul>
  20. 23. Ogni pagina di un sito deve... <ul>… essere accessibile in massimo tre click, secondo Jakob Nielsen, esperto di Web usability </ul>
  21. 24. Cosa mettere nelle pagine dell'Informagiovani <ul>INFORMAZIONI ESSENZIALI <li>Orari di apertura, indirizzo, numero di telefono
  22. 25. Descrizione del servizio
  23. 26. Materiale disponibile (eventualmente frequenza di aggiornamento)
  24. 27. Iscrizione alla newsletter </li></ul>
  25. 28. Come la gente arriva?
  26. 29. Fasce di età più presenti
  27. 30. Argomenti richiesti
  28. 31. Statistiche età su Facebook
  29. 32. Per maggiori informazioni <ul>Contattatemi! <ul>@frazambe su Twitter [email_address] </ul></ul>

×